La poltrona del re La poltrona del re

La poltrona del re

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di La poltrona del re, romanzo di Fabrizio Rinaldini pubblicato da Edizioni Agemina. Fabrizio Rinaldini, toscano, al suo secondo romanzo giallo, con “La poltrona del re” dà una prova magistrale di giallista e narratore abile nel creare atmosfere realistiche e nel tenere il lettore col fiato sospeso, in un crescendo di tensione, di curiosità, di concretezza, fino all’ultima pagina. Il giallo trae origine dalla guerra civile del 1944, combattuta in questo caso nel contado fiorentino con piena vittoria di pochi ‘eroici’ partigiani tra i quali trova posto anche qualche evaso dal carcere di Santa Teresa a Firenze. Un antefatto, dunque, che ha i colori della storia e che trova il suo sviluppo e il suo tragico epilogo negli anni ’90. L’imprevisto e l’imprevedibile tessono tutto il plot con una successione di colpi di scena, di piccole realtà, il cui risvolto finale si evolve in modo del tutto inatteso. I delitti appaiono così ben mascherati da far pensare a una serie di suicidi e il lettore, dopo le prime pagine, viene coinvolto in una specie di intrico dove lui stesso diventa il protagonista che indaga ed esplora per conoscere il lato oscuro della vicenda e arrivare alla soluzione finale. Così le pagine si dilatano, si ingrossano, in una prodigiosa affabulazione, in un dispiegarsi di turbamenti e suggestioni e il percorso, tra sussulti e delusioni, si fa sempre più incalzante, enigmatico, tormentato, travolgente. E, a distanza di 50 anni, quando tutti hanno già dimenticato quella triste pagina di storia del ’44 e qualcuno, dal passato oscuro, sta tentando la scalata politica, Gianna, nipote della prima vittima - vittima lei stessa di una lacerante violenza giovanile - e il suo compagno, Simone, con testardaggine e pochissimi labili indizi in loro possesso, lottano per risalire alla fonte dei misfatti e incastrare gli autori del diabolico piano. Gianna e Simone, protagonisti del romanzo, sono descritti con eccezionale forza pragmatica, ma anche gli altri personaggi de “La poltrona del re” sono delineati in modo così chiaro e incisivo da lasciare un’impronta indelebile, come Ezio o Lisetta Marchini, quasi scolpiti con pochi energici tratti. Perché una delle caratteristiche letterarie di Fabrizio Rinaldini è quella della scrittura asciutta, scarna, ma vigorosa ed eloquente. L’amore tra i due protagonisti gioca la parte dominante del romanzo mentre un gatto sornione riempie la scena con la sua presenza davvero ineffabile.

Fabrizio Rinaldini è nato 55 anni or sono nel comune di Scandicci e lì attualmente risiede dopo vari trasferimenti. Una militanza politica decennale e una lunga disavventura giudiziaria gli hanno permesso di assaporare l’equanimità dell’italica legge. Dopo un matrimonio durato poco e finito male, qualche anno trascorso in Africa e in America del Sud per lavoro, molte amicizie sbagliate e poche “fratellanze” vere e proprie, più di un legame sentimentale finito peggio del matrimonio, ha deciso che la cosa più divertente di tutte è scrivere. Così scrive per gioco e legge per passione. Ama la letteratura e la storia. Frequenta archivi e biblioteche per ricerche improbabili, traduce articoli dall’inglese, fra lunghe camminate a passo veloce (quelle che i salutisti maniaci chiamano fitwalking), molti libri letti e tantissimi da leggere, qualche concerto, un po’ di teatro e il lavoro di sistemista informatico. Non cambierebbe il luogo in cui vive neppure con un attico a Manhattan con vista sull’Hudson, mantiene vivi i legami con la propria comunità ideale, ama i gatti, la birra Weisse, i Pink Floyd, Shakespeare, l’irraggiungibile Céline e ‘Non, je ne regrette rien’ di Edith Piaf che (potenza dei numeri) è stata scritta nello stesso anno in cui è nato. Ha pubblicato il suo primo giallo di successo: “In morte di un collega” con Sassoscritto Editore.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La poltrona del re 2011-11-06 18:08:11 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    06 Novembre, 2011
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un giallo fra ieri e oggi

In epoca giovanile il genere giallo mi ha appassionato molto e mi ha portato a conoscere autori famosi come Agatha Christie, Georges Simenon, Arthur Conan Doyle e Ed McBain, tanto per citarne alcuni che mi vengono in mente. Poi, nell’età intermedia, ho privilegiato altre letture e più recentemente, ma in misura sporadica, mi sono deliziato con i commissari Montalbano, di Andrea Camilleri, e Ricciardi, di Maurizio de Giovanni. Quello che mi piace in questo genere è la struttura, con l’immancabile omicidio, le indagini e infine la scoperta del colpevole per merito o di un investigatore privato o di un poliziotto.
La poltrona del re, pur nel paradigma classico del giallo, ha la caratteristica di non presentare un professionista dell’indagine e in questo senso, come apre, chiude anche la storia, perché è pressochè impossibile ipotizzare un seguito, ovviamente con una vicenda diversa, appunto perché il protagonista non è un detective, bensì un normale cittadino come noi che, tuttavia, seguendo un filo logico e alla portata di individui privi di esperienza perviene ugualmente alla soluzione.
L’autore è toscano e pure l’ambientazione è propria di questa bella regione italiana, in una piccola realtà dove tutti, più o meno, si conoscono tanto da sapere pregi e difetti, non solo del presente, ma anche del passato.
E’ gente normalissima, eppure lì si celano un usuraio, uno stupratore e anche gli assassini.
E’ inutile raccontare la trama, perché si toglierebbe il piacere della lettura, ma mi preme dire che Rinaldini ha creato una serie di personaggi, del tutto credibili, che girano nella vicenda con una precisione rimarchevole, in una sorta di indissolubile catena che scorre bene oliata.
Così troviamo un impiegato dai trascorsi giovanili nei movimenti eversivi di destra, amico di un ex partigiano comunista, la nipote di quest’ultimo, un parroco che cerca solo di badare ai fatti suoi, un brigadiere dei carabinieri un po’ prevenuto e tracotante, una vicina di casa spiona e maldicente, un politico che aspira a diventare parlamentare, un giornalista che fantastica, ma nemmeno troppo, insomma un campionario di varie umanità che interagiscono e le cui vite scorrono spesso parallele, ma poi finiscono inevitabilmente con l’incrociarsi.
E poi ci sono due strane morti, cioè due suicidi che lasciano perplessi nella loro modalità di esecuzione, la scomparsa di un ragazzo avvenuta negli anni ’50, l’assassinio di una donna a colpi di arma da fuoco, le voci di un tesoro sottratto ai tedeschi dai partigiani.
I personaggi sono ben definiti, così come l’ambientazione, e ciò nonostante una scrittura scarna, essenziale, che non indulge a descrizioni particolareggiate, preferendo lasciare spazio all’evolversi della vicenda che poco a poco avvince il lettore, obbligandolo di fatto a proseguire, pagina dopo pagina, per poter infine essere edotto di ciò che è accaduto, dei moventi dei delitti e soprattutto dei nomi dei loro autori, circostanza questa che, come in ogni giallo che si rispetti, avviene alla fine, sulla base di una logica stringente che porta a dire che effettivamenti i colpevoli non potevano essere che quelli.
La poltrona del re è un buon romanzo, di facile e gradevole lettura, e pertanto lo consiglio caldamente.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Peste
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Avrò cura di te
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Applausi a scena vuota
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il Grande Romanzo Americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il cerchio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le canzoni dell'aglio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La regola dell'equilibrio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una lacrima color turchese
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Se chiudo gli occhi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo è un grande fagiano nel mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Morte in mare aperto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Uno splendido sbaglio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)