Saggistica Politica e attualità Il gioco grande del potere
 

Il gioco grande del potere Il gioco grande del potere

Il gioco grande del potere

Saggistica

Editore

Casa editrice

"Il gioco grande del potere", così Giovanni Falcone definiva gli intrecci tra mafia e politica, tra Stato e Antistato. Il gioco grande, inarrestabile, per il quale hanno perso la vita migliaia di innocenti. Sandra Bonsanti, cronista del tempo buio delle bombe e della mafia, del terrorismo e della politica corrotta, ha ripreso in mano i suoi taccuini, le pagine pubblicate e quelle inedite. Sul filo della memoria e delle persone e cose conosciute direttamente cerca di ricostruire la tragicità di quegli anni. Un viaggio che prende l'avvio dalla strage di Piazza Fontana e arriva all'Italia dei giorni nostri. Volti e testimonianze, lettere dei protagonisti, ricordi personali e interpretazioni inedite, accanto alle battaglie tenaci dei pochi grandi che sempre si sono opposti allo Stato occulto e alle sue congiure. "Il gioco grande del potere" è il racconto di chi non ha mai smesso di impegnarsi a cercare la verità.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
 
Il gioco grande del potere 2014-02-03 08:41:15 drysdale
Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
drysdale Opinione inserita da drysdale    03 Febbraio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lo Stato e l'Antistato.



Sandra Bonsanti è una delle “firme” del giornalismo italiano. Della sua penna, ma specialmente della sua capacità di stare sulla notizia, andando a fondo sulle origini, i retroscena e le conseguenze di tutti i più importanti eventi di cronaca e politica che hanno caratterizzato la storia della Repubblica dalla fine degli anni ’60 in poi, si sono avvalse nel tempo alcune tra le più importanti testate nazionali: tra le altre, “Il Mondo”, “Epoca”, “Panorama”, “La Stampa”, “La Repubblica”.
In questo testo la Bonsanti, riesumando ricordi, taccuini e corrispondenza varia, fornisce la propria testimonianza su fatti e personaggi che nel tempo hanno dato vita a ciò che lei definisce lo Stato e l’Antistato. E c’è veramente di tutto in questo racconto: dalla mafia, alla P2; dalle organizzazioni terroristiche di estrema destra e sinistra, ai servizi deviati; da Gladio al “Noto servizio” (organizzazione di cui non avevo mai sentito parlare); dal Banco Ambrosiano allo IOR. E, poi, da Sindona a Gelli; da Andreotti a Moro; da Craxi a Berlusconi; da Pertini a Cossiga; da Lima a Falcone e Borsellino e tantissimi altri che, nel bene e nel male, hanno fatto la storia d’Italia negli ultimi 45 anni.
C’è tutto un condensato di intrighi, intrecci e scandali di cui si è avuta più o meno conoscenza, ma che a ritrovarseli così, messi in fila, tutti insieme, viene veramente da riflettere. Perché quelli qui raccontati sono il nostro paese e la nostra classe politica (o, quanto meno, una tutt’altro che esigua parte di essa).
Il libro dedica molte pagine alla costituzione ed alla operatività della loggia massonica P2, una storia sconcertante e di una gravità inaudita, perché – ciò che si legge ne “Il gioco grande del potere” – all’esistenza della loggia devono essere ricondotte molte delle principali azioni eversive avvenute nel Paese e perché ad essa risultarono iscritti ministri, parlamentari, esponenti di primo piano del mondo finanziario e militare, giornalisti; di tutto un po’. Perfino l’allora capo della CIA in Italia, nonché un paio di generali argentini che avrebbero poi, con un colpo di stato, rovesciato Isabelita Péron e dato vita alla strage di desaparecidos. E c’era anche – ma il fatto è noto e lo cito en passant - il Cavaliere: tessera n. 1816.
Una storia finita nel dimenticatoio grazie proprio – sostiene ancora l’’autrice – all’intervento dei poteri occulti che ne avevano favorito la nascita. Inutile dire che ancora oggi molti degli iscritti a quella loggia occupano posti di potere. Scrive la Bonsanti: “Nella storia italiana la P2 ha rappresentato una sorta di cabina di regia per tutta quella melma che lavorava dentro lo Stato, a fianco e sotto le strutture istituzionali, avvolgendole in un abbraccio malato”.
E’ una scrittura appassionata e interessante quella della giornalista, con un limite, a mio avviso: il libro appare destinato più ad una platea di “addetti ai lavori” (politici, giornalisti, storici) che al comun lettore, per quanto esso possa essersi tenuto informato.
Gli episodi e i personaggi richiamati nel testo sono centinaia. Di molti la notorietà è tale che se anche il loro ingresso nel racconto è del tipo “spot” o viene data per scontata la loro conoscenza, si riesce a seguire perfettamente il filo del discorso. In altre circostanze, per contro, si può fare una certa fatica a star dietro alle citazioni dell’autrice, qualora non si svolga una parallela attività di approfondimento.
D’altra parte non si può pretendere l’esaustività da uno scritto di 240 pagine che concentra al suo interno, come dettosi, i misteri politici e finanziari di 45 anni di storia della Repubblica. Il consiglio che (almeno sulla base della mia esperienza) posso dare, per poter apprezzare al meglio quest’opera, è di leggerla con un pc collegato a Internet a portata di mano e far ricorso ad esso per acquisire tutta una serie d’informazioni inevitabilmente assenti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La mala erba
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Avere tutto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flashback
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il girotondo delle iene
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.1 (2)
Fairy Tale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Complici e colpevoli
Cacciatore di mafiosi
L'ultima notte di Raul Gardini
Donbass. La guerra fantasma nel cuore d'Europa
Una terra promessa
Jenin. Un campo palestinese
La società signorile di massa
Dio odia le donne
Stai zitta
I cantieri della storia
Oriente e Occidente
Lo scontro degli Stati civiltà
Manuale del boia
Red mirror
Invisibili
Discorso della servitù volontaria