Le righe nere della vendetta Le righe nere della vendetta

Le righe nere della vendetta

Letteratura italiana

Editore



La presentazione e le recensioni di Le righe nere della vendetta, opera di Tiziana Silvestrin edita da Scrittura e Scritture. Mantova 1585. Alla corte dei Gonzaga una torrida estate porta con sè aria di morte e di oscure superstizioni. Biagio dell’Orso, affascinante capitano di giustizia, viene svegliato a notte fonda: l’architetto Vannocci è stato assassinato nel suo studio; sul pavimento, in mezzo ai colori, il disegno di una pianta rigata col nero. Intanto, in città si aggirano le cappe nere dei domenicani: l’inquisitore Giulio Doffi sta aspettando il momento opportuno per condannare senza processo una giovane strega. Biagio dell’Orso sebbene molto stimato a corte, non è benvisto dalla Santa Inquisizione. Non ama le prepotenze né i compromessi, ma la sua irruenza viene costantemente tenuta a freno da Marcello Donati, prudente consigliere ducale. La morte dell’architetto fa riaffiorare il passato del famoso pittore di corte Giulio Romano, portando il capitano ad indagare prima nella Firenze medicea, poi nella Venezia della sua amata Rosa. Cercare di salvare un’ innocente dal rogo, invece, lo costringerà a scomode scelte. Dopo I leoni d’Europa, tornano gli intrighi e gli omicidi della Mantova cinquecentesca e il protagonista indiscusso, Biagio dell’Orso che ha appassionato nel precedente mistery.

Recensione della Redazione QLibri

 
Le righe nere della vendetta 2012-03-14 11:23:01 Ginseng666
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Ginseng666 Opinione inserita da Ginseng666    14 Marzo, 2012
Ultimo aggiornamento: 14 Marzo, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una storia avvincente...

Veramente non mi sembra un libro scritto da un autore emergente: è presentato con maestria e intelligenza; la nostra giovane autrice ci introduce nell'oscuro e affascinante Medioevo, mostrandoci i costumi e le abitudini degli individui di quell'epoca: epoca difficile e sanguinosa, in cui i potenti spadroneggiavano, in cui si poteva uccidere anche per futili motivi, in cui anche gli innocenti potevano perire per mano di zelanti inquisitori o essere scomunicati dal papa per aver composto un libretto dalle figure oscene....
Noi che invece fortunatamente siamo protetti dalla legge, possiamo sorridere di certe barbare usanze e sicuramente non vorremmo mescolarci con i nostri predecessori, senza pensare a quanti uomini valorosi sono morti in quell'epoca di barbarie, prima che la mente umana...durante quei bui secoli fosse rischiarata dal seme della civiltà...
Ricordiamoci però che portiamo dentro il nostro DNA il germe ambiguo della violenza e ciò è testimoniato anche dagli efferati casi di violenza omicida che ancora si scatena nel nostro mondo civile, nonostante il progresso....adesso non abbiamo neanche la scusa di vivere nell'oscuro medioevo...
Per il fascino occulto che trasuda dalle pagine di questo libro, di cui consiglio la lettura a tutti coloro che sono appassionati di gialli e anche agli amanti della storia, mi sono uscite queste amare riflessioni...
Ma ritornando al libro è veramente meritevole di attenzione. Un sincero complimento all'autrice.
Saluti.
Ginseng666

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate (quindi non scrivere solo 'e' un bel libro');
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms ne' errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire piu' di 3 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no