Narrativa italiana Romanzi La similitudine
 

La similitudine La similitudine

La similitudine

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Nella fenomenologia dell’amore qui indagata tale sentimento appare in maniera contraddittoria: è una luce calda che illumina il buio dell’anima, è un’esplosione di colore sulla tela grigia dello spirito, ma è anche una tentazione, un richiamo seduttivo che distoglie la coscienza e l’allontana dal bene puro e semplice. La ragione umana, che pretende di conoscere e saper spiegare tutto, sarà in grado di sciogliere la contraddizione e di risolvere questo mistero chiamato “amore”?



Recensione della Redazione QLibri

 
La similitudine 2014-01-04 18:13:59 Filippo1998
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Filippo1998 Opinione inserita da Filippo1998    04 Gennaio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amare per vivere

Dopo essermi concentrato quasi esclusivamente su romanzi storici, o comunque a sfondo storico, ho deciso di spostare l’attenzione su un’opera differente in modo da aprirmi verso un mondo nuovo fatto di stili e temi diversi da quelli già affrontati.
Ho deciso di iniziare con “La similitudine”, romanzo della psicoterapeuta Elisabetta Catapane ,che sin dalle prime pagine si dimostra un’opera basata profonde elucubrazioni riguardanti l’amore, sentimento dalle mille sfaccettature capace di manifestarsi in modi sensibilmente differenti e contradditori. L’amore è, infatti, quello peccaminoso di padre Gianni, costretto a soffrire in silenzio per contrastare il suo spontaneo desiderio di conoscere più da vicino un sentimento troppo pericoloso per la sua missione in qualità di uomo inviato da Dio; è quello di Celeste, donna sognatrice capace di ammaliare con la sua acutezza, capace di scatenare l’invidia di chi sa che lei ha conosciuto “l’amore dell’anima”; l’amore è ,però ,anche quello conosciuto da Barbara, quel mostro invisibile da cui è stata ingannata sin da piccola, quando fu costretta ad allontanarsi, prima, dalla madre e poi dall’affabilità e dolcezza di Suor Maria.
L’amore è multiforme, un enigma potentissimo e altrettanto difficile da risolvere. Elisabetta Catapane, con le sue abilità e conoscenze da psicoterapeuta, cerca ad ogni modo di districarsi in questa giungla disorientante facendo uso del potere della parola lungo un sentiero irto di difficoltà.
L’autrice non poteva certo scegliere un tema più complesso su cui modellare la propria opera: nonostante le sue competenze le difficoltà sono evidenti e, in alcuni casi, si ricorre alla famosa “arrampicata sugli specchi”. Troppe sono le falle, i punti di superficialità … riconducibili maggiormente nella prima parte, quella porzione di romanzo basata quasi esclusivamente su lunghe elucubrazioni che tanto mi hanno fatto pensare a un testo di filosofia. Tutto ciò annoia e inevitabilmente mi sono reso conto più volte di leggere senza capire il significato delle parole che andavo pronunciando: la mia mente aveva preferito evadere da una situazione a tratti veramente troppo straziante. Come posso biasimarla?
Se nella prima parte non sono riuscito a trovare le motivazioni per continuare a leggere, nella seconda compare quel qualcosa che ti spinge a non fermarti, a non interrompere l’avventura tra le pagine del tomo. Saranno il mistero e i dubbi istillati, sarà che l’autrice riesce a conciliare in modo migliore narrazione e meditazione… fatto sta che finalmente la lettura scorre e in modo anche piuttosto fluido.
Il finale cosparso della giusta mestizia rende l’opera accettabile ma niente di eccezionale.
Nonostante i vari difetti e la struttura barcollante non me la sento di sconsigliare a priori “La similitudine”, lettura certamente non adatta a tutti ma capace di soddisfare gli amanti della profonda riflessione senza troppe aspettative.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri