Narrativa italiana Romanzi La nave dei sogni
 

La nave dei sogni La nave dei sogni

La nave dei sogni

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Varcata la soglia della mezza età dantesca, chi non ha sognato di ritrovare un vecchio amico, incontrare un antico amore, visitare un luogo della giovinezza? Un fatto inaspettato risveglia e ricrea il passato, e il protagonista viene proiettato nella storia in modo da poterla rivivere. Il tempo è chiuso dentro una nave affondata. Basta un po' di fantasia e la porta si apre su un mondo fantastico. Tutte le storie concatenate nel libro sono assolutamente vere, meno una. A voi la scelta su quali prendere e quale invece “buttare”.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La nave dei sogni 2008-09-13 04:45:37 Novilunio
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Novilunio Opinione inserita da Novilunio    13 Settembre, 2008
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il melanconico morso della nostalgia

Romanzo dai lievi toni melanconici del tempo che passa e che l’autore, sostenitore dell’inesistenza dello stesso, cerca di spezzare, di annullare, di smitizzare. Ma il tempo passa e la fantasia impregnata di conoscenze di Federici tenta di gabbarlo e ci riesce, trascinando il lettore in una dimensione di mezzo, posta tra il passato e la realtà, il futuro e la possibilità agognata di tornare e vedere, pur senza modificare. Il finale è a mio avviso quasi struggente, non ne svelo il particolare per ovvie ragioni, ma il colpo al cuore lo dà e una lacrimuccia forse ammicca dall’occhio preso. Nostalgico, decisamente. Per chi come me ama i viaggi nel tempo (e lo dimostro con i miei romanzi) si è trattato di pane per miei denti, dalle prime pagine ho compreso dove lo scrittore voleva andare a parare (nel senso dell’argomento, si intende) e quindi inevitabilmente mi ci sono appassionata. Bello e consigliato. Lo stile di Federici resta essenziale (forse un po’ troppo in certi punti, ma è un piccolissimo neo), secco, diretto, se il primo libro che ho letto di lui mi ha azzannata, questo mi ha morsa! Piccola nota personale: se è vero che io credo nei viaggi nel tempo, è anche vero che credo ciecamente nel destino, nelle coincidenze, nel senso delle cose apparentemente senza senso. Ebbene, una data è fondamentale del romanzo, l’8 giugno… ed io sono nata l’8 giugno. E’ Federici l’esperto… ha qualche spiegazione?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... a chi ama i viaggio nel tempo e vorrebbe tanto farne!
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Domani e per sempre
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Ritratto di donna