Narrativa straniera Romanzi Homer & Langley
 

Homer & Langley Homer & Langley

Homer & Langley

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Homer Collyer, cieco, e suo fratello Langley, tornato semifolle dalla Grande Guerra, sono i rampolli di una famiglia benestante che nel corso dei decenni trasformano il loro palazzo in un delirante ricettacolo di ciarpame, dove vivranno come reclusi fino a rimanere sepolti sotto le tonnellate di spazzatura da loro stessi accumulate. Questi personaggi tragici ed emblematici, la cui vicenda è ispirata a un famoso fatto di cronaca della New York del primo Novecento e che hanno perfino dato il nome alla cosiddetta "sindrome di Collyer", diventano nel romanzo di Doctorow la metafora di un mondo e lo specchio di un lungo periodo della storia americana. Benché rinchiusi nella loro folle utopia, Homer e Langley saranno infatti testimoni di tutti gli avvenimenti fondamentali di quegli anni.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Homer & Langley 2015-06-21 00:01:57 Mario Inisi
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    21 Giugno, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Strangers in the night

Il romanzo prende il via dalla storia vera dei fratelli Collyer, Homer e Langley, storia che colpì a suo tempo l'opinione pubblica americana per la sua singolarità e per il connubio tra diversità e grande intelligenza e genialità dei protagonisti. I due fratelli vennero ritrovati morti dietro una telefonata anonima di un vicino, in una casa strapiena fino all'inverosimile di oggetti accumulati da Langley( uno dei fratelli, quello che ci vedeva) in condizioni di grande degrado materiale.
La vita dei due fratelli attraversa il periodo storico delle due guerre mondiali. Le stranezze di Langley iniziano proprio dopo il ritorno dalla prima guerra di cui egli capisce la profonda follia, follia che lo induce a un primo istintivo rifiuto per il mondo esterno.Il romanzo va avanti con un alternarsi di aperture e chiusure al mondo, con incontri bizzarri. Le stranezze di Langley hanno la loro logica viste attraverso gli occhi del fratello Homer fin quasi alla fine del romanzo. Viste per modo di dire dato che Homer è cieco. Homer porta la musica e l'arte in casa. Langley porta la creatività sotto forma di eccentricità, di idee bizzarre. In un certo senso Langley porta il mondo a Homer dentro casa rendendoglielo visibile: ora si tratta di oggetti strampalati, ora di persone. Prima arrivano i vicini invitati ai the danzanti, poi i servitori giapponesi (in un periodo in cui i giapponesi erano considerati nemici e sospetti), poi i ragazzi figli dei fiori. Ma il mondo non si presenta sempre con l'aspetto confortante e benevolo dei figli dei fiori.Con il passare degli anni il contributo di novità e di positività degli incontri si assottiglia mentre giudizio sul mondo si fa più negativo. I giornali riportano fatti come l'omicidio delle bambine o delle suore, una delle quali è la dolcissima suor Mary di cui entrambi i fratelli sono stati innamorati. Tali notizie colpiscono terribilmente i fratelli fino fargli sentire il mondo esterno come aggressivo e cattivo e a spingere soprattutto Langley a voler vivere in totale isolamento e al buio (la corrente gli viene tagliata, comprano delle persiane nere). Ma se per quasi tutto il romanzo i due fratelli sembrano avere una logica loro, certo diversa, ma comprensibilissima, verso la fine del romanzo il contatto con la realtà si perde per entrambi i fratelli. Homer conosce Jennifer e la descrizione di Jennifer si fa a un certo punto ambigua. Anche in precedenza Homer ci aveva raccontato di un suo innamoramento per Mary e dei suoi sogni ad occhi aperti. Ma a questo punto Homer non sa dire se ha rivisto davvero Jennifer oppure no. E anche la follia di Langley si fa evidente fino a provocare indirettamente la tragica conclusione della vicenda. Coclusione inaspettata vista la pacatezza della narrazione che accompagna il lettore come una colonna musicale che cambia nel tempo in un repertorio che passa dal classico allo swing al rock per poi sfumare in un finale di assoluto silenzio.

p.s. attenzione Mondatori, pag 200 è montata al contrario . Cioè pag 199 e 200 sono scambiate di posto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Homer & Langley 2010-06-19 19:38:28 kabubi81
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
kabubi81 Opinione inserita da kabubi81    19 Giugno, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Homer & Langley

Ispirato ad una storia vera, il libro racconta la nascita e il declino dei due fratelli newyorkesi Homer e Langley, che nell'arco della loro vita assistono e partecipano a diversi avvenimenti importanti della storia, dalle due guerre all'epoca peace&love, dalle serate nei jazz club presiedute dai gangster all'avvento dei primi ingombranti computer.... Il tutto filtrato dal loro particolare "punto di vista" (Homer è cieco, Langley è tornato con qualche "problemino mentale" dalla guerra) e vissuto dal loro palazzo al centro di New York, dove incamerano quantità spropositate di oggetti di qualunque genere fino ad avere sempre meno contatti con il mondo esterno, inimicandosi vicinato e Comune, attirando l'attenzione di curiosi e giornalisti fino all'inevitabile ... Non voglio rovinare il finale, chiaro! Comunque questo libro di Doctorow è senz'altro originale per trama e personaggi, scritto in modo semplice ma non banale, e man mano che si procede nella lettura aumenta la curiosità verso Langley(che una ne pensa e 100 ne fa!)e la tenerezza verso Homer... Consigliato

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri