Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Le righe nere della vendetta
 

Le righe nere della vendetta Le righe nere della vendetta

Le righe nere della vendetta

Letteratura italiana

Editore



Mantova 1585. Alla corte dei Gonzaga una torrida estate porta con sé aria di morte e di oscure superstizioni. Biagio dell’Orso, affascinante capitano di giustizia, viene svegliato a notte fonda: l’architetto Vannocci è stato assassinato nel suo studio; sul pavimento, in mezzo ai colori, il disegno di una pianta rigata col nero. Intanto, in città si aggirano le cappe nere dei domenicani: l’inquisitore Giulio Doffi sta aspettando il momento opportuno per condannare senza processo una giovane strega. Biagio dell’Orso sebbene molto stimato a corte, non è benvisto dalla Santa Inquisizione. Non ama le prepotenze né i compromessi, ma la sua irruenza viene costantemente tenuta a freno da Marcello Donati, prudente consigliere ducale. La morte dell’architetto fa riaffiorare il passato del famoso pittore di corte Giulio Romano, portando il capitano ad indagare prima nella Firenze medicea, poi nella Venezia della sua amata Rosa. Cercare di salvare un’ innocente dal rogo, invece, lo costringerà a scomode scelte.

Recensione della Redazione QLibri

 
Le righe nere della vendetta 2012-03-14 11:23:01 Ginseng666
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Ginseng666 Opinione inserita da Ginseng666    14 Marzo, 2012
Ultimo aggiornamento: 14 Marzo, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una storia avvincente...

Veramente non mi sembra un libro scritto da un autore emergente: è presentato con maestria e intelligenza; la nostra giovane autrice ci introduce nell'oscuro e affascinante Medioevo, mostrandoci i costumi e le abitudini degli individui di quell'epoca: epoca difficile e sanguinosa, in cui i potenti spadroneggiavano, in cui si poteva uccidere anche per futili motivi, in cui anche gli innocenti potevano perire per mano di zelanti inquisitori o essere scomunicati dal papa per aver composto un libretto dalle figure oscene....
Noi che invece fortunatamente siamo protetti dalla legge, possiamo sorridere di certe barbare usanze e sicuramente non vorremmo mescolarci con i nostri predecessori, senza pensare a quanti uomini valorosi sono morti in quell'epoca di barbarie, prima che la mente umana...durante quei bui secoli fosse rischiarata dal seme della civiltà...
Ricordiamoci però che portiamo dentro il nostro DNA il germe ambiguo della violenza e ciò è testimoniato anche dagli efferati casi di violenza omicida che ancora si scatena nel nostro mondo civile, nonostante il progresso....adesso non abbiamo neanche la scusa di vivere nell'oscuro medioevo...
Per il fascino occulto che trasuda dalle pagine di questo libro, di cui consiglio la lettura a tutti coloro che sono appassionati di gialli e anche agli amanti della storia, mi sono uscite queste amare riflessioni...
Ma ritornando al libro è veramente meritevole di attenzione. Un sincero complimento all'autrice.
Saluti.
Ginseng666

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le righe nere della vendetta 2015-07-08 08:41:30 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    08 Luglio, 2015
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non solo veleni

Oreste Vannucci, il prefetto delle fabbriche dei Gonzaga, viene rinvenuto morto nel suo appartamento senza segni apparenti di violenza. Si scoprirà ben presto che è stato assassinato per mezzo di una camicia intrisa di un potente veleno; le indagini, per scoprire il movente e l’omicida, .sono avviate dal capitano di giustizia Biagio dell’Orso, un uomo tenace e mai domo.
Inizia così il giallo storico scritto da Tiziana Silvestrin, una narratrice mantovana, appassionata di storia e in particolare di quella dei Gonzaga.
Fra colpi di scena, tra personaggi esistiti realmente e con una storia parallela che vede protagonisti contrapposti Lucilla, una bella ragazza con vocazione da medico e il domenicano Giulio Doffi, capo della locale Santa Inquisizione. si sviluppa una trama quanto mai avvincente, capace di tenere il lettore con il fiato sospeso dall’inizio alla fine.
Lo stile non ridondante, ma nemmeno scarno e che definirei sobrio, l’esatta descrizione dei protagonisti, sia quelli esistiti veramente, sia quelli di fantasia, l’atmosfera di tensione sono innegabili qualità di questo romanzo, a cui in verità mi sono accostato con un po’ di titubanza, forse perché temevo fosse uno di quei prodotti in cui, a fronte di una vicenda intricata, si trascurava tutto il resto. E invece ho dovuto ricredermi, perché non si tratta di un’opera marginale, ma di un lavoro di eccellente qualità, come non se ne trovano tanti in giro, e credo che alcuni scrittori, immeritatamente blasonati, proverebbero invidia, solo se avessero l’umiltà e la compiacenza di leggerlo. Quel che intendo dire è che Le righe nere della vendetta meriterebbe un successo e una notorietà ben superiori. Dopo questo breve inciso, che tende a dimostrare che l’essere bravi autori sovente non è sufficiente per entrare nelle grazie di un numero rilevante di lettori, ritorno al romanzo della Silvestrin.
Il capitano di giustizia, il nostro eroe, arriverà alla soluzione del caso, seguendo un filo logico che non fa una grinza, tanto che chi legge perverrà insieme a lui a scoprire il movente e l’assassino. Biagio dell’Orso è il Maigret dell’epoca e oltre a destare una immediata simpatia, ne ha anche alcune caratteristiche, come quello di essere sì intransigente nell’esercizio delle sue funziono, ma anche di essere dotato di una forte carica umana.
In questo giallo storico ho molto apprezzato le splendide descrizioni di Mantova nel XVI secolo e così palazzi, piazze, vie e chiese si materializzano davanti agli occhi, tanto da non sembrare antiche e immote vestigia, bensì vive, come le genti che vi si trovano, una sensazione particolarmente piacevole e realistica che é un valido “di più” nel contesto dell’opera.
Sono 292 pagine, che ho letto in pochissimo tempo, teso sempre a seguire quel filo logico per arrivare alla verità, un’impazienza che contrastava con il nascosto desiderio che la lettura non avesse termine. E, invece, per quanto ampiamente soddisfatto, sono purtroppo giunto alla conclusione, ma questo naturale rammarico è attenuato dal fatto che Tiziana Silvestrin ha scritto altri due romanzi con protagonista Biagio dell’Orso, libri che mi sono ripromesso di leggere quanto prima.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Forse Esther
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ragazza del treno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
Come i fiori di notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il Grande Male
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La verità delle ossa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Musica dalla spiaggia del paradiso
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Solitude Creek
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Come diventare una ragazza
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Fumisteria
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'affare cage
Valutazione Redazione QLibri
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Grey
Valutazione Utenti
 
2.3 (3)
Le vedove del giovedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)