Saggistica Politica e attualità Donbass. La guerra fantasma nel cuore d'Europa
 

Donbass. La guerra fantasma nel cuore d'Europa Donbass. La guerra fantasma nel cuore d'Europa

Donbass. La guerra fantasma nel cuore d'Europa

Saggistica

Editore

Casa editrice

Nella regione del Donbass, sul confine russo-ucraino è in atto un conflitto che ha visto l'Ucraina spezzarsi in due, ma che la scarsa attenzione dei media occidentali ha reso quasi invisibile. La popolazione delle autoproclamate Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk continua tuttora, a distanza di anni, a scontrarsi con l'esercito di Kiev. Attraversando le terre martoriate del bacino del Donec, tra aeroporti distrutti e villaggi devastati, dai campi profughi alla spettrale colonia penale abbandonata di Chernukhino, Sara Reginella, psicoterapeuta e autrice di reportage di guerra, ci mostra la dimensione umana e psicologica di questa guerra "fantasma" combattuta da miliziani atipici: gente comune, donne e uomini che si sono opposti al cambio di governo del 2014, da una parte ritenuto un golpe, dall'altra una rivoluzione democratica.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.2
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuti 
 
3.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Donbass. La guerra fantasma nel cuore d'Europa 2022-02-07 14:16:54 ornella donna
Voto medio 
 
3.2
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
3.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    07 Febbraio, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una guerra invisibile

Sara Reginella nasce ad Ancona. Lavora come psicologa a indirizzo clinico e giuridico come psicoterapeuta. E’ regista e autrice di reportage di guerra. Ora approda in libreria con un nuovo libro intitolato: Donbass. La guerra fantasma nel cuore d’Europa.
Dove si trova il territorio di Donbas e perché l’autrice ha deciso di scrivere un saggio su questo limbo di terra? Perché è così importante?
La terra di Donbass è sul confine russo-ucraino, ed è una regione dilaniata da una guerra che ha visto l’Ucraina dividersi in due parti, con il consenso-assenso dell’Europa che non ha mai preso una posizione netta e sicura su questa guerra. Ma come e quando nasce questo conflitto?
“Non si faceva cenno al conflitto ucraino e gran parte della popolazione italiana ignorava quanto accaduto a partire dal fatidico novembre 2013, quando si erano conclusi senza risultato i negoziati tra l’allora presidente ucraino Viktor Yanukovyc e gli incaricati dell’Unione Europea, cui spettava il compito di far sottoscrivere accordi che avrebbero rappresentato un ulteriore passo dell’Ucraina in direzione dell’integrazione europea.”
Nasce così una guerra muta, devastante, fatta casa per casa, con coltelli, fucili, bombardamenti notturni, morti. Ovunque un luogo di desolazione e di morte. L’autrice in prima persona racconta, partecipa e rende partecipi i lettori con una prosa profonda, una voce ferma e precisa intorno a tutto ciò che non è più, e non lo sarà per molto tempo ancora. Sara Reginella entra a pugno duro in quella che è da lei stessa chiamata “la deformità del male”:
“Mentre i razzi attraversano i cieli del quartiere come meteore, la gente che spara impreca e più impreca più spara: per la clausura, per lo sfacelo economico, e per la pandemia. Dopo venti minuti di triste euforia, torniamo sul divano. “
Dunque un reportage di guerra fitto e preciso che, tuttavia, non ci racconta le grandi strategie di guerra o le grandi decisioni prese da chi sta al potere. Qui il disastro è umano, la vita è quella umana costruita giorno per giorno, nei palazzi sventrati, nel senso di comunità di chi cerca di resistere e di superare. Si respira dolore, aria di morte e di sofferenza. Un racconto preciso, per certi aspetti sconvolgente, ma ricco di una bellezza incerta, sublime, che travalica i personaggi e i luoghi, in cerca di quella pace a lungo rincorsa e mai trovata. Sconvolgente e lirico, il romanzo è particolarmente adatto per cercare di comprendere meglio la questione ucraina e il suo rapporto con la Russia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Complici e colpevoli
Cacciatore di mafiosi
L'ultima notte di Raul Gardini
Donbass. La guerra fantasma nel cuore d'Europa
Una terra promessa
Jenin. Un campo palestinese
La società signorile di massa
Dio odia le donne
Stai zitta
I cantieri della storia
Oriente e Occidente
Lo scontro degli Stati civiltà
Manuale del boia
Red mirror
Invisibili
Discorso della servitù volontaria