Gli esordi Gli esordi

Gli esordi

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di Gli esordi, romanzo di Antonio Moresco edito da Mondadori. Tredici anni dopo la sua prima pubblicazione presso Feltrinelli, torna finalmente in libreria, interamente rivisto dall'autore, questo romanzo da tempo introvabile che, al suo apparire, è stato giudicato dai suoi primi, attenti lettori come uno spartiacque nella letteratura contemporanea. Gli esordi è il big-bang dell'universo narrativo di Moresco e si configura come la prima parte di un'unica opera di cui costituisce appunto l'esordio e che ci conduce, nelle sue zone finali, fino alle soglie di Canti del caos. Opera che si concluderà con una terza e ultima parte a cui l'autore sta già lavorando. Appare qui per la prima volta il personaggio del Gatto, nelle vesti dell'enigmatico, inquietante prefetto del seminario dove vive anche il protagonista e narratore, assieme a tanti altri personaggi che si muovono in un mondo attraversato da una vibrazione luminosa e segreta e da uno sfondamento di piani, di tempi e di spazi che ne svelano una vertiginosa natura mai percepita prima: il padre priore con le sue due teste, il seminarista sordomuto, la suora nera, il Nervo, Turchina, lo Ziò, la callista, la Dea, Sonnolenza, il cieco, l'operaio dalla faccia bianca, il colonnello dei piumanti, il Gagà, Gesù, Lenin... e soprattutto la Pesca, la misteriosa ragazza strabica che sposta i confini della narrazione e del mondo. Il protagonista vive una e insieme tre vite: nella prima parte è un seminarista silenzioso, nella seconda un attivista rivoluzionario, nella terza uno scrittore sotterraneo. Ma in questo romanzo si scorgono in filigrana anche gli ultimi decenni del secolo appena trascorso: nella prima parte gli anni Cinquanta e Sessanta, gli anni sepolti che precedono le esplosioni del decennio successivo; nella seconda gli anni Settanta, delle lotte e dei tumulti, la chiusura di un'epoca iniziata con le grandi rivoluzioni politiche dell'Ottocento e del Novecento; nella terza gli anni Ottanta e Novanta e quelli che stiamo vivendo, abbagliati e spettrali, gli anni dell'immagine, della moda, dell'apparenza e della duplicazione della vita e del mondo. Animato da un'inesauribile ricchezza di invenzioni e immagini e da un'ininterrotta tensione conoscitiva, sostenuto da una prosa ipnotica, irradiante e intensa, estraneo ai codici della comunicazione corrente e simile a un oggetto alieno capitato non si sa come nella nostra letteratura, questo libro è attraversato da un sentimento devastato e aurorale del mondo visto in drammatico e perpetuo esordio. Come ha scritto Roberto Saviano, Antonio Moresco "è uno scrittore-patrimonio, uno scrittore che, quando lo leggi, non ne esci più".

Antonio Moresco (Mantova, 1947) vive a Milano. Ha esordito nel 1993 con Clandestinità (Bollati Boringhieri), cui sono seguiti tra gli altri: Gli esordi (Feltrinelli 1998), Il vulcano (Bollati Boringhieri 1999), L'invasione (Rizzoli 2002), Lo sbrego (Holden Maps - Rizzoli 2005), Scritti di viaggio, di combattimento e di sogno (Fanucci 2005), Lettere a nessuno (in prima edizione da Bollati Boringhieri nel 1997 e in seconda, ampliata, da Einaudi Stile Libero nel 2008), Le favole della Maria (Einaudi 2007, premio Andersen 2008), Controinsurrezioni (con Valerio Evangelisti, Mondadori 2008), Gli incendiati (Mondadori 2010). Per il teatro ha scritto La santa (Bollati Boringhieri 2000) e Merda e luce (Effigie 2007). Scrive sul sito e sulla rivista "Il primo amore". L'edizione finale e completa di Canti del caos (la cui prima parte era uscita nel 2001 da Feltrinelli e la seconda nel 2003 da Rizzoli) è stata pubblicata nel 2009 da Mondadori. Collabora con il sito e la rivista "Il primo amore".

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte della svastica
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri