Henry & June Henry & June

Henry & June

Letteratura straniera

Classificazione
Autore

Editore

Casa editrice

Tratto dal diario originale non censurato di Anaïs Nin, questo spaccato autobiografico copre il periodo trascorso dall’autrice a Parigi tra la metà del 1931 e la fine del 1932. A quell’epoca risale l’incontro con Henry Miller e sua moglie June: un incontro che doveva segnare una svolta importantissima nell’evoluzione sentimentale e letteraria della scrittrice. Attratta dal fascino geniale di Miller e profondamente turbata dalla fisicità inquietante di June, la giovane Anaïs Nin inizia una specie di educazione erotico-sentimentale che la porterà a una decisiva maturazione personale ed emotiva.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.9
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
2.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Henry & June 2014-09-30 14:28:23 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    30 Settembre, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Henry, June o Anaïs? Io scelgo…

In quel di Parigi, Anaïs Nin incontra Henry (Miller, sì proprio lui, quello degli scandalosi Tropici del Cancro e del Capricorno, quello dell’innominabile Opus Pistorum) e June, bellissima consorte di Henry. Ed è subito amore. Non per lui. Non per lei. Per entrambi! Per “Henry e June”…
In questo commento cercherò (invano) di mettere ordine nello scompiglio sentimentale della povera Nin. In questa ardua (o impossibile?) impresa cercherò anche di dimostrare per chi parteggio…

Per mettere ordine nel caos, occorre partire da lui: il marito che, poveretto, in questa vicenda si aggira sotto il peso di un cesto pieno… di lumache!

HUGO (il marito)

Ignaro di tutto (ci credete?), innamoratissimo, soggiace agli equilibrismi di Anaïs (“Ci rendevamo pienamente conto che non avremmo sopportato di andare incontro alle nostre nuove esperienze proprio sotto gli occhi una dell’altro”) senza colpo ferire (“Come riuscissimo Hugo e io a conservare il nostro amore nel pieno scatenamento degli istinti, lui non riusciva proprio a capirlo”). Intanto la nostra eroina è dilacerata da dubbi amletici (“Chiesi a Eduardo: credi che il desiderio di orge sia una di quelle esperienze che bisogna portare fino in fondo?”), che risolve in modo salomonico (“No, disse lui. La vita dei liberi istinti è fatta di strati.”).
Hugo, nel marasma della vita di Anaïs, rimarrà sempre una certezza (“Racconto a Hugo del mio diario immaginario di una donna posseduta, che lo rafforza nella sua convinzione che tutto sia invenzione salvo il nostro amore”), lo scoglio al quale aggrapparsi (“Al contrario, lo amo di più perché lo amo senza ipocrisia”).

Poi arrivano loro. Innazitutto lei:

JUNE

Praticamente una dea: “… Vidi per la prima volta la donna più bella della terra”. Perché delle dee possiede fascino mitologico: “Capelli biondi, faccia pallida, sopracciglia appuntite e demoniache, un sorriso crudele con fossette disarmanti. Perfida, infinitamente desiderabile, mi attirava a sé come verso la morte.”
Nonostante qualche vizio: “Ora so che June è una tossicomane.”
Con lei, Anaïs conosce nuovi orizzonti (“Nell’amore tra uomo e donna c’è resistenza e conflitto. Due donne non si giudicano a vicenda, non si brutalizzano, e non trovano niente da ridicolizzare”), sperimentando al tempo stesso i limiti oggettivi dell’amore saffico (“Posso darle il piacere del mio amore, ma non il coito supremo”).

Dopo essere stata ricoperta di regali, tra mille gelosie, June riparte per l’America e viene il tempo di…

HENRY

Decisamente un’affinità intellettuale (“La sua scrittura è ardita, virile, animale, magnifica”), creativa (“Ieri sono stata sveglia fino all’una a leggere il romanzo di Henry – Moloch – mentre lui leggeva il mio”) e culturale (“Cammina dentro alle sinfonie di Proust, alle insinuazioni di Gide, agli enigmi oppiati di Cocteau, ai silenzi di Valéry; cammina nelle suggestioni, negli spazi; nelle illuminazioni di Rimbaud. E io cammino con lui”).
Con lui Anaïs rivive il complesso di Edipo (“In quel momento so di essere mezza donna e mezza bambina. Che una parte di me nasconde una bambina che ama essere sorpresa, essere istruita, essere guidata”) e l’amore per il padre (“L’immagine ossessiva di un padre erudito, letterato, si riafferma, e la donna ridiventa bambina”).
Ma l’amore è anche e principalmente carnale (“Io muoio dalla voglia di Henry, che potrebbe spazzare via tutti gli strati che mi soffocano, spalancare l’ostrica ipnotizzata dalla sua paura del mondo”).

A questo punto potremmo tentare una sintesi: “Henry mi dà la vita, June mi dà la morte”. Ma rimane ancora da perlustrare la figura di…

ANAIS

Eclettica (“Ci sono due modi di arrivare fino a me: con i baci o con l’immaginazione”), complicata (“L’amore di un solo uomo o di una sola donna è come una prigione”), ispiratrice di Cacharel (“Drogato dalle mie parole, dal mio profumo Narcisse Noir”), si pasce di una beata illusione: “Sono davvero convinta che se non fossi una scrittrice, se non fossi una creatrice, e una sperimentatrice, avrei potuto essere una moglie molto fedele. Do un enorme valore alla fedeltà. Ma il mio temperamento appartiene alla scrittrice, non alla donna”.

Si è capito per chi parteggio in questo bailamme (considerate che nel testo Anais parla anche del suo amore per Lawrence Drake, per il cugino Eduardo e per lo psicoterapeuta Allendy)?
“Gli scrittori fanno l’amore con qualsiasi cosa di cui abbiano bisogno.”
Naturale fare il tifo per una donna doppia (“Io ho bisogno di due vite. Io sono due esseri”), poetica (“Hai baciato la mia bocca ed essa è scomparsa, il suo disegno si è smarrito come in un acquerello, i colori sbiadiscono”), affascinante (“Sollevandomi i capelli, alla greca”), che si agghinda in chimono rosso di seta e conosce l’arte della seduzione (“Non dovrei usare inchiostro eliotropico, ma profumo”), del colore (“Luccichii. Ametiste. Turchesi. Rosaconchiglia. Verde irlandese. Mi piacerebbe essere nuda e coprirmi con gioielli di freddo cristallo. Gioielli e profumo”), e non disdegna la vanità (“Lunedì rischierò un’operazione che cancellerà per sempre la gobba spiritosa del mio naso”; “Il mio naso è pesante, ma bellissimo”). Una donna – sicuramente uno spirito inquieto e tormentato - che fa di tutto “per rendere la vita più interessante. Per imitare la letteratura, che è una burla.”

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
... una delle precedenti tappe del percorso "eros" (l'ultima è "Aimez-vous Brahms" di F. Sagan)
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore

Henry & June 2012-06-15 08:08:50 C.U.B.
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    15 Giugno, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Parlez Moi D’amour

Due parole sull’autrice nel caso non la conosceste, e’ importante sapere qualcosa di lei prima di iniziare il libro perche’ il fascino di questo scritto e’ strettamente correlato alla personalita’ della sua autrice. Anais Nin nacque nel 1903 e visse tra l’Europa e l’America, fu una delle piu’ affermate autrici di letteratura erotica del ‘900.
Anais, fin dall’eta’ di undici anni, si diletto’ giornalmente nella stesura di un diario che prosegui’ fino alla fine della sua vita, in cui si contano ben 35.000 pagine.
Henry & June e’uno scritto tratto dal suo diario autobiografico nel periodo parigino dal 1931 al 1932, anni in cui incontro’ lo scrittore Henry Miller e sua moglie June coi quali intraprese una voluttuosa relazione.

“…mentre io saro’ sempre la vergine prostituta, l’angelo perverso, la donna dai due volti, santa e sinistra.”

Che dire di questo romanzo, ci sono inciampata per caso, e non posso negare questa lettura abbia esercitato un certo fascino su di me. Iniziarlo scevri da ogni intenzione di giudizio e’ d’obbligo, diversamente risulterebbe alquanto fastidioso. La dissoluzione nevrotica ed adulterina di Anais e’ il fulcro senza divagazione alcuna di questo romanzo.
Interessante la penna, non privo di spunti riflessivi, manca completamente di un’ambientazione che e’ ridotta ai minimi termini e anche una trama qualunque e’ assolutamente assente.
Perche’ ? Perche’ questo e’ un diario.
In un diario normalmente si tende a riportare i propri pensieri, le proprie riflessioni.
Essendo colei che scrisse il diario la controversa e irriverente Anais Nin, l’argomento principale – e unico – di cui e’ ebbro il racconto e’ la sua morbosa fissazione erotica. Nevrosi e farneticazioni sessuali si rincorrono turbolente.

E se nella prima meta’ del libro, ho trovato il contesto piacevole per la capacita’ di dissociare la volgarita’ dal sesso portando su carta una sorta di filosofia dell’amplesso, nella seconda meta’ la carnalita’ impetuosa dell’autrice, la sua insicurezza, le sue contraddizioni mi hanno un po’ annoiata.
Piu’ che diario dell’adulterio, lo chiamerei diario della poligamia femminile.

MI sto dilungando troppo. Consigliarlo ? Diciamo che se vi capitasse di inciamparvi…
Buona lettura

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri