Dettagli Recensione

 
L'acquario
 
L'acquario 2008-06-19 06:06:15 tulivit
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
tulivit Opinione inserita da tulivit    19 Giugno, 2008
  -   Guarda tutte le mie opinioni

La verità è che la verità cambia.

Scongiurare l’imprevisto, proteggersi la salute, il portafogli e il cuore e costruire graziosamente la propria vita entro illusorie e riparate nicchie, ebbene, è un’idiozia etica. Come il buon vecchio Simenon insegna, l’irreparabile irrompe senza preavviso, dal sotterraneo che è in ognuno di noi e nella natura stessa dell’esistenza: trasformazione.

Questo è l’ingresso, il senso letterario che meglio si cuce addosso a questo romanzo (definirlo? giallo? noir?..), ambientato in quel che resta della Milano da bere di craxiana memoria, animato da persone – non personaggi – le cui vite potrebbero, ad un primo sguardo, essere proprio le nostre.

E persone “normali” sono i protagonisti: Marco, promotore finanziario in ascesa, si innamora lentamente di Rossana, studentessa universitaria, in un lieve e giocoso – quasi grossolano – crescere di una relazione che li conduce via via alla decisione di sposarsi.

Alla vigilia del matrimonio, Rossana muore assassinata.

Il dolore e le oscurità che ribollono in un uomo strappato ai suoi sogni trasformano la trama in un impercettibile, ben curato crescendo: Marco brancola nel tentativo di indagare, capire, trasgredire quel segreto che gli ha portato via la sua Rossana, mentre accade quel che deve accadere…. la Polizia non indaga, non soddisfa….gli amici ascoltano, ma non consolano… Milano e gli implacabili mercati finanziari incombono quasi a dirgli “non è successo nulla, su, ripigliati…”.

Marco invece è in lenta, inesorabile, sacrosanta trasformazione. Non sarà più lo stesso. Non si accontenta, non si protegge,non si rifugia, vuole capire; rifiuta il sedativo imperante del “don’t worry – be happy” (la vera droga occidentale), finchè il segreto esplode, una coltellata di verità descritta con pochissimi, scarni passaggi narrativi, tanto più efficaci in quanto prosa nuda e tagliente, in un cupo rumore , sotto, che aumenta.

In questo viaggio verso la verità e la giustizia - che forse a nessuno dovrebbe essere risparmiato - ci sarà dubbio, sangue, lotta , sesso, paura, verso un epilogo sorprendente.

Forse è solo tutto un film.

“Tutto ciò che è profondo ama la maschera”(F.W. Nietzsche)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vita in vendita
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Cara pace
L'assemblea degli animali
Divorzio di velluto
Le mogli hanno sempre ragione
Ellissi
Nonostante tutte
La meccanica del divano
Conservatorio di Santa Teresa
Beati gli inquieti
Padri
Quaderno proibito
Lei che non tocca mai terra
Il gioco delle passioni
Morsi
Il quinto evangelio
La biblioteca dei sussurri