La giostra dei criceti La giostra dei criceti

La giostra dei criceti

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


La giostra dei criceti racconta una rapina e una grande macchinazione. Quattro balordi della mala romana, René, Franco, Cinese e Cencio, hanno organizzato un furto in banca, ma qualcosa andrà storto. Nel frattempo nei palazzi del potere, negli uffici del ministero del Tesoro, alcuni burocrati organizzano una trama allucinante per risolvere drasticamente il problema delle pensioni. Tra questi due mondi apparentemente senza contatto, tra centro e periferia, in cima e in fondo alla scala sociale, tutti cercano la stessa cosa: il colpo grosso e definitivo, quello che ti sistema per sempre. Pubblicato originariamente nel 2007 La giostra dei criceti è satira sociale, suspense, il sentimento e il cinismo, i morti di fame e i morti ammazzati.

Recensione della Redazione QLibri

 
La giostra dei criceti 2017-04-03 19:06:04 Vita93
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Vita93 Opinione inserita da Vita93    03 Aprile, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Fango

Periferia romana. Un concentrato di persone, odori, immagini. Decine di zone industriali e palazzi grigi dove a storie di dignità, sopravvivenza e riscatto fanno da contraltare degrado e abbandono.
Una banda di quattro modesti criminali ha deciso di rapinare una banca per fare il colpo grosso. Per svoltare.
Sembra un colpo facile, tutto è stato preparato nei minimi dettagli. Ma qualcosa va storto e le sirene dei carabinieri arrivano più in fretta del previsto.
Nel frattempo un ingegnere, un onorevole, un generale dell’ esercito e il direttore generale di un ente pensionistico si accordano per risolvere a modo loro un problema che affligge il paese.
Ovvero il problema delle pensioni. O meglio, dei pensionati. Ce ne sono talmente tanti da aver superato di gran lunga il numero dei lavoratori e da rappresentare un freno all’ economia. Serve un taglio netto, una scrematura. Qualcuno in grado di selezionarli in base a specifici requisiti, e qualcun altro in grado di eliminarli.

Antonio Manzini, celebre per la serie del vicequestore Rocco Schiavone, mescola noir, tragedia e comicità in questo interessante e concitato romanzo datato 2007.
Il linguaggio mi ha in parte ricordato Ammaniti, mentre i personaggi principali mi hanno fatto tornare in mente il personaggio de “ Lo Zingaro “ del celebre ed emozionante film “ Lo chiamavano Jeeg Robot “, un altro delinquente di periferia alla costante ricerca del botto, del colpo grosso.

Le tematiche affrontate con ironia tragica da Manzini sono molto più profonde di quanto lo stile vagamente splatter e grottesco potrebbe lasciar supporre.
Emerge un curioso scontro tra generazioni. Tra quella dei lavoratori, di età compresa tra i 30 e i 50 anni, e quella degli anziani pensionati descritti nel libro come beati egocentrici, approfittatori.
Come se i giovani non perdonassero alla generazione precedente di aver vissuto al di sopra delle proprie possibilità e di aver contribuito a creare una situazione di crisi economica scaricando tutto sulle spalle degli attuali lavoratori e contribuenti.
Non mancano riflessioni ciniche su una certa categoria di politici preoccupati a mantenere le proprie posizioni di potere, sul fenomeno dei falsi certificati di invalidità, delle pensioni anticipate o eccessivamente onerose.

I protagonisti però non sono la politica, né l’ Inps, né lo scontro generazionale. Sono gli emarginati, quelli a cui la vita non ha mai regalato niente e che oscillano tra rassegnazione e desiderio di scappare. Piccole marionette prive di senso di comunità, criceti che corrono attorno ad una giostra.
E se guardi solo davanti la giostra non ha vie di fuga, e torna sempre al punto di partenza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La giostra dei criceti 2017-05-25 10:02:04 Mian88
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    25 Mag, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Disincanto

Roma, periferia. Un gioco da ragazzi, una “cosetta” facile facile doveva essere quella rapina in cui René si è trovato coinvolto. Non doveva essere altro che il colpo risolutivo, il colpo che avrebbe cambiato le sorti sue e dei tre compagni di avventura. Chi avrebbe mai detto che la macchina si sarebbe incagliata, chi avrebbe mai previsto quelle conseguenze. Eppure si sa, nella vita, le cose non sono mai così semplici come ci vengono proposte. Diego, dal suo canto, una mattina come tante inizia ad accorgersi di quella irregolarità di una cartella, poi di quell’altra, e poi di quell’altra ancora, e da lì ha avvio quella sequela interminabile di giudizi di non conformità che lo trascineranno in un vortice ancora più grande. Sullo sfondo un ingegnere, un onorevole, un generale dell’ esercito e il direttore generale di un ente pensionistico, che, credendosi Dio, ritengono di aver risolto uno dei problemi che maggiormente affliggono l’Italia: LE PENSIONI, o meglio ancora, I PENSIONATI. Sono troppi. C’è poco da fare. Il loro numero ha ampiamente superato quello dei lavoratori, come negare dunque, che sono diventati un problema? Come non ritenere necessario un taglio, come non ritenere necessaria una scrematura? Vanno selezionati e quelli che non sono conformi ai requisiti previsti, devono semplicemente essere eliminati. Così è e così deve essere. Punto.
Romanzo d’esordio di Antonio Manzini, “La giostra dei criceti” classe 2007, è un testo capace di connubiare in un colpo solo tragicità, comicità, noir lasciando il lettore preda di riflessione e – in taluni casi – sgomento.
A tratti grottesco, l’elaborato affronta tematiche di vario genere che vanno del degrado, dall’abbandono, dalla voglia di riscatto, dall’inesorabilità dell’esistenza, allo scontro tra generazioni. L’autore, riesce dunque a fotografare con acume e dovizia quella che è la realtà attuale concentrandosi, in particolare, sulle classi di lavoratori, e più precisamente soffermandosi, da un lato, su coloro che sono ancora in forze, presumibilmente tra i 30 e i 50 anni di età, e dall’altro, su chi invece è giunto al traguardo tanto ambito di porre la parola fine agli anni di onorato servizio.
Non mancano critiche ai sistemi legislativi in materia di diritto del lavoro del passato così come non mancano quelle riservate alle classi governanti, focalizzate, senza troppi mezzi termini, sul mantenimento delle proprie pretese e posizioni di potere più che su quelle dei ceti meno abbienti, e come ancora non mancano quelle relative agli sciacalli che, con falsi certificati, ottengono, immeritatamente, pensioni anticipate, assegni di invalidità, ed ogni altra agevolazione possibile, a danno di chi invece veramente avrebbe diritto di usufruirne.
Ma i protagonisti non sono soltanto questi “criceti” alla ricerca della loro occasione, non sono soltanto i politici, non sono soltanto gli approfittatori, e non è soltanto lo scontro generazionale con ogni conseguente recriminazione al seguito; protagonisti sono anche e non di meno gli emarginati, coloro che vivono tra il desiderio di scappare e lasciarsi tutto alle spalle e la rassegnazione di non poterlo fare, coloro che corrono attorno a quella giostra manovrata da mani altrui che gira e rigira per tornare sempre al punto di partenza..

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
La giostra dei criceti 2017-05-13 17:56:51 ornella donna
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    13 Mag, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il crollo delle illusioni in Antonio Manzini

La casa editrice Sellerio pubblica quello che è stato il romanzo d’esordio di Antonio Manzini, La giostra dei criceti.
L’autore ci narra la corsa disperata di “quattro criceti”, ovvero di quattro balordi di periferia che organizzano una rapina, che dovrebbe segnare il mutamento definitivo della loro vita. Svolta che crede di trovare anche un altro personaggio quando si imbatte casualmente in una grossa cifra di denaro. Svolta che contemporaneamente credono di aver ideato nei palazzi del potere per risolvere il problema dei costi delle pensioni.
Sono storie che si incroceranno in un vortice di avventure che si muovono tra il tragico, il comico e il grottesco. Non mancano i morti e tanto sangue a ricoprire una lotta impari, dove tutti cercano di ingannare gli altri. Tutti i personaggi sono eterogenei, in questo testo che unisce l’umorismo nero all’azione, e che getta uno sguardo impietoso su una realtà che unisce i quartieri periferici di Roma con i grandi e potenti palazzi del Ministero. Sono tutti alla ricerca spasmodica del colpo grosso, quello che sistema per sempre. Ma qualcosa andrà storto: una talpa nel gruppo farà saltare il colpo in banca, e di conseguenza all’interno della stessa scoppia una faida tesa alla scoperta dello “sporco doppio giochista”. L’impiegato rampante rimane, invece, invischiato nella palude olezzante del proprio passato. E’ un gioco al massacro che ricorda un po’ i libri di Lansdale. Un noir duro, scritto, però, con la solita giusta dose di ironia e di cinismo. La facciata di perbenismo e di finta compassione è frantumata con decisione, senza inutili filtri. Bellissimo il tratteggio spietato dei politici e dei carrieristi e delizioso il discorso che ad un certo punto mette in bocca ad prete: ragionamento strepitoso nella sua assurda e delirante logica.
Una lettura che nella sua drammaticità strappa sorrisi al lettore, inducendo alla riflessione. Uno spaccato di umanità tragicamente reale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto tutti i libri di Antonio Manzini con protagonista Rocco Schiavone.
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Babilonia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cortile Nostalgia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il collezionista di conchiglie
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Britt Marie è stata qui
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Volevo tacere
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I quarantuno colpi
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Allontanarsi. La saga dei Cazalet
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Il caso Malaussène
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Prendiluna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per te morirei e altri racconti perduti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tra loro
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il porcospino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri