Saggistica Politica e attualità Liberi di educare in Italia come in Europa
 

Liberi di educare in Italia come in Europa Liberi di educare in Italia come in Europa

Liberi di educare in Italia come in Europa

Saggistica

Editore

Casa editrice

Chi difende la libertà di scelta educativa non è contrario alla scuola di Stato: è semplicemente contrario al monopolio statale nella gestione della scuola. Il monopolio statale dell'istruzione è negazione di libertà: unicamente l'esistenza della scuola libera garantisce alle famiglie delle reali scelte sia sul piano dell'indirizzo culturale e dei valori che sul piano della qualità e del contenuto dell'insegnamento. Solo che dichiarare giuridicamente uguali Scuola statale e Scuola paritaria finanziando solo la prima e lasciando morire d'inedia la seconda è un ulteriore inganno perpetrato da una politica cieca e irresponsabile.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
 
Liberi di educare in Italia come in Europa 2018-04-28 18:18:56 Angela Arsena
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Angela Arsena    28 Aprile, 2018

Recensione di Angela Arsena

Questo saggio, molto accurato nei rimandi legislativi e nell'analisi di tutta la realtà europea, affronta un tema importante ed attuale nel dibattito contemporaneo dell'educazione: la parità scolastica e la libertà di una scelta formativa. Si è liberi oggi in Italia di poter scegliere l'educazione dei propri figli? E perché questa scelta deve gravare sulle famiglie che pagano due volte: la prima volta con le tasse, partecipando alla spesa pubblica per la scuola di tutti, e la seconda volta con una retta da pagare di tasca propria? Ha lo Stato il dovere di tutelare una scelta educativa ad ampio raggio? Le scuole paritarie e libere hanno un ruolo formativo e pedagogico per il paese? E perché nel resto dell'Europa il problema è stato affrontato e risolto conferendo a tutte le realtà educative pari dignità, anche economica? Questi sono i temi e le questioni che Donato Petti affronta in pagine dense e puntuali. È un libro da consigliare ad educatori, formatori ed interlocutori dell'agenda politica italiana che guarda alla scuola globale e all'Europa moderna e unita, con un monito importante che fa da comune denominatore a tutto il testo: ogni monopolio è una lesione della libertà personale e politica, anche e soprattutto quando il monopolio coinvolge un tema importante per la crescita umana e civile, ovvero la formazione, l'istruzione e l'educazione delle future generazioni.

Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Complici e colpevoli
Cacciatore di mafiosi
L'ultima notte di Raul Gardini
Donbass. La guerra fantasma nel cuore d'Europa
Una terra promessa
Jenin. Un campo palestinese
La società signorile di massa
Dio odia le donne
Stai zitta
I cantieri della storia
Oriente e Occidente
Lo scontro degli Stati civiltà
Manuale del boia
Red mirror
Invisibili
Discorso della servitù volontaria