Saggistica Politica e attualità Il ritorno del principe
 

Il ritorno del principe Il ritorno del principe

Il ritorno del principe

Editore

Casa editrice

Non è vero che la mafia è quella che si vede in tv, e che i corrotti e i criminali sono una malattia della nostra società. Qui, in Italia, la corruzione e la mafia sembrano essere costitutive del potere, a parte poche eccezioni (la Costituente, Mani pulite, il maxiprocesso a Cosa nostra). Ricordate il "Principe" di Machiavelli? In politica qualsiasi mezzo è lecito. C'è un braccio armato (anche le stragi sono utili alla politica del Principe), ci sono i volti impresentabili di Riina, Provenzano, Lo Piccolo, e poi c'è la borghesia mafiosa e presentabile che frequenta i salotti buoni e riesce a piazzare i suoi uomini in Parlamento. Ma il potere è lo stesso, la mano è la stessa. II libro è questo: racconta il fuori scena del potere, quello che non si vede e non è mai stato raccontato ma che decide, fa politica e piega le leggi ai propri interessi. Ci avviamo verso una democrazia mafiosa? Gli italiani possono reagire, è già successo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
 
Il ritorno del principe 2008-09-29 22:58:48 Ivano Basile
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Ivano Basile    30 Settembre, 2008

Perché la corruzione e la mafia in questo Paese

Il saggio di Saverio Lodato e Roberto Scarpinato, scritto sottoforma di intervista in cui il giornalista (Lodato) pone le domande al Pm (Scarpinato), svela le dinamiche dei fuori scena del potere, quello che non si vede e non è mai stato raccontato ma che decide, fa politica e piega le leggi ai propri interessi. La lotta (apparente) del bene contro il male, le numerose stragi del braccio armato, i volti impresentabili di Riina, Provenzano. La mafia non è quella che si vede in tv, o meglio quella è soltanto la punta di un iceberg, che storicamente affonda le sue radici nel dna del potere italiano. Da Machiavelli ad oggi, secondo l’opinione degli autori, la democrazia nel nostro paese rappresenta il miglior involucro per la corruzione e la mafia che sembrano essere costitutive del potere, a parte poche eccezioni (la Costituente, Mani pulite, il maxiprocesso a Cosa nostra). E la cinica frase di Machiavelli “Il fine giustifica i mezzi” sembra avere sempre un fondo di verità: in politica qualsiasi mezzo è lecito. Nella parte meno visibile, perché non svelata dal sistema mediatico-informativo italiano, troviamo la ricca borghesia mafiosa e presentabile che frequenta i salotti buoni e riesce a piazzare i suoi uomini in Parlamento. La democrazia finisce con l’assume i connotati di una democrazia mafiosa. Il compito di salvaguardarla non è più affidata ad una visione classica del giornalismo e della sua declinazione in “watchdog”, bensì nel ruolo attivo delle minoranze, nella loro reazione. Finché sarà possibile trovare riparo sotto il grande ombrello della Costituzione italiana, l’ultimo grande scudo a protezione della società civile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Qualsiasi libro-inchiesta
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La mala erba
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Avere tutto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flashback
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il girotondo delle iene
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.1 (2)
Fairy Tale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Complici e colpevoli
Cacciatore di mafiosi
L'ultima notte di Raul Gardini
Donbass. La guerra fantasma nel cuore d'Europa
Una terra promessa
Jenin. Un campo palestinese
La società signorile di massa
Dio odia le donne
Stai zitta
I cantieri della storia
Oriente e Occidente
Lo scontro degli Stati civiltà
Manuale del boia
Red mirror
Invisibili
Discorso della servitù volontaria