Narrativa straniera Classici Quel che sapeva Maisie
 

Quel che sapeva Maisie Quel che sapeva Maisie

Quel che sapeva Maisie

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


"Veniva messa a parte di passioni su cui fissava lo stesso sguardo che avrebbe riservato al rimbalzare delle immagini dalle lastre di una lanterna magica a un muro. Il suo piccolo mondo era fantasmagorico: strana danza di ombre proiettate su un lenzuolo. Spettacolo che pareva allestito per lei, soldo di cacio di bambina spaurita nel buio di un grande teatro." La storia di Maisie, divisa da una sentenza del tribunale in due metà tra i genitori contendenti e sbalzata dall'uno all'altro in un intreccio crudele e insensato di avidità, corruzione ed egoismo, è quella del suo disorientamento e stupore, della sua progressiva consapevolezza e del tentativo di ritagliarsi uno spazio e una identità attraverso le mille strategie dell'immaginazione infantile.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Quel che sapeva Maisie 2017-08-10 04:03:39 siti
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
siti Opinione inserita da siti    10 Agosto, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Contesa

Romanzo difficile, affascinante, criptico e controverso come non mai. Le prime tre qualità sono caratteristiche congenite ad ogni scritto dell’americano naturalizzato inglese, la quarta deriva invece dalla delicata operazione di traduzione che può risultare inficiante rispetto alla lettura e alla stessa comprensione. Sono stata fortunata e mi sono imbattuta, senza sapere prima dei limiti di altre traduzioni in circolazione, nel lavoro di Ugo Tessitore per i tipi di Marsilio; in una breve e nascosta nota egli stesso giustifica alcune scelte di traduzione fatte per garantire una maggiore aderenza al contesto descritto da James ma soprattutto specifica l’utilizzo della maiuscola nei pronomi di terza persona presenti nei dialoghi per appianare ambiguità accessorie che genererebbero una fatica di lettura ancora più evidente in quella che è già prassi consolidata del divertito James. Ad ogni modo ancora una volta la lettura si è presentata impegnativa, sfumata, criptica, allusiva; occorre lasciarsi trasportare dalla prosa di James ed evitare la presunzione di seguire il suo gioco, non cadere nella tentazione di sciogliere qualsiasi perplessità, fumosità, dubbio o incomprensione visto che sono stimolati ad arte tra le righe del racconto a generare un’instabilità tipica del lettore jamesiano. Occorre sicuramente prestare la massima attenzione e non perdersi in una prosa mirabolante, contorta ma lucida, complessa ma necessaria per godere di una narrazione che per temi e implicazioni morali risulta straordinariamente moderna.
In breve questa è la storia di una bambina contesa da due ricchi genitori che ottengono dal tribunale un affidamento della stessa per sei mesi l’anno ciascuno. La piccola bimba, ritratta fra i sei e i nove anni, girerà come una trottola fra le esistenze di due genitori miseramente falliti e in preda solo al loro fallimento coniugale che innesca tremendi rancori e inutili ripicche ai danni della bimba stessa. Nel contempo la piccola verrà avviluppata dalle tresche amorose dei due i quali repentinamente si faranno accompagnare da amanti dal dubbio valore morale i quali fra l’altro, paradossalmente, diventeranno le proiezioni degli iniziali conflitti messi in atto dai genitori per accaparrarsi la piccola, sostituendosi di fatto alle figure genitoriali. Le persone che ruotano intorno a Maisie e che bramano di possederla sono ambigue così come tutte le relazioni che si innescano fra adulti e fra essi e la stessa piccola. James amplifica l’instabilità legata al destino di questa bimba con la scelta stilistica di assumere il punto di vista della bambina pertanto tutte le vicende narrate sono trasposte secondo la visuale limitata di una bimbetta precocemente esposta a volgarità, bassezze comportamentali, intrighi amorosi e preoccupazioni pecuniarie. Il motore che anima il comportamento adulto e che inevitabilmente implica ritorsioni nel suo vissuto è un misto delle più tremende passioni umane: rabbia, gelosia, superficialità, pulsioni erotiche, mire economiche e conseguente attaccamento al denaro, inadeguatezza al ruolo genitoriale. Soprattutto questo colpisce, visto che la stessa Maisie vivrà una sovrabbondanza di genitori, emblema stesso del suo abbandono. Maisie dunque cresce non tanto tentando di dare una lettura a questi eventi ma lasciandosi da essi trasportare con entusiasmo e con amore, si affida innocente e sprovveduta ad ogni adulto che si prende cura(?) di lei riuscendo con la sua ingenuità e con la sua innocenza a cogliere del positivo in tutti loro. Sono imperdibili i ritratti dei singoli personaggi secondo la sua ottica: oggettivi, reali e per questo spiazzanti. Il suo entusiasmo iniziale per le persone le permette di conquistarle, di fare in modo che loro vengano in un qualche modo legati a lei mentre agiscono tutti per un secondo fine che non è certo il suo benessere; spesso gli stessi adulti paiono farsi gioco dell’ingenuità della bimba che nel frattempo ha però acquisito un linguaggio adatto al contesto esperienziale al quale è sottoposta. Parla come un’adulta, le sue parole sono ambigue, instilla il dubbio che dietro una loquacità precoce non ci sia solo quell’ingenuità che fa scattare il sorriso dell’adulto navigato, Maisie forse sa e ha capito ma che cosa sa realmente? È questo l’enigma, Maisie non è forse solo una bambina che vive “in quell’intensa percezione del presente che è la mente infantile”?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Giro di vite
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La ragazza sbagliata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Esti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Intima apparenza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri