Narrativa straniera Romanzi Amori e disamori di Nathaniel P.
 

Amori e disamori di Nathaniel P. Amori e disamori di Nathaniel P.

Amori e disamori di Nathaniel P.

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


L'abbiamo conosciuto tutti uno così: uno che si crede una persona sensibile, uno scrittore impegnato, un campione del femminismo. Uno come Nate. Ma cosa ha trasformato il ragazzo che ogni donna vorrebbe amare, in quello che ogni donna ama odiare? Amori e disamori di Nathaniel P. è la più acuta, divertente, devastante discesa nelle profondità (o presunte tali) della mente di un giovane uomo. Adelle Waldman ha scritto il romanzo che nessun fidanzato vorrebbe far leggere alla propria ragazza... e che invece dovrebbe leggere anche lui.

Recensione della Redazione QLibri

 
Amori e disamori di Nathaniel P. 2015-03-20 07:50:21 SARY
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
SARY Opinione inserita da SARY    20 Marzo, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'uomo

Nate è uno scapolo indefesso in una New York frenetica, affermato professionalmente, apprezzato dagli amici, ricercato dalle donne, presuntuosamente intelligente e stimatore di sé stesso. I rapporti stabili lo tediano, approfondire i rapporti personali spingendosi oltre l’appagamento fisico del momento lo infastidiscono. Un via vai di amanti, di eccitamenti iniziali, di rotture, di pianti altrui e sensi di colpa propri. Ma non è che stando più attento Nate, in mezzo ad una vasta gamma di esemplari, troverà quella che lo inchioda?
Un viaggio nel cervello maschile, un trattato sulla psiche femminile. Cosa pensano gli uomini quando vedono una donna? Cosa scatta? Nella staffetta del corpo umano sappiamo cosa parte per primo. E la donna come si comporta? L’autrice, tramite il personaggio da lei ideato, filosofeggia e si cala nei panni dell’antropologa, sciorinando un sapere, una cultura e una capacità di ragionamento effettivamente alti, peccando un filino di pedanteria e arrivando a conclusioni già ampiamente note e archiviate (neanche troppo lusinghiere nei confronti del mascolo). Il titolo accattivante promette una lettura sobria e curiosa, fin dalle prime pagine si è coscienti dell’illusione. Sulla capacità di scrivere nulla da obiettare, è una giornalista in carriera che collabora con importanti testate, sagace e disincantata, ma non una penna ammaliante. Il contenuto è, invece, insipido, a tratti pruriginoso per il clima sconfortante e per la personalità di Nate, perennemente impegnato in soliloqui pseudo intellettuali e in critiche sul quoziente intellettivo del gentil sesso. La differenza la si poteva fare condendo il tutto con un pizzico di verve, una manciata di umorismo, o addirittura con un briciolo di passione, dosando gli ingredienti il lettore avrebbe potuto gustare pathos e coinvolgimento leccandosi anche le dita.
Voleva forse essere una ironica descrizione dell’uomo, il risultato è invece un romanzo che lascia il tempo che trova.
Concludendo, osannato dalla critica, bocciato dalla sottoscritta, consigliato a chi non ha ancora capito le differenze sostanziali tra i sessi e coltiva vane speranze di empatia con l’uomo.

“Le donne hanno un bisogno fisico di stare in coppia proprio come gli uomini hanno un bisogno fisico di orgasmi. E’ un imperativo che determina la loro stessa natura. Gli uomini, al contrario, vogliono stare in coppia proprio come le donne vogliono un orgasmo: a volte, e nelle circostanze adatte.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Amori e disamori di Nathaniel P. 2015-07-19 14:56:25 resme94
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
resme94 Opinione inserita da resme94    19 Luglio, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non se è amore il tuo,Nate

Siamo nel ventunesimo secolo.
Un giovane uomo cammina per le strade di New York felice per la sua carriera in ascesa.
Nate,arrivato nella grande metropoli,ha fatto la gavetta e a trent'anni i suoi sogni stanno prendendo forma.
Circondato da amici sinceri e di vecchia data,Nate conduce una vita che ama fino alla ragazza di turno che gli scombussola le giornate.
Non è bravo nelle relazioni,più che altro nell'impegno che una relazione richiede.
La sua indifferenza verso le donne,per quanto le rispetti,gli ha procurato una fama di stronzo di prima categoria.
Tra un amore e un altro,Nate si sente in colpa,poi cerca di non pensarci e persevera negli stessi errori la volta dopo.
È un circolo vizioso per lui.

Questo libro permette di entrare nella testa di un uomo,quindi la sua praticità e la sua realtà saranno poco apprezzate da noi donne.
Nate con il suo egoismo affettivo risulta spesso detestabile,perché piace pensare che persone come lui non possano esistere.

Adelle Waldman ha scritto una storia piena di domande e dubbi ai quali si trovano delle soluzioni solo a posteriori.
Non per questo è noioso o banale.
Chi legge si trova spesso d'accordo con i suoi personaggi che analizzano il rapporto uomo-donna da angolazioni diverse.
Non è da Oscar,ma un primo libro che fa risaltare le potenzialità della scrittrice,tagliente al punto giusto.

"Un tempo Aurit gli aveva esposto un sistema di categorizzazione dei tipi umani che gli era parso utile. Diceva che c’era gente orientata in orizzontale e gente orientata in verticale. Gli orizzontali si occupavano unicamente di ciò che pensavano gli altri, cercavano di farsi accettare o stimare dal prossimo. I verticali erano ossessionati da un qualche tipo di «verità» alta, in cui credevano ciecamente e che volevano annunciare a chiunque avessero di fronte senza chiedersi se gli interessava o meno. Gli orizzontali erano falsi, ipocriti, mentre i verticali piú estremi mancavano di qualsiasi dote sociale, erano quelli che vivevano in strada annunciando l’apocalisse. La gente normale sta nel mezzo, ma tende da una parte o dall’altra."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri