Narrativa italiana Romanzi La magia del fuoco
 

La magia del fuoco La magia del fuoco

La magia del fuoco

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Si tratta di un documento umano, attinto dalla realtà sociale contadina dei primi del novecento, quando vigeva ancora la legge del primogenito, padrone assoluto, dispotico nell'atteggiamento, inquietante, tirannico. Il suo comportamento portava inevitabilmente al vassallaggio e alla muta sofferenza degli altri componenti familiari. Da questo assurdo rapporto schiavistico ed oppressivo, viene esclusa l'astuta moglie, alla cui volontà il tiranno in qualche modo è costretto a soggiacere. Protagonista del romanzo è il nipote illegittimo, Benvenuto, Nuto per tutti. Il ragazzo è nato con una malformazione al piede, condizione che lo emargina dal resto della famiglia. E non solo! Ma il fuoco, con la sua magia, gli sarà complice perché si realizzi in qualche modo il suo riscatto. E sarà un riscatto inatteso e impensabile.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La magia del fuoco 2008-03-07 06:26:36 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    07 Marzo, 2008
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

La magìa del fuoco

E’ da diverso tempo che non leggevo un libro così, uno di quei testi che ti avvincono piano piano e che arrivati a un certo punto ti impongono di non sostare, ma di continuare per arrivare fino alla fine in un crescendo di tensione emotiva.

Non è né un noir, né un giallo, anche se c’è una certa vicenda di incendi che conferisce una leggera atmosfera di mistero; è invece un romanzo di sentimenti, di vita vissuta e di profonde riflessioni.

Ambientato fra le due guerre, è uno spaccato di vita contadina descritta con finezza e rara abilità, con una famiglia patriarcale, dove il primogenito è padre e padrone e in cui le leve del potere e del denaro sono predominanti.

In questo contesto spicca la figura di Benvenuto (per tutti Nuto), un bimbo nato zoppo e con uno straordinario talento naturale per la pittura e la scultura. La libertà innata dell’artista cambierà ataviche tradizioni e consuetudini e proietterà un mondo antico verso il nuovo.

Ma è anche una storia di sentimenti, di iniziazione alla vita sessuale raccontata con una mano leggera che è riuscita a nobilitare istinti e passioni con sfumature e dolcezza. La scabrosità, nonostante alcune situazioni, è del tutto inesistente e questa è una grande capacità dell’autore che non scivola mai, ma che anzi ci concede un erotismo raffinato, dove carnalità e amore si fondono in un unico pathos.

Seguire passo passo la vicenda di Nuto è come immergersi nella magia di un mondo quasi sconosciuto, ma reale, dove la capacità di osservare dello scrittore si traduce in pagine di notevole bellezza, alcune delle quali simili alla prosa poetica.

E questo accade grazie a uno stile sobrio, mai ridondante, dove l’autore, pur presente, riesce a celarsi perfettamente dietro i suoi personaggi, così che ne deriva una lettura agile, scorrevole e appunto assai gradevole.

Non c’è una parola di troppo, né una di meno, in un’armonia che rasenta la perfezione e che contribuisce non poco a infondere al lettore un senso di grande serenità.

Aggiungo che stupisce anche la capacità di descrivere l’arte pittorica e addirittura quella delle ceramiche, illustrata in modo mai greve, anzi direi avvincente.

Dulcis in fundo, il romanzo termina in modo logico, anche se non del tutto scontato, ma soprattutto come inconsciamente il lettore desidera che avvenga.

Definire questo libro un capolavoro mi sembrerebbe forse eccessivo, anche se vi si avvicina molto, ma comunque resta sempre un’opera di alta eccellenza, un autentico gioiello nel panorama letterario non solo italiano.

La lettura, quindi, non è solo consigliabile, ma veramente raccomandabile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Un cuore tuo malgrado
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rien ne va plus
Valutazione Utenti
 
4.4 (2)
Serotonina
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Facciamo che ero morta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Missione Odessa
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il re di denari
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Il tunnel
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco del suggeritore
Valutazione Utenti
 
3.3 (4)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.4 (2)
Il delitto di Agora. Una nuvola rossa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jesus' son
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri