Dettagli Recensione

 
Dio ingannatore
 
Dio ingannatore 2012-01-10 22:17:44 Sordelli
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Sordelli Opinione inserita da Sordelli    11 Gennaio, 2012
Ultimo aggiornamento: 11 Gennaio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una splendida lettura!

Gabriele è un ragazzo d'oro: accudisce la nonna fino al giorno della sua morte, fa le pulizie, va a far la spesa e cucina. L'unico problema è che Gabriele ha avuto una grave malattia all'età di tre anni: la febbre alta gli ha bruciato le cellule cerebrali e quindi è, come dice lui di sé stesso, "un po' duro di comprendonio". Dopo vari avvenimenti, si ritrova a vivere da solo nella casa acquistata solo due anni prima dalla madre.
Per sopravvivere ha una pensione di invalidità di novecentomila lire, con la quale però deve pagare le bollette, le seicentomila lire di mutuo e farsi la spesa. Una vera impresa. Qualche entrata sembra arrivare dalle pulizie di condominio e dalla nuova occupazione in casa del figlio della defunta vicina. Solo che in quell'appartamento non vi abita il legittimo proprietario: un giorno infatti egli arriva con un personaggio strano che dovrà vivere lì appartato; e da quel momento Gabriele è, in un certo senso, il suo badante: gli fa la spesa, lava i piatti, lava i panni e stira e pulisce la casa.
L'inquilino alle volte è molto maleducato con Gabriele, ma a lungo andare finisce per affezionarsi a quel ragazzo un po’ tontolone, ma tanto premuroso ed efficiente. Tra i due nasce un'improbabile quanto tenera amicizia e Gabriele consuma quasi tutti i pasti a casa dell'uomo, che è un eccellente cuoco.
I soldi però cominciano a scarseggiare, per entrambi i due personaggi. Così l'uomo misterioso, in un gesto di follia, pensa ad una soluzione; l'unica persona che può fare ciò di cui ha bisogno, però, è Gabriele. Come finirà questa storia?
Un romanzo dolcissimo, che non può non smuovere gli animi. Un’amicizia quasi impossibile, tenerissima. Quasi a dimostrare che “il Dio ingannatore”, che ti illude con periodi di felicità per poi bastonarti, non può nulla contro l’affetto sincero.
Mi è piaciuto davvero molto, l’ho finito in un’ora e mezza di viaggio in treno; c’è anche da dire che non ho nemmeno mai alzato gli occhi per vedere dove fossi. Mi ha coinvolto tantissimo e mi ha molto emozionata. Se lo consiglio? Altroché! A chiunque, perché sinceramente ho dei forti dubbi che non possa piacere. Una storia particolare e tenera, scritta in maniera semplice ed proprio per questo che riesce a raggiungere il cuore di tutti.
Oltretutto, condivido assolutamente la teoria (se così possiam chiamarla) del “Dio ingannatore”, quel Dio che ti fa intravedere la luce (la felicità) per poi farti pentire di averla vista, lasciandoti precipitare nel buio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La ragazza sbagliata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Esti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Intima apparenza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri