Saggistica Politica e attualità La parola contraria
 

La parola contraria La parola contraria

La parola contraria

Editore

Casa editrice

Il 28 gennaio 2015 ha luogo a Torino la prima udienza del processo in cui Erri De Luca è chiamato a rispondere di istigazione al sabotaggio a favore della protesta No Tav in Val di Susa. Lo scrittore ha rifiutato il rito abbreviato, che si sarebbe svolto a porte chiuse. Prima che il procedimento abbia inizio, Erri De Luca vuol far sentire la propria voce. In un appassionato pamphlet a difesa della libertà di opinione. “Uno scrittore ha in sorte una piccola voce pubblica. Può usarla per fare qualcosa di più della promozione delle sue opere. Suo ambito è la parola, allora gli spetta il compito di proteggere il diritto di tutti a esprimere la propria.” “Nell’aula del Tribunale di Torino il 28 gennaio 2015 non sarà in discussione la libertà di parola. Quella ossequiosa è sempre libera e gradita. Sarà in discussione la libertà di parola contraria, incriminata per questo.”



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuti 
 
4.5  (2)
Approfondimento 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La parola contraria 2015-04-13 17:10:55 Pelizzari
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    13 Aprile, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Je suis Erri

Brevissimo testo, che racconta la vicenda personale dello scrittore Erri De Luca, per cui è in corso da qualche anno ed ancora in questi mesi un processo per essersi schierato dalla parte dei NO TAV della Val di Susa. E’ un vero inno alla libertà di parola, di pensiero e di espressione, che non può lasciare indifferenti, anche perché il pensiero corre, per analogia, anche alla strage di Charlie Hebdo. Nelle prime pagine sono interessanti le considerazioni dello scrittore, che racconta di come un libro possa spostare la direzione della vita, di come anche i giovani possano essere influenzati dal mondo intellettuale, di come la parola, per antonomasia ambito e dominio di uno scrittore, possa determinare anche istigazioni ed influenze. Ma la parte che mi ha più colpito è la forza con cui l’autore difende la propria posizione in questa lotta di prevenzione popolare, di cui si parla tanto sui giornali, ma non forse abbastanza, la grinta con cui rivendica la propria libertà di esprimere il suo pensiero. Libertà. Questa è la parola chiave. Libertà anche di essere contro. Con fierezza e coerenza con i propri valori.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
La parola contraria 2015-02-15 16:23:19 veronic
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
veronic Opinione inserita da veronic    15 Febbraio, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

la letteratura dell'impegno

Ripenso alle prime classificazione letterarie che si imparavano nei primi anni di scuola.
Esistevano gli scrittori della letteratura d’evasione, che nei momenti di dolore e di guerra, sfruttavano i propri talenti letterari per alleggerire la realtà e i cuori dei loro lettori, e poi, esistevano gli autori della letteratura dell’ impegno, che non potevano tacere, e sfruttavano i più dolci vocaboli per affrontare il loro dolore e denunciarlo a nome loro e di chi non aveva voce.

Esistevano ed esistono fino ad ora, solo che alcune firme lasciano più il segno di altre.

Un libro da 4€ perché la verità sia fruibile a tutti e non un esclusiva dei più benestanti.
Poche righe di cuore, accompagnano questa battaglia letteraria e politica.
Erri de Luca ci spiega la sua accusa per Istigazione al sabotaggio dei cantieri Tav.
Ci parla della famosa intervista incriminante lasciata all’huffington Post, in cui difendeva la libertà di espressione dei no-tav, e marciava con loro per la liberazione da un imposizione governativa che non dava udienza alla piccola comunità, e sì, incitava a protestare e combattere per tutto ciò in cui si crede.
Nessun arma, solo la parola di un uomo di grande sensibilità e cultura, nessuna criminalità organizzata, solo una presa di posizione chiara e decisa.
Erri si difende con i suoi strumenti più cari, ci mostra l’etimologia delle parole con cui viene accusato, istigazioni, incitazioni, che in realtà, non hanno condotto a nessuna azione vandalica concreta, ma hanno offeso l’opinione di ben pensanti che impongono la loro opinione.
Uno scontro tra opinioni contrarie, non è un romanzo ma è la vita vera.
Un autore che fa del proprio mestiere una scelta consapevole e impegnata, un atto concreto, oltre le parole, per denunciare la libertà del proprio punto di vista, come scrittore e come uomo.

Con questo testo e questo gesto, si è formata una più solida comunità di lettori,scrittori e politici che dichiarano nella vita e nel web iostoconerri, come sinonimo, io sono per la libertà di espressione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Cacciatore di mafiosi
L'ultima notte di Raul Gardini
Donbass. La guerra fantasma nel cuore d'Europa
Una terra promessa
Jenin. Un campo palestinese
La società signorile di massa
Dio odia le donne
Stai zitta
I cantieri della storia
Oriente e Occidente
Lo scontro degli Stati civiltà
Manuale del boia
Red mirror
Invisibili
Discorso della servitù volontaria
Basta. Il potere delle donne contro la politica del testosterone