Narrativa italiana Romanzi La clinica Riposo e Pace. Commedia nera n. 2
 

La clinica Riposo e Pace. Commedia nera n. 2 La clinica Riposo e Pace. Commedia nera n. 2

La clinica Riposo e Pace. Commedia nera n. 2

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


La clinica Riposo & Pace sorge in un luogo ameno su ridenti colline, dove è tutto un cinguettar di uccellini su prati tosati a dovere, gli edifici lindi e luminosi, il personale amabile. Proprio in fondo al parco si intravede un padiglione un po’ appartato; è lì che Riposo & Pace si trasforma in stress e conflitto, una vera e propria lotta per la sopravvivenza. Alfio Pallini viene portato con la forza e con l’inganno nella villa dagli affezionati nipoti, ridotto all’impotenza si accorge ben presto dove sia capitato, sedazioni su sedazioni, personale robusto e convincente, legacci e sbarre. Quel che più inquieta l’arzillo vecchietto è che il suo vicino di letto cambi di continuo, i nuovi arrivati non fanno in tempo ad ambientarsi che vengono portati via coperti da un lenzuolo bianco. Alfio, che già progettava la fuga, diventa ancor più sospettoso, nasconde i farmaci, va curiosando, origlia le chiacchiere delle dispotiche infermiere, cerca di mettersi in contatto con il suo antico badante, l’unica persona di cui si fidi, colui che potrebbe fargli guadagnare l’agognata libertà. Non demorde, non si arrende, e le sue reazioni allarmano medici e inservienti che decidono di procedere con maniere forti e definitive. Ma qui avviene quel che non ti aspetti. Questa parodia fantastica e feroce, che mette alla berlina la medicalizzazione del disagio quotidiano, l’ipocrita rivalutazione dei valori dell’essere anziani, la buona morte, i falsi affetti familiari, è uno dei momenti di un progetto narrativo più vasto.

Recensione della Redazione QLibri

 
La clinica Riposo e Pace. Commedia nera n. 2 2018-04-08 07:15:58 ornella donna
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    08 Aprile, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La clinica degli orrori

Francesco Recami, dopo esseri reso fautore delle avventure della “casa di ringhiera”, torna in libreria con La clinica Riposo e Pace: un libro che ha suscitato in me molte perplessità. Tratta il tema, attualissimo, delle condizioni degli anziani nella nostra società, quali sono le loro patologie, le cure, l’assistenza che ricevono nelle case di riposo. Ma lo fa con un tono ironico, che sconfina nel cinismo più assoluto. Che non ha incontrato la mia approvazione. Un libro sicuramente veritiero, ben documentato, ma trattata l’argomento con poco rispetto. La condizione dell’anziano viene per tutto il testo ridicolizzata e alleggerita con un tono scanzonatorio, che rivela un sentimento di scarsa comprensione e di scarso riguardo.
Il libro è ambientato interamente all’interno della Clinica Riposo e Pace, che:
“era una elegante casa di riposo per anziani non autosufficienti sulle colline preappenniniche, in mezzo a cipressi e olivi. Situata in località Il Borghetto (questo è un nome di comodo, per vari motivi in seguito si capirà che per il momento il nome va tenuto segreto), consisteva di tre corpi principali: la villa seicentesca finemente ristrutturata, le ex stalle e scuderie, a poche decine di metri, e la ex fattoria, adesso adibita a residenza per i casi più complicati, attrezzata come una vera e propria clinica. In particolare c’era una sezione dedicata ai malati terminali e a degenze di persone anziane in gravi condizioni di degenerazione fisica e mentale. (…) La giornata era tersa e profumata, i rosai nel giardino all’italiana sul retro della villa emanavano fragranze meravigliose…”.
In questo luogo viene portato con l’inganno Alfio Pallini, dalla nipote e dal marito, perché:
“era evidente che (…) nel caso del signor Alfio si trattava di una sindrome degenerativa su base circolatoria, demenza senile in stadio avanzato, con comportamenti deliranti e violenti.”.
Ma lui non è malato al punto da non accorgersi che qualcosa non quadra. Gli anziani, compreso lui, vengono legati al letto, sedati in continuazione, e ammansiti quando non derisi, soprattutto quando li lavano. Inoltre si accorge immediatamente che da quando è lì il letto accanto al suo viene cambiato di occupante in subitaneo. I pazienti arrivano, e il giorno dopo vengono portati via coperti da un lenzuolo bianco. E i parenti che si affrettano a raccogliere le poche cose del malcapitato, che vengono salutati dal Professore, che oltre a porger loro le condoglianze, sollecita con fare mellifluo, l’agenzia funebre migliore. Per non parlare poi di quegli strani gatti e gattini a cui vengono somministrati strani farmaci. Per non parlare del personale infermieristico, tronfio e maleducato, un vero incubo.
Il libro racconta il conflitto generazionale tra malati anziani e la propria famiglia, il rapporto teso con le istituzioni sanitarie, a dir poco deprecabili. Una parodia feroce che:
“mette alla berlina la medicalizzazione del disagio quotidiano, l’ipocrita rivalutazione dei valori dell’essere anziani, la buona morte, i falsi affetti familiari, è uno dei momenti di un progetto narrativo più vasto.” .
Una lettura amara, poco piacevole, dove l’ironia non suscita che ribrezzo. Il racconto di una commedia umana, bieca e cinica, che si tinge di nero per il sarcasmo, il grottesco, che la percorre. Una serie cattiva che non convince neppure nei suoi contenuti principali. Meglio tornare alla casa di ringhiera.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto Francesco Recami, Commedia nera.
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Ogni coincidenza ha un'anima
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Hippie
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I soldi sono tutto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mio romanzo viola profumato
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Fa troppo freddo per morire
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il presidente è scomparso
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo Catalanotti
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tu che sei di me la miglior parte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cattiva
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
I formidabili Frank
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Eleanor Oliphant sta benissimo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La vita fino a te
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri