Narrativa straniera Classici Cime Tempestose
 

Cime Tempestose Cime Tempestose

Cime Tempestose

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Cime Tempestose è un'opera del tutto isolata nella tradizione narrativa inglese. Nella sua struttura narrativa vi domina la figura di Heathcliff il quale, animato da una passione distruttiva, svolge nella trama la funzione fatale del vendicatore spietato, vero replicante di tante figure del gothic novel britannico. Il suo tirannico porsi come uomo inflessibile nasce da una disperata infelicità di fondo e lo porta infine a vivificare la propria morte con quella della donna amata, Catherine.

Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 50

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.5  (50)
Contenuto 
 
4.5  (50)
Piacevolezza 
 
4.3  (50)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Cime Tempestose 2017-06-17 20:14:48 deborino
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
deborino Opinione inserita da deborino    17 Giugno, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cosa non si fa per amore?

A che punto si può arrivare per amore?
Cosa può provocare il vero amore quando rimane incompiuto?
La risposta la troviamo in Cime Tempestose, unico romanzo della scrittrice che denota un indiscutibile talento.
Devo ammettere che, personalmente, all inizio (come spesso accade nei classici) facevo fatica ad individuare i personaggi ed il loro rapporto e parentela con gli altri ma prendendo qualche appunto sono riuscita in poco tempo a "ingranare" la storia e poi sono stata costretta a leggerla tutta di un fiato.
Non voglio anticipare nulla, dirò solo che tutti gli avvenimenti ruotano intorno all amore tra Heatcliff e Catherine e l autrice ti fa letteralmente entrare nella storia e vivere insieme ai suoi personaggi.
Voglio solo aggiungere, per chi già lo ha letto, che nonostante tutto ciò che ha fatto Heatcliff, personalmente non sono mai riuscita ad odiarlo, mai una volta sono riuscita a dargli il ruolo del "cattivo".
Cosa dire di piu? Leggetelo perché è un classico che vale veramente la pena di conoscere, considerando anche che viene utilizzato come base per tantissimi libri attuali.
Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A tutti ma soprattutto chi ama i classici e i libri d amore
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2017-06-13 18:29:19 La Lettrice Raffinata
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
La Lettrice Raffinata Opinione inserita da La Lettrice Raffinata    13 Giugno, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Chi semina vento, raccoglie tempesta

Cos’è disposto a fare un uomo per conquistare il cuore dell’amata? E quali delitti può invece perpetrare quanto quel affetto gli viene negato? Non sono certo domande facili, ne forse i primi quesiti che vengono in mente quando ci si approccia ad una storia che ad un occhio distratto può apparire romantica e sentimentale. Il capolavoro di Emily Brönte è però tutt’altro che convenzionale, e non lesina al lettore scene di violenza, un linguaggio volgare o dei personaggi diabolici.
La vicenda sarebbe in realtà narrata dal signor Lockwood, ma il suo punto di vita viene ben presto messo da parte in favore di quello della signora Dean, che intrattiene in lettore come pure il narratore con le vicende delle due ricche famiglie della zona, gli Earnshaw e i Linton. Le vite altrimenti serene di costoro vengono stravolte quando il vecchio signor Earnshaw porta a casa un trovatello, battezzandolo Heathcliff; sarà proprio lui anni dopo a causare la rovina delle famiglie, nonché a corrompere l’animo di chiunque entrerà in contatto con lui.
La vera forza del romanzo sta nei personaggi e soprattutto nei passaggi in cui essi esplicano i loro veri sentimenti. Innanzitutto stupisce la mancanza di un eroe, o perlomeno di un personaggio in prevalenza positivo nelle azioni e nei valori; l’unico metodo per classificare i personaggi è tra attivi e passivi, ossia tra chi come Heathcliff si adopera per manovrare gli eventi a proprio favore e chi come Edgar rimane sempre inerte, perfino quando comprende chiaramente le reali intenzioni dell’antico avversario.
Comunque li si voglia identificare, i personaggi sono oggettivamente difficili da apprezzare, almeno ad una prima occhiata: quando Lockwood fa visita ad inizio romanzo a Wuthering Heights, il lettore si ritrova con lui davanti ad una famiglia che pare quasi maledetta, composta da persone completamente prive di fede, nonché di capacità di vivere in modo civile. Soltanto per merito dei retroscena rivelati da Nelly ci è possibile comprendere quali eventi hanno generato questi caratteri; ed alla fine non si può evitare di affezionarsi anche ai personaggi più meschini e malvagi.
A rendere ancor più drammatiche e passionali le vicende del romanzo è la brughiera inglese, ambientazione suggestiva e perfettamente affine allo spirito dei personaggi: cupa come Heathcliff, selvaggia ed indomita come Catherine e al tempo stesso nobile come Edgar.
Personalmente non sono riuscita ad emozionarmi troppo per questo primo triangolo amoroso quanto per il secondo, e in particolare per la dolcissima storia di Cathy ed Hareton, che alla fine si dimostra il migliore a livello umano, a dispetto della difficile infanzia e degli ostacoli che Heathcliff pone con cura sul suo cammino.
Per quanto riguarda i temi trattati, sorvolo su quelli più palesi e ritriti per puntare l’attenzione sulla vendetta e sul desiderio di rivalsa che ci vengono esplicati nelle loro più tristi conseguenze, anche e soprattutto per chi ne è l’autore.
Altro tema trattato forse in modo più sottile è quello dell’innocenza fanciullesca, della purezza anche nei bambini più selvaggi, che vengono cancellate dalle azioni degli adulti, ovvero con l’ingresso nella società fatta di rapporti spesso falsi ed apparenze da mantenere.
A sfavore del romanzo ho riscontrato soltanto una trama priva di svolte e colpi di scena inaspettati, oltre ad un finale affrettato e troppo positivo per essere in linea con il resto della narrazione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2015-02-24 11:38:40 Aurora_
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Aurora_ Opinione inserita da Aurora_    24 Febbraio, 2015
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un dolce e amaro viaggio nell'umanità

“Cime tempestose”, primo nonché unico romanzo della romantica e sensibile Emily Bronte, è un’opera che offre migliaia di spunti di riflessione, che regala moltissimi significati. Un’opera di cui si potrebbe discutere in eterno, tanti sono i significati e le tematiche da essa affrontati. Chiunque potrebbe trarne un significato proprio, chiunque potrebbe leggervi un messaggio diverso e, sono sicura, benché si possa ripetere la lettura di quest’opera magistrale, ogni volta ci si ritroverebbe a discutere di un significato nuovo, dapprima nascosto e, apparentemente, ignorato. Perché questo è “Cime tempestose”: un piccolo mondo nascosto in qualche pagina di libro, una riflessione attenta e precisa sulle molte sfaccettature dell’uomo, dell’umanità tutta. Da ciò deriva la difficoltà nel poter esprimere in qualche parola di una, forse insignificante, recensione il significato dell’intera opera. Chiunque abbia l’intenzione di leggere quest’opera, è invitato a farlo con attenzione, con occhio critico e analitico. Apparentemente, quest’opera potrebbe sembrare una storia d’amore qualsiasi, ricca sì di grandi significati e con una trama complessa, ma niente di più. In realtà, sono convinta, che una piccola riflessione al termine della lettura o anche una rilettura dell’opera stessa, non potrà che offrire al lettore nuovi reconditi significati e, allora, si potrà leggere la passione, l’amore, l’impegno, la dedizione che Bronte ebbe nello scrivere questo romanzo. Cercherò, con tutta la passione e l’impegno che mi sono possibili, di invogliare il lettore a leggere questo romanzo, riflettendo su alcune delle molteplici tematiche che vengono qui affrontate. La natura, la solitudine, la religione e l’amore sono le principali tematiche cui presterò maggiormente attenzione.

Wuthering Heights, Gimmerton e Trushcross Grange sono le principali ambientazioni del romanzo; la brughiera è protagonista di quest’opera. Una natura solitaria, quasi triste e malinconica, con la nebbia che fa da protagonista e sembra immergere l’uomo in un mondo parallelo, in un mondo fiabesco. Figura centrale nell’opera è la borghesia inglese dell’Ottocento: una classe dominata dall’avarizia, dall’ipocrisia, dalla competizione e dall’invidia ma, anche, dalla cultura, dalla passione per le Arti e dall’Amore.

L’opera si apre con l’arrivo a Wuthering Heights del sig. Lockwood che soggiornerà nella casa in affitto del sig. Heathcliff. La storia, infatti, viene principalmente raccontata dalla sig. Ellen Dean, domestica presso la casa del sig. Lockwood. Però, un’iniziale nonché superficiale descrizione dei personaggi protagonisti di questa storia ci viene offerta dall’occhio quasi misantropo e amante della solitudine del sig. Lockwood. Protagoniste iniziali del romanzo sono, infatti, la misantropia e la solitudine che, all’apparenza, accomunano il sig. Lockwood e il sig. Heathcliff. L’odio e il fastidio recato dall’eccessiva compagnia umana che spinge i personaggi ad allontanarsi, ad abbandonare una stanza, alla ricerca della solitudine e dell’esclusiva compagnia della natura e del silenzio. Si tratta, anche, di una noia data da ogni tipica manifestazione emotiva umana, una tendenza, quindi, a rigettare ogni forma di ipocrisia o “diplomatica cortesia”. Questi uomini, quindi, si presentano quasi come degli automi, incapaci di emozioni, di riguardo nei confronti degli altri; questo è quello che vogliono farci credere.

L’autrice, nell’opera, insiste molto su un altro tema cui viene offerta una duplice interpretazione: la religiosità. Il sentimento del sacro viene qui vissuto in due modi completamente diversi: da un lato, troviamo l’ipocrisia e la bigotteria di Giuseppe, dipendente del sig. Heathcliff e, dall’altro, la passione e la fervida fede di Ellen, dipendente del sig. Linton e, successivamente, del sig. Lockwood stesso. In un caso, la religione viene vissuta quasi come un obbligo, come un qualcosa cui appellarsi per salvare la propria coscienza, per ripulirla dei propri peccati. Questa non è che una semplice concezione utilitaristica della fede, in cui la religione diventa un mezzo per raggiungere i propri scopi e un potere da esercitare contro gli altri. Nell’altro caso, la religione viene vissuta con passione e sentimento e diviene una vera e propria legge di vita. L’amore per il prossimo, il porgere l’altra guancia e il rifiutare qualunque genere di vendetta sono insegnamenti profusi da Ellen. L’amore per Dio e per la fede sono centrali nella figura di Ellen che non manca mai di impartire, laddove ne ha l’opportunità, i suoi insegnamenti religiosi.

Centrale, nell’opera, è indubbiamente l’Amore e, in particolar modo, quello nei confronti di Catherine da partire del sig. Linton e del sig. Heathcliff. Amore, anche in questo caso, vissuto in due modi contrapposti, in un binomio irrisolvibile. Da un lato, troviamo l’amore, oserei dire, più razionale ma non meno sentito e forte di Linton. Il suo è, tuttavia, un amore che non si aspetta dimostrazioni, che viene vissuto con pazienza e tolleranza nei confronti dell’altra. Un amore gentile, manifestato in maniera delicata, elegante e con premura. Questo è l’amore del sig. Linton: un amore profondo, ma mai violento, aggressivo o possessivo. Al contrario, l’amore di Heathcliff è un amore aggressivo, appassionato. Un amore che può quasi essere scambiato per desiderio di possessione, di un totale controllo della donna amata. Il suo è un sentimento che non ammette rifiuti, che odia l’intromissione di terzi. Heathcliff è un uomo forte, un uomo coraggioso; l’unica in grado di rompere questa forte corazza è proprio Catherine, la quale è in grado di indurre Heathcliff a sprigionare le sue più recondite emozioni, i suoi sotterrati sentimenti e le sue fervide passioni. Catherine è in grado di spogliare Heathcliff della sua corazza, di mostrarlo al mondo in tutta la sua debolezza e di legarlo a sé per l’eternità. Sembra essere l’unica ad avere questo potere ed, in effetti, è proprio così. Il personaggio di Heathcliff è estremamente particolare: è un uomo rude, crudele, avaro, distante e odioso. E’ un uomo enigmatico, che non lascia trasparire nulla di sé a nessuno, se non a Catherine, la quale sembra possedere la combinazione giusta per aprire il suo cuore. Bronte insiste su questo binomio, su questa duplice personalità presente in Heathcliff, sottolineando la crudeltà di quest’uomo che si lascia conquistare dalla sete di vendetta e dall’odio nei confronti dei suoi nemici, arrivando ad azioni impensabili e disumane. Dall’altro lato, invece, troviamo un Heathcliff amorevole, premuroso, estremamente sensibile e romantico nei confronti di Catherine. Cime tempestose è, quindi, un romanzo il cui reale protagonista, in realtà, è proprio l’Amore, di cui Bronte ci fornisce molte sfaccettature. L’amore infantile di Isabella, la sorella di Linton, nei confronti di Heathcliff è un amore ingenuo, che si lascia conquistare dalla rudezza di quell’uomo e spera in un risvolto fiabesco, ossia in un Heathcliff capace di lasciarsi andare e di amare. L’amore quasi materno, maturo e responsabile di Ellen nei confronti di Cathy, l’amore premuroso, attento e delicato di Cathy nei confronti di Hareton.

E’ evidente che questo romanzo sia, in realtà, un piccolo tesoro pieno di ricchezze, che il lettore deve essere capace di cogliere e di gustare. Si potrebbe, dunque, parlare a lungo di “Cime tempestose” e spendere ore interminabili nel discutere i molteplici significati di quest’opera. Ho preferito una recensione che ponesse l’attenzione sui significati di questo romanzo, piuttosto che sulla trama in sé, sebbene sia indubbiamente una trama ricca di vicende, di sorprese e di dettagli. E’ un romanzo di cui si può gioire sia prestando l’attenzione esclusivamente alla trama, sia prestandola ai suoi molteplici significati. Come già sottolineato, ogni lettore vi troverà una propria personale interpretazione e tenderà a ritenere centrale nel romanzo ciò che io, magari, ho trascurato. Questa è, a mio parere, la bellezza di un libro: la capacità di indurre in ogni lettore sentimenti diversi e diverse riflessioni, a seconda della personale esperienza di ciascuno. Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2015-01-24 15:03:14 silviiia
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
silviiia Opinione inserita da silviiia    24 Gennaio, 2015
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"PERDONAMI PERCHE' HO LOTTATO SOLO PER TE"

“Sì, tu puoi baciarmi, e piangere, puoi strapparmi lacrime e baci: essi ti arderanno, ti danneranno.“
Cime tempestose è uno dei primi libri di cui io mi sia innamorata davvero, è una storia d’amore e di odio profondi , quanto le viscere della terra, quanto l’Inferno dove i due protagonisti sapranno d’incontrarsi.
Heathcliff è un dannato, fin dalla nascita, è malvagio e vendicativo, Catherine è ricca, viziata e capricciosa e si appartengono, l’uno è l’anima dell’altro, ma questo non basta. Lui rimane sempre un orfano adottato e lei la ricca figlia dell’uomo che lo ha accolto e l’amore che non possono vivere li porterà ad odiarsi nello stesso modo in cui si amano, assoluto.
In una bellissima recensione precedente, ho letto che “anche la morte trema”, ed è proprio così, loro sono così brutali e violenti nel loro modo di viversi che la morte non li fermerà. Ogni cosa li lega, ogni sfumatura dell’esistenza, quindi anche la vendetta, entrambi “ammalati” di dolore e di odio si annienteranno, senza perdonarsi mai per il male che si sono fatti, ma anche senza smettere di adorarsi.
Le loro anime sono il riflesso della brughiera dove sono cresciuti insieme, selvaggia, indomita e tempestosa e il loro amore ne è il frutto, altrettanto impetuoso e senza pace.
È un libro incredibile, che entra nell’ anima e la smuove, intramontabile, epico, come il loro sentimento, così devastante, distruttivo e immortale.
“Possono seppellirmi dodici piedi sotto terra, e gettarmi sopra la chiesa intera; ma non riposerò fino a quando tu non starai con me. Mai!”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2015-01-08 11:35:31 silvia71
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    08 Gennaio, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cime tempestose

Emily Bronte costruisce sul territorio natio dello Yorkshire uno dei romanzi più noti della letteratura mondiale.
Le “Cime tempestose” sono la culla del racconto durante tutta la narrazione, rimanendo avvolte in una luce sabbiata, pochi raggi filtrano tra le nebbie, l'aria è uggiosa e carica di umidità persistente, due dimore e due ceppi familiari ad un pugno di metri di distanza, tanti volti sulla scena, tanta sofferenza e tanta vita che scorre in una landa pressoché deserta.

Non serve dettagliare la trama oramai nota di questo piccolo gioiello, bensì lasciare che ogni lettore si accinga ad esso con l'animo disposto ad ascoltare non una ma numerose storie.
Le storie s'intrecciano come colorati gomitoli mossi dalle mani di un destino beffardo e anche crudele; i protagonisti sembrano rincorrere una serenità ed una pace che scivola via come i venti che infuriano tra i cespugli delle colline.
Impeccabile la penna della Bronte nel disegnare una galleria di cuori che ribollono per passioni, per follia, per ardore, per egoismo, per smania di possesso, per cieca obbedienza alle convenzioni.
Cuori fragili, sottomessi, deboli e malati, infelici ed ostinati, la cui forza prende vigore dall' Amore, reale o agognato, linfa vitale per ciascuno di protagonisti.

Sono pagine che trasudano una passionalità dalle tinte forti e fosche, numerosi i cliché desueti ma piacevoli da incontrare tra le righe di un testo scritto nel 1846 che riesce ancora a trasmettere emozioni al pubblico moderno.
Un pizzico di delusione potrebbe raffreddare chi ama una narrativa generosa nelle descrizioni di luoghi e situazioni, in quanto lo stile di scrittura dell'intero romanzo si basa su dialoghi.
Nessun timore però, perché la Bronte dimostra una destrezza raffinata e magistrale, confezionando uno scritto denso di contenuto, animato da personaggi fortemente delineati attraverso le loro stesse voci. La Bronte fa parlare le sue creature dal profondo del cuore, senza timore di scoprire vizi e mancanze di cui certo pudore richiederebbe di tacere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2014-09-22 06:53:50 ferrucciodemagistris
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ferrucciodemagistris Opinione inserita da ferrucciodemagistris    22 Settembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Classico per antonomasia

Ecco il classico per antonomasia! Letteratura inglese dell’800, ambientazione nelle brughiere del North Yorkshire durante la seconda metà del settecento e gli albori del 1800. Un romanzo che, oltre alla narrativa di spessore, mette in luce i principali sentimenti, anche contrastanti, in cui alberga l’animo umano; dall’odio, all’amore, dalla disperazione alla vendetta, dall’astio al disprezzo. Tali sentimenti sono espressi a tinte forti tra i numerosi personaggi che tessono trama e ordito di una preziosa tela letteraria: l’autrice riesce a penetrare nelle miserie umane evidenziandone i lati più oscuri che hanno un drammatico traguardo. Una lettura, quindi, da non perdere, e, se possibile, da rileggere perché tal tipo di romanzo ha la peculiarità di poter dare ulteriore arricchimento interiore anche a seguito di rilettura, come, in sostanza, afferma il grande e compianto Italo Calvino nel suo saggio “Perché leggere i classici”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
51
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2014-09-10 13:06:57 Yoshi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Yoshi Opinione inserita da Yoshi    10 Settembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

fantastico!

Non so se capita anche a voi però di solito vedere un classico nella libreria di casa, mi crea sempre una certa resistenza.
Ci giri attorno e non hai neanche il coraggio di prenderlo in mano per paura che sia deludente e noioso.
Poi per caso lo sfili dalla pila in bilico, lo sfogli e in un batter d'occhio ti ritrovi a leggere le ultime pagine a malincuore.
Voi direte: Secondo te perché è un classico?
Avete ragione ma i classici all'inizio mi creano sempre ansia da prestazione tanto che spesso li lascio a farsi beffe di me mentre decido di leggere una saga o un libro qualunque con zero spessore.
Emily Bronte invece mi ha sorpreso.
Con la sua penna scorrevole condita da semplici paesaggi e magnifici personaggi, mi ha avvolto in un'atmosfera cupa e piena di odio, mi ha fatto paura, mi ha innervosito e fatto piangere, mi ha fatto girare la testa e mi ha costretto ad odiare.
Ad ogni pagina il mio timore del NON lieto fine si faceva sempre più reale ma ormai ero preda della trappola letteraria ed era praticamente impossibile cestinarlo o mandarlo nel dimenticatoio.
In meno di quattro giorni sono arrivata alla fine, è stato più semplice che bere un bicchiere d'acqua.
Non mi perderò in inutili riassunti perché non ne varrebbe la pena, quindi se vi aspettate questo, perdonatemi perché posso solo trasmettervi ciò che lei ha trasmesso a me.
Mi è piaciuto moltissimo perché è un romanzo prima di tutto cupo, inquietante, pieno di risentimento, vendetta ed odio.
Dopodiché possiamo anche dedurre qualche altro sentimento come l'amore e la speranza, che però sfuggono come lucertole impaurite.
Che meraviglia questi classici che riescono a farti sentire il profumo dell'erba, il freddo dell'inverno che batte alle porte e il sole che torna per rischiarare gli umori di un inverno ghiacciato dove i sentimenti belli e puri sono stati usati per accendere il fuoco.
Una luce alla fine del tunnel c'è...
Piccola.

Buona lettura.
Rebecca

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2014-07-13 23:59:38 Valerio91
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    14 Luglio, 2014
Ultimo aggiornamento: 29 Ottobre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Purgatorio in terra

Ho conosciuto persone corrotte nel profondo dell’anima, impossibili da cambiare, da salvare. Ho conosciuto persone in grado di rinunciare al vero amore in nome dell’egoismo, di una convenienza che alla fine porta alla rovina, per la perdita di quell’amore. Ho conosciuto persone in grado di amarsi oltre i confini della ragione, oltre la follia, oltre la vita, oltre la morte. Tutti costoro ebbi modo di conoscerli a Wuthering Heights. Questo luogo dove Emily Bronte ci porta, sembra di un altro mondo, quasi ultraterreno, popolato da tante anime corrotte ed alcune, seppur poche, anime pie. Ma le anime che popolano quelle cime tempestose sembrano più in cerca di dannazione che di redenzione, come in una sorta di purgatorio all’inverso, dove l’obiettivo dell’anima è l’inferno e non più il paradiso. Il romanzo scorre via veloce con le sue suggestive ambientazioni, le sue intriganti vicende ed i suoi personaggi carichi di personalità. Ci si potrebbe soffermare tanto su ognuno di questi personaggi, ma mai quanto uno in particolare, ovvero Heathcliff. E’ lui, fin dal suo arrivo da bambino, a rendere Wuthering Heights il purgatorio, con il suo amore folle, ossessivo, vendicativo per Catherine, creatura simile ed egualmente tormentata, anima talmente simile alla sua da lasciare sconcertati. Mai tra le pagine sfogliate ebbi modo di conoscere personaggio di tal fatta, l’odio, la malvagità personificati. Egli è dotato di una cattiveria talmente profonda, che non è possibile giustificarla nemmeno in nome dell'amore palesemente sincero che prova per Catherine. Credo che sia uno dei personaggi meglio caratterizzati tra quelli che ho avuto modo di incontrare, seppur aiutato da un intreccio di eventi intrigante e presentato in maniera impeccabile dalla scrittrice, che ci fa entrare a Cime Tempestose dalla porta principale, e seppur lo spettacolo non sia di quelli che addolciscono il cuore, è comunque uno di quelli a cui fa piacere assistere. Wuthering Heights è palcoscenico di amori impossibili ed ossessivi, ma anche di altri sinceri seppur travagliati. Emily Bronte ci ha mostrato l’amore attraverso un luogo, scenario dei suoi tormenti e delle sue difficoltà, ma infine anche della sua gioia. D’altronde, conoscete sentimento più tempestoso dell’amore?

"[…] né la miseria, né la degradazione, o la morte, o qualunque pena che Dio o Satana potessero infliggere, avrebbero potuto separarci, tu lo facesti di tua stessa volontà. Non io ho infranto il tuo cuore, tu l'hai infranto, e nell'infrangerlo, hai spezzato il mio. [...] Io amo la mia assassina, ma la tua, come posso perdonarla?"

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2014-02-05 21:53:30 LunaCalante
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
LunaCalante Opinione inserita da LunaCalante    05 Febbraio, 2014
Ultimo aggiornamento: 06 Febbraio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Riflessioni + Spoiler

L'ho letto 3 giorni fa. Cime tempestose è un romanzo fortemente ambiguo. Se fosse nata ai tempi nostri Emily si sarebbe fatta beffe della morale,indosserebbe borchie e trucco nero. Una dark lady a tutti gli effetti.

Abbiamo Heathcliff,bambino d'ignota provenienza che verrà adottato da un padre di famiglia benestante.
I figli naturali di quest'ultimo sono il perno di tutto il romanzo. Catherine prende in simpatia questo giovane scapestrato,il fratello Hindley invece creerà nell'animo di Heathchliff uno sfondo di perenne vendetta e rancore.  
Sorge in tutta la sua violenza l'amore di questi due giovani. 
Il loro modo di amare è quantomai ambiguo.
Ci si rende conto,leggendo,che Emily era profondamente innamorata di se stessa e ha proiettato semplicemente la sua parte più oscura e segreta,tramutandola al maschile,al principe dei suoi sogni purtroppo mai avverati.

Heathcliff è Emily. Catherine è sempre Emily. La parte più capricciosa e debole che si scontra con una parte più forte e dura come la roccia. 
Con questa proiezione Emily ha creato uno scenario,un libro di una violenza inaudita che può non piacere. Nella sua dimora questa donna silenziosa si è dilettata a scatenare una nera passione.
A far vivere due personaggi che la rigidità morale,il metodismo imponeva.  
Non mi meraviglierei se il camposanto a due passi dalla dimora dei Brönte le fosse gradito. Nel libro troviamo uno "squisito" incontro tra Heathcliff e il cadavere dissotterrato di Catherine. 

Dicevo,il romanzo può non piacere.
La bocca di Heatchliff abbonda infatti d'imprecazioni,maledizioni e bestemmie di ogni sorta e colore.

Chi era realmente Emily?
E se lei invece,più che l'immagine della brava e silenziosa figlia del pastore, nascondesse sotto la brace un cuore violento e intollerante ai massimi livelli, d'ogni forma di orripilante perbenismo?
Probabilmente odiava anche il fratello di sangue,impersonato nell'ormai decaduto ,fallito e alcolizzato Hindley.  
Rimane invece sempre stabile e immota,la governante/cameriera,alla quale Emily destinòil ruolo di narratrice,raffigurazione della sostituzione di una figura materna.
Non esiterei a definire questo romanzo fortemente autobiografico; più che romanzo è uno scavo verso le segretissime profondità di un cuore gelosamente inquieto. Amaro e perfido.
Anche Catherine certe volte dà indiscutibile prova di perfidia e arroganza mentre scimmiotta con piacere l'ingenua sorella di suo marito Edgar,innamoratasi ignara dell'oscuro fascino del cavaliere nero.

Ho visto anche i film dopo aver finito il libro e li ho trovati quasi osceni. I film non hanno colto un chiaro messaggio: Heathcliff è l'essenza della vendetta ,del rancore e dell'odio.
Non dell'amore tormentato. Ha poca importanza se questi sentimenti sono stati causati da ingiustizie subite durante l'infanzia. Perché prendersela anche con i figli degli avversari odiati, e della stessa figlia di Catherine,la sua immutata musa?
Semplice,non conosce la rugiada del perdono,il fiore della pietà,il dolore lenito dalla carezza dell'amore.

Come conclusione posso dire che,forse, nessuno si è accorto di un particolare scottante.
Heathcliff dichiara ,ignorando gli ammonimenti della governante a cambiar vita e pentirsi, di aver già trovato il suo paradiso eterno.

Il figlio di Hindley e la figlia di Catherine,cugini, cominciano ad amarsi.
Heathcliff non riesce più quasi a odiarli,perché in loro aleggia lo spirito dell'amata che ultimamente è diventata sempre più fisica e presente,dopo l'episodio della finestra. 

Il reale finale della storia potrebbe essere questo: Catherine ed Heathcliff entrano in quei due giovani rivivendo in tutta purezza ancora,finalmente liberi rincorrendosi nella brughiera.
Come mai questo cambiamento repentino di questi cugini?
Nessuno ci ha mai pensato?
Come mai corrono nella brughiera?
Colpo di fulmine o qualcosa di decisamente losco?
Queste due anime tormentate credete davvero che abbiano trovato pace riposandosi sulle colline?
Ne dubito fortemente.
L'amore non è stato consumato e non c'è niente più forte della passione,di un amore non portato a termine.  

A conferma della mia ipotesi:
"Non hanno paura di nulla,loro" ,brontolai spiandone dalla finestra l'avvicinarsi,"Insieme sfiderebbero satana e tutte le sue legioni".

Si delinea qualcosa di familiare che richiama subito Heathcliff e Catherine.
Perché il loro amore è forte come le rocce eterne che stanno sottoterra, non si vedono ma sono indispensabili.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Dipende dalla sensibilità di chi legge.
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2014-01-08 14:45:52 Jessica Rose
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Jessica Rose Opinione inserita da Jessica Rose    08 Gennaio, 2014
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L' amore non muore mai , ma neppure l' odio !!!!

Cime tempestose , il titolo si sposa bene con quello che è il contenuto del libro : una vera e propria tempesta di emozioni legate all' odio e all' amore , un amore malato , inscindibile , un amore perseguitato e violento quello tra Heathcliff e Catherine .

Sono sempre stata affascinata da questo libro , me ne hanno sempre parlato bene , mi fu consigliato dalla mia professoressa qualche mese fa e un giorno lo trovai per caso in offerta al centro commerciale e decisi di comprarlo . Ricordo nei periodi in cui leggevo Twilight saga che la scrittrice faceva riferimenti a questo libro , era infatti il libro preferito della protagonista.
Il frontespizio del libro dice " l' amore che non muore mai , a due uomini Edgar e Heathcliff è legato il destino della dolce chaterine , divisa tra una amore romantico per il primo e una passione divorante per il secondo " ..la domanda è : Dove lo avete visto tutto questo amore ? .
Forse è un puro errore di stampa , leggendo questo libro ho solo intravisto Odio , Dolore , e violenza; di amore ne ho visto ben poco ...
Heathcliff viene accolto nella famiglia di catherine quando ancora era un ragazzo , tra i due nasce una profonda amicizia che sfocerà poi in amore ( un amore del tutto casto , ricordiamoci che siamo pur sempre alla fine del 1700 inizi dell' 1800 ) .Hindley Il fratello di Catherine nutre una profonda gelosia nei confronti di Heathcliff , tant'è che alla morte del signor Earnshaw , Hindley prenderà possesso della proprietà ( Cime Tempestose ) e ridurrà Heathcliff un servo .
Catherine successivamente incontrerà l' affascinante Edgar Linton e scatenerà la gelosia di Heathcliff .
Vi saranno poi un susseguirsi di eventi che metteranno in mostra il carattere spietato e violento di Heathcliff e il suo bisogno di vendetta . Quest' ultimo non risparmierà nessuno dalla sua cattiveria , anzi , avvolgerà chiunque gli passi vicino ....Catherine dal canto suo ha giocato anche lei la sua parte , non si può certo dire che sia una santa discesa dal paradiso anzi , è una bisbetica viziata ed indomabile e sfido chiunque a non odiarla durante il racconto .
La storia è raccontata a ritroso dalla governante Nelly al signor Lockwood un affittuario che risiede a
Thrushcross Grange ( vecchia casa dove abitava la famiglia Linton e la stessa Catherine dopo il matrimonio con Edgar ) .
Heathcliff estese la sua vendetta non solo nei confronti di Chaterine per averla tradita ed aver sposato Edgar Linton ma la estenderà a tutti i membri della famiglia Linton .
Successivamente con la morte di Catherine il carattere di Heathcliff si farà ancora più tenebroso e cupo di quanto già non fosse .

La seconda parte del romanzo si snoda su quella che è la vita della giovane Cathy , progenie di Catherine Linton morta dandola alla luce . Heathcliff non si risparmierà nei suoi confronti , anzi le farà passare le pene dell' inferno , inizialmente dandola in sposa a suo figlio Linton ( avuto grazie al matrimonio tra lui e la signora Isabella Linton cognata di Catherine e sorella di Edgar anch'ella morta ) .Il matrimonio tra Heathcliff e Isabella infatti è solo una piccola parentesi del libro , un matrimonio ovviamente fatto con il fine di recare danno a Catherine.
Come avevo accennato sopra Cathy sposerà forzatamente il giovane Linton , così facendo Heathcliff ( alla morte del figlio ) si assicurerà il monopolio non solo di Cime Tempestose ( preso in eredità dopo la morte di Hindley poichè quest' ultimo lo aveva ipotecato a Heathcliff per pagare i debiti di gioco ) ma anche di tutto il patrimonio della Signorina Cathy ovvero : Thrushcross Grange.

Heathcliff alla fine si renderà conto di essere stanco di vendicarsi , e affermerà che questa vendetta non gli ha giovato affatto , anzi lo ha solamente stancato e annoiato ...

L' epilogo si svolgerà esattamente un anno dopo alla partenza del signor Lockwood da Thrushcross Grange.
Finalmente avremo un lieto fine , per tutti i protagonisti del libro , Heathcliff troverà finalmente pace , Cathy troverà la felicità che gli era stata rubata .

Questo libro purtroppo , dico purtroppo perchè ha distrutto le mie aspettative , si è rivelato un libro violento e privo di amore e di affetto , i protagonisti sono quasi tutti contorti , maligni ; più che l' amore in questo racconto aleggia la vendetta , è la rappresentazione del bisogno dell' uomo di vendicarsi per il dolore inflittogli dagli altri .
Leggendo Cime Tempestose toglietevi dalla testa l' idea di leggere un romanzo d' amore Ottocentesco , Cime Tempestose è un libro intriso di Odio e di sentimenti contrastanti , di vendette inflitte non su sconosciuti ma addirittura sui parenti più cari .

Tutta questa rappresentazione di amore dopo la morte io sinceramente non l' ho percepita , dico e sottoscrivo che questo libro è ben scritto , Emily Bronte ha scritto con una penna molto futuristica , lo stile è contemporaneo pur rispettando il bigottismo e la castità dei tempi .Questo libro a suo tempo fece un grande scandalo e leggendolo capirete il perchè : non vi sono assolutamente scene di sesso o baci appassionati , fece scandalo soprattutto per le tematiche trattate : l' odio , la vendetta , il bisogno di redimersi ecc ecc ....

Ahimè purtroppo questo libro mi ha lasciato l' amaro in bocca , ma l' epilogo mi ha rincuorato abbastanza ....

Non lo consiglio assolutamente a persone che come me amano le storie d' amore ricche di passione e aspettative .
Ma almeno una volta nella vita Cime Tempestose bisogna leggerlo , poichè nell' odio più profondo che si riscontra tra le righe mentre lo leggi ,quando lo chiudi ,qualcosa, anche inconsciamente ti regala .................


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2013-12-27 18:58:20 Pupottina
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pupottina Opinione inserita da Pupottina    27 Dicembre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mi sono smarrita nella brughiera

“Non lo amo perché è bello, ma perché è ancora di più uguale a me stessa di quanto possa esserlo io. Di qualsiasi cosa siano fatte le nostre anime, la sua e la mia sono identiche.”

Giornate nebbiose e fredde. Vento di tempesta e brughiera a perdita d’occhio.
Nel punto più impervio sorge l’antica dimora degli Earnshaw, denominata “Cime Tempestose” proprio per questa sua caratteristica ambientale.
È a Cime Tempestose, il signorile casale nella brughiera dello Yorkshire, che ha inizio le vicenda sentimentale di Catherine e Heathcliff, una storia d’amore come poche, fatta di passione, odio e vendetta. Cime tempestose di Emily Brontë è il suo unico romanzo ed è stato pubblicato nel 1847.
Il romanzo non venne accolto bene dalla critica per la sua struttura narrativa innovativa, fatta di un racconto nel racconto. Infatti è Nelly, la governante di famiglia, a raccontare, a distanza di anni, la storia di Catherine e Heathcliff, influenzandola con il suo punto di vista, fatto di giudizi e pareri, a volte profondamente negativi, mentre in altre più carichi dell’affetto e della pena che ha provato per i suoi padroni.
Il gentiluomo Lockwood è il motivo della narrazione, colui che sprona Nelly a raccontare la storia travagliata di Catherine e Heathcliff e di come l’amore alle volte può essere estremamente distruttivo.
Heathcliff si è sentito tradito da Catherine e le ha giurato vendetta. Le sue parole non sono state un semplice sfogo in un momento di rabbia, ma hanno avuto un piano diabolico anche sui rispettivi figli di entrambi. Hanno creato un uomo incapace di provare amore, soprattutto dopo la morte tragica di Catherine.
Il cuore di Heathcliff, ferito dalle angherie della vita e dall’amore che aveva provato per Catherine, ha premeditato e programmato una vendetta che si è perpetrata, a lungo, nel corso degli anni.
Per questi protagonisti, divorati dalla passione e dalla sete di potere, si prova poca simpatia nella loro prolungata autodistruzione. Lo stesso Heathcliff, alla fine, non sente di aver trovato pace, grazie alla sua vendetta.
La tempesta costante nei luoghi si infonde nelle anime dei protagonisti, tormentati, oltre che dai sentimenti, anche da una serie di catastrofi e di lutti familiari.
Più interessante è la prima metà del romanzo che è un crescendo di memorabili ed eterne citazioni sull’amore.
L’ombra tardo gotica della ghost story aleggia sul destino dei personaggi che continuano a cercarsi e a far parlare di loro anche dopo la morte, rammaricati dal non aver attuato scelte diverse in vita, che avrebbero potuto renderli felici, ma che non avrebbero reso tanto interessante questo romanzo. E alla fine quasi viene voglia al lettore di visitarne i misteriosi e malinconici paesaggi di brughiera, avvolti dall’ormai troppo celebre vento tempestoso.

“Il mio grande assillo nella vita è LUI. Se ogni altro essere umano perisse e LUI sopravvivesse, io continuerei a esistere; e se ogni altra persona restasse a questo mondo e LUI dovesse essere annientato, l'Universo si trasformerebbe in qualcosa di terribilmente estraneo. Mi sembrerebbe di non farne più parte."

“Catherine, possa tu non avere riposo finché io vivrò! Hai detto che sono stato io a ucciderti … perseguitami allora! Gli assassinati perseguitano i propri assassini. Credo ..- so che altri fantasmi hanno vagato su questa terra. Sii con me sempre, assumi qualsiasi forma, fammi impazzire. Ma non lasciarmi, in questo abisso, dove non posso trovarti. Oh Dio, è un dolore indicibile. Non posso vivere senza la mia vita, non posso vivere senza l'anima mia.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2013-12-23 07:42:05 LittleDorrit
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
LittleDorrit Opinione inserita da LittleDorrit    23 Dicembre, 2013
Ultimo aggiornamento: 23 Dicembre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La brughiera racconta.....

La brughiera dello Yorkshire è un luogo impervio, selvaggio, costantemente schiaffeggiato dal vento gelido del nord.
È una distesa che si perde a vista d'occhio modellata da basse colline rivestite di eriche, ginepri e pini scozzesi e soffocata da dense nebbie autunnali e da gelo invernale.
Se si attraversa questa landa desolata, si possono ancora scorgere in lontananza i resti di un'antica dimora.
Di essa, ormai, resta poco più d'uno scheletro derelitto tormentato da quel clima mutevole.
È l'antica dimora degli Earnshaw.
"Wuthering heights" racconta con la sua muta presenza, una storia di passione, vendetta e tormento.
Catherine e Heatcliff, cresciuti insieme come fratelli, sono giovani, ribelli, selvatici come il paesaggio che esplorano quotidianamente e stretti l'uno a l'altra da un legame che supera le barriere della morte stessa e fa di loro un'unica persona: l'amore.
Catherine però, ben presto entrerà in contatto con la famiglia aristocratica dei Linton, facendo la conoscenza del rampollo Edgar. I modi garbati del giovane e il luccichio del "bel mondo" a cui appartiene e al quale lei stessa ha sempre ambito, l'affascinano e la seducono. Si lascia, così, corteggiare e finisce col fidanzarsi con lui pur continuando ad amare Heatcliff nel profondo.
Ma quest'ultimo è molto diverso da Edgar; rozzo, rude, ignorante e di bassa estrazione sociale, non potrebbe offrirle la vita che desidera e che vuole ostentare.
Ed è questo tradimento al loro legame unico che scatena l'ira di Heatcliff.
Credendo di avere perso per sempre la ragazza di cui è perdutamente innamorato, abbandona Whutering Heights per cercare fortuna e riscatto sociale. Di lui si perdono le tracce.
Trascorrono alcuni anni, Catherine nel frattempo si è sposata con Linton ma, inaspettatamente, Heatcliff fa ritorno e metterà in atto la sua vendetta nel peggiore dei modi arrivando a colpire col suo odio implacabile persino la generazione successiva.
Siamo sempre stati abituati a considerare i protagonisti dei romanzi ottocenteschi come eroi positivi che attraverso mille peripezie, ottenevano un riscatto finale; ma i protagonisti di questa storia sono totalmente all'opposto. Ed è stata questa l'innovazione e la grandezza di Emily Bronte.
Heatcliff, è l'anti eroe per eccellenza; vendicativo e spietato tanto da apparire diabolico, rischiara il suo lato oscuro solo attraverso la proiezione dell'amore ossessivo per Catherine.
Heatcliff, totalmente contrapposto alla figura di Linton, scialbo e mite d'animo tanto da apparire inetto, resta l'unico personaggio della letteratura inglese a suscitare tanta rabbia quanto fascino e devozione da parte dei lettori, proprio per il suo amore appassionato e tormentato che è la sua unica fonte di sopravvivenza.
Cime tempestose, con la sua trama intramontabile e i suoi personaggi indelebili, resta il romanzo dei dualismi esasperati: vita e morte, bene e male, amore e odio, bontà e cattiveria, luce e ombra. Tutto questo ci riconduce al grande spettacolo della vita dove l'altalena delle tribolazioni umane diviene meccanismo perverso che si attiva alla nascita e che, talvolta, resiste anche dopo la morte.
Ed è questo che ci insegna il romanzo; le storie terminano, le persone trapassano ma le azioni compiute restano e talvolta riecheggiano nell'abisso dell'eternità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2013-10-06 04:13:02 Bruno Elpis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    06 Ottobre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sulle cime tempestose degli aforismi

Questo commento è un acronimo composto traendo dal romanzo frasi che cercano di mettere in luce l’essenza romantica – in senso letterario – della storia tra Heathcliff e Catherine: la storia di un amore che è una forza contrastata dagli eventi umani, che sfida tutto e tutti, che invade i luoghi e si identifica nella natura, che sopravvive inquieto alla morte insinuandosi nel vento della brughiera.
Un romanzo che ha ispirato film, un musical (Cliff Richard, Heathcliff) e canzoni, come quelle di “Wind & Wuthering” dei Genesis e “Wuthering” heights” di Kate Bush:
“Torna a casa, ho così freddo!
Lasciami entrare dalla tua finestraHeathcliff,
sono io Cathy
Torna a casa, ho così freddo!”

C
Condussi una ben dura esistenza, dal giorno che ho cessato di udir la tua voce. Ma tu devi perdonarmi: perché ho lottato solo per te.
I
Io gli ho dato il mio cuore, e lui lo ha preso e lo ha stretto crudelmente fino a ucciderlo.
M
Mi dimostri come sei stata crudele, crudele e falsa. Perché mi hai disprezzato? Perché hai tradito il tuo stesso cuore, Catherine?
E
E non gli dirò quanto lo amo, e non perché sia attraente, ma perché è per me più di quanto lo sia io stessa.

T
Talvolta ci facciamo prendere dalla compassione per creature incapaci di provare sentimenti sia per se stessi che per altri.
E
E mi domandavo stupito come mai, come mai qualcuno potesse fantasticare d'inquieti sonni, per coloro che dormivano in quella terra tranquilla.
M
Ma non è così, no: è che ho perduto la facoltà di godere della loro distruzione, e son troppo pigro per distruggere senza motivo.
P
Perdonami perché ho lottato solo per te.
E
E non lasciarmi vedere i tuoi occhi. Io ti perdono per quello che hai fatto a me. Io amo il mio carnefice; ma il tuo? Come potrò?
S
Se tu morissi... io ne morirei...
T
Tutte le sere io prego di potergli sopravvivere, perché preferirei essere infelice io, piuttosto che saperlo infelice. È la prova che l'amo più di me stessa.
O
Oh Dio! Tu vorresti vivere, se la tua anima fosse nella tomba?
S
Se tutto il resto perisse e lui restasse, io continuerei ad essere; e, se tutto il resto persistesse e lui venisse annientato, l'universo mi diverrebbe estraneo; non mi sembrerebbe di esserne parte.
E
Egli è stato sempre, sempre nel mio spirito: non come un piacere, allo stesso modo ch'io non sono sempre un piacere per me stessa, ma come il mio proprio essere.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
...storie d'amore di ogni tipo
Trovi utile questa opinione? 
310
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2013-09-30 12:01:28 Dany83
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Dany83 Opinione inserita da Dany83    30 Settembre, 2013
Ultimo aggiornamento: 30 Settembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Pensavo fosse amore, invece era vendetta...

Con un suono di corno
il vento arrivò, scosse l'erba;
un verde brivido diaccio
così sinistro passò nel caldo
che sbarrammo le porte e le finestre
quasi entrasse uno spettro di smeraldo:
e fu certo l'elettrico
segnale del Giudizio.
Una bizzarra turba di ansimanti
alberi, siepi alla deriva
e case in fuga nei fiumi
è ciò che videro i vivi.
Tocchi del campanile desolato
mulinavano le ultime nuove.
Quanto può giungere,
quanto può andarsene,
in un mondo che non si muove!

Eugenio Montale, traduzione di La Tempesta di Emily Dickinson

Ho trovato questa poesia per caso su un articolo mentre leggevo questo romanzo e subito mi è sembrata la trasposizione allegorica oltre oceano di Heathcliff, personaggio fulcro di questa storia attorno al quale ruotano tutte le vicende. Mi è sembrata una perfetta introduzione a ques’opera, poiché tanto bene si adatta nelle parole e nel significato al tema costante del racconto e dà un primo incipit sulla forgiatura del protagonista che incontreremo.
La narrazione inizia “in medias res” (nel mezzo dei fatti) e si snoda in una lunga analessi affidata alla memoria delle due voci narranti: il Sig. Lockwood e la governante Nelly.
Heathcliff varcherà le soglie di Cime Tempestose, nome della dimora del suo benefattore arroccata su di una collina, nella selvaggia e aspra bruchiera dello Yorkshire spazzata da forti venti, con lo stesso impeto e violenza descritti nella poesia, portando tormento e distruzione nelle vite dei suoi abitanti, i quali soccomberanno inesorabilemte sotto il peso della sua lucida follia vendicativa senza potervisi opporre. Heathcliff e Cathy si amano con la stessa intensità con cui si odiano, due anime simili per natura e diverse per estrazione sociale che daranno vita ad una passione distruttiva.
Non gli eventi o il destino avverso, ma l’egoismo e i capricci di Cathy, la rabbia e l’orgoglio di Heathcliff porteranno alla loro separazione.
Egli se ne andrà, ma al suo ritorno avrà maturato in sé una vendetta solenne: un turbine di bieche emozini esploderà, trafiggendo con schegge d’ira e astio le vite dei membri di due famiglie gli Earnshaw e i Linton e riverserà la sua ossesione malata sulle esistenze di due generazioni. La vendetta si placherà solo quando il battito della fonte di tanto rancore avrà trovato la sua quiete.

Lo stile di Emily è elegante e maestoso, senza nessun cedimento strutturale. Con abile mano scolpisce la psiche e le caratteristiche dei suoi personaggi plasmando sculture granitiche. Granitiche perché algide nei sentimenti, granitiche perchè immutevoli; lungo tutto il racconto saranno mossi dai loro sentimenti malsani, non un mutamento o una parvenza a diventar nobili d’animo. La Bronte scaglia a terra il cristallo dell’amore e dal prisma di colori che ne esce decide di attingere solo le tonalità più cupe e buie, tessendo un’intricata storia senza possibilità di redenzione per alcuno.
Ed è qui che a parer mio sta l’immortalità di quest’opera, nello stile innovativo e nell’audacia dei contenuti, che se si pensa al contesto storico nella quale è stata scritta, la rendono unica nel suo genere. Una sorta di congiunzione tra analisi psicologica e critica sociale che va a creare un precedente solitario destinato a durare nel tempo, un urlo che si inalza come assolo nel coro della narrativa romantica vittoriana.

Eppure, nonostante riconosca la bravura nella penna della scrittrice, ho trovato questa lettura claustrofobica, con questa cattiveria che permanea per tutta la storia, come un morbo letale che soffoca. Una spietata vendetta blandamente vestita coi toni pastello dell’amore. Perché se di amore si vuol parlare, allora bisogna parlare di un amore malato, non di quello che allieta e nutre l’anima e il corpo ma di quello che sfibra e corrode come un male che dall’interno cresce e dilania tutto ciò che incntra. Perfino le poche frasi veramente profonde ho trovato stonassero come due zollette di zucchero in un infuso di cicuta. Se tanto devi uccidermi che me le metti a fare?
Questo senso di disfatta e minaccia incombente che trapela da ogni gesto e da ogni parola dei personaggi mi ha fatto accostare Cime tempestose, più che ad un romanzo, ad una tragedia greca.
Abbiate pazienza, concedetemelo, ma io l’aggettivo romantica a questa storia “d’amore” proprio non riesco ad attribuirglielo.
Heathcliff e Cathy sono detestabili all’inverosimile e neppure la buona volontà di volerci trovare un barlume di compassione, mi ha evitao l’impulso di volerli soffocare dopo pochi capitoli.
L’ho trovato un romanzo splendidamente scritto ma dai toni troppo foschi e in fin dei conti i due protagonisti hanno scelto da loro il proprio destino!

Così al termine della lettura, partendo dal presupposto che mai in vita mia vorrei vivere una storia come questa, mi è sorta spontanea la domanda, rivolta soprattutto a che ritiene invece che sia una delle storie più romantiche e appassionate mai scritte: dovvero sareste disposti a vivere nell’infelicità e nella frustazione, vorreste un amore tumultuoso come quello di Heathcliff e Cathy, nella speranza forse un giorno di saltellare felici tra le nuvole del paradiso mano nella mano con il vostro/a amato/a?

Cime Tempestose rimane comunque un classico e come tale penso debba essere letto per arricchire con un tassello in più quel grande mosaico che è la cultura letteraria di ognuno.
In fin dei conti che un libro lo si apprezzi in maniera assoluta, solo in parte, o che lasci totalmente indifferenti, non priverà mai nessun lettore di qualcosa ma sicuramente donerà qualcosa in più.

Buona lettura

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I classici son patrimonio di tutti
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2013-09-30 11:54:29 Nadiezda
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Nadiezda Opinione inserita da Nadiezda    30 Settembre, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Wuthering Heights

Emily Bronte conosciuta anche con lo pseudonimo Ellis Bell pubblicò il suo unico romanzo per la prima volta nel 1897.
Agli inizi non venne accolto in maniera molto positiva dalla critica anche se adesso è considerato un classico della letteratura inglese.
Emily aveva in un certo senso ideato una nuova struttura per narrare la trama, nella quale non c’è un punto di vista oggettivo e non è per niente lineare. Con questo suo romanzo aveva rotto gli schemi narrativi.
Si tratta di una storia d’amore d’altri tempi, molto avvincente e ricca di flashback e colpi di scena.
È un vero e proprio capolavoro che riesce a tenere il lettore incollato dall’inizio alla fine.

Passiamo alla trama del libro.

Tutto ha inizio nel 1801 proprio nella villa chiamata Wuthering Heights dove un orfano molto violento di nome Heathcliff si innamora della sua sorellastra di nome Catherine, la quale lo rifiuta perché avevano già promesso la sua mano ad un cugino. Heathcliff amareggiato e disgustato decide di fuggire senza lasciare nessuna traccia.
Tre anni dopo deciderà di tornare, ma farà un’amara scoperta, la sua amata nel frattempo si è sposata e tutto ciò lo farà andare su tutte le furie.
Deciderà di fare tutto il possibile per distruggere le due famiglie che lo hanno fatto soffrire, ma comportandosi così farà solo incrementare la sua rabbia e disperazione.

È un libro che fa appassionare anche se all’inizio può risultare un po’ noioso.

Che altro posso dire?
Mi sento di consigliarvelo a pieni voti!

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2013-08-21 06:43:08 Ale_
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Ale_ Opinione inserita da Ale_    21 Agosto, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Immortale

Cime Tempestose. E basterebbe solo il titolo per suscitare reazioni agli antipodi.
Il romanzo della vendetta dicono, il romanzo di un amore che non è amore ma malattia, ossessione.
Cime Tempestose è entrato nella storia della letteratura mondiale con l' irruenza di Heathcliff, la pazzia di Catherine prendendosi di diritto un posto nel cuore di ogni uomo o donna che abbia avuto il coraggio di leggerlo.
Ambientato in un epoca vittoriana perfettamente descritta nella famiglia Linton e altrettanto perfettamente rifiutata dalla famiglia Earnshaw, Cime Tempestose è il romanzo dell' odio.
Heathcliff e Catherine si odiano nella stessa misura in cui si amano e questo secondo me è qualcosa di nuovo. Non tanto nei sentimenti; di amanti che si amano e si odiamo  si possono trovare un po' ovunque. È il realismo con cui questi sentimenti vengono espressi che mi ha affascinata dal primo momento. Catherine odia con ogni fibra del suo corpo Heathcliff perchè con lui vicino lei si abbrutisce, emerge dalla sua anima la seconda identità che ha sempre cercato di nascondere, anche a sé stessa. Perchè non va bene, non è ciò che ci si aspetta da lei in un' epoca, quella vittoriana, dove ogni passione deve essere soffocata. Allo stesso tempo è legata a lui in un modo che in alcuni momenti ho trovato difficile definire “amore”.
Heathcliff è il personaggio attorno al quale ruota tutto il romanzo. Il suo amore per Catherine prima corrisposto e poi sempre reciproco ma costretto al silenzio, l' assenza e poi il ritorno, la vendetta. Vendetta che è il fulcro, è la colonna portante della complessissima trama che si snoda attraverso due generazioni e che ha il suo lieto fine solo con la morte del Male, di Heathcliff.

Il romanzo ha una trama complessa, e per la storia e per i punti di vista che cambiano frequentemente. Una volta entrati nella brughiera però difficilmente ci si perde perchè i personaggi rimangono sempre ben presenti a loro stessi. Una caratteristica molto interessante che ho apprezzato è il “non cambiare” di tutti coloro che ruotano intorno alle vicende di queste cime continuamente scosse dai venti. A differenza della maggior parte dei romanzi, all' interno dei quali troviamo dei protagonisti (che rimangono comunque indimenticabili s' intende)che evolvono con l' evolversi delle vicende, che cambiano in positivo o in negativo, in Cime Tempestose questo non succede. Gli stessi tratti di personalità che distinguono un Heathcliff bambino da un giovane Edgar Linton rimarranno gli stessi una volta che questi personaggi saranno diventati adulti.
Lasciando nella brughiera per un momento gli spiritelli che ogni tanto fanno capolino nel romanzo, l' impatto che ho avuto una volta finito il libro è stato di realismo.
Realtà da parte di Emily Brontë nel descrivere personaggi immortali che non sono mai del tutto positivi, anzi. Perchè se esaminiamo con attenzione il caro buon Edgar Linton, in lui troviamo una vena di servilismo e pateticità che ci disgusta.

Il messaggio che questo romanzo mi ha lasciato?
Le persone non cambiano, l' amore non è sempre un sentimento positivo, anzi. Si possono amare due persone contemporaneamente, ma in modo diverso. Sembra retorico e scontato, ma leggendo questo libro ho capito veramente quando le persone si dicono che “il confine tra odio e amore è impercettibile”.
Ma soprattutto mai lasciare aperte le finestre durante la pioggia altrimenti mi entrano in casa gli spiriti dei bambini morti.

Informazioni tecniche: “vivere” un romanzo nella sua lingua originale è ovviamente un' emozione irripetibile nella sua versione tradotta, ma per chi non è un esperto di inglese vittoriano pieno di Sir e Mylady(come me) la traduzione di Gemma De Sanctis è bellissima, non ci sono altri aggettivi per descriverla. Lo stile è chiaro, brillante, ed è una caratteristica importante in un romanzo la cui trama è tutt' altro che semplice.

Citazione immortale: “il mio amore per Linton è simile alle foglie dei boschi. So che il tempo lo muterà, come l' inverno muta gli alberi...ma il mio amore per Heathcliff somiglia alle rocce eterne sotto di noi... una sorgente di gioia poco visibile, ma necessaria. Nelly, io sono Heathcliff... lui è sempre, sempre nella mia mente... non come un piacere, non più di quanto io sia un piacere per me stessa, ma come il mio stesso essere, perciò non parlarmi più di separazione...è impossibile, è...”

Da leggere? nel caso in cui non si fosse capito, assolutamente si.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2013-07-08 14:51:58 maria68
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
maria68 Opinione inserita da maria68    08 Luglio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

una tempesta di emozioni

Seduta su una sedia e aspettando l'ispirazione per iniziare a scrivere la recensione dell'ultimo libro letto...
come per incanto immagino di essere intervistata da un giornalista, il quale ritenendomi competente nel settore mi chiede di rispondere a sei domande:  
Perché l'autrice ha voluto chiamare il suo libro "cime tempestose"?
perché ciò che si abbatte sulla famiglia Earnshaw è una vera tempesta che coinvolgerà ben due generazioni; tra l'altro «Wuthering» è un aggettivo che descrive il tumulto atmosferico al quale si trova esposta durante la bufera, la residenza degli Earnshaw.  
Ha mai conosciuto un uomo tanto cattivo, come Heathcliff?
No. Ma ho cercato di capire cosa  può aver generato tanto odio in un uomo. Come possa sentirsi chiunque abbia dovuto fare i conti con un abbandono; poi, nel momento in cui sembra aver trovato una famiglia non sentirsi accettato come componente di quel nucleo familiare, a causa delle gelosie del fratello, che si acutizzeranno soprattutto dopo la scomparsa dei loro genitori. Se aggiungiamo a tutto ciò, anche il rifiuto da parte della donna amata a favore di un altro, che le avrebbe dato più prestigio, allora ecco scoperto le motivazioni di questo atteggiamento.  
Mi sembra di percepire, che lei giustifica il comportamento di Heathcliff?
Assolutamente no!; come si può pensare di giustificare un tale accanimento per quanta compassione mi suscita.  
Quale altro personaggio l'ha colpito?
Hareton, il quale "è stato messo da parte come un papero senza piume. Lo sfortunato ragazzo è il solo in tutta la parrocchia che non sappia come sia stato truffato", nonostante la sottrazione dei suoi averi e l'essere stato ridotto a servo, egli prova affetto per il suo carnefice. Si potrebbe far rientrare questo comportamento tra coloro che sono stati colpiti dalla "Sindrome di Stoccolma".  
A chi consigliebbe questo libro?
a chi ama il genere "noir", in quanto sono presenti elementi romantici come l'amore, ma anche di orrore come la vendetta che è un piatto freddo da gustare lentamente...  Heathcliff con la sua mente diabolicamente eccelsa sicuramente è l'unico candidato per realizzare tale impresa. Nonostante sia annoverato tra i classici l'ho trovato molto moderno sia per la sua struttura che ci ricorda una 'matrioska' che per la storia in sè.   Brontë riuscirà a sedurci con questo romanzo, innescando in noi sentimenti contrastanti che vanno dalla simpatia all'avversione per i personaggi presenti nel libro.  
Quale frase ha trovato irresistibile?
"la sola ragione di vivere per me è lui. Se tutto il resto perisse, e lui rimanesse, io continuerei a esistere; e, se tutto il resto rimanesse e lui fosse annientato, l'universo si cambierebbe per me in un'immensa cosa estranea; non mi parrebbe più di essere una parte di esso".
Questa frase a mio giudizio riesce a enfatizzare la parola "Amare" come è giusto che sia

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ama i classici e non...
A tutte le età
Alle donne ma anche agli uomini
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2013-05-11 11:40:54 AndCor
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
AndCor Opinione inserita da AndCor    11 Mag, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'amore (!?) nell'epoca vittoriana

E' da poco tempo che ho imparato ad apprezzare le trame letterarie contorte, e questo romanzo si è rivelato utilissimo per 'mettermi alla prova'.
Perchè dico questo? Eccovi alcuni indizi: la narrazione inizia in 'medias res', ed è presente un doppio narratore( che, in alcuni punti, diventa triplo), rendendo la lettura impegnativa e non di immediata comprensione. Tant'è che Emily Bronte è una delle poche autrici vittoriane che divide in maniera netta ed opposta i giudizi dei critici e dei lettori.

La trama è estremamente contorta, a tratti oscura, e costellata di vendette, invidie, contese e situazioni tormentate; i personaggi presentano profili tetri, vendicativi, opportunisti, con la figura di Heathcliff che spicca in negativo per cinismo e misantropia. Senza dimenticare la passionale Catherine, il quieto Edgar, l'ingenua Isabella, il fragile Hindley, l'apatico Linton, il tranquillo Lockwood, ed infine Hareton, l'unico personaggio 'a tutto tondo' che riuscirà a riscattare la sua iniziale condizione di rozzezza.

E' presente anche una certa quantità di elementi soprannaturali che alimentano superstizioni sulla brughiera dello Yorkshire, con Lockwood che arriva ad affermare il mito dei 'sogni agitati dei dormienti in quella terra calma';

Infine, è da osservare attentamente il concetto di 'amore' riguardo alla Victorian Age: nel romanzo, possiamo trovare l'amore borghese, l'amore impossibile, l'amore struggente, l'amore autolesionista, l'amore non corrisposto e l'amore per convenienza. In poche parole, non si può stare lontani dall'altro/a, ma è altrettanto impensabile anche solo pensare di amarsi in maniera semplice e sincera: una 'contraddizione' (fino a che punto?) che porterà a relazioni sbagliate e destinate ad un finale amaro e crudele.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2013-03-20 14:15:15 Maya
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Maya Opinione inserita da Maya    20 Marzo, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'Amore oltre la morte.

Premettendo che generalmente sono attratta dai personaggi imperfetti (e questo libro ne ha da vendere), era quasi inevitabile che mi sarebbe piaciuto così tanto questo libro.
I personaggi principali, sono spesso e volentieri insopportabili, Catherine è una ragazza viziata e testarda ed Heathcliff un vero demonio. Tuttavia non possono fare a meno l'uno dell'altro, e da protagonisti quali sono, inevitabilmente diventano antagonisti di loro stessi.
"Cime tempestose"è un romanzo fuori dal comune, descrive un amore assoluto, un amore autentico, che viene tuttavia sporcato dall'imperfezione dei due protagonisti..i quali non sanno essere clementi nemmeno con se stessi. Non starò a dilungarmi sul contenuto del libro, ma se siete degli incredibili romantici, se amate le storie imperfette..e se vi piace lo stile d'epoca vittoriana..questo libro fa per voi!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chiunque voglia immergersi in una storia struggente.
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2013-03-12 21:09:47 LadyQMercury
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
1.0
LadyQMercury Opinione inserita da LadyQMercury    12 Marzo, 2013
Ultimo aggiornamento: 16 Marzo, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

In questo romanzo ho letto di tutto tranne che am

La mia impressione, riguardo questo libro, è molto deludente; l'ho finito con molta fatica e non capisco come questo romanzo possa essere definito d’amore.
Dalla prima all’ultima pagina, ho avvertito solo sentimenti di odio, di violenza e cattiveria e e le uniche frasi intense vengono inserite in discorsi dove di grazioso non c’è proprio nulla, quindi anche la citazione stessa per me ha perso di amenità e credibilità. Heatcliff non ama Catherine, ne è solo ossessionato e questa sua ossessione lo porta a rovinare due generazioni, addirittura ad odiare il figlio, il suo stesso sangue.
C’è cattiveria in tutti i personaggi, nessuno escluso, anzi, forse solo Hareton si salva da questa cerchia di perfidi, l’unica vera vittima di questa storia.
Mi aspettavo un capolavoro alla Jane Austen, ma c’è veramente un abisso e mi scuso con la Austen per aver provato a paragonarla con Emily Bronte. Il riassunto nell’ultima di copertina ti fa pensare ad un amore appassionato, un amore dolce con i suoi alti e bassi ed invece, già dalle prime pagine, capisci che qualcosa non va. Ho avuto addirittura il dubbio (nei primi tre capitoli) che la copertina fosse stata incollata su un libro diverso (e sono anche andata a controllare nella descrizione se c’era il nome Catherine, giusto per levarmi ogni dubbio).
Sono stata tentata più di una volta di chiuderlo ed abbandonarlo a se stesso, ma so che prima o poi l’avrei ripreso quindi tanto valeva che mi togliessi subito il dente (ed il dolore).
Per quanto sia un classico (e mi rendo conto di essere una delle poche voci fuori dal coro), non so se mi sentirei di consigliarlo, probabilmente no, ma fa parte di quei tomi che almeno una volta nella vita vanno letti, per cui leggetelo! Anche se un libro vi lascia sensazioni negative ha comunque ampliato il vostro bagaglio culturale.

Alla prossima
Q

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2013-03-08 15:58:56 LadyA
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
LadyA Opinione inserita da LadyA    08 Marzo, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Heath e Cath: persino la morte trema

Cime tempestose è un romanzo che ti entra nel sangue.
Entra nel sangue di tutti coloro che credono nell'unione oltre il corpo e oltre la vita stessa.
E' certamente un romanzo su cui ha influito il romanticismo e il concetto di amore tragico, ma raccoglie in sè un'originalità di stile e di caratterizzazione dei personaggi difficilmente ripetibile.
La violenza, la distruzione, l'odio e la vendetta così abilmente ostentati attraverso i due indiscussi protagonisti lasciano il lettore senza respiro.
Noi che leggiamo, quasi smettiamo di sentirci umani, vorremmo essere come loro, come Heathcliff e Catherine, un uomo e una donna che sembrano venire da un'altro mondo.
Heathcliff è il signore della brughiera, colui che dal nulla diventa il padrone di tutti i luoghi che lo circondano e con cui condivide l'identità selvaggia e libera, conquistando nonostante il suo essere oscuro e malvagio, il cuore dell'unica persona che ama: Catherine.
Il loro legame è unico, neanche la morte riesce a separarli.
Come una storia di mistero e di fantasmi, i due continuano a cercarsi e ad odiarsi anche quando sono inevitabilmente lontani.
C'è una carica intensa che sale da ogni pagina, man mano che si procede nella lettura. E non vi dico che questa spinta sia positiva, perchè non lo è.
Heath e Cath non sono eroi, non sono buoni, le loro anime non andranno in paradiso, essi condivideranno l'inferno, primo fra tutti, quello sulla terra.
Ma è quell'energia che vi spingerà ad arrivare all'ultima pagina, perchè proprio come una tempesta, sarà Heathcliff a condurvi verso la fine. La sua e la vostra.
La vostra fine perchè quando avrete chiuso il libro, lo farete con una strana sensazione addosso. Vi guarderete intorno e vi chiederete perchè.
Perchè non esiste un amore così forte.
Perchè non esistono emozioni così grandi di fronte alle quali persino la morte trema.
I due protagonisti vanno oltre la vita e l'umano dicibile.
Perchè non tutto può essere spiegato.
Non quando è l'istinto più puro a rendere indimenticabile una storia che pur nella sua maledizione, sta sfidando ancora l'Eternità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2012-11-03 14:10:12 whasting
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
whasting Opinione inserita da whasting    03 Novembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

AFFASCINANTE

Inizio dicendo che paragonarlo ad orgoglio e pregiudizio è dire una menzogna.
Cime tempestose è veramente diverso, la Bronte ha veramente uno stile originalissimo.
All'inizio pensi che il primo narratore il Signor Lockwood sia uno psicopatico che considera il padrone di casa una persona positiva, quando al contrario, è negativa. La Signora Dean mi sembra più sobria come narratore, forse è un narratore onnisciente, ma secondo me è anche un narratore interno.
Sicuramente c'è una focalizzazione zero da parte della Signora Dean. Il racconto nelle prime pagina è pesantuccio, poi andando avanti non riesci più a smettere di leggere. Io dicevo, arrivo a questo capitolo (che poi è diviso in due volumi, entrambi suddivisi in parti) e poi smetto, ma arrivando alla fine del capitolo ne leggevo un altro. Crea molta dipendenza.
Quando sono arrivata alla fine è stato scioccante! Non dico niente, però è stata veramente una bella lettura. Nonostante la mente perversa della Bronte, ci fa capire che l'amore vince SEMPRE su tutto.
Ora non mi resta che rileggerlo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chi vuole provare nuove emozioni
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2012-09-22 15:31:57 Maybe
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Maybe Opinione inserita da Maybe    22 Settembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Antieroi per eccellenza

Un romanzo soprendentemente originale per l'epoca. La storia di due famiglie, vicende intriganti, cupe, maligne. Personaggi che non ci si aspetta di trovare in un tipico capolavoro classico come questo. Un protagonista maschile egocentrico, egoista, cattivo ma che ama nonostante tutto e che ha sete di vendetta. Brutale e non di bellissimo aspetto, scuro, dalle origini non note. Un'altra protagonista viziata, di gradevole aspetto ma di indole dispettosa, antipatica, anch'essa egoista. Finalmente personaggi non comuni dove i difetti non fanno da sfondo bensì da protaginisti assoluti. Mi ha catturata dalla prima pagina. Non lo paragonerei a uno dei romanzi della Austen non per inferiorità ma per assoluta superiorità in fatto di temi originalissimi e per nulla scontati. Stupendo.

Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2012-08-20 17:17:56 Mombelli
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mombelli Opinione inserita da Mombelli    20 Agosto, 2012
Ultimo aggiornamento: 20 Agosto, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La tempesta dentro di noi

Cime tempestose è uno di quei libri che chi non l'ha letto lo considera "un mattone noioso" o "la solita storia d'amore impossibile".
Anche io lo pensavo ad essere sincero... ed ero completamente in torto.
Consiglio a chiunque stia per leggerlo di fare un bel respiro profondo e prepararsi a vivere una esperienza che credo pochi altri libri siano in grado di donare.
Una storia che parla di amore, odio, vendetta, dolore e pregiudizio.
L'amore tra Heathcliff e Catherine non è l'elegante ed acuto sentimento che la Austen descriveva in Orgoglio e Pregiudizio, ma una tempesta che si abbatte sui protagonisti e li sconvolge fino alla morte (ed anche oltre). Si potrebbe parlare di qualche pecca nello stile di scrittura, ma il vortice di vicende che si susseguono nel romanzo le sublimano pienamente.
Vivamente consigliato a tutti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Cime tempestose è uno di quei libri che chi non l'ha letto lo considera "un mattone noioso" o "la solita storia d'amore impossibile".
Anche io lo pensavo ad essere sincero... ed ero completamente in torto.
Consiglio a chiunque stia per leggerlo di fare un bel respiro profondo e prepararsi a vivere una esperienza che credo pochi altri libri siano in grado di donare.
Una storia che parla di amore, odio, vendetta, dolore e pregiudizio.
L'amore tra Heathcliff e Catherine non è l'elegante ed acuto sentimento che la Austen descriveva in Orgoglio e Pregiudizio, ma una tempesta che si abbatte sui protagonisti e li sconvolge fino alla morte (ed anche oltre). Si potrebbe parlare di qualche pecca nello stile di scrittura, ma il vortice di vicende che si susseguono nel romanzo le sublimano pienamente.
Vivamente consigliato a tutti.
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2012-07-03 15:49:41 Ale96
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Ale96 Opinione inserita da Ale96    03 Luglio, 2012
Ultimo aggiornamento: 03 Luglio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

IL TRIONFO DELL'IRRAZIONALITÀ

Avete mai provato, leggendo soli in una stanza, compassione, pietà, dolore inesauribile che ti porta a piangere e allo stesso tempo odio,ira e desiderio di vendetta? Allora avete letto l'unica opera di Emily Bronte (1818-1848): “Wuthering Heights”( Cime Tempestose).
Scritto agli arbori dell'età vittoriana, tra il 1845 e il 1846, Cime Tempestose è un romanzo del tutto isolato dalla tradizione narrativa inglese, razionale e placida. Infatti, in primis, non ha un sottogenere, perché è un miscuglio di romanzo rosa, noir, di gothic novel con richiami anche al byronismo, anima diabolica del romanticismo inglese. Inoltre la logica e la razionalità tradizionali sono banditi per far posto ai sentimenti e alla IRRAZIONALITÀ.
L'irrazionalità. Il sentimento. Le emozioni. Il motore del romanzo è costituito da questi che sono,tuttavia, diversi dal normale. Sono febbrili, impetuosi, incontrollabili, imprevedibili. Il romanzo appare sconnesso, contraddittorio, a tratti incomprensibile proprio perché dominato dal pathos, da un'ira demoniaca, dalla vendetta che si incarnano nel personaggio protagonista del romanzo Heathcliff, ragazzino mendicante di dubbie origine preso da giovane da un benestante, Mr Earnshaw, solo per compassione e pietà e portato nella sua casa, Cime Tempestose, tra i suoi cari che si mostrano ostili al giovane e che lo malmenano. Tutti ad eccezione di Cathy, figlia di Mr Earnshaw che diventa sua compagna di giochi e unica amica. In breve tempo tra loro nasce una passione selvaggia e diventano un'unica persona, un'unica anima. Ma è l'IRRAZIONALITÀ a controllare e non l'amore e così incombono nella storia le tragedie, le separazioni, i lutti che porteranno Healthcliff alla malvagità, all'odio e alla vendetta dei torti subiti ma anche alla demenza per il suo incontrollabile amore.....
Ambientato nel 1801-1802 nelle solitarie brughiere dello Yorkshire, la vicenda ,che inizia in medias res, viene narrata dal londinese Lockwood per poi cambiare totalmente. Infatti il libro è una grande analessi, anch'essa IRRAZIONALE perché troppo particolareggiata e contorta, che ha come narratrice la vecchia governante Ellen Deal.
Nella sua opera, Emily Bronte, con velati riferimenti autobiografici, ci dona una visione cupa e misteriosa del vivere quotidiano assolutamente anacronistica anche perché la “fredda storia” non potrà mai collegarsi all'opera, essendo razionale e basata sulla logica, sui fatti e sulle prove.
In conclusione Cime tempestose è un romanzo assolutamente da leggere, non con superficialità ma con assoluta attenzione affinché il lettore possa diradare la fitta nebbia che avvolge la storia e la sua autrice, che morì soltanto a 30 anni.
É un classico che avrà eternamente successo perché, come afferma Calvino, rileggendolo sarà come iniziare un altro libro.

PS Il romanzo di per sé non è lungo ( 320 pag.), quindi non abbiate paura delle dimensioni ma occupatevi del contenuto, sul come decifrarlo e sul come interpretarlo. Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2012-05-12 22:25:23 peucezia
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
peucezia Opinione inserita da peucezia    13 Mag, 2012
Ultimo aggiornamento: 13 Mag, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'amour fou

Unico romanzo scritto da Emily Bronte, con due livelli di narrazione rappresentati dal signor Lockwood il pavido visitatore e da Nelly , governante e memoria dell'intera vicenda, Cime Tempestose si discosta dalla tecnica narrativa dell'epoca basata sulla narrazione onnisciente e cronologica che spesso sfociava nel Bildungroman ( romanzo di formazione che accompagna un personaggio dalla preadolescenza all'età matura) per partire in medias res o per meglio dire sul finire della vicenda e poi usare frequenti analessi .
La storia si concentra sull'amour fou tra Heathcliff un trovatello, bello e dannato esempio di eroe-antieroe perché presenta le caratteristiche proprie del villain ( carattere impetuoso e violento, desiderio di vendetta che lo spinge a compiere atti malvagi) e Catherine, signorina di buona famiglia, cresciuta con il ragazzo sin da piccola, di natura volubile e capricciosa.
L'amore tra i due è osteggiato in primis dalla stessa Cathy che pur dichiarando di essere ella stessa Heathcliff sa che la differenza sociale tra lei e il ragazzo è un ostacolo insormontabile per un'unione preferendo la vita tranquilla che Linton, simbolo dell'ordine tipico della Victorian Age le offre.
Nel romanzo scritto nel periodo di mezzo dell'età vittoriana si trovano elementi tipici del romanzo gotico rappresentati dal clima cupo e dalla presenza dello spirito di Cathy che, defunta viene vista proprio da Lockwood all'inizio della storia, ma anche elementi romantici: la passione irrisolta dei due protagonisti, il carattere indomito di Heathcliff che ricorda i personaggi byroniani e il forte legame tra natura e sentimenti.
Pur scritto in pieno ottocento il libro è tuttavia moderno e attuale per tematiche e tecniche di scrittura, un esempio di classico immortale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Austen,letteratura vittoriana
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2011-12-18 10:45:11 aivlis
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
aivlis Opinione inserita da aivlis    18 Dicembre, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'amore distruttivo

Ho impiegato un pò a leggere questo libro. Devo dire che a me personalmente non mi ha catturata fin dall'inizio. In realtà dopo i primi capitoli l'avevo mollato subito. Ma non mi andava di riportarlo in biblioteca senza averlo concluso, quindi ho fatto uno sforzo e ho ripreso la lettura. Bhè ne è valsa la pena; lo stile della Bronte è veramente qualcosa di inconsueto, il suo modo di narrare una passione amorosa quasi morbosa è forte e violento direi. Magari a primo acchito il modo di scrivere può non appassionare e destare critiche ma se ci si cala in esso non può che sorprendere sempre più il lettore, catturandolo e sconvolgendolo. I vizi dei personaggi sono amplificati e determinano la personalità di essi rendendoli antipatici agli occhi del lettore che prova talvolta ribrezzo e orrore per le loro azioni e per le loro passioni. Nonostante ciò ho apprezzato molto il libro per la sua originalità e ora capisco la notorietà di esso e della sua autrice.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
tutti i lettori dovrebbero conoscere questo classico.
Trovi utile questa opinione? 
61
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2011-12-09 09:12:39 Debs
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Debs Opinione inserita da Debs    09 Dicembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Immaginavo tutta un'altra storia

Alle superiori ci hanno sempre propinato narrativa italiana e fino ad oggi ho trascurato quella inglese. Confrontandomi prima con la Austen ora ho sperimentato la Bronte. DEvo dire che le aspettative che in tutti questi anni mi ero costruita attorno a questo romanzo erano alte, anzi più che alte, immaginavo davvero una storia d'amore diversa. A parte la tristezza che permea tutto il racconto e che sinceramente, a tratti mi ha spesso incupita, l'amore tra Heathcliff e Catherine prende solo la prima metà della storia, per poi centrare il focus sulle vicende della loro progenie. Tuttavia anche se il loro amore terreno cessa con la morte di lei e quindi non vi sono più risvolti concreti nel loro amore, quest'ultimo permea, è intriso nelle vicende degli altri personaggi, si respira dalla follia e dalla cattiveria del protagonista, che depauperato dal suo grande amore, appare un po' come l'Orlando Furioso dopo aver perduto Angelica. In questo romanzo l'amore non è passione carnale, non è tenerezza...anzi è accostato, a mio avviso, spesso a sentimenti piu cupi: malattia, ossessione, rabbia, follia...ma rimane pur sempre amore e questo rimane pur sempre un romanzo che vale la pena leggere...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2011-09-02 20:37:02 Calabria
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Calabria Opinione inserita da Calabria    02 Settembre, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Capolavoro?

Ho sentito molto parlare di questo libro e non molto tempo fa ho deciso di comprarlo. Ho letto dapprima Jane Eyre e successivamente ho letto Cime tempestose.
Il mio giudizio a differenza di molti dei precedenti, non è del tutto positivo: sará per la storia che non mi ha colpito particolarmente, ma non è un libro che mi ha appassionato.
Sicuramente non discute lo stile dia rottura della Brontë e nemmeno il racconto che avviene tramite i ricordi di una governante, ma la storia d'amore e tutte le dolorose vicende dei protagonisti mi hanno stupito ben poco. Una cosa che però mi è piaciuta è la descrizione dei personaggi, specialmente di Heathcliff.
Essendo però un classico della letteratura e non essendo del tutto negativo il mio giudizio, consiglio di leggerlo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2011-09-02 19:10:47 Polly*
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Polly* Opinione inserita da Polly*    02 Settembre, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Wuthering Heights

Partendo con il presupposto che questo libro è stato scritto attorno al 1847,e ancora oggi venga letto, e amato,parla di una la storia raccontata tramite flashback dalla domestica Ellen (Nelly) Dean, che ci fa vivere questo immenso amore sofferto tra Catherine e Heathcliff dai primi albori dell'infanzia fino alla morte. Un amore passionale,morboso descritto in maniera quasi casta,che lascia spazio all'immaginazione.E' un romanzo che una volta letto rimarrà nel cuore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2011-06-30 16:18:32 annabel73
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da annabel73    30 Giugno, 2011
Ultimo aggiornamento: 30 Giugno, 2011

sete d'impossibile amore

Ho letto questo romanzo per la prima volta a dodici anni e per la seconda a ventidue, la prima volta lo trovai appassionato e coinvolgente e la seconda fui presa da un amore totale per quest'opera: la pazzia, l'amore e la morte in un connubio allucinante, eros e thanatos come direbbe Freud. Sembra incredibile che qualcosa di simile sia stato concepito da una fanciulla relegata nell'aspra brughiera dello Yorkshire con poche esperienze di vita. L'amore disperato che provava per il fratello morto alcolizzato credo che abbia influenzato non poco questa storia di amore impossibile. (nel romanzo delle origini di Heathcliff non si sa nulla ed è facile pensare che si potesse trattare di un figlio naturale del defunto signor Earnshaw per cui sulla storia peserebbe il divieto morale dell'incesto)
Lo consiglio a tutti è veramente da leggere e amare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Jane Eyre di Charlotte Bronte.
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2011-05-03 22:22:38 Candelina95
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Candelina95 Opinione inserita da Candelina95    04 Mag, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un classico senza tempo!

Ho sentito parlare per la prima volta di questo libro quando ho letto la saga di Twilight e ho subito pensato che non fosse un granchè. Però mi ero così incuriosita che mi decisi a comprarlo. Mai fatta una scelta più giusta! Ho letto questo libro in meno di una settimana tutto d'un fiato! E' un classico spettacolare, la storia è appassionante e avvincente ed è scritta con una cura ed una raffinatezza impeccabili che hanno reso "Cime Tempestose" il mio libro preferito in assoluto! Lo rileggerei all'infinito!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Lo consiglio a tutti, particolarmente a quelli che come me amano i classici o le storie d'amore tormentate!
Trovi utile questa opinione? 
31
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2011-04-24 14:07:30 Francj88
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Francj88 Opinione inserita da Francj88    24 Aprile, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'erica e la brughiera..

Cime Tempestose.. bè che dire, credo che le migliori parole per descrivere questo romanzo siano quelle scritte da G. Tomasi di Lampedusa: "Wuthering Heights, un romanzo come non se non sono mai scritti prima, come non saranno mai scritti dopo. Lo si è voluto paragonare al King Lear. Ma veramente, non a Shakespeare fa pensare Emily, ma a Freud; un Freud che alla propria spregiudicatezza e al proprio tragico disinganno unisse le più alte, le più pure doti artistiche. Si tratta di una fosca vicenda di odi, di sadismo e di represse passioni, narrate con un stile teso e corrusco spirante, fra i tragici fatti, una selvaggia purezza. Il romanzo romantico se mi consente il bisticcio, ha qui raggiunto il proprio zenith."

La storia è davvero viscerale e si riesce a percepirne l'intensità anche grazie al paesaggio altamente simbolico che con le sue tempeste e raffiche di tramontana rispecchia le violente passioni cui soggiacciono i protagonisti: Catherine e Heathcliff! Essi vivono sentimenti ambigui, tormentate relazioni, opera di passioni scomode e violente. Cime Tempestose è leggibile come romanzo d'amore ma anche, se non di più, come romanzo di odio.

Bellissima ed esemplificativa del rapporto tra i protagonisti è secondo me l'immagine dell'erica che cresce nella brughiera, sebbene quest'ultima sia tormentata dai venti e dalle tempeste, l'erica resiste, ed è attaccata alla terra, sempre e comunque. Non la tradisce mai. Non la abbandona per rifiorire in posti più tranquilli. Le sue radici non muoiono, sanno che il loro destino è legato alla brughiera, anche se è aspra, ostile, ma l'amano cosi com'è. Senza riserve.
Chi non ha mai sognato una persona nella propria vita che sia forte e capace di amare come l'erica?

Che altro dire.. ogni parola in più sarebbe superflua, è questo meraviglioso romanzo che parla da sè. Direi che Cime Tempestose è senza dubbio un libro che andrebbe letto almeno una volta nella vita. Specialmente da chi ha uno spirito romantico (nell'accezione più ampia del termine), ma in definitiva da tutti!

Ah piccola annotazione musicale: Wuthering Heights è una bellissima canzone di Kate Bush, scritta nel 1978 e basata proprio sul libro in questione. Una canzone bellissima e forse una delle più difficili da cantare nella storia del pop. Consiglio di ascoltarla. Sicuramente i fans del libro come me la conosceranno già! :)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Classici dell'800
Letteratura romantica
Letteratura gotica
Non amanti dell'happy ending!! ;)
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2010-12-27 16:15:57 darkala92
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
darkala92 Opinione inserita da darkala92    27 Dicembre, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Oh Heathcliff, Heathcliff, perchè sei tu Heathclif

"A che scopo esisterei, se fossi tutta contenuta in me stessa? I miei grandi dolori, in questo mondo, sono stati i dolori di Heathcliff, io li ho tutti indovinati e sentiti fin dal principio. Il mio gran pensiero, nella vita, è lui. Se tutto il resto perisse e lui restasse, io potrei continuare ad esistere; ma se tutto il resto durasse e lui fosse annientato, il mondo diverrebbe, per me, qualche cosa di immensamente estraneo: avrei l'impressione di non farne più parte. Il mio amore per Linton è come il fogliame dei boschi: il tempo lo trasformerà, ne sono sicura, come l'inverno trasforma le piante. Ma il mio amore per Heathcliff somiglia alle rocce nascoste ed immutabili; dà poca gioia apparente ma è necessario. Nelly: io sono Heathcliff! Egli è stato sempre, sempre nel mio spirito: non come un piacere, allo stesso modo ch'io non sono sempre un piacere per me stessa, ma come il mio proprio essere. Così, non parlar più di separazione: ciò è impossibile e..."

"Adesso mi dimostri come sei stata crudele, crudele e falsa. Perché mi hai disprezzato? Perché hai tradito il tuo stesso cuore, Catherine? Io non ho una parola di conforto per te: tu hai quello che ti meriti. Ti sei uccisa da te stessa. Sì, tu puoi baciarmi, e piangere, puoi strapparmi lacrime e baci: essi ti arderanno, ti danneranno.
Tu mi amavi: che diritto avevi, allora, di lasciarmi? Che diritto, rispondimi, di sacrificarmi al tuo miserabile capriccio per Linton? Mentre né la miseria, né la degradazione, né la morte, nulla di tutto quel che Dio e Satana potevano infliggerci, ci avrebbe separato, tu, di tua piena volontà hai fatto ciò. Non io ti ho spezzato il cuore, ma tu stessa: e il mio col tuo. Tanto peggio per me se sono forte. Ho forse bisogno di vivere? Che razza di vita sarà la mia quando tu... oh, Dio! Vorresti tu forse vivere con l'anima tua nella tomba?"

"Possa svegliarsi fra i tormenti! - gridò Heathcliff con una spaventosa veemenza, picchiando i piedi, ruggendo di dolore in un improvviso parossismo d'irresistibile passione. - Sì, sì, bugiarda fino alla fine! Dov'è dunque? Non là... non in cielo... scomparsa, dove? Ah, tu dicevi che non t'importava nulla delle mie sofferenze! Ed io faccio una preghiera, e la ripeterò fin che la mia lingua si secchi: Catherine Earnshaw, possa tu non trovar mai riposo fin ch'io vivo! Tu dici che io ti ho uccisa: tormentami, allora. Le vittime perseguitano i loro assassini, io credo. Io so di fantasmi che hanno errato sulla terra. Sta sempre con me... prendi qualunque forma... rendimi pazzo! Ma non lasciarmi in questo abisso, dove non ti posso trovare! Oh Dio, è impossibile! Non posso vivere senza la mia vita, non posso vivere senza la mia anima!"

Mi dite come sia possibile non amare questo libro?? No! Non esiste un modo!

Il personaggio di Heathcliff... tutto gira intorno al suo carattere cupo e solitario. Un DEMONE/ANGELO! Demone con l'umanità generale, angelo con la SUA umanità: Catherine!

Che il loro amore possa continuare anche nell'altra vita... anche se si tratta di un libro!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Per chi ama i classici e le VERE e TORMENTATE storie d'amore!
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2010-11-09 09:58:43 rimax81
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
rimax81 Opinione inserita da rimax81    09 Novembre, 2010
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Emily Brontë

Per comprendere appieno la grandezza di questo romanzo, al di là della storia in sè, è necessaria una breve digressione sulla figura dell'autrice: Emily Brontë era una donna semplice ed austera, non aveva una grande esperienza di vita e non apparteneva certo a quella società benestante che tanto poteva permettersi di frivoleggiare. Non aveva quindi conoscenza diretta delle passioni che così approfonditamente descrive, ma riesce a farlo in un modo tanto avvolgente da sembrare che Catherine e Heatcliff trascinino anche il lettore nell'abisso delle loro emozioni distruttive.

Inoltre ho sempre trovato incredibile, pur avendo scritto questo romanzo in età giovane (ricordo infatti che morì a soli 30 anni), la padronanza che dimostra avere nel descrivere sentimenti estremi e violenti senza esserne a sua volta risucchiata.
La storia può a volte contorcersi su se stessa, ma non la sua scrittura nel delineare i caratteri e le passioni dei personaggi.

Un grande classico, per anni uno dei miei preferiti.

Lo consiglio soprattutto ai giovani, per capire che i turbamenti del cuore risiedono nell'animo e non nella fisicità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2010-09-23 17:43:38 bimba96
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
bimba96 Opinione inserita da bimba96    23 Settembre, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vivresti tu se la tua anima fosse sottoterra?

Ok sono solo una quindicenne incapace di commentare libri cosi complessi, ma vorrei lo stesso dire la mia. Cime tempestose è uno dei libri più belli che abbia letto. Molti dei miei amici l'hanno trovato noioso e altri non l'hanno neanche finito, incapaci di comprenderne il significato. Credo che stronchi l'idealizzazione che ogni adolescente ha sull'amore: quello di Heathcliff e Catherine è cosi violento e disperato da distruggerli entrambi. Anche se, secondo me la vera origine di tutti i dolori è proprio Catherine... Be posso solo consigliarlo vivamente!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2010-07-31 12:50:41 Adelina
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Adelina Opinione inserita da Adelina    31 Luglio, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Libro stupendo!

Questo libro non parla di una vicenda romantica, bensì profondamente drammatica. Scritto con grande maestria e senza mai risultare troppo pesante. In assoluto è il mio libro preferito e fa riflettere su come le nostre scelte influenzino poi tutto il resto della nostra vita.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2010-05-30 01:26:43 Roberta
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Roberta    30 Mag, 2010

Capolavoro letterario

Mi emoziona come nessun altro libro, sbriciolare due parole su "WUTHERING HEIGHTS" " Cime Tempestose" e un merito enorme infinito di grazia e di genialita' letteraria alla indimenticabile scrittrice * Emily Jane Bronte'' * (Ellis Bell 1847).
Cime Tempestose si distacca e si allontana completamente dai capolavori delle altre sorelle BRONTE,che pur essendo anche le loro opere, tra cui "JANE EYRE" di Charlotte Bronte e "AGNES GREY" di Anne Bronte, istituzioni o pilastri della letteratura Inglese, le loro storie hanno un sapore autobiografico, vissuto, provato; Cime Tempestose no!
Emily donna o meglio, giovane ottocentesca, riscopre una passione inedita, violenta,cruda, una passione, nei dialoghi sopratutto, che va aldifuori del periodo Vittoriano del romanticismo inglese,uno schiaffo di verita' sommerse, sentimenti provati e mai detti, parole che scottano per quel periodo, parole che suonano disdicevoli, per una donna,e sopratutto per una giovane scrittrice.
Emily in Cime Tempestose ci propone la passione come nessun'altra opera sentimentale, la sofferenza, la speranza in un'altra dimensione oltre la morte,la storia di un amore inconpiuto, che non trova spazio, o almeno non in quel posto, non cosi', cosi' forte e distruttivo.

Per la completezza dell'opera, il contesto sociale, la grazia , la classe, lo stile il contenuto, l'originalita', i dialoghi inediti, la cadenza che sfiora la poeticita', la struttura letteraria inedita, la natura selvaggia, le brughiere, l'erica il tempo sono tutti elementi che fanno riferimento all'umore e allo stato danimo dei personaggi, per questi dettagli e per molti altri che non vengono citati, mi sento, senza ombra di dubbio,di dare il MASSIMO DEL VOTO a questa unica, geniale e meravigliosa scrittrice e la sua indimenticabile e insuperabile opera
"WUTHERING HEIGHTS"

Grazie dell'attenzione

Roberta

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
lo consiglio a tutti, in particolare a chi spera e chi crede, che esista ancora un briciolo di sentimento nel mondo.
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2010-05-26 19:05:43 Gabriella79
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
1.0
Gabriella79 Opinione inserita da Gabriella79    26 Mag, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

controcorrente

andrò controcorrente, ma io ho avuto serie difficoltà a leggere questo libro. Forse perchè i protagonisti sono degli anti eroi per eccellenza, forse perchè avrei voluto uccidere hitccliff con le mie mani, forse perchè lo stile è complicato e ricercato. Lo consiglio sicuramente, ma non è tra i miei preferiti

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
34
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2010-05-11 11:57:40 gio gio 2
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
gio gio 2 Opinione inserita da gio gio 2    11 Mag, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

cime tempestose

Storia d'amore d'altri tempi,passioni forti ed intense in ogni senso...a volte un po' troppo sopra le righe,per quanto mi riguarda,ma alcune particolarita' le ho trovate un po' inverosimili,un po' tanto farcito!pero' nell'insieme un bel romanzo

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
02
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2010-04-18 13:40:25 pinucciobello
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
pinucciobello Opinione inserita da pinucciobello    18 Aprile, 2010
Ultimo aggiornamento: 18 Aprile, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Da rileggere

Romanzo romantico come pochi, l'amore può durare anche dopo la morte, l'odio è intenso e imperituro. Scontro violento tra passioni contrapposte che si protrae anche nella seconda generazione, ma con ruoli contrapposti. Personalmente ho iniziato ad amarlo alla terza lettura .... Da leggere assolutamente

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a tutti
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2010-03-15 20:26:55 Minny
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Minny Opinione inserita da Minny    15 Marzo, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un classico

Ho letto per la prima volta questa grande storia romantica quando ero molto giovane. Allora proiettavano alla TV il magnifico film " Cime tempestose" , interpretato da un giovane e bellissimo Laurence Olivier e dall'intensa e ugualmente bella Merle Oberon: una ottima trasposizione.
Se riuscite a trovarne una copia in DVD , guardatela: qualche rughetta, ma il meccanismo è perfettamente oliato e tutto funziona ancora molto bene .
Ho ripreso a leggere negli anni - e varie volte- "Cime tempestose" e mi sono sempre appassionata a queste grandi pagine.
E' vero che i due protagonisti principali hanno personalità fortissime,dercisamente sopra le righe nel bene come nel male , ma, grazie ad una scrittura sapiente, riescono ad essere credibili nel loro essere dominati dalle loro passioni.
E' straordinario come l'autrice riesca a comunicare perfettamente il senso di vite inesorabilmente determinate e sconfitte da un destino invincibile, ora impersonato dalle convenienze sociali ora dai loro stessi sentimenti.
Insomma il libro non ha rughe e si legge d'un fiato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
ed ama leggere i grandi libri chye sfidano il tempo
Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2010-03-15 12:12:17 Ginseng666
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Ginseng666 Opinione inserita da Ginseng666    15 Marzo, 2010
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Al di la della morte...

Storia romantica e allo stesso tempo drammatica.
La storia di un amore non corrisposto e delle consuetudini di un tempo che non rispettavano le scelte femminili.
Un tempo non era la donna a poter scegliere il suo compagno di vita, ma era la famiglia o in particolare il padre a scegliere per lei.
Il racconto è il seguente: un uomo di famiglia facoltosa raccoglie uno zingarello e lo alleva insieme ai suoi figli.
Il ragazzo cresce e si innamora della sorellastra.
Lei all'inizio lo ricambia ma poi, per motivi strettamente economici sposa un altro.
Lui lascerà la casa paterna e tornerà dopo qualche anno ricco e carico di odio e di vendetta.
Per far dispetto a Catherine, la sua desiderata ex fidanzata, che poi in realtà è l'amore della sua vita, sposerà la sorella del marito di lei.
Catherine, morirà di crepacuore, gelosa e distrutta dal dolore.
L'uomo passerà la sua vita a sognarla e a chiamare il fantasma di lei, che vaga nella brughiera senza pace in attesa di riunirsi con il suo spirito...
Storia bellissima e di altri tempi...oramai nessuno muore più per amore..ma anche questo aspetto suscita a volte un po' di nostalgia se si pensa al cinismo della società in cui viviamo.
Da leggere o da rileggere se lo abbiamo già letto, se non altro per riappropriarci dei valori romantici dell'amore.
Saluti.
Ginseng666

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I classici in generale..
Trovi utile questa opinione? 
62
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2009-08-21 21:07:14 pigreco
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
pigreco Opinione inserita da pigreco    21 Agosto, 2009
Ultimo aggiornamento: 22 Agosto, 2009
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nell'abisso del sentimento... un grande racconto.

In Cime tempestose l'amore e l'odio non solo convivono nella stessa storia, ma condividono, invadono e sconvolgono le profondità dell'animo dei personaggi stessi, dolorosamente piegati e impotenti vittime. Tutto in questo romanzo è regolato da un mai raggiunto equilibrio tra passione e ossessione, tutto subisce irrimediabilmente la forza di un amore così contraddittorio e cupo da distruggere ogni cosa che tocca.



La trama è articolata e i personaggi sono una miriade, ciascuno splendidamente raccontato da un'Emily Bronte che eccèlle. E una volta imparato a non detestarli per la "loro" indole si riveleranno validi riferimenti con cui potersi confrontare o consolare. Le descrizioni dei luoghi e delle situazioni sono superlative e senz'altro all'altezza di soddisfare anche il più sofisticato dei gusti (d'altronde Emily conosce bene quei luoghi, avendo speso gran parte della sua vita proprio nella brughiera).



Detto ciò, pur non essendo l'amore che mi sarebbe piaciuto trovare, non mi resta che consigliare con assoluta convinzione la lettura di questo splendido capolavoro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cime Tempestose 2009-05-19 01:42:12 Vivian
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Vivian    19 Mag, 2009

In cima all'anima

Romanzo leggendario di classe,stile e grazia assoluta.

E' impossibile paragonare "Cime Tempestose" con altri romanzi sentimentali.

Non è un caso che lo spartito originale, scritto di pugno da Emily Bronte, si trovi conservato al British Museum di Londra.

Ma al di la' di questo la storia coinvolge, la struttora particolare e unica, il contenuto e' memorabile,dove spiccano forte elementi psicologici, morali e carichi di simbolismo, la scrittura ha come base il candore della piacevolezza del leggere.

La natura, descritta con grazia assoluta, rispecchia spesso lo stato d'animo dei personaggi e lascia l'impronta unica della scrittrice.

Per descrivere "Cime Tempestose" bisogna aprire l'anima, ascoltre il vento , farsi trasportare dai sentimenti, e credere che la morte, non sia la fine di tutto, ma solo l'inizio.

"Cime Tempestose" è un romanzo assoluto di grande letteratura Universale.



Vivian

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La ragazza sbagliata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Esti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Intima apparenza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri