Saggistica Politica e attualità Dio odia le donne
 

Dio odia le donne Dio odia le donne

Dio odia le donne

Saggistica

Editore

Casa editrice

Quando si tratta di discriminare la donna, le principali religioni monoteiste sono tutte d'accordo. Ogni donna sarà etichettata come figlia di Maria o figlia di Eva: la donna è l'origine del peccato, la tentatrice che seduce e porta alla perdizione. E allora la religione, alibi del patriarcato, serve per opprimere e sconfiggere, secolo dopo secolo, millennio dopo millennio; e allora serve un dio maschio, un figlio di dio maschio, un profeta maschio, sacerdoti maschi. Norme, tradizioni e costumi hanno l'unico scopo di perpetuare il controllo sociale sulla donna, spesso grazie alla sua pia connivenza, ancora più spesso attraverso l'assuefazione alla violenza. Giuliana Sgrena svela e denuncia tutte le forme di questo odio nei confronti delle donne. Da fenomeni estremi come l'infibulazione "faraonica " e lo stupro di guerra, che se ripetuto per dieci volte fa sì che la donna sia finalmente convertita, a tragedie quotidiane come il femminicidio, versione contemporanea ma non meno cruenta del delitto d'onore, con cui il maschio rivendica il possesso della moglie, figlia, sorella, il diritto di deciderne la vita o la morte. Ma esistono anche prevaricazioni più sottili e subdole, come l'ideale di purezza e verginità, che condiziona le donne nelle scelte di vita, nel ruolo sociale, perfino nell'abbigliamento. Giuliana Sgrena risale alla radice stessa della sottomissione femminile, mostrando quanto ancora oggi la legge della religione riproduca la la subalternità della donna al "primo sesso".



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Dio odia le donne 2021-08-26 20:57:21 archeomari
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    26 Agosto, 2021
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il patriarcato del monoteismo

“Dio, Allah, Buddha. Comunque lo si chiami, è in suo nome che gli uomini scatenano il loro odio contro le donne. La Bibbia, la Torah o il Corano sono gli strumenti di questa aggressione, spesso utilizzati a sproposito. E quando non bastano le Sacre Scritture vengono in soccorso i santi per chi li venera, i miracoli per chi ci crede, gli hadith del Profeta (veri e falsi), i dogmi. Le religioni costituiscono l’alibi per il patriarcato. (…) Non si può essere tolleranti con le religioni; altrimenti, proprio qui in Europa, un giorno ci troveremo sedute in fondo all’autobus, come succede non solo in Iran ma anche in Israele, isolate su spiagge riservate a sole donne – in Italia sono già state avanzate richieste del genere (…)”

Questa è una parte della prefazione al libro di Giuliana Sgrena, giornalista sequestrata a Baghdad da un gruppo di jihadisti, mentre stava lavorando ad un servizio per il quotidiano “Il manifesto”. Come l’autrice tiene a sottolineare, il libro non è né un pamphlet né un’opera di esegesi, ma una ricerca personale condotta con rigore sulle fonti delle tre religioni principali: cristianesimo, ebraismo e islam. La lettura è stata coinvolgente e mi ha arricchito dal punto di vista culturale, mi ha offerto numerosissimi stimoli di riflessione e di approfondimento per le tematiche sulla disparità di genere, che quest’anno ho approfondito con grande attenzione ed interesse.
L’opera è suddivisa in dieci capitoli, di cui alcuni abbastanza corposi, ma che si leggono con fluidità e piacere. Nei primi capitoli la scrittrice riporta alcuni episodi cruciali della sua infanzia e anche qualche altro della sua prigionia irachena: le suore bigotte e severe che la additavano come la figlia del diavolo, perché il padre era comunista, il silenzio della donna velata che, nella cella, le procurava qualche assorbente di fortuna quando aveva il ciclo ed era, perciò, inavvicinabile.
Il sangue mestruale! quale sporcizia e immondizia! E il sangue del parto? Secondo alcuni padri della chiesa Gesù stesso è stato partorito mentre “il seno della vergine rimaneva chiuso”, in questo modo era nato senza sporcarsi del sangue di donna. A proposito di “donna”: la stessa madre di Gesù viene chiamata da lui “donna”, raramente madre. La scrittrice tratta anche degli argomenti un pò crudi, come ad esempio le varie tecniche per l’infibulazione, cioè una vera e propria mutilazione dei genitali femminili al fine di controllare la sessualità della donna sin dalla tenera età. Quella parte ha suscitato in me orrore e tanta rabbia: come si può accettare, anche da parte delle stesse donne, una pratica così, non solo umiliante, ma anche pericolosa per la salute stessa!?
Ma i muri culturali sono talvolta invalicabili e difficili da abbattere, soprattutto quando non c’è, da parte della vittima, qualsiasi tentativo di ribellione. Perché le donne sono fatte per starsene zitte: dare la parola ad una donna è darle quasi l’autorizzazione a spogliarsi, a esporsi nuda. Questa misoginia di fondo delle religioni monoteiste, baluardo da millenni del patriarcato ha gettato le basi alla discriminazione di genere: dalla relegazione ai ruoli tradizionali, alla caccia alle streghe, dai veli che coprono solo i capelli a quelli integrali, dall’inattendibilità della testimonianza di una donna alla mortificazione della femminilità. Versetti biblici e sure coraniche, tutti schierati contro la donna. Una misoginia che si perde nella notte dei tempi, eppure prima dell’avvento dell’impostura delle religioni monoteiste, - fa notare la Sgrena- la società era matriarcale e si basava sul culto della Dea Madre e degli attributi fisici femminili della fertilità dell’abbondanza.
“Dio odia le donne”: il dio degli ebrei e dei cristiani, il dio degli islamici ha contribuito a seminare quella disparità di genere che ancora oggi stiamo tentando di sradicare dal mondo. E non basta essere laici!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Libri sul femminismo, storia delle religioni (questo libro non è per gli specialisti)
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri