I Guardiani I Guardiani

I Guardiani

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Napoli non è una città come le altre. Napoli non è neppure una città sola. Perché sotto quella che conosciamo ce n'è una sotterranea, nascosta agli occhi del mondo, con il buio al posto del- la luce. Marco Di Giacomo l'aveva intuito, un tempo, quando era un brillante antropologo e aveva un talento unico nell'individuare collega- menti invisibili tra le cose. Poi qualcosa non ha funzionato e ora, ad appena quarant'anni, non è altro che un professore universitario collerico e introverso, con un solo amico, il suo impacciato ma utilissimo assistente Brazo Moscati. Considerati folli per le loro accanite ricerche sui culti antichi, i due sono costante oggetto dell'ironia di colleghi e studenti. Perciò nessuno si meraviglia quando il direttore del loro dipartimento li spedisce a fare da balie a una giornalista tedesca venuta in Italia per scrivere un pezzo sensazionalistico sui luoghi simbolo dell'esoterismo. Per liberarsi della seccatura, Marco chiede aiuto a sua nipote Lisi, ricercatrice anche più geniale dello zio ma con una preoccupante passione per le teorie complottiste. I quattro s'imbatteranno in una lunga catena di reati e strani eventi, scoprendosi parte di un disegno che potrebbe coinvolgere l'intera umanità. E questo è l'inizio. Solo l'inizio.

Recensione della Redazione QLibri

 
I Guardiani 2017-04-14 15:20:32 Belmi
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    14 Aprile, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un De Giovanni diverso ed è solo l’inizio…

Il professore Marco Di Giacomo e il suo assistente Brazo, specializzati in Storia delle religioni, non sono proprio il fiore all’occhiello dell’Università di Napoli. In particolare, il professore è stato più volte ridicolizzato per le sue idee e le sue ricerche un po’ fuori dagli schemi. Come se i problemi per i due non fossero già molti, gli viene anche affibbiato come compito quello di scortare, in giro per Napoli, la giornalista tedesca Ingrid. Visto che i due non sono molto “pratici” in questioni di donne, il professore decide di coinvolgere anche la nipote, Lisi.

I quattro si ritrovano partecipi di fatti che metteranno le loro vite su binari diversi.

De Giovanni inizia questo nuovo ciclo, abbandonando completamente lo stile dei precedenti. La storia parte veramente bene, con la presentazione dei vari protagonisti e devo dire che Di Giacomo e Lisi occupano subito un posto d’onore nelle mie simpatie, anche il resto del gruppo non è da meno. Se l’inizio è veramente alla grande, durante la lettura, la frenesia di andare avanti un po’ diminuisce anche a causa della trama, che per gran parte del libro lascia un po’ allo sbando il lettore, non riuscendo bene a capire da chi bisogna guardarsi le spalle e da chi no.

Tutto questo smarrimento nel finale viene un po’ ridimensionato e qualcosa ci viene svelato e soprattutto riviene accesa la curiosità e la voglia di sapere come la storia procederà. Si, questo è solo l’inizio e la fine non lascia molte idee sul continuo.

“I Guardiani”, per aiutare il lettore che si vuole avvicinare a questo nuovo testo, ha qualche similitudine con i libri di Dan Brown; non abbiamo il Professore Langdon ma Di Giacomo e gli altri, sono una super squadra di specialisti di culti religiosi. Il problema per il lettore più razionale sarà quello di aprire la mente perché gran parte del libro segue “schemi” non consueti (con l’aggiunta del paranormale). Culti religiosi, una Napoli insolita e molto ignoto sono gli ingredienti di questa nuova avventura di De Giovanni che ha tutti i requisiti per diventare una serie davvero interessante.

Uno stile ben leggibile, ironico e divertente ma anche molto dettagliato e minuzioso, qui si vede bene il gran lavoro che ha fatto l’autore, perché gli argomenti trattati non sono proprio semplici e la cura al dettaglio non può passare inosservata. Un buon inizio, con molta curiosità per il seguito.

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I Guardiani 2017-06-28 15:13:59 Mian88
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    28 Giugno, 2017
Ultimo aggiornamento: 28 Giugno, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Di Giacomo

Marco di Giacomo, docente specializzato, insieme al suo assistente il Dott. Brazo Moscati, in storia delle religione, è considerato un po’ la pecora nera dell’Università di Napoli ed in particolar modo da Gianluigi Fusco, direttore del dipartimento di Scienze antropologiche ed etnologiche della medesima, nonché accademico e saggista rinomato, consulente di ministeri e tribunali, abile politico, attento stratega e, agli occhi di molti, tra cui il professore, uomo da poco.
A seguito dei suoi studi e delle sue scoperte, infatti, il protagonista dell’opera è stato a più riprese ridicolizzato tanto che, ad oggi, sempre meno sono gli studenti che frequentano le lezioni nonché quelli che chiedono di potervisi laureare. Ulteriore complicazione e seccatura è data dal dover “scortare” e fare da guida in giro per la città ad Ingrid, giornalista tedesca interessata alle ricerche dell’italiano. Dopo un’eclatante gaffe, i due, chiaramente inesperti ed incapaci di trattare con l’universo femminile, decidono di contattare Lisi, nipote di Di Giacomo nonché amore segreto di Brazo, che sta portando avanti e sviluppando le ricerche di quello zio così depresso ed arrabbiato con il mondo. Con il proseguire delle vicende, il quartetto, per una serie di avvenimenti misteriosi e alquanto pericolosi, finirà col ritrovarsi invischiato in un qualcosa di capace altresì di mettere a repentaglio le loro stesse vite.
Con “I guardiani” Maurizio De Giovanni dà vita ad un nuovo filone narrativo ben lontano dai precedenti a cui i lettori affezionati sono abituati. Se deciderete di avvicinarvi all’opera, scordatevi tanto le ambientazioni suggestive quanto i protagonisti così ben delineati quali quelli della serie del commissario Ricciardi, quanto quelle avventure ambientate nel commissariato di PIzzofalcone e capitanate dall’ispettore Giuseppe Lojacono.
Il nuovo ciclo che ha inizio con detta opera, non solo abbandona il genere a cui siamo avvezzi ma se ne distanzia anche per tipologia di storia narrata.
Dal punto di vista degli attori questi sono tratteggiati in modo approssimativo, acerbo, ed il mistero alle loro personalità legato è intuibile. L’opera è inoltre caratterizzata dal mutare di prospettiva e voce narrante da un inizio rapido che cattura ed invoglia ad andare avanti che si alterna, intorno a metà del componimento, ad un abbandono di frenesia, ad una battuta d’arresto non indifferente che fa si che lo scorrimento, prima lesto e fluente, diventi lento e talvolta scontato e farraginoso. Questo, è a mio modesto giudizio, determinato dalla presenza di una trama inconsueta, non chiara e che per buona parte dell’elaborato abbandona a se stesso chi legge, risultando quindi incapace di avvincere concretamente il conoscitore.
Un senso di smarrimento, che si ridimensiona sul finale, chiaramente aperto essendo, questo, soltanto il primo di quelle che saranno le nuove avventure a firma De Giovanni.
Mi trovo d’accordo nel riscontrare in questa nuova serie delle similitudini con i libri di Dan Brown, in particolare per la struttura degli attori delle vicende. Non è inoltre facile relazionarsi al componimento essendo questo privo di uno schema narrativo ordinario ed essendo altresì accentuato da caratteri quali culti religiosi e il paranormale. Diversa è anche la penna che contrappone un lato, chiaro ed ironico ma non profondo ed anzi a tratti superficiale, con la ricerca culturale che si è resa necessaria per la stesura.
Credo che si possa tranquillamente affermare che “I guardiani” è un libro adatto a chi è “”vergine”” di De Giovanni e dunque a chi non ha margini di paragone. In tal caso, lo stesso scorrimento si renderà più semplice e tollerabile perché non munito di quella ricerca involontaria dei caratteri propri che nelle opere di questo autore sono evincibili. Al contrario, chi già ne conosce, potrà riscontrare qualche lieve difficoltà, nonché abissali divergenze, tra i precedenti lavori e quello attuale. Andrebbe letto, se possibile, senza paragoni, con la mente libera e sgombra da ogni protagonista da esso creato. Cosa, ammetto, non facile.
In modo asettico direi quindi un ciclo che si fonda su una buona idea di partenza, con le sue pecche dal punto di vista dallo sviluppo, ma che lascia ben sperare per i volumi che seguiranno. L’epilogo, fa infatti, ben presupporre e lascia all’autore possibilità di evolvere la storia a proprio piacimento e senza difficoltà. De Giovanni, ci rimettiamo a te.

« Lo penso spesso, anche quando mi ritrovo a cercare di ricostruire ogni cosa, a scavare nei dati e a elaborare la miriade di notizie e numeri. Per capire il cammino che è stato fatto e quello che resta da fare. Quando mi chiedo il perché, anche se Dio sa quanto e come io cerchi di evitare di pormi questa terribile domanda. [……]Eppure si starebbe a guardare per ore, no? Perché mentre si guarda, la mente trova pace, e comincia a scavare nel suo stesso interno arrivando a profondità impossibili anche solo da concepire.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La ragazza sbagliata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Esti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Intima apparenza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri