Narrativa italiana Romanzi A cantare fu il cane
 

A cantare fu il cane A cantare fu il cane

A cantare fu il cane

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


La quiete della notte tra il 16 e il 17 luglio 1937 viene turbata a Bellano da un grido di donna. Trattasi di Emerita Diachini in Panicarli, che urla «Al ladro! Al ladro!» perché ha visto un’ombra sospetta muoversi tra i muri di via Manzoni. E in effetti un balordo viene poi rocambolescamente acciuffato dalla guardia notturna Romeo Giudici. È Serafino Caiazzi, noto alle cronache del paese per altri piccoli reati finiti in niente soprattutto per le sue incapacità criminali. Chiaro che il ladro è lui, chi altri? Ma al maresciallo Maccadò servono prove, mica bastano le voci di contrada e la fama scalcinata del presunto reo. Ergo, scattano le indagini. Prima cosa, interrogare l’Emerita. Già, una parola, perché la donna spesso non risponde al suono del campanello di casa, mentre invece è molto attivo il suo cane, un bastardino ringhioso e aggressivo che si attacca ai polpacci di qualunque estraneo. E il Maccadò, dei cani, ha una fifa barbina. A cantare fu il cane ci offre una delle storie più riuscite di Andrea Vitali. I misteri e le tresche di paese, gli affanni dei carabinieri e le voci che si diffondono incontrollate e senza posa, come le onde del lago, inebriate e golose di ogni curiosità, come quella della principessa eritrea Omosupe, illusionista ed escapologa, principale attrazione del circo Astra per le sue performance, ma soprattutto per il suo ombelico scandalosamente messo in mostra. E per la quale, così si dice, ha perso la testa un giovanotto scomparso da casa…

Recensione della Redazione QLibri

 
A cantare fu il cane 2017-03-09 18:02:10 Vita93
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Vita93 Opinione inserita da Vita93    09 Marzo, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Al lupo ! Al lupo !

“ A cantare fu il cane “ è l’ ultimo romanzo di Andrea Vitali, medico originario di Bellano e scrittore di straordinaria prolificità. Si pensi ad esempio che nel 2014 l’ autore è riuscito nell’ impresa di pubblicare sette libri.
Non è stato il mio primo incontro letterario con Vitali, di cui avevo già letto il simpatico “ Galeotto fu il collier “.
L’ ambientazione è la medesima, la graziosa Bellano degli anni ‘30 immersa in un’ insopportabile calura estiva che neanche il vicino Lago di Como riesce a stemperare.

“ Al ladro ! Al ladro “. Il grido di Emerita Panicarli, residente in via Manzoni, irrompe nella notte tra il 16 e il 17 luglio 1937. Poco dopo il maldestro e noto delinquente locale Serafino Caiazzi viene acciuffato dalla guardia notturna Romeo Giudici in seguito ad uno scontro fortuito.
Cosa ci faceva il Caiazzi nei paraggi di casa Panicarli proprio quando quest’ ultima gridava “ al ladro “ ? Possibile che abbia cercato di addentrarsi in quella casa che tutti sanno essere presidiata da un temibile e vigile cane bastardino pronto ad azzannare chiunque non sia della famiglia ?
Sembra un caso di facile risoluzione per il maresciallo dei carabinieri Ernesto Maccadò. Una ghiotta occasione per l’ ampolloso corrispondente del quotidiano locale Fiorentino Crispini, da tempo a secco di articoli significativi.
A complicare la situazione la scomparsa del giovane paesano Filippo Buonavigna e la presenza temporanea del Circo Astra, la cui fama è dovuta alla conturbante escapologa eritrea Omosupe.

Anche stavolta, il romanzo di Vitali è garanzia di genuino divertimento.
I capitoli brevissimi, l’ ambientazione paesana e una galleria variopinta di personaggi più o meno pettegoli e intrecciati tra loro accompagnano rapidamente il lettore al termine della seppur non breve lettura ( 416 pagine ) con il sorriso perennemente stampato in faccia.
Personaggi comuni in cui ognuno di noi si riconosce almeno parzialmente, testimoni e attori di una piccola realtà paesana dove, specialmente all’ epoca, ognuno sapeva veramente tutto di tutti.

Le vicende narrate sono cariche di garbato umorismo e a sorprendermi di Vitali è ancora una volta l’ abilità nel sapere raccontare una storia, qualunque essa sia. Non meno rimarchevole è la capacità di utilizzare un lessico dalla particolare punteggiatura, frenetico e rapido, impreziosito di alcuni vocaboli desueti e per questo ancora più simpatici.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
A cantare fu il cane 2017-04-20 15:27:49 cesare giardini
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    20 Aprile, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una miriade di personaggi, cane compreso.

Arriva puntuale il nuovo romanzo di Andrea Vitali, la cui vena narrativa, bisogna dirlo, appare inesauribile. Bellano, sul lago di Como, nasconde personaggi straordinari, le cui vicende non cessano mai di divertire : questa volta per ben 167 capitoli (penso che sia un record), con una miriade di personaggi che ha reso indispensabile, per i lettori disattenti o smemorati, un elenco alfabetico, alla fine del romanzo, con tanto di cognome e nome (ma dove li pesca, così singolari ed evocativi !), parentele ed attività professionali. Siamo negli anni che precedono la seconda guerra mondiale, tutto inizia con una richiesta di aiuto per un tentativo di furto ( ma sarà poi vero?) nella casa di una agitata signora il cui marito è in Africa a combattere per la conquista del famoso posto al sole. Nell’appartamento della suddetta vive anche un ringhioso cagnetto, con la prerogativa di azzannare chiunque entri in casa, ad eccezione di persone conosciute nei confronti delle quali la bestiola si comporta in modo mansueto. Su questa caratteristica, vola il romanzo, capitolo dopo capitolo, battuta dopo battuta, equivoci e sorprese a non finire. E scorrono come al solito le figurine dei carabinieri, attivi e presenti più del solito, con l’inossidabile maresciallo Maccadò e la sua numerosa famiglia, moglie e quattro scatenati ragazzi, il vice Misfatti, protagonista di un’incredibile disavventura, i carabinieri semplici Grafico e Virgola, semplici e pure sempliciotti quanto basta, e poi prevosto e perpetua, e ancora un corrispondente del giornale provinciale, le suore del locale nosocomio, un’arguta nana che spia dalle persiane socchiuse ogni movimento sospetto, il figlio di un’altolocata famiglia che fugge di casa per arruolarsi in Spagna (ma da quale parte lo scoprirete !) e poi gente comune, frequentatori di bar e caffè locali …. Non manca neppure un circo itinerante la cui attrattiva principale è una conturbante bellezza esotica dalle mille sorprese … Ma è il vivace cagnetto che, alla fine, porterà alla luce la verità, mascherata da tentativo di furto con risvolti boccacceschi. Un Vitali vivace, ironico e pungente, che sembra vivere in simbiosi con i suoi personaggi ed il suo paese: se scrivesse in dialetto (mi pare di averlo già annotato) potrebbe diventare il Camilleri lombardo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I romanzi di Andrea Vitali
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
A cantare fu il cane 2017-04-18 06:58:36 cosimociraci
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
cosimociraci Opinione inserita da cosimociraci    18 Aprile, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

E a mordere fu?

Prima d'ora avevo solo letto "La ruga del cretino" che mi ha incuriosito ma non mi ha rapito molto. Con poco entusiasmo mi sono avvicinato a questo romanzo le cui recensioni sono molto positive.

Una buona lettura, leggera. L'autore è riuscito a rappresentare l'atmosfera tipica dei piccoli luoghi di provincia in maniera molto efficace. Lo stile mi ricorda quello di un Cervantes trasportato in tempi moderni, a mio avviso più adatto ad un genere narrativo popolare o saggista che ad un giallo. E' inevitabile per me il confronto con i miei giallisti preferiti e la differenza si vede.

Tuttavia la storia è sviluppata in maniera armonica, molto piacevole il tono narrativo e alla caratterizzazione di personaggi differenti.

Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ministero della suprema felicità
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un adulterio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il caso Fitzgerald
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La rete di protezione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il ragazzo nuovo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Divorziare con stile
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Babilonia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Cortile Nostalgia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Del dirsi addio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il collezionista di conchiglie
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Britt Marie è stata qui
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri