Saggistica Arte e Spettacolo Che cos'è l'arte?
 

Che cos'è l'arte? Che cos'è l'arte?

Che cos'è l'arte?

Saggistica

Editore

Casa editrice


Tolstoj passa in rassegna l’evoluzione di concetti di base quali il bello, l’utile, il gusto, la verità, il giusto, attraverso la filosofia, l’estetica, la critica d’arte, la letteratura; senza lesinare esempi concreti, giudizi perentori e stroncature sull’opera di tanti talenti consacrati. L’arte vera, sostiene Tolstoj, è quella che contagia, che è capace di suscitare nell’uomo quel sentimento di gioia nella comunione spirituale con l’artista e con gli altri che contemplano la stessa opera d’arte. In questo modo l’arte può stimolare la convivenza pacifica tra gli uomini. L’arte autentica, per Tolstoj, è dunque arte «popolare»: «non una collezione di opere – commenta Montani nella sua Introduzione – o un insieme di forme canonizzate, quanto il necessario risvolto sentimentale di ogni autentica sapienza di vita».

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Che cos'è l'arte? 2015-07-30 10:34:29 Belmi
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    30 Luglio, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un Tolstoj senza peli sulla lingua

Arrivati alla conclusione di questo testo, a primo impatto, molti potrebbero definirlo un libro che si odia o si ama. Questi sentimenti potrebbero scaturire dalla concezione “molto” forte di arte da parte di Tolstoj che non accetta scappatoie e vede la sua idea come unica.

Questo saggio è stato pubblicato nel 1897, ed è stato preparato nel corso di più anni, tra cui è intercorsa anche la crisi spirituale che colpì l’autore agli inizi degli anni ’80 dell'ottocento.

Per Tolstoj, l’arte è solo e unicamente espressione della coscienza religiosa dell’uomo.
Forse se mi fossi fermata anch’io a questa considerazione, probabilmente, avrei odiato questo libro o l’avrei considerato parziale.

Ma come si può ben capire dal titolo di questa recensione, qui Tolstoj si mostra diretto, “senza peli sulla lingua” e non le manda a dire a nessuno, ci pensa lui.

Critico, spietato e risoluto. Ho apprezzato tantissimo il fatto che non si sia messo a criticare fra le righe ma che invece abbia messo nomi e cognomi dei vari autori e colleghi da lui disprezzati e ovviamente senza dimenticare di elogiarne altri.

Chi non ha superato il suo “esame” è stato letteralmente massacrato. Fra gli altri non ho potuto non ridere sulle sue opinioni sui poeti maledetti, la mia insegnante delle superiori mi ci fece stare mesi…

Altra cosa che ho apprezzato tantissimo è che prima di tutto quando parla di arte, si riferisce ad essa, come all’insieme di tutte le arti (pittura, musica, scultura, poesia ecc..) senza distinzione fra minori o maggiori.

E’ il suo attacco diretto agli autori (senza escludere nessuno, neppure lui medesimo) è esilarante e divertente:

"Tutti i versi di questi autori sono ugualmente incomprensibili, oppure si capiscono solo in parte e a prezzo d'un grave sforzo"

“E’ perciò affermare che un uomo non capisce la mia arte perché è ancora troppo sciocco significa peccare e scaricare le proprie colpe addosso agli altri”.

Inoltre inneggia l'arte popolare, quella che non ha bisogno di spiegazioni ma che è subito compresa da tutti.

“Ma un’opera d’arte si distingue da ogni altra attività spirituale proprio perché il suo linguaggio è comprensibile per tutti, perché trascina tutti senza distinzioni”.

Ho avuto la fortuna di leggere un’edizione del 1978 che riporta in copertina Tolstoj nel ritratto di Repin del 1887.

Lo consiglio agli appassionati di arte (non vi fate trascinare dalla sua ottusità e anche se vi venisse da storcere il naso continuate la lettura) ma anche a chi volesse vedere un Tolstoj in “veste” diversa dal solito.

Buona lettura!!


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri