Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Il tuo posto nella ragnatela
 

Il tuo posto nella ragnatela Il tuo posto nella ragnatela

Il tuo posto nella ragnatela

Letteratura italiana



Qual è il mio posto nella ragnatela? Quello della mosca o del ragno? È ciò che si chiede Arianna, un'adolescente che vive in una valle alpina del Nord Italia alla fine degli anni Novanta, quando intorno a lei si verifica una serie di tragici incidenti. Sono io la causa? Sono una specie di strega o si tratta solo di coincidenze? La sua ossessione si intreccia in modo drammatico con le vite di chi le sta accanto, fino a svelarne l'origine in un profondo trauma personale e collettivo. Questo romanzo è un thriller psicologico che fonde elementi di vari generi (horror, giallo, drammatico, erotico) dentro una struttura ispirata al linguaggio delle serie TV americane e delle light novel giapponesi, per un'esperienza di lettura ritmata e viscerale.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il tuo posto nella ragnatela 2014-12-18 10:19:47 catcarlo
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
catcarlo Opinione inserita da catcarlo    18 Dicembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il tuo posto nella ragnatela

Il primo romanzo di David Proh narra una piccola vicenda intessuta di sovrannaturale (o forse no?) ambientata in un cupo paesino montano che vien facile collocare fra le Alpi lombarde, essendo originario il nostro di Sondrio. Sul finire del secolo scorso – il che consente l’esibizione di qualche anticaglia informatica - la giovane Arianna comincia a pensare di essere una strega perché i destinatari dei suoi attacchi d’odio (anche momentanei) tendono a fare una brutta fine: la faccenda si complica quando una sua insegnante le racconta una storia parallela avvenuta durante la sua adolescenza, lasciando il loro rapporto sospeso tra attrazione e repulsione. Attorno a loro si muove un buon numero di figure di contorno che offrono punti di vista differenti in modo più o meno lieve, rafforzando l’impressione che il maleficio peggiore sia quello che Arienna (ma perché chiamare il paese con un nome così simile a quello della protagonista?) esercita sui suoi abitanti, costretti, quando va bene, a uniformarsi o andarsene. Come testimoniato dal lungo flashback, forse il male vero si annida nella piccola-città-bastardo-posto, in un’eco kinghiana che conduce a un finale migliore della media consueta del Re. Detto che il libro mi ha riportato alla memoria per motivi diversi un vecchio romanzo Bonelli di Diego Simeoni, ‘Stria’, e un ancor più antico lavoro di Gianfranco Bettin, ‘Nemmeno il destino’, la lettura di queste centocinquanta pagine scorre veloce e sa coinvolgere perché è capace di solleticare la curiosità sull’evolversi della trama e, al contempo, riesce a immergere il tutto in un’atmosfera opprimente al punto giusto. Ovviamente, non tutto funziona, ma sarebbe anche stato eccessivo pretendere il contrario: al dilà del problema (oggettivo) della mancanza di un buon editing, che comunque affligge tutti i lavori pubblicati in proprio, e da quello (soggettivo) di qualche accento di troppo da ‘giovani adulti’, ci sono altri aspetti che sarebbero potuti essere gestiti con maggiore efficacia. Il meno grave è l’eccesso di citazioni, in special modo musicali – e lo scrive un accanito citazionista: non sempre i riferimenti si armonizzano al fluire del racconto, rallentandolo e facendo calare la tensione. Più problematica è la gestione della pletora di personaggi, con alcuni che, seppur in primo piano, non sembrano avere una funzione narrativa definita: in poche parole, si poteva, ad esempio, fare a meno di Alessio e della madre (o almeno ridimensionarli in modo drastico) senza che l’insieme ne risentisse, anzi, magari ne avrebbe guadagnato in compattezza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La testimonianza
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il manifesto del libero lettore
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La neve sotto la neve
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Cacciatori nel buio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo che inseguiva la sua ombra. Millennium 5
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
The Store
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La narratrice sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Bello, elegante e con la fede al dito
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il sentiero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni nostra caduta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ragazza sbagliata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La colonna di fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri