Prima di cadere Prima di cadere

Prima di cadere

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Una sera d'estate i membri di due ricche famiglie newyorkesi e un pittore fallito salgono su un volo privato di ritorno dal mare. Il loro doveva essere un breve viaggio, invece, sedici minuti dopo il decollo, l'aereo precipita nelle acque dell'oceano. Gli unici superstiti sono Scott Burroughs, l'artista, e un bambino di quattro anni, ora unico erede di un impero economico, che l'uomo è riuscito a salvare. Mentre i media avanzano ipotesi di complotto, la polizia e i servizi segreti scandagliano nelle esistenze dei passeggeri. Da eroe, Scott si ritrova a essere un sospettato. E anche il prezioso legame che ha instaurato con il piccolo sopravvissuto comincia a essere corroso dalle insinuazioni.

Recensione della Redazione QLibri

 
Prima di cadere 2017-02-22 13:49:43 Belmi
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    22 Febbraio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Esistono gli incidenti?

Per chi fosse alla ricerca di adrenalina, suspense e colpi di scena, posso tranquillamente dire che continuare la lettura di questa recensione e quindi la lettura del libro, è una cosa inutile.

Noah Hawley nel suo libro racconta la storia di una tragedia “Che cosa è successo nei diciotto minuti tra il momento in cui le ruote si sono staccate dall’asfalto e quello in cui l’aereo ha toccato la superficie dell’oceano? C’erano guasti meccanici?”.

Siamo in America è su un jet privato si trovano undici persone: tre fanno parte dell’equipaggio; poi abbiamo i Klipling, (una coppia molto facoltosa), la famiglia Bateman (una ricchissima famiglia), composta dai genitori David e Maggie, una bambina di nove anni e il fratellino di quattro e la loro guarda del corpo; a quest’omogeneo gruppo di ricchi si unisce Scott Burroughs, uno squattrinato pittore che stona un po’ con il resto.

Dopo soli diciotto minuti di volo l’aereo precipita e solo in due si salvano, il piccolo JJ e Scott. Le dinamiche dell’incidente o presunto tale restano ancora oscure, cosa è realmente successo su quel volo? Come mai Scott è riuscito a salvarsi? “Forse è solo un tizio che è salito sull’aereo sbagliato e ha salvato un bambino”?

“Prima di cadere” oltre che raccontarci il presente ovvero il susseguirsi degli eventi, scava anche sui singoli protagonisti, raccontandoci di ognuno di loro il passato ma soprattutto i segreti, fino all’arrivo su quel maledetto volo. Sono molte le teorie avanzate: complotto, terrorismo, arte, incidente o destino? Gli scheletri nell’armadio dei singoli passeggeri sono veramente molti. Tra le persone che si ritrovano a “indagare” risaltano sicuramente la figura dell’ingegnere Gus e l’ingestibile presentatore televisivo Bill.

Hawley cerca più volte di depistare il lettore e sicuramente lo fa arrabbiare quando mostra in maniera piuttosto realista come viene gestita la tragedia dal mondo dei media. La privacy sembra non esistere e quello che sembra ovvio alla fine potrebbe non esserlo. Quante volte da eroi si diventa sospettati?

L’autore riesce a gestire veramente bene la situazione e l’attenzione del lettore non cala pur mancando colpi di scena e situazioni adrenaliniche. In maniera posata, chiara e intrigante (questo elemento non manca) Hawley mi ha tenuto incollata alle pagine, e stiamo parlando di un libro che ne conta ben 463. L’unica pecca la posso trovare sul finale, che viste le aspettative create “si sgonfia” un pochino, questo non incide però sul fatto che l’autore che è al suo quinto libro abbia fatto un buon lavoro.

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Prima di cadere 2017-06-26 10:28:29 lapis
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
lapis Opinione inserita da lapis    26 Giugno, 2017
Ultimo aggiornamento: 26 Giugno, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vivere e sopravvivere

Scott Burroughs è un pittore. Non uno di quelli di successo, per cui si allestiscono raffinati vernissage, ma un artista squattrinato che, arrivato alla soglia della mezza età, ormai conta la vita a fallimenti e litri di whisky. Eppure nell’ultimo periodo le cose stanno cambiando. Nella tranquillità di Martha’s Vineyard si sta rimettendo in sesto e lo sente, lo sa, che gli ultimi dipinti sono davvero buoni. È ora di tornare a New York.

È una nebbiosa sera estiva quando Scott sale di corsa su un jet privato, accettando l’invito della simpatica e gentile Maggie. Lei è la moglie di uno dei più importanti magnati della televisione americana ma Scott l’ha conosciuta al mercato, con i suoi due bambini, Rachel e JJ. Sono in undici, sul velivolo. Un’hostess molto carina offre vino ai passeggeri. Maggie e un’altra donna si scambiano le solite cortesie da jet-set. I mariti hanno gli occhi incollati alla partita di baseball.
Pochi minuti. Cade una matita, è l’ultimo ricordo. Cade l’aereo, è la fine.

Scott si ritrova nel mezzo dell’oceano, insieme a JJ. Non c’è tempo per pensare o per capire, si può soltanto nuotare sperando di approdare a una riva. E quando finalmente giungerà stremato sulla spiaggia di Montauk, salvando JJ, scoprirà che questo invece è soltanto l’inizio.

Una tragedia di questa portata, che coinvolge due delle più note e potenti famiglie newyorkesi, è davvero una ghiotta occasione per i mass media. Le televisioni fanno scorrere senza interruzione le immagini: l’oceano, le fotografie dei nove dispersi, i rottami e i cadaveri che riemergono dall’acqua. L’America intera è sempre sintonizzata, vuole sapere cosa è accaduto e perché. Ma l’audience non si fa con i lenti meccanismi della verità. Si fa con le torbide illazioni, le lacrime piene di ipocrisia e le domande maligne. Chi è questo Scott? Qual era davvero il suo rapporto con Maggie? E perché sembra essere così affezionato a JJ, proprio ora che è diventato erede di un impero economico?

Al centro della narrazione non vi è quindi il disastro aereo, ma il dopo e, soprattutto, il prima. Da un lato il sopravvivere, ritrovandosi nel mirino di un’informazione che non vuole informare ma solo intrattenere, a qualunque costo. Dall’altro il vivere, le storie personali di chi è salito a bordo dell’aereo, la ricostruzione delle loro esistenze prima di quel maledetto volo, tra intrighi, paure, sospetti, colpe.

“Prima di cadere”, bestseller negli Stati Uniti premiato con l’Edgar Award 2017, è un romanzo che sfugge alla classica definizione di thriller. Mancano proprio azione e colpi di scena in questa narrazione lenta e ricchissima di dettagli, che racconta uno spaccato della società americana e si addentra nelle esistenze personali dei viaggiatori. Eppure Noah Hawley è abile a disseminare sospetto e ambiguità e a tessere un filo di suspense che ci condurrà fino al rivelatorio, seppur frettoloso, epilogo. Il risultato è un elaborato fluido anche se un po’ dispersivo (una buona sfoltita avrebbe probabilmente giovato), i cui maggiori punti di forza sono una minuziosa cura nella costruzione dei personaggi e una sapiente orchestrazione della complessità dell’intreccio.
Da leggere, calibrando correttamente le aspettative.

Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dimenticare
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La testimonianza
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il manifesto del libero lettore
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La neve sotto la neve
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Cacciatori nel buio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo che inseguiva la sua ombra. Millennium 5
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il maestro
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Store
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La narratrice sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Bello, elegante e con la fede al dito
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il sentiero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni nostra caduta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri