La classe dei misteri La classe dei misteri

La classe dei misteri

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


I lunghi corridoi dalle finestre a bifora sono illuminati dalla fredda luce del sole d'autunno. Sta per cominciare un nuovo anno scolastico a St Oswald, un prestigioso collegio per soli ragazzi nel Nord dell'Inghilterra. E, come ogni anno, i professori si ritrovano per la riunione inaugurale del corpo insegnante. Ma stavolta l'anziano Roy Straitley, docente di lettere classiche, si rende conto che il clima è ben diverso dal solito. Durante l'anno precedente, molti eventi inquietanti hanno minato la serenità e il buon nome della scuola. Ecco perché, per contrastare la crisi, è stato scelto un nuovo Rettore. Ed è proprio questa scelta a lasciare l'anziano professore spiacevolmente stupito: a guidare la scuola sarà Johnny Harrington, una sua vecchia conoscenza. Un suo ex studente legato a una brutta storia. Tutta la scuola ne è affascinata, ma Straitley non si fida. C'è qualcosa in lui che gli sfugge. E man mano che la nuova gestione si afferma a St Oswald, il passato ritorna senza pietà con le sue violenze nascoste. Solo il professore è in grado di fermare tutto questo. Ma quando si avvicina alla verità, Straitley capisce di dover compiere una scelta. Fare giustizia o salvare la scuola a cui ha dedicato la sua intera vita?

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La classe dei misteri 2017-03-17 08:06:39 cosimociraci
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
cosimociraci Opinione inserita da cosimociraci    17 Marzo, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vivere è il nostro primo insegnamento

Ho trovato molto indovinato il paragone tra la nave e la scuola. Di come navigare significhi vivere, il che non è limitato al solo studio ma al rapportarsi con ogni componente del micro-cosmo scolastico.

L'autrice dimostra come sia possibili naufragare e come arroganza, bigottismo e l'ignoranza degli adulti possano spingere i ragazzi da provetti marinai a pirati, assumendo sempre più il ruolo di bulli o di vittime. Non solo gli alunni ma anche alcuni insegnanti sono vittime. I tempi sono cambiati e con esso gli insegnamenti e chi non si adegua annega buttato giù dal ponte.

Il romanzo è affrontato con la delicatezza a cui l'autrice ci ha abituato, anche se nella parte centrale la trama si arena un po', come se la Harris faticasse a svilupparla nel passare alla fase successiva del racconto.

L'argomento dell'omosessualità è ancora molto delicato da affrontare appieno senza il rischio di cadere nell'equivoco o nell'offesa. I tempi passano ed i problemi si spostano: bianchi, neri, ricchi, poveri, ladri, furbetti, omofobici, omosessuali. Se l'impegno che mette l'uomo ad etichettarsi, fosse orientato al comprendersi a vicenda, forse avremmo una nave più grande in cui c'è spazio per tutti.

Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
La classe dei misteri 2017-02-20 15:46:24 Chiara77
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Chiara77 Opinione inserita da Chiara77    20 Febbraio, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

In loco parentis


Siamo a St.Oswald, una scuola privata maschile del nord dell'Inghilterra, nell'autunno del 2005.
L'anziano professore di latino, Roy Straitley, si accinge ad iniziare un nuovo anno scolastico: la scuola sarà guidata da un nuovo Rettore. La sorpresa è veramente grande quando il professore si rende conto che il giovane Rettore, bello e perfetto solo in apparenza, non è altri che un suo vecchio allievo, Johnny Harrington, che ha trascorso a St. Oswald alcuni mesi del 1982. Il vecchio Straitly non si fida di Harrington, che è legato ad un'oscura vicenda accaduta in quel primo trimestre del 1982 e che riporta alla luce vecchie ferite mai rimarginate.
Il nuovo Rettore è anche deciso a snaturare il vecchio spirito della scuola, usando lo sciocco motto “Progresso nella tradizione” si propone di rottamare antiche tradizioni e valori e... anziani docenti. Ormai i tempi sono cambiati, l'educazione degli alunni è molto cambiata rispetto agli ideali di Straitley.
“In loco parentis. Un tempo significava: “Comportati come un genitore ragionevole.” Oggi praticamente nessuno sa cosa significhi. E poi, la maggior parte dei genitori oggigiorno non è affatto ragionevole. Sono litigiosi, legittimati a esprimere la loro opinione, creduloni, difensivi, maleducati e ossessionati dallo spendere bene i propri soldi. Come dice il Nuovo Rettore: non più genitori, ma clienti.”
Straitley, quasi da solo, o con pochi ambigui aiutanti riuscirà a salvare St.Oswald, fare luce su una vecchia ingiustizia e rimandare ancora un po' la temuta pensione?
Il lettore viene accompagnato dalla scrittura accattivante della Harris a chiarire l'enigma in cui niente è come sembra.
Consiglio vivamente la lettura di questo libro, che mi è piaciuto davvero tanto, non solo perché il ritmo è abbastanza incalzante e si susseguono i colpi di scena che tengono l'attenzione del lettore alta. Mi è piaciuta soprattutto l'ambientazione scolastica, le riflessioni sul mestiere di insegnante fatte finalmente “da dentro”. Si capisce benissimo che l'autrice sa di cosa sta parlando (al contrario della maggior parte dei libri che ho letto con personaggi insegnanti). Il vecchio professore non è descritto come il solito fallito che fa un mestiere pagato poco, ma come un uomo che ama profondamente il proprio lavoro, si prende cura dei suoi alunni, tutta la sua vita è racchiusa in St.Oswald. Purtroppo, come in ogni altra parte della società, anche nella scuola si nascondono ombre, angosce, disperazione e diversità, insieme a speranze, amore, amicizia, solidarietà, portate dall'umanità che vi si racchiude.
“Mi ha fatto un sorriso, un pochino troppo smagliante. “Pure tu dovresti pensare alla pensione. Vedere il mondo prima che sia troppo tardi.”
Ho scrollato le spalle e ho spento la sigaretta. “Perché prendersi il disturbo? Qui c'è tutto.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

I Guardiani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Anime scalze
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bruciare tutto
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Io sono Dot
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Leggenda privata
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'amore che mi resta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quasi niente
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Da dove la vita è perfetta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La musa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre piani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La paura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri