Narrativa straniera Romanzi storici L’ultima tentazione di Cristo
 

L’ultima tentazione di Cristo L’ultima tentazione di Cristo

L’ultima tentazione di Cristo

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Kazantzakis, uno dei più grandi scrittori del Ventesimo secolo, rivisita il Vangelo secondo una visione laica di Cristo. Kazantzakis racconta l'amore e la passione di un uomo: Gesù di Nazaret. Figlio di un falegname, l'uomo Gesù vorrebbe amare una donna e avere una famiglia, ma la voce di Dio risuona dirompente nel suo animo. Il conflitto interiore dell'uomo, la lotta fra carne e spirito, vengono evocati in un affresco narrativo che celebra il supremo sacrificio di Cristo. Sulla croce, ormai moribondo, Gesù ha una visione di come sarebbe stata la sua vita se non avesse seguito il richiamo di Dio. È l'ultima tentazione, quella che Cristo respinge morendo per l'intero genere umano.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
4.9
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
 
L’ultima tentazione di Cristo 2014-10-08 18:53:25 catcarlo
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
catcarlo Opinione inserita da catcarlo    08 Ottobre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L’ultima tentazione di Cristo

Per apprezzare appieno questo romanzo, una delle due opere, l’altra è ‘Zorba il greco’, conosciute ai più del poliedrico autore di Creta (che fu anche filosofo, poeta e giornalista) è necessario liberare la mente dalla sua iscrizione nell’Indice dei Libri Proibiti e, possibilmente, anche dalla bella versione cinematografica firmata Martin Scorsese. Ciò che resta è un libro intensissimo e a tratti meraviglioso che, benché la sua complessità necessiti di una notevole attenzione, costringe il lettore a voltare le pagine per il desiderio di rimanere sprofondato nelle sensazioni che lo avvolgono senza scampo. Semplificando al massimo, quella che scorre fra i capitoli è la biografia romanzata di Gesù di Nazareth, una libera reinterpretazione della sua parabola terrena che si discosta dal racconto dei Vangeli (da cui i problemi con tutte le organizzazioni religiose cristiane esistenti e le gesta fanatiche all’uscita del film): pressappoco monofisita al contrario – tanto che Maria resta in secondo piano - il racconto vede un uomo che viene invaso dalla divinità e dapprima oppone resistenza cercando di peccare il più possibile (inclusa la costruzione di croci per l’invasore romano) per poi arrendersi fino ad accettare il sacrificio che però è preceduto dall’ultimo sussulto di appartenenza terrena rappresentato dalla tentazione di cui al titolo, fatta di lavoro quotidiano, poligamia, figli, vecchiaia. Un uomo per molti versi debole – anche la predicazione di cui è protagonista ondeggia tra il messaggio d’amore che gli è proprio e lo spirito battagliero infusogli da uno spiritato Battista – che però trova la forza di superare le sue debolezze per affrontare un compito terribile. Kazantakis ambienta il tutto in una Palestina dello spirito, ora calcificata nell’abbagliante luce del sole, ora inondata da temporali che ricordano il diluvio: la precisione geografica è l’ultima delle preoccupazioni (e qua e là ci scappa anche qualche anacronismo), ma non stupisce in un romanzo in cui hanno così grande importanza i sogni e le visioni. Forse si potrebbero anche definire allucinazioni, anzi forse tutto potrebbe essere un’allucinazione, ma le pagine che le descrivono hanno una grande forza e molte sono tra le migliori, accompagnate da passaggi altrettanto indimenticabili che raggiungono uno degli apici quando Gesù se ne va all’alba dalla casa di Maddalena e lei, disperata, se ne accorge solo al risveglio. L’amore, corrisposto e impossibile, fra i due è una delle grandi invenzioni che rimettono in gioco i protagonisti della storia conosciuta: il rivoluzionario Giuda, diffidente all’inizio e poi tanto fedele al Maestro da accettare di tradirlo, i pavidi e ondivaghi apostoli capeggiati da un Pietro (mai chiamato Simone) generoso ma testardo e che contano tra le loro fila Matteo che sceglie di – o, per meglio dire, è obbligato a – pubblicare la leggenda in un’opera che Paolo è poi decisissimo a proseguire, un potere terreno (il sinedrio, Pilato) solo accennato perché tanto ogni cosa è già stata decisa altrove. Più interessanti sono però, forse, i personaggi aggiunti o del tutto reinventati, dal Cireneo oste sbevazzone, ma che si rivela migliore di molti altri, al piccolo capitalista Zebedeo, dai monaci del deserto alla figura finemente delineata del vecchio rabbi, padre di Maddalena, mentre il povero Lazzaro, dopo un angosciante resurrezione, è poco più di uno zombi. Tutti tasselli che si incastrano alla perfezione in una narrazione ricca e dall’ampio periodare classico per un crescendo emotivo al quale è difficile resistere: se qualcuno decide di rinunciarvi per idee preconcette, beh, peggio per lui.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
L’ultima tentazione di Cristo 2012-11-29 13:08:02 Clik
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Clik Opinione inserita da Clik    29 Novembre, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'Uomo Gesù

Lo stò leggendo proprio in questo periodo.
Vi dico solo che è stupendo, scritto in maniere esaltante, cosa che solo un grande scrittore sà fare.
Mi è sempre piaciuto il concetto di considerare Gesù non come il Cristo (Dio), ma come uomo, e come tale pensare a cosa avrebbe fatto lui con la sua immensa saggezza davanti ai problemi quotidiani della società e dell'uomo di oggi.
Credo fortemente al Gesù storico e credo che sia stato il più grande uomo mai esistito.
Ma Kazantzakis ci fa scoprire che oltre all'uomo Gesù, c'è stato il suo sacrificio, la sua rinuncia al vivere come un uomo normale, cosa che avrebbe fortemente voluto, sacrificandosi invece per l'umanità intera, come gli richiedeva Dio.
Davanti a una richiesta del genere da parte di Dio al giorno di oggi, secondo voi, ci sarebbe qualcuno disposto a rifare ciò che a suo tempo ha fatto Gesù?

Tra l'altro, se letto con attenzione, non è per niente blasfemo come sembra e come ci vuol far credere la chiesa, che è stata e sarà sempre la più ottusa e la più ipocrita delle istituzioni.

Ciao.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato vivamente a tutti.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La mala erba
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Avere tutto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flashback
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il girotondo delle iene
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.1 (2)
Fairy Tale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Belle Greene
Io, Monna Lisa
L'italiano
La regina d'oro
Il botanico inglese
Gli Effinger
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù
L'infermiera di Hitler
La saga di Vigdis
Partenza in gruppo