Saggistica Politica e attualità Terrore e terrorismo
 

Terrore e terrorismo Terrore e terrorismo

Terrore e terrorismo

Saggistica

Editore

Casa editrice

Vi sono elementi di notevole continuità tra il terrorismo come lo conosciamo oggi e la concettualizzazione tradizionale dell'azione rivoluzionaria, in specie anarchica. Ieri come oggi, infatti, e malgrado le apparenze, essa si rivolge non tanto alla popolazione della nazione da colpire ma a un proprio popolo, ad una propria comunità. Gente che va richiamata alla lotta e a cui occorre dimostrare che vincere è possibile, che il debole può sconfiggere il forte. Che la Causa trionferà a patto che altri prendano in mano il testimone lasciato da quella avanguardia che, a rischio o sacrificio della propria vita, ha osato l'inosabile. L'atto «terroristico» non è dunque messo in atto col tentativo primario di terrorizzare ma con quello di conquistare i cuori e le menti di un popolo considerato oppresso, quello con cui si identifica il gruppo autore dell'atto, che attraverso esso combatte anche una sua particolare battaglia per la primazia nel suo schieramento, per essere identificato come il principale portabandiera della propria Causa. Lo scopo del gesto «terroristico» è, in altre parole, quello di delineare, attraverso un'immagine polarizzata sull'asse noi-loro, lo scenario di una guerra, definita in termini assoluti come lo scontro tra il bene ed il male. Francesco Benigno dà corpo e sostanza in modo brillante a questa tesi storiografica conducendo il lettore tra epoche molto diverse: dal Terrore della rivoluzione francese alle bombe anarchiche, dal populismo russo alla Guerra fredda, dagli anni di piombo all'11 settembre.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
3.7
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuti 
 
5.0  (2)
Approfondimento 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
 
Terrore e terrorismo 2019-12-28 18:25:53 Chiara77
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Chiara77 Opinione inserita da Chiara77    28 Dicembre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La violenza in politica

Il saggio storico di Francesco Benigno, professore di Storia moderna alla Scuola Normale Superiore di Pisa, si propone in primo luogo di ricondurre un fenomeno altamente complesso, come il terrorismo, alla sua dimensione storica. Secondo l'autore infatti la produzione scientifica su questo scottante tema si è dedicata a lungo alla ricerca di una formula definitoria del fenomeno, che fosse capace di spiegarlo in maniera univoca. La storia invece è stata troppo spesso messa da parte negli studi sul terrorismo. La storia infatti non si presta a dare risposte predeterminate, la storia registra la molteplicità e la variabilità delle esperienze del passato e ci sbatte in faccia che non tutti i fenomeni sono circoscrivibili ed inquadrabili nell'osservazione da un solo punto di vista.
Prendiamo il terrorismo, appunto. Non a caso Benigno sottotitola il suo lavoro “Saggio storico sulla violenza politica”, perché è proprio della violenza usata in politica che stiamo parlando. Non ha senso distinguere il mondo in persone buone e terroristi, non ha senso presentare il terrorista come il male incarnato in una persona: non ha senso, perché, semplicemente, non ci aiuta a capire. L'autore invece ci invita a ripartire dalla storia per iniziare a capire: precisamente il saggio inizia con la Rivoluzione francese, il periodo storico in cui per la prima volta è stato usato il termine “terrorista” in senso dispregiativo, da quando cioè ha iniziato ad essere considerato un'accusa infamante. Il libro analizza quindi due secoli e mezzo di storia di violenza politica: partendo da Robespierre si parla di Mazzini, dei populisti russi, degli anarchici, del rapporto tra terrorismo e bolscevichi, della guerra totale nel cuore del Novecento, della decolonizzazione in Algeria, degli “anni di piombo” in Europa e in America Latina, fino ad arrivare agli attentati dell'11 settembre e al terrorismo islamico.
Benigno quindi studia e ci ricorda la storia della violenza usata in politica: infatti lo stesso termine “terrorista”, per alcuni è il male assoluto, per altri è invece un combattente per la libertà. Il terrorismo nasce dall'idea che la violenza possa avere una forza rigeneratrice, che dalla violenza possa venir fuori una società nuova e migliore. Qualunque causa che abbia utilizzato la violenza per raggiungere il suo scopo allora può essere definita terrorista. Anche gli Stati nel corso della storia non hanno esitato ad usare la violenza contro persone innocenti, pensiamo a Dresda, a Hiroshima, alla guerra totale innescata dalla Prima guerra mondiale: possiamo ancora affermare che il coinvolgimento della popolazione civile è una specificità del terrorismo? Pensiamo anche a momenti storici e personaggi avvolti da un'aura di eroismo e fascino come ad esempio Ernesto Che Guevara: siamo certi che non abbiano mai usato violenza contro degli innocenti? Inoltre, come non considerare, accanto al terrorismo, il controterrorismo: i due elementi, pur avendo obiettivi e protagonisti coinvolti opposti, in numerose occasioni si sono trovati ad utilizzare le stesse tecniche e gli stessi metodi.
In conclusione quindi, un saggio davvero molto interessante, che vuole riportare il lettore alla dimensione storica del fenomeno. La prospettiva tipicamente storica infatti studia la molteplicità e la variabilità degli eventi e dei processi così come si sono svolti nella realtà sottolineando quindi quanto un fenomeno come il terrorismo sia contraddittorio e non facilmente ascrivibile ad un'unica verità. Un solo appunto che mi sento di fare è che il libro è stato scritto in un modo che non è propriamente appetibile per un lettore medio. Ci sono molti altri saggi storici scientificamente ineccepibili ed altrettanto interessanti che hanno però anche il pregio di farsi leggere con piacere. Questo, purtroppo, non ha tale pregio, anche se il contenuto è trattato in modo veramente molto approfondito.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Lo consiglio agli appassionati di storia e a chi legge abitualmente saggi storici perché lo stile è per addetti ai lavori.
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Terrore e terrorismo 2019-11-24 16:37:04 Mian88
Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    24 Novembre, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Terrore e terrorismo: ieri e oggi.

Con “Terrore e terrorismo” Francesco Benigno riporta la sua attenzione – e per effetto anche quella del lettore – su tematiche di grande attualità ma che in verità sono un fenomeno diffuso e radicato da anni: il terrorismo. Come si è evoluto questo? Come si è giunti a questa dimensione all’interno della quale il fenomeno sembra essersi quasi volatilizzato a fronte delle tante e diverse forme con le quali è giunto a palesarsi?
Ma ciò che è cambiato non è soltanto la tipologia più intrinseca di terrorismo, è cambiato anche il terrorista stesso che in passato era collocato in una dimensione “interna”, mentre, nel presente, nell’oggi, è radicato in una dimensione “esterna” tanto che sempre più sovente è la tendenza ad associarlo all’Islam, alla religione, allo straniero, allo sconosciuto, a ciò che non conosciamo e non possiamo controllare.
Per la sua analisi Benigno parte dalla disamina terminologia del termine stesso di Terrore e terrorismo tanto nell’ottica territoriale italiana quanto in quella europea. Dal punto di vista stilistico l’opera non è appetibile a un pubblico eterogeneo essendo troppo impostato come un saggio di settore e nonostante gli intenti di volersi “aprire” a tutti, di individuare delle costanti del fenomeno terroristico.
Tra i principali obiettivi, il saggiatore cerca di staccarsi dall’idea di terrorismo per approfondire il fenomeno correlato anche alla matrice religiosa.
Fuorviante è il metodo. L’opera è talmente densa di significati e talmente ampia nelle sue descrizioni da tendere ad essere dispersiva. L’autore ha il grande pregio di riuscire ad essere oggettivo ma il conoscitore è chiamato a mantenere un’attenzione costante e vigile. La sua panoramica, sia quando di parla di Cuba che di Papa Giovanni Paolo II, che dagli anni di piombo, non subisce influenze.
Pone una particolare attenzione, ancora, sulla disamina: bene vs male. Benigno ha manifestato la visione di tornare al metodo storico. L’idealizzazione, l’associazione del volto di un costume al volto di un terrorismo. Un’ulteriore interrogazione su cui si sofferma il libro è il considerare la violenza giusta.
Una lettura non semplice ma che invita alla riflessione, che invita alla meditazione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Buono l'approfondimento ma adatto a chi ha conoscenze di settore e curiosità in merito al caso.
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Complici e colpevoli
Cacciatore di mafiosi
L'ultima notte di Raul Gardini
Donbass. La guerra fantasma nel cuore d'Europa
Una terra promessa
Jenin. Un campo palestinese
La società signorile di massa
Dio odia le donne
Stai zitta
I cantieri della storia
Oriente e Occidente
Lo scontro degli Stati civiltà
Manuale del boia
Red mirror
Invisibili
Discorso della servitù volontaria