Narrativa italiana Racconti di viaggio Dei, demoni e oracoli
 

Dei, demoni e oracoli Dei, demoni e oracoli

Dei, demoni e oracoli

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Con cinquanta muli, sherpa, guide, cuochi, fotografi, tra frane e tempeste di neve, Tucci si addentra nella regione più impervia, pericolosa e meno conosciuta di tutto il Tibet occidentale, lo Shang Shung, la zona in cui nacque la cultura tibeana prebuddhista, tantrica, magica e sciamanica. I paesaggi sono da sogno e da incubo, i personaggi inquietanti e affascinanti, le arti e le pratiche tantriche di culto (Dzog Chen) di cui si parla terribili e attraenti. Tucci, che univa alle qualità di studioso e instancabile viaggiatore, la curiosità di un avventuriero tenace e certamente privo di inutili scrupoli, non esita davanti alle divinità feroci, ai riti spesso cruenti e al profumo di magia e tecniche legate al soprannaturale.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Dei, demoni e oracoli 2016-01-28 08:43:31 C.U.B.
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
2.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    28 Gennaio, 2016
Ultimo aggiornamento: 28 Gennaio, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

1933 missione Tibet

Nato nel 1894, orientalista ed esploratore, Giuseppe Tucci era considerato uno dei piu' grandi tibetologi dei suoi tempi.
Tra le otto spedizioni nel Paese che egli affronto' nel corso di un ventennio, il volume "Dei, demoni e oracoli " propone l'esplorazione del 1933 nel Guge, regione del Tibet occidentale di rado raggiunta dai viaggiatori . Cime altissime oltre i cinquemila metri, un clima ostile e sentieri impervi erano luoghi ancora avvolti da un 'aura leggendaria, dove la realta' era tratteggiata dall'incerto passaparola di sporadici visitatori, visto che - oltre alle difficolta' del territorio- la regione era vietata agli occidentali.

Avanzando lentamente con la carovana di Tucci in un percorso durato circa quattro mesi potremo perlustarare paesaggi ameni ed affascinanti, picchi montagnosi ricoperti di neve e ripidi pendii rocciosi nel cui desolato e ammaliante panorama venivano costruiti piccoli villaggi o innalzati storici, imponenti templi ormai destinati ad un lento ed inesorabile sgretolamento.

Ma un viaggio nel Tibet piu' blindato non era solo raccolta di oggetti da studiare e destinare a musei, non solo scattare fotografie e girare filmati. Si trattava di entrare in sintonia con un popolo che abitava un paesaggio piu' psicologico che fisico, dove mente e natura si confondevano, dove l'ambiente non era piegato a misura d'uomo ma l'uomo cercava di adattarsi armoniosamente ad esso. Ecco quindi che la ricerca scientifica di Tucci diventa uno studio dell'occulto, una fusione spirituale per accedere profondamente alla tradizione della antica civilta' tibetana. 

Interessantissima la biografia dell'autore, di buon livello la penna, accattivante ed elitario il contenuto proposto, purtroppo lo stile diaristico ha fortemente disatteso le mie esigenti aspettative.
Le pagine trattano la spedizione giorno per giorno, le fitte descrizioni dei luoghi e degli uomini incontrati non godono di quella tridimensionalita' di scrittura che renderebbe la narrazione avvincente ed emozionante. Ho trovato il testo piuttosto piatto e , purtroppo, a lungo andare noioso e ripetitivo, sebbene sia innegabile il valore dell'apporto documentaristico. Forse non lo rileggerei con tanto entusiamo a priori  ma di sicuro ricomprerei il libro, del resto non conosco altri mezzi che mi conducano nel Guge, nell'anno 1933.

Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La musa
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
La paura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'amore addosso
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nel guscio
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Il cuore degli uomini
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendicatrice
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tante piccole sedie rosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le nostre anime di notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
La mia vita non proprio perfetta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A cantare fu il cane
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Commedia nera n.1
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Eroi della frontiera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri