Narrativa italiana Romanzi Il circolo Swedenborg
 

Il circolo Swedenborg Il circolo Swedenborg

Il circolo Swedenborg

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di Il circolo Swedenborg, romanzo di Carlo Sgorlon edito da Mondadori. Chi è realmente Ermete Lunati Eudòxios, il protagonista di quest'ultimo romanzo di Carlo Sgorlon? Un uomo che insegue idee bizzarre e che crede di essere in rapporto con forze remote dell'universo? Qualcuno che non si trova a casa nel mondo di oggi e per questo pensa di modificarlo con la forza del suo pensiero? Un benefattore idealista che sa intervenire al momento opportuno nella vita degli altri? Come spesso avviene nei romanzi di Sgorlon, il personaggio attorno a cui ruota l'intera storia possiede una natura anomala e inafferrabile, manifesta un atteggiamento di protesta e di ribellione nei confronti del mondo e dei suoi luoghi comuni. Quella di Ermete è però una ribellione dolce e assolutamente pacifica, una ribellione che si manifesta attraverso idee e teorie filosofiche. Dopo una breve pratica come ufficiale su un grande transatlantico che va a fuoco (e che lui salva con intuito e abilità), e grazie a una immensa fortuna economica ereditata dal padre, Ermete fonda insieme alla donna amata, la rumena Octavia, una singolare comunità di pensatori che si ritrovano a vivere, come monaci medievali, in una abbazia del Norditalia. Qui, in nome di uno spiritualismo sincero, nasce il Circolo Swedenborg, che prende nome dal grande scienziato e mistico svedese del Settecento. Attirati dalla teosofia e dalle scienze occulte, lettori di Mircea Eliade e di Gioacchino da Fiore, gli adepti del circolo desiderano aprire uno spiraglio sui segreti del mondo, in contrasto con il materialismo che intacca la vita di oggi. Si trovano così a fronteggiare inimicizie e contrasti per poter difendere le idee che vengono rese pubbliche attraverso la rivista "Arcana Mundi", redatta e composta soprattutto dalle donne che gravitano intorno al protagonista e ne appoggiano il progetto con le loro virtù intellettuali e paranormali, Octavia, Sabina ed Elisa. Ermete porta nel suo nome il ricordo del dio greco che unisce il mondo degli uomini con quello degli dei, il visibile con l'invisibile, il dio dei passaggi, e incarna quello spirito mercuriale che, secondo Jung, caratterizza la mobilità del pensiero e la leggerezza con cui vincere la vischiosità del mondo reale. Grazie a questa leggerezza e all'intuito che gli permette di risolvere i momenti di crisi, suoi e degli amici, Ermete riesce a condurre fino in fondo un progetto intellettuale ispirato a un'ipotesi semplice e radicale, che mette in crisi la razionalità dell'Occidente. In un romanzo che si può leggere come un testamento ideologico, e come un'allegoria dei dissidi del pensiero, Ermete è l'ultima invenzione di Carlo Sgorlon, uno scrittore che non si trovava a casa sua nel nostro tempo e scriveva anche per modificarlo.

Carlo Sgorlon (Cassacco, 1930 - Udine, 2009). Ha vinto due volte il premio Campiello (con Il trono di legno nel 1973 e, nel 1983, con La conchiglia di Anataj e una volta il premio Strega (L'armata dei fiumi perduti nel 1985), oltre a numerosi altri premi che testimoniano come questo autore, fedele negli anni alla propria ispirazione ed estraneo a ogni moda culturale, sia sempre stato riconosciuto e apprezzato anche dalla critica oltre che dai lettori. La sua produzione è ricca di più di venti romanzi. Tra i titoli principali: Il trono di legno (1973), Gli dèi torneranno (1977), La conchiglia di Anataj (1983), L'armata dei fiumi perduti (1985), L'ultima valle (1987), Il Caldèras (1988), La foiba grande (1992), Il regno dell'uomo (1994), L'uomo di Praga (2003), Il taumaturgo e l'imperatore (2003), Le sorelle boreali (2004), tutti editi da Mondadori.

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri