Narrativa italiana Romanzi La voce nascosta delle pietre
 

La voce nascosta delle pietre La voce nascosta delle pietre

La voce nascosta delle pietre

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


«Segui le pietre, solo loro regalano la felicità.» Luna è una bambina quando il nonno le dice queste parole speciali insegnandole che l’agata infonde coraggio, l’acquamarina dona gioia e la giada diffonde pace e saggezza. E lei è certa che quello sia il suo destino. Ma ora che ha ventinove anni, Luna non crede più che le pietre possano aiutare le persone. Non riesce più a sentire la loro voce. Per lei sono solo sassolini colorati che vende nel negozio di famiglia, mentre il nonno è in giro per il mondo a cercare gemme. Perché il suo cuore porta ancora i segni della delusione. Si è fidata delle pietre, di quello che nascondono, di quello che significano. Si è fidata di quel ragazzo di sedici anni che attraverso di loro le parlava di sentimenti. Dell’amicizia che cresceva ogni giorno e racchiudeva in sé la promessa di un amore indistruttibile. Leonardo era l’unico a credere come lei nel fascino dei minerali e dei cristalli. Leonardo che in una notte di molti anni prima l’ha abbandonata, senza una spiegazione, senza una parola. E da allora il mondo di Luna è crollato, pezzo dopo pezzo. A fatica lo ha ricostruito, non guardando mai più indietro. Fino a oggi. Fino al ritorno di Leonardo nella sua vita. È lì per darle tutte le risposte che non le ha mai dato. Risposte che Luna non vuole più ascoltare. Fidarsi nuovamente di lui le sembra impossibile. Ha costruito intorno al suo cuore un muro invalicabile per non soffrire più. Ma suo nonno è accanto a lei per ricordarle come trovare conforto: il quarzo rosa, la pietra del perdono, e il corallo che sconfigge la paura. Solo loro conoscono la strada. Bisogna guardarsi dentro e avere il coraggio di seguirle. Un debutto potente, una storia unica, un mondo affascinante come quello delle pietre. Un romanzo intenso sulle emozioni. Sulle scelte dettate dalla vita e sul coraggio di sovvertirle per seguire i propri desideri. Perché per ognuno esiste una pietra che può donare la felicità.

Recensione della Redazione QLibri

 
La voce nascosta delle pietre 2017-01-14 11:16:09 Belmi
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    14 Gennaio, 2017
Ultimo aggiornamento: 14 Gennaio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non smettere di cercare

Dopo i fiori, il miele e i profumi, la casa editrice Garzanti si “getta” sulle pietre, dando la possibilità alla scrittrice Parenti di farsi leggere anche su carta. Questa possibilità non viene assolutamente sprecata dall’autrice lucchese che con grazie si conquista un posticino vicino alle sue colleghe di genere.

Siamo a Milano e la piccola Luna e il suo amichetto Leo stanno scoprendo, grazie al nonno di lei, l’importanza delle pietre. Con un alternarsi di presente e passato scopriremo che le pietre hanno una loro voce nascosta e solo chi ha il dono di sentirle ne può capire l’importanza.

Per il nonno Pietro, loro sono i suoi due diamanti che per trovare la luce dovranno scavare e non arrendersi e soprattutto non dovranno mai e poi mai “smettere di cercare”. Ma la vita non sembra seguire il binario che i due si sono prefissati e spesso seguire la via più semplice, sembra anche la più giusta.

Di Chiara Parenti avevo letto un eBook davvero molto divertente ed ironico; in questo romanzo invece ho trovato una scrittrice molto più matura, con una storia intensa da raccontare. Pur essendo partita con una dose non indifferente di scetticismo, la storia e le proprietà delle pietre mi hanno subito affascinata catapultandomi in un altro mondo, quello dove ““Luna, tu hai un dono”. Gli sfuggì un sospiro. “Senti le pietre, come senti le persone””.

La Parenti ci presenta una protagonista che come dice il nome, affronta varie fasi della vita. Toccherà il cielo, poi si eclisserà, ma l’importante è tornare a essere se stessi e brillare di nuovo.

Un romanzo bello da leggere, sicuramente più ideale per il genere femminile, e preparatevi, una volta iniziato sarà difficile da abbandonare. Non sono solo i colori, le dimensioni e le proprietà delle pietre a incuriosire, ma tutta la storia che ognuna di essere si porta dietro; i giacimenti, le loro origini, le terre dove sono nate e le mani che le hanno cercate. L’autrice riesce a renderle tangibili e leggendo la sua intervista a fondo pagina si comprende come sia riuscita a rendere tutto ciò possibile, perché è lei la prima a crederci.

Dimenticavo, ogni capitolo inizia con la descrizione di una pietra e delle sue proprietà..sinceramente ha fatto venire la voglia anche a me di approfondire l’argomento..

Inevitabile è la riflessione che la scrittrice manda: meglio una vita tranquilla e prevedibile con un quarzo o lasciarsi travolgere da un diamante, sapendo bene i rischi che si corrono?

Lo consiglio, ne sono rimasta piacevolmente colpita e spero di poter leggere presto altro di lei. È difficile abbandonare Luna, Leo, nonno Pietro (meraviglioso), Giada e tutti gli altri, siete stati davvero piacevoli compagni per questo viaggio di lettura e avete scaldato il cuore di una romantica.

Vi lascio con questa frase:

““Preparati, tesoro, perché da un viaggio non si torna ma come si è partiti”. Il nonno sorrise e dietro quel sorriso enigmatico intuisco che ci sono molte più cose di quante non mi abbia detto a parole. “E non preoccuparti per i bagagli, non servono a niente. Basta solo che tu dispieghi le ali, cavalcando il vento della paura. Devi mollare tutto e lanciarti nell’avventura, solo così potrai assaporare la sensazione meravigliosa della libertà. E dopo averla conosciuta, posso assicurarti che non saprai più come farne a meno””.

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il sentiero dei profumi
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La voce nascosta delle pietre 2017-02-23 07:52:19 Mian88
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    23 Febbraio, 2017
Ultimo aggiornamento: 23 Febbraio, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il coraggio di perdonare. Diamante o quarzo rosa?

Luna da sempre sente le pietre. Eppure, dal giorno in cui il suo vero amore se ne è andato, qualcosa si è spezzato in lei tanto da indurla ad opporsi a quel richiamo e ad accontentarsi di quel che veniva (da un quarzo rosa, sinonimo di amore gentile, ad una esistenza fatta di sogni lasciati nel cassetto, di speranze abbandonate).
La vita però, si sa, come non sempre ci riserba quello che speriamo, altrettanto spesso decide per noi, fa, disfa, mescola e rimescola. Ed è quello che accade a Leonardo Landi e a Luna Castelli che mai avrebbero creduto possibile che le loro strade tornassero ad incrociarsi. Sullo sfondo di tutto questo vi è Pietro, nonno raro ed inestimabile, nonché uomo dalla grande saggezza e vero ed unico padre per entrambe ragazzi. Loro sono i suoi diamanti e come tali vuol soltanto vederli e saperli felici. E sa bene che il valore di questa pietra è senza eguali così come la sua forza ed indistruttibilità, per questo soltanto una gemma similare può scalfirla, per questo solo una gemma similare può donare energia e vita. Ed è nella sua grande profondità di spirito che l’anziano fa la differenza.

«Il mio augurio è quello che sappiate cercare da soli quelli che sarete, perciò camminate, tesori miei, correte, cadete, rialzatevi, e non abbiate paura di sporcarvi. I tesori più grandi sono ben nascosti, i diamanti affondano nel fango. Quindi si, ci sarà da sporcarsi, ma non dovrete mai smettere di cercare! Cercate, cercate, e se non trovate quello che davvero volete, continuate a cercare ancora. Non arrendetevi, non è solo uno il sentiero che porta alla felicità. Voi seguite una strada che sia solo la vostra, seguite le pietre, loro vi indicheranno la via. E se vi perderete, vi riporteranno a casa» p. 78

La ferita che Luna si porta dentro è grande, è un dolore che non è mai riuscita a combattere e a superare perché chiusa in una campana di vetro da quelle persone che amandola hanno pensato di fare il meglio per lei, di proteggerla allontanandola dal pericolo. In realtà le loro gesta celavano egoismo, temendo gli stessi di poter perdere quel gioiello di ragazza che la protagonista è. Eppure in tutto questo c’è chi la vede davvero e chi le sussurra sempre e inesorabilmente di aprire gli occhi, di riporre i rancori e i dissapori, di prendere il volo e di scappare da quella gabbia in cui è rinchiusa. Non può inoltre sottrarsi alla sua anima gemella, ella è l’unica che può renderla felice. Tutti sbagliamo, ma trovare la forza di perdonare è un atto di coraggio maggiore che farsi rodere dall’orgoglio, che scappare tra le braccia di chi ci fa sentire al sicuro. Perché il quarzo rosa, per quanto gentile e per quanto sempre pronto a proteggerci, non è quel diamante capace di accenderci, di farci sentire vivi.

«E il diamante è davvero come il vero amore, Luna. Come l’amore, quello vero, i diamanti non hanno paura del tempo che passa, delle eruzioni vulcaniche, delle temperature elevatissime e delle enormi passioni. Loro resistono. Loro aspettano. Sempre» p. 286

Chiara Parenti con “La voce nascosta delle pietre” ci regala un romanzo ricco di spunti di riflessione, un elaborato dove nulla è dato per scontato e dove ogni scelta, ogni decisione ci porta al successivo avvenimento, dove la sapienza dell’esperienza ci accarezza.
Con una penna che scalda il cuore, che accompagna, l’opera de qua, arriva, commuove, scompone.
Essa è capace di farsi amare sin dalle prime battute, così come di farsi odiare per la petulanza e la testardaggine dettate dall’immaturità e dall’incapacità di vedere anche l’altro punto di vista. La figura di Nonno Pietro nonché quella di Leonardo, sono, a mio modesto giudizio, le meglio riuscite in quanto tessono e trainano le fila dell’elaborato e permettono alla protagonista di crescere. Questa, infatti, si contraddistingue proprio per la maturità personale che raggiunge talché, lei che era sempre stata preservata da terzi, impara a camminare sulle proprie gambe, impara, semplicemente, a stare con se stessa perché solo quando si è capaci di ciò si può stare anche con gli altri, perché solo quando si è capaci di ciò si può dire di essere davvero forti.
Ma Chiara Parenti ci insegna anche dell’umanità, non solo a non accontentarci del “quarzo rosa”. Nessuno è perfetto, chiunque può commettere delle mancanze o errare, l’importante è trarne insegnamento e sapersi rialzare dopo la caduta.

«La veste da eroe senza macchia gli cadde di dosso e per la prima volta vedo il mio Super Nonno per quello che è davvero. Solo un uomo, con i suoi pregi e i suoi difetti, la purezza del suo cuore e le inclusioni che si nascondo dentro di lui. Proprio come una pietra, mi scopro a pensare. Anche il nonno è un brillante. Come chiunque ha mille sfaccettature, lati tutti diversi che non si finiscono mai di scoprire e che spesso restano sconosciuti perfino a noi stessi. Se ci limitiamo a guardare i cristalli, vediamo solo poche sfumature, ma se li prendiamo in mano, li giriamo tra le dita e li osserviamo attentamente, allora vedremo come tutto ogni singolo lato risplende. Per questo abbiamo bisogno di trovare quell’unica persona che abbia voglia di avvicinarsi, di guardare davvero e con pazienza, e che sappia metterci sotto la giusta luce dove possiamo brillare. E non è forse questo l’amore?» p. 256

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
certamente più adatto ad un pubblico femminile, l'opera è adatta a chi è un inguaribile romantico ma anche a chi cerca una storia che sappia rapire
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ministero della suprema felicità
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un adulterio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.1 (3)
Il caso Fitzgerald
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Beren e Lúthien
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri