Scompartimento n. 6 Scompartimento n. 6

Scompartimento n. 6

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Mosca, anni '80, sul leggendario treno della Transiberiana diretto a Ulan Bator, in Mongolia, due estranei si trovano a condividere lo stesso scompartimento; una timida e taciturna studentessa finlandese e un violento proletario russo dall'inesauribile sete di vodka. Con un realismo crudo che trasuda poesia, Rosa Liksom racconta l'incontro tra due destini, tra l'universo maschile e femminile, ma soprattutto il viaggio attraverso la fine di un impero che sembra sciogliersi in fanghiglia ai primi segni di disgelo, rassegnato e ribelle, che vive nella perenne nostalgia del passato e del futuro.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.9
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
2.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Scompartimento n. 6 2018-05-15 14:43:14 Lyda
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Lyda Opinione inserita da Lyda    15 Mag, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Due mondi estranei e lontani

Siamo negli anni ottanta sulla Transiberiana, la leggendaria ferrovia che porta da San Pietroburgo sino a Ulan Bator in Mongolia, e traversa l'Europa orientale e l'Asia settentrionale impiegando oltre una settimana di tempo.
Nello scompartimento numero sei una ragazza finlandese timida e riservata, tormentata dai ricordi dell'amore con un moscovita entrato in manicomio, si trova a dover convivere per l'intera durata del viaggio con un estraneo, un rude e violento uomo russo sciovinista, misogino e sbevazzatore di vodka che si reca a destinazione per lavoro.
Ovviamente non sarà cosa facile, soprattutto per la giovane donna.
La sapiente descrizione dei caratteristici paesaggi e della taiga innevata che scorre fuori da quel finestrino è un potente propulsore che invita al prosieguo della lettura anche quando il 'nostro' personaggio maschile si renderà odioso, più di quanto già non sia, esternando e vomitando le sue folli teorie sulla donna e sulla vita in generale, per lui così come per tanti altri maschi nativi della grande madre Russia, piena di istinti brutali nel tentativo di sopperire alla disillusione e al vuoto circostante.
Tra queste righe si specchiano dunque le due realtà che muovono il mondo, quella femminile e quella maschile, attraverso crude verità che lasciano spazio a riflessioni.
Non solo, Rosa Liksom è abilissima nel restituirci l'idea della perenne nostalgia del popolo russo che vive costantemente nella disillusione e nella fierezza per il rimpianto del passato, come dire, in un eterno sogno cechoviano.
E se in alcuni passaggi la crudezza di certe desolanti realtà (oltretutto se lette da occhi femminili) intristisce quasi invogliando a mollare la lettura, l'ultima pagina ha il sorprendente potere di ristabilire equilibri volgendo verso un futuro più luminoso e positivo.
Quest'opera, finalista al Premio Strega Europeo e vincitrice del Premio Finlandia, è indicata – almeno a mio sindacabile parere – per un lettore che non sia solo amante del viaggio e di lande sconosciute ma anche particolarmente bramoso di tuffarsi nel cuore del patriottismo ormai rassegnato di un popolo che si vanta e si consuma nel continuo rimpianto dell'antica maestosità dell'Impero.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Scompartimento n. 6 2014-12-17 18:04:22 ferrucciodemagistris
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
ferrucciodemagistris Opinione inserita da ferrucciodemagistris    17 Dicembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un viaggio nella rassegnazione

La Transiberiana è la ferrovia che attraversa l’Eurasia, che collega Russia europea, e la capitale russa, alle regioni centrali della Siberia e quelle orientali dell’l’Estremo Oriente russo. La sua lunghezza di circa 10.000 km ne fa la ferrovia più lunga nel mondo, rimanendo l’unica che percorre tali distanze dopo l’abolizione, in tempi recenti, del famoso Orient Express molto conosciuto e descritto in romanzi e avventure.

La vicenda ha luogo, appunto, lungo la tratta che collega Mosca a Ulan Bator, capitale della Mongolia, nella Russia degli anni ’80; due estranei si trovano a condividere lo stesso scompartimento: una studentessa finlandese, timida e riservata, e un proletario russo dal carattere rozzo e violento che è molto attaccato alla bottiglia di vodka. Un lungo in viaggio per mezzo della famosa o famigerata transiberiana con tutti i suoi pregi e molti difetti; la descrizione acuta e spietata della natura selvaggia, dei vari personaggi e dei luoghi che si incontrano immersi nella loro tradizione, miseria e crudeltà. Attraverso i finestrini si intravvede il lento disfacimento dell’Unione Sovietica propedeutico al successivo distacco delle tante repubbliche sovietiche dalla grande madre Russia; le soste forzate nelle stazioni sono inquietanti e inducono a una sorta di depressione: la convivenza dei due viaggiatori, caratterialmente così diversi tanto da creare costante tensione, fa riflettere sui ruoli di entrambi e su cosa cercano in un futuro incerto.

Il viaggio fisico si trasforma in spazio mentale che induce alla valutazione su un mondo diverso dai canoni occidentali ma che scorre comunque in avanti fino all'ineludibile arrivo.

Un romanzo che rappresenta, in maniera speculare, la società sovietica degli anni ’80 con tutti i suoi paradossi e contraddizioni, che anela a un altro modello sociale idoneo a una svolta epocale che abbatta tutte le sovrastrutture radicate sin dalla rivoluzione bolscevica del 1917.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Nel muro
Valutazione Utenti
 
1.8 (1)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uno sporco lavoro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La misura dell'uomo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli squali
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Andiamo a vedere il giorno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Crooner
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Senza mai arrivare in cima. Viaggio in Himalaya
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vincoli. Alle origini di Holt
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordi dormienti
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nemici. Una storia d'amore
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Finché morte non sopraggiunga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri