Amabili resti Amabili resti

Amabili resti

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Amabili resti, di seguito riportiamo la trama del romanzo e la presentazione dell'editore. Susie, tredicenne, è stata assassinata da un serial killer che abita a due passi da casa. È stata adescata da quest'uomo dall'aria perbene, che la stupra, poi fa a pezzi il cadavere e nasconde i resti in cantina. Il racconto è affidato alla voce di Susie, che dopo la morte narra dal suo cielo la vicenda con inedito effetto straniante. Il libro procede avvincente come un giallo: vogliamo sapere chi l'ha uccisa, cosa fa l'assassino, come avanzano le indagini, come reagisce la famiglia. Ed è Susie che ci racconta tutto questo, aumentando così la nostra partecipazione emotiva. Lei 'fa il tifo' per suo padre quando, opponendosi alla svolta che hanno preso le indagini di polizia, capisce chi è il vero assassino e, pur non avendo le prove, cerca d'incastrarlo. "Amabili resti" è un romanzo che ci commuove come raramente succede, senza mai però indulgere a sentimentalismi. La vita dei genitori, dei fratelli e degli amici di Susie irrimediabilmente spezzate dalla sua tragica scomparsa, vengono raccontate con una freschezza e una verità miracolose. E Susie aiuterà tutti, i lettori per primi, a riconciliarsi con il dolore del mondo. Con oltre un milione di copie, "Amabili resti" è il romanzo d'esordio più venduto nella storia degli Stati Uniti.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 25

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.0  (25)
Contenuto 
 
4.1  (25)
Piacevolezza 
 
4.2  (25)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Amabili resti 2014-08-22 22:56:10 Mancini
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mancini Opinione inserita da Mancini    23 Agosto, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una prospettiva alternativa della morte

La morte di una persona cara è capace di sconvolgere, distruggere, cambiare, e se la persona in questione è una ragazzina (Susie) che ha anche dovuto subire uno stupro, preludio al terribile delitto, ciò può rappresentare, per chi resta, un motivo valido per cambiare la propria prospettiva di vita, la propria concezione della realtà da quell' istante in poi.
Tale scenario accomuna ahimè migliaia di famiglie del mondo reale, vicine a quella di Susie, ma lo stile narrativo di questo romanzo riesce a mutare prospettiva d'osservazione, facendoci analizzare il dolore proprio da chi non c'è più, dall'occhio di Susie.
Perché siamo di fatto di fronte a due tipologie differenti di vittime, da un lato chi se ne va, dall'altro chi resta, entrambi capaci a loro modo di provare dolore, un dolore diverso, sconosciuto l'uno, parte della nostra vita l'altro ma pur sempre dolore.
L'atmosfera irreale di Susie che da morta è voce narrante e presenza viva nel mondo dei vivi non disturba affatto, anzi crea la giusta aria rassicurante e protettiva che chiunque abbia subito una perdita del genere vorrebbe sentire per sempre.
Eppure, nonostante tutto, con il proseguire del racconto ci rendiamo conto che chi ha davvero bisogno è Susie, morbosamente attaccata a quella Terra che ha lasciato così prematuramente e interessata con amore a tutte le vicende di chi la piange tanto da palesare la sua presenza in Terra.
E dunque, mentre chi resta finirà per avvalersi di quel potente e naturale strumento che è l'elaborazione del lutto, forte del supporto morale e dell'unione di tutta la famiglia, Susie si vedrà costretta a prendere atto di come va la vita e a continuare a vegliare su di loro, attendendo solo il giorno in cui tutti saranno di nuovo insieme.
Un romanzo che con un tocco di magia ci fa sognare un po' e ci fa riflettere su un tema tanto ostico, la morte, donandole una prospettiva migliore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2014-03-17 13:13:00 marlon
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
marlon Opinione inserita da marlon    17 Marzo, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

DA ALTROVE

“….. E cominciai a vedere le cose in un modo che mi lasciava concepire il mondo senza di me ……”
Da un’altra prospettiva, da ALTROVE …
Susie Salmon ha quattordici anni. Li avrà per sempre quattordici anni. Susie viene stuprata e uccisa da uno dei tanti MOSTRI che popolano il nostro mondo. Un mostro che ha le sembianze di un brav’uomo, semplice, oserei dire insignificante. Poco importano i dettagli dell’omicidio (ben descritti) o l’identità dell’assassino. Il romanzo è raccontato in prima persona da Susie. E’ questo che rende “AMABILI RESTI” originale. Quando qualcuno che conosciamo o amiamo lascia questo mondo, spesso a noi rimangono le domande. Dove si trova ora? Come sta adesso? Cosa c’è di là? Il nulla? Ognuno di noi almeno una volta ci ha pensato ( beh, tranne chi ha la sensibilità di un alligatore). Susie è morta e si trova in una sorta di paradiso. Un paradiso personalizzato. Ora assiste da spettatrice con gioia o tristezza alle vite dei propri familiari ed amici rimasti nel mondo che conosciamo. Un padre alla ricerca della verità. Una sorella che cresce e fa le sue prime esperienze. La mamma, la nonna, le amiche, gli amici e naturalmente LUI. L’ASSASSINO.
L’autrice tratta il tema della perdita e del distacco provando ad immaginare il dopo da una prospettiva insolita. Dall’aldilà. Il dolore della lontananza verrà provato da tutti, sia in cielo che in terra. Un romanzo triste, positivo e pieno di speranza al tempo stesso. Immaginate i defunti sempre vicini a noi, pronti a sentirci, ad osservarci, a scrutare dall’alto il proseguo del nostro cammino. Immaginate una famiglia straziata dal dolore e senso di vuoto. Un’amara realtà che scatena le diverse reazioni di ciascun familiare. Differenti una dall’altra … Solo il tempo riuscirà a cicatrizzare le ferite e a ricucire gli strappi …. E solo il tempo dimostrerà che di eterno c’è solo l’amore. IL FILO CONDUTTORE DI TUTTO IL ROMANZO.
“AMABILI RESTI” è scritto in modo semplice, delicato, a tratti commovente. Spietato, mieloso, irreale? Di tutto un po’. La prima parte è più intensa della seconda. L’inizio è il dramma. Poi accurate descrizioni dell’ambiente familiare e tanti flashback durante la narrazione della giovane protagonista. Sicuramente tutto ciò stride se comparato alle notizie che ci vengono sbattute in faccia ogni giorno dai media. Soprattutto per quanto riguarda la piaga infernale del femminicidio. Certo, è solo un originale romanzo. Ma per una volta mi piace intravedere una fioca luce di speranza. Avere una chiave di lettura alternativa e sperare in un ordine sconosciuto delle cose. Un disegno più grande di noi. Altrimenti cosa rimane? La REALTA’ APPUNTO …
Libro adatto anche a chi ha smesso di sperare (ma che non ha smesso di pensare).

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2013-05-15 11:49:13 world
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
world Opinione inserita da world    15 Mag, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UNA PICCOLA PERLA LETTERARIA

"Amabili resti" di Alice Sebold è un libro che ho letto per caso, quando chiacchierando con un'amica lei me ne consigliava il film.
Io, ovviamente, divoratrice ed amante famelica dei libri d'ogni genere sono corsa a comprarlo. Che dire? Un giallo insolito, narrato direttamente dalla voce della protagonista: una ragazzina, si puo' dire bambina di 14 anni, barbaramente uccisa e violentata.
Un libro che parla di morte, ma anche di amore. Delicato e commovente ed anche scanzonato il racconto di Susy, la protagonista che segue dal cielo le vicissitudini dei membri della sua famiglie e degli amici che devono fare i conti con la sua mancanza.
In questo libro alcune tematiche difficili della vita, come la violenza bruta, l'amore e la morte sono mescolate in una dolce alchimia ed incantano il lettore che anche lui come Susy sorveglia da "lassu" sia la sua famiglia che il feroce "assassino".
Un giallo, insolito, accativante, scritto con delicatezza e maestria.
Commovente e toccante in alcuni punti, ma mai scontato, un libro che fa riflettere, consigliato a tutti, sopratutto alle donne giovani, non tanto per il tema trattato, ma per la modalita' con cui si parla di alcune problematiche cosi' attuali e per il corraggio indiretto dell'autrice con cui sono affrontate.
Bellissimo, ed un po' troppo trascurato, secondo me, nessuno ne parla, in libreria l'ho dovuto perfine ordinare.
Un libro che fa riflettere.Difficile alla fine anche da digerire, ma impossibile da dimenticare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Mille splendidi Soli di Kaleid Hosseini
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2013-04-17 16:32:46 ramona balan
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ramona balan Opinione inserita da ramona balan    17 Aprile, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Commovente

Susie Salmon ha 14 anni e un giorno di Dicembre viene assassinata. Il suo assassino è il suo vicino di casa, quella persona con cui suo padre scambia due chiacchiere quando torna dal lavoro.
Susie se ne va e rompe l' equilibrio della famiglia.
Vede Lindsey che negli anni si trasforma e diventa una donna, vede sua sorella che fa quelle esperienze che a lei sono state negate dalle mani impazzite del vicino violento. Vede Samuel che si innamora di sua sorella, che l' accompagna e le sta al suo fianco nei vari momenti della vita.

Fin dal loro primo bacio in cucina, due settimane dopo la mia morte, avevo capito che Samuel sarebbe stato l' unico uomo della sua vita, come io e mia sorella dicevamo ridendo quando giocavamo con le Barbie o mentre guardavamo Hobby Sherwan in tv. Samuel si era impresso nel bisogno di lei, e il loro rapporto si era immediatamente cementato. Alla Temple ci erano andati insieme, fianco a fianco. Lui aveva detestato quel' esperienza e lei l' aveva spinto ad affrontarla. Lei l' aveva amata e questo aveva permesso a lui di sopravvivere.

Susie osserva Buckely, il tenero fratellino che crescendo si riempie di rabbia nei confronti del mondo, nei confronti di mamma e papà che non lo vedono come un bambino di tre/quattro/cinque anni. Rabbia nei confronti dei compagni di scuola che lo etichettano come diverso, come il fratello della ragazzina uccisa nel campo di grano dietro a casa.
Mi è piaciuta la scrittura della Sebold. L' autrice riesce a farci una radiografia di una famiglia lacerata dal dolore, adottando toni drammatici e spesso ironici. Ci parla di una tragedia che potrebbe accadere a qualsiasi famiglia nel mondo, di situazioni quotidiane intrise di tristezza.
L' autrice ci racconta di fratelli che si ritrovano smarriti, ma ancora più toccante sono le descrizioni dei frammenti di vita dei genitori. Un padre che non riesce a mettersi l' animo in pace e cerca in ogni modo di rendere giustizia alla sua bambina e una madre così sconvolta dal dolore e travolta dall' accaduto prende il coraggio di fare tutte quelle cose che non avrebbe mai avuto il coraggio.
La Sebold ci fa entrare nella vita di Ray al quale Susie piaceva moltissimo e in quella di Ruth, una ragazzina decisamente troppo strange per la sua età.
Ed è così che emerge la radiografia dell' America anni 70, di un' America in fase di trasformazioni sociali.

Ho amato questo libro fin dalla prima pagina. Lo trovo scorrevole ma allo stesso tempo costruito su grandi tematiche: la famiglia, la morte, il dolore, la perdita. Mi ha fatto riflettere sul' importanza della famiglia, del ruolo che io stessa ricopro come figlia e sorella maggiore.
Amabili resti è un libro particolare come pochi che lascia una traccia nel cuore.
Assolutamente consigliato.

VOTO: 10/10

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2013-04-13 18:16:56 Giuff
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Giuff Opinione inserita da Giuff    13 Aprile, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Toccante

Trovato così per caso su internet e ne sono rimasta davvero colpita.
Bello, toccante, triste ma rassicurante.
Un libro che ti lascia qualcosa mentre e dopo averlo letto.
Triste per la fine che fa la ragazza e per come reagisce la famiglia, in particolare il padre.
Ci sono delle parti davvero belle e che lasciano il segno e altre in cui entreresti nel libro per uccidere tu stessa l'assassino.
Bella anche l'idea del paradiso che a me ha tranquillizzato un po'.
Anche se c'è una parte che non mi è piaciuta, quella in cui la ragazza entra nel corpo dell'altra ragazza per farsi l'amico.. non mi è piaciuta per niente!
Però, sorvolando quello, è un bel libro e lo consiglio se volete qualcosa che vi rimanga a cuore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2013-03-13 09:18:48 LadyQMercury
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
LadyQMercury Opinione inserita da LadyQMercury    13 Marzo, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amabili resti non proprio amabili.

Ho iniziato a leggere questo libro perché proposto dalla maggioranza del gruppo di lettura di cui faccio parte, ma già dalla prima riga ho capito che proprio non faceva per me.
Va bene che è un sorta di “fantasy” e va bene che lo narra una ragazzina di quattordici anni (con gli ormoni impazziti come una di venti), ma la scrittrice non era adolescente quando lo ha scritto, quindi questa non è una scusante (anche la Rowling ha scritto libri con adolescenti, ma i suoi sono capolavori letterari e se a parlare era Harry ad undici anni, non si evinceva nella scrittura che comunque rimaneva di un certo livello).
E poi diciamocelo, va bene che voleva mostrare questa storia dall’aldilà, ma da qui a tutto quello che è successo, ce ne passa. Non voglio aggiungere dettagli o rischierei di fare spoiler, ma nell’ultima parte si è davvero superata, un finale così brutto e scontato si poteva benissimo evitare.
Ho messo una stella solo perché se non ne avessi messo neanche una non avrebbe fatto la media, altrimenti zero sarebbe stato il voto reale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
63
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2013-01-30 13:38:27 CatehEffy
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
CatehEffy Opinione inserita da CatehEffy    30 Gennaio, 2013
Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'ORRORE SULLA TERRA E' REALE.

Premessa: Ho scoperto questo libro dopo aver visto il film, quasi per caso.

Originale, meraviglioso,splendido,reale,MAGICO. Nessuno di questi aggettivi rende giustizia a questo libro. L'ho trovato quasi per caso dopo aver visto il film, e posso dire che anche il film merita tanto.
La storia,Susie,la sua famiglia, il suo assassino. Tutto così reale, tutto così raccapricciante, leggere le righe della sua violenza, della sua sofferenza, del modo di guardare la terra dal cielo, il luogo di mezzo. Tutto così fortemente reale. Talmente profondo da chiederti:" E se mai mi dovesse succedere a me questo?-Chi lo sa?-Chi lo può sapere?-Cosa farei io?-E la mia famiglia?".
Perché si sa che nel mondo di oggi, di queste storie ne troviamo almeno una al giorno e forse ancora più raccapriccianti di questa.

"Quel giorno compresi che volevo raccontare la storia della mia famiglia. Perché l'orrore sulla Terra è reale e accade tutti i giorni".

Mi complimento con la scrittrice di questo romanzo che mi ha lasciato davvero qualcosa di profondo nel cuore.
Lo consiglio assolutamente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2013-01-15 08:06:49 Mario Inisi
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    15 Gennaio, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un paradiso vuoto

Questo libro ha delle parti veramente molto belle. A me è piaciuto l'inizio, la descrizione, per quanto terribile della violenza, il paradiso. La descrizione del paradiso è bellissima. C'è una pagina che ho letto molte volte, quella con il disegno del fratellino attaccata al frigo, con la riga azzurra che separa cielo e terra (pag 34 se non sbaglio).
La premessa quindi è molto bella. Da lì parte un intreccio, una trama che a me non piace.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2011-12-26 16:13:40 Pelizzari
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    26 Dicembre, 2011
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Prospettiva dall'alto

E' un romanzo, più che un giallo, anche se è la storia di un assassinio. Già dalle prime pagine il lettore sa chi è il serial killer che ha ucciso Susie, quindi non c'è il bisogno di arrivare alla fine per scoprire "chi è stato". Originalissima è l'idea dell'io narrante, che è proprio Susie, che dall'alto del suo cielo segue la sua famiglia, i suoi amici, il suo assassino e la prospettiva con cui viene narrata l'intera vicenda dà un effetto straniante davvero inedito. Il punto di vista è il fiore all'occhiello di questo romanzo, così come il personaggio del padre di Susie, che capisce presto chi è l'uomo che ha ucciso sua figlia, perchè il sospetto di un padre è potente come l'intuito di una madre.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2011-11-21 07:38:08 wobbly
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
wobbly Opinione inserita da wobbly    21 Novembre, 2011
Ultimo aggiornamento: 21 Novembre, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La voce della vittima

Definire "Amabili Resti" come geniale, innovativo, originale mi sembra sacrilego, anche se questo romanzo di fatto lo è, ed è
molto di più.
In un mondo che non smette di presentarci simili orrori - ragazzine catturate con l'inganno, stuprate e uccise - la voce di Susie, vittima quattordicenne - racconta l'accaduto dall'alto di quel cielo descritto proprio come una quattordicenne piena di sogni e di gioia di vivere potrebbe immaginarlo.
Lei ci parla degli eventi che hanno portato alla sua fine prematura, osserva impotente la desolazione dei suoi genitori, ci espone i suoi sogni interrotti, le cose mai vissute, le aspettative troncate dalla mano di qualcuno; ci fa provare la paura, la speranza che tutto possa risolversi per il meglio a dispetto di quel che già si sa della vicenda,ci fa sentire il rimpianto per qualcosa detto o taciuto mentre si era in vita.

Il romanzo, impostato su una tenera malinconia, senza melodrammi ma con molto rispetto e voci sussurrate, entra ancora di più nel cuore e, alla fine, se ne esce emotivamente scossi.
E con il desiderio, purtroppo impossibile, di proteggere tutte le Suzie del mondo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Lo consiglio a chiunque, tranne a chi è molto emotivo.
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2011-11-05 15:26:23 Hypo
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Hypo Opinione inserita da Hypo    05 Novembre, 2011
Ultimo aggiornamento: 05 Novembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cruda realtà e immaginazione a contatto

Ho divorato in poco tempo "Amabili Resti", una lettura che definirei atipicamente tiepida, intimissima da una parte ma estremente distaccata dall'altra. Un leggere fluido (anche se a più riprese ho dovuto riprendere da qualche riga passata per capire la linea temporale visto i continui salti) e agrodolce, si entra in maniera brutale nella situazione, nel dramma e nei risvolti che solo una situazione "deflagrante" possono fare scattare. Si legge "Amabili Resti" come in un unico lungo sorso, e si salta continuamente assieme a Susie nei vari avvenimenti che accadono dopo la tragedia (descritta davvero molto molto bene). Ho apprezzato il lato "post", descritto cosi fascinosamente da fare scattare desiderio e convinzione che sarà proprio cosi. Straziante assistere alla descrizione delle vite che vanno avanti restando ancorati al proprio sicuro limbo.
Il finale è stato gestito in maniera semplice e sapiente,lascia alle spalle la vivida sensazione di aver letto un gran bel libro, un libro dal sapore pieno e malinconico.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2011-10-26 19:10:00 Nadiezda
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Nadiezda Opinione inserita da Nadiezda    26 Ottobre, 2011
Ultimo aggiornamento: 26 Ottobre, 2011
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una gran scrittrice

E' la storia di una ragazzina di quattordici anni di nome Susie che viene assassinata da un serial killer suo vicino di casa.
Quest'ultimo costruisce una trappola per lei dove verrà stuprata ed infine fatta a pezzi.
I genitori della ragazzina non si danno pace della sua scomparsa e sua sorella minore riesce a scoprire cose raccapriccianti nei confronti del loro vicino e fare in modo che venga smascherato.
Il racconto viene narrato dalla stessa vittima, tutte le sue emozioni in questo modo vengono vissute anche dal lettore.
Personalmente in alcuni passi del libro mi sono commossa per quello che è successo alla povera Susie, da come è stata adescata e trattata da quel mostro.
Anche se in certi tratti appare un thriller davvero crudo lo straconsiglio agli amanti del genere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
42
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2011-08-18 15:34:59 Rowan
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Rowan Opinione inserita da Rowan    18 Agosto, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Solo un libro, ma queste cose accadono sul serio.

Questa è la storia di Susie.
La triste, ingiusta, malinconica, raccapricciante storia della piccola Susie.
Viene da chiedersi perché. Perché a Susie? Perché una ragazzina di appena quattordici anni deve vivere e morire, di una morte di così orribile, di una fine così dolorosa.
Un tema diffcile da trattare, ma che Alice Sebold riesce a far capire con dolore, ma anche con coscienza.
La piccola Susie, dopo quel giorno orribile che stronca la sua vita, racconta del suo paradiso, del suo Luogo di Mezzo... la famiglia è disperata, va a pezzi.. eppure Susie è lì, intorno a loro, galleggia nell'aria, in attesa di essere pronta ad andare avanti.

Tra lacrime e rabbia, Susie, quattordicenne stuprata e uccisa, ma capace di lasciare un segno indelebile a chiunque voglia leggere la sua storia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
41
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2011-07-22 09:22:03 libreriasemola
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
libreriasemola Opinione inserita da libreriasemola    22 Luglio, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il coraggio di continuare a soffrire

Stupro, assassinio, cadavere fatto a pezzi; tutto vero ma quando la voce narrante è proprio quella della vittima, una spensierata ragazzina di 14 anni di nome Susie, .. beh, l’effetto è davvero straniante. Susie avrebbe avuto un’intera vita davanti a sè e non si dà per vinta. Dall’alto del suo Cielo continua seguire le vicende della sua famiglia e dei suoi amici chea giorno dopo giorno cercano di non dimenticare.. andare avanti ma non dimenticare e di capire chi si puo’ nascondere dietro a un cosi’ terribile omicidio.
Un libro di fascino e coraggio che commuove senza troppi sentimentalismi.
Edizioni E/O euro 18,00

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Per gli appassionati di thriller, ma lo consigliamo anche a chi si avvicina per la prima volta a questo genere.
Trovi utile questa opinione? 
51
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2011-07-17 09:52:55 R๏гy.o°
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
R๏гy.o° Opinione inserita da R๏гy.o°    17 Luglio, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'alidilà di una quattordicenne uccisa

Si sa, certi libri piacciono perché si leggono nel momento ‘adatto’.
Ora, io non so quale momento sto vivendo, so soltanto che questo libro mi ha spiazzata.
Devo dire che ha creato dentro me sentimenti ambivalenti: infatti ho dovuto aspettare un paio di giorni di decompressione per poterlo recensire.

La storia, se si vuole, è semplice: Suzanne – Susie per gli amici, e quindi anche per il lettore – ha 14 anni quando viene violentata e uccisa. La sua famiglia e gli amici ne resteranno sconvolti e dovranno affrontare la vita con la sensazione di vuoto creata dall’assenza della ragazzina.
Le fasi del lutto però non vengono affrontate in maniera classica, né tantomeno si legge da un punto di vista canonico. A parlare è la stessa Susie, costretta a condividere con il lettore la sua metabolizzazione della morte e quella dei suoi cari.
Di per sé neanche questo può sembrare a prima vista un elemento ‘straordinario’, eppure se ci si riflette su vengono i brividi a fior di pelle. Una ragazzina vede la sua vita finire per colpa di un maniaco sessuale ed è obbligata a guardare sulla Terra come si comportano le persone che ha amato. A me è venuta l’ansia, parlando francamente.
Ho proprio vissuto quel che viene definito ‘Turbamento’: a letto prima di addormentarmi ho addirittura dovuto leggere altro, chè gli incubi sennò erano dietro l’angolo.

Perché quando sfogli le pagine hai la sensazione che non siano i tuoi occhi a leggere le parole ma che accanto a te ci sia Susie a raccontarti la sua storia sussurrandotela nelle orecchie. Perché il racconto procede disincantato e l’amarezza sale ad ogni pagina. Perché il libro ha un che di maledettamente poetico e di delicato, ma allo stesso tempo è aspro e psicologicamente violento.
Forse l’aggettivo migliore per descriverlo è ‘crudo’, una crudezza non delle parole ma delle intenzioni delle parole.

Particolarmente interessante mi è sembrata anche l’idea della Sebold del Paradiso: ognuno ha il suo, creato a immagine e somiglianza dei nostri desideri terreni. Mi è sembrato un particolare così tenue e dolce da farmici abituare all’idea. Niente nuvole bianche né musica celestiale come sottofondo: d’oggi in poi mi immaginerò il Paradiso come uno spazio dedicato totalmente a me. Come quello di Susie, del resto: il gazebo, il cane, il nonno. Un Paradiso più ‘a portata di mano’ e meno colorato e new age del film di Jackson, che tanto mi era piaciuto.

In definitiva ‘Amabili resti’ è entrato nella rosa dei libri preferiti. Ma non so se mai avrò il coraggio di riprenderlo in mano. La lettura mi è sembrata così emotivamente stancante (l’ultima frase ad esempio è talmente semplice che mi ha tolto il fiato e regalato un fiume di lacrime) che probabilmente farò prendere un bel po’ di polvere al tomo prima di sfogliarlo di nuovo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
71
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2010-11-04 21:07:58 eli.n88
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
eli.n88 Opinione inserita da eli.n88    04 Novembre, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Incredibilmente coinvolgente!

Questo libro mi ha stupita! Mi ha dato più di quanto immaginavo!
Sembrava di essere lì...di vivere le vicende...incredibile!
La storia è narrata in modo semplice...quasi a sottolineare l'innocenza con cui Susie è stata coinvolta nel mondo sporco e atroce degli "uomini cattivi".
Soprattutto in questi anni in cui ogni giorno sentiamo al TG avvenimenti simili, il libro ci fa riflettere sullo stato d'animo di chi ha amato e non potrà più amare, se non nel proprio cuore.
Ci crea un'immagine di ciò che potrebbe vivere la vittima...il vedere scorrere il tempo senza di lei...che si è fermata.
Io ho pensato molto a quanto ingiusta può essere la vita...che rabbia ho provato...proprio come se fossi parte del racconto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2010-05-14 22:17:06 katia 73
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
katia 73 Opinione inserita da katia 73    15 Mag, 2010
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

amabili resti

Generalmente non leggo i gialli ma questo l'ho comprato perchè mi ha incuriosito prima la copertina e poi la trama. Veramente un bel libro, questa ragazza uccisa segue la vita delle persone care dal suo cielo e le aiuta, a modo suo, a superare la perdita.I personaggi che popolano questo romanzo sono molto reali e la lettura è veramente scorrevole.Un libro che consiglio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2010-04-20 20:43:09 lasuggeritrice
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
lasuggeritrice Opinione inserita da lasuggeritrice    20 Aprile, 2010
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amabile ma...

Bello, intenso, da tanto ne sentivo parlare e da tanto lo volevo leggere, anche se forse l'ho caricato troppo di aspettative... La scrittura è fluida, ricca di immagini e di emozioni capaci di toccarti, il tema è forte ma affrontato in modo delicato attraverso la dolcissima voce della protagonista che ci racconta il passato, il presente, il suo desiderio di restare aggrappata alla vita e ai suoi cari, e tuttavia la trama non è riuscita a coinvolgermi come pensavo... Forse, pur credendo nella possibilità che le anime dei morti abitino intorno a noi, ho fatto fatica a immedesimarmi in quel cielo da cui Susie ci parla, come se quello spazio fosse troppo distante dalla realtà in cui viviamo per colmarlo... Anche qualche soluzione di "irrealtà" non mi ha convinta appieno e nemmeno la sorte destinata all'assassino, ma nel complesso è un libro che merita di essere letto, come tutti quei libri che hanno il coraggio di parlare di temi difficili scavando nei sentimenti di chi resta e di chi deve andare... un brava all'autrice! Sono curiosa di vedere il film ma temo già una delusione, il libro è sempre più bello!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il suggeritore
La carezza dell'uomo nero
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2010-04-18 12:37:27 leadger
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
leadger Opinione inserita da leadger    18 Aprile, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bellissimo ed innovativo

Mi è piaciuto molto.
La famiglia di Suzie è una famiglia qualsiasi, sconvolta dalla perdita di una bambina. I caratteri, tra l'altro molto diversi tra loro, sono ben descritti. Il racconto di Suzie mantiene in tutto il libro l'innocenza della sua giovane età dove una storia terribile, viene raccontata con schiettezza. Un racconto emozionante e fuori dai canoni.
A mio parere è un libro che vale la pena di leggere!!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2010-04-16 06:02:08 Ginseng666
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Ginseng666 Opinione inserita da Ginseng666    16 Aprile, 2010
Ultimo aggiornamento: 16 Aprile, 2010
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sconvolgente...

Thriller atipico e storia sconvolgente...
La storia si snoda attraverso la narrazione di una bambina, oramai deceduta, che è stata stuprata, uccisa e fatta a pezzi da un vicino di casa. Ma lei dal suo cielo attua la sua missione di vicinanza e supporto ai familiari. aiuta il padre nelle sue indagini e tenta di consolare tutti per la sua perdita...
Perchè perdere un figlio è la tragedia più terribile.
Dedicato ai genitori, agli educatori, a coloro che lottano contro la pedofilia e la delinquenza.
Da leggere assolutamente.
Consigliatissimo.
Complimenti all'autrice.
Saluti.
Ginseng666

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A tutti..
Trovi utile questa opinione? 
72
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2010-03-27 21:58:58 andrea70
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
andrea70 Opinione inserita da andrea70    27 Marzo, 2010
Ultimo aggiornamento: 28 Marzo, 2010
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sentimenti profondi

Leggendo l'incipt , Susie è una ragazzina brutalmente stuprata ed uccisa da un maniaco, e vedendo il trailer del film che ne hanno tratto si potrebbe pensare ad un thriller.
Niente di più fuorviante , mancano sia il cadavere che non verrà mai ritrovato, sia l'analisi della scena del delitto , sia il racconto della caccia al maniaco.
Questo è un racconto che va oltre i soliti clichè e che ha il coraggio di analizzare aspetti che spesso vengono lasciati in secondo piano rispetto allo svolgimento della storia.
Innanzitutto le vite e di sentimenti di chi rimane e cerca di andare avanti , di vivere anche se non ne avrebbe più voglia, anche se nulla sarà più come prima.
Susie ci racconta la storia della sua famiglia da un immaginario e commovente "cielo" dove le anime delle persone morte transitano fino a che non avranno "chiuso i conti" con quanto hanno lasciato nella loro vita terrena.
Da questo punto di osservazione Susie descrive i momenti drammatici successivi alla sua scomparsa , i fondati sospetti del padre sul vicino di casa , il suo coraggioso non arrendersi, la disperata fuga della madre da una realtà familiare che sembra volerla schiacciare, la sorellina che cresce portando sempre nel cuore la sorella maggiore.
Non ci sono odio o rancore per l'assassino che troverà la sua meritata punizione non dalla giustizia degli uomini di legge ma dal destino.
Ci troveremo ad attraversare gli anni insieme a Susie mentre i fratelli più piccoli crescono e si costruiscono una loro vita e lei ragazzina con i propri sogni e le proprie speranze che col tempo si innalzano come se la sua anima diventasse grande insieme ai vivi.
L'artificio molto fantasioso del cielo di Susie serve a costruire un racconto a tratti davvero toccante .

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2010-02-28 09:23:01 gracy
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
gracy Opinione inserita da gracy    28 Febbraio, 2010
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amabili resti

Leggendo i primi capitoli, piuttosto semplici ed elementari, Susie quattordici anni che racconta il suo vissuto felice presso la sua adorata famiglia e poi lo stupro e la morte, il suo spirito in Cielo dotato di percezione che ancora la lega alla terra ed ai sentimenti umani, ho pensato ecco che l'autrice ha usato le giuste armi per creare una melensa opera strappalacrime. Ebbene Alice Sebold c'è riuscita. Per un attimo, continuando la lettura, mi sono immedesimata in Susie e le sono stata accanto. Assaporavo il Cielo ed il desiderio di Susie di attirare a sé le anime della terra, nella stessa misura ero vicina alla famiglia Salmon a desiderare tra i vivi la loro Susie e strapparla al Cielo. Nel frattempo il mio cuore si è sciolto, la tenerezza e la sensibilità di Jack Salmon, il padre di Susie, mi hanno commossa tanto.
"...Perchè l'orrore della terra è reale e accade tutti i giorni. E' come un fiore o come il sole, è qualcosa di incontenibile..."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2008-12-28 11:33:32 kabubi81
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
kabubi81 Opinione inserita da kabubi81    28 Dicembre, 2008
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

bello, bello, bello!!

Che giallo atipico! Si potrebbe dire giallo- romanzato, o romanzo-... ingiallito?! Nel senso che sì, tutta la vicenda ruota intorno al brutale omicidio e al mancato ritrovamento del corpo della quattordicenne Susan, che dal Cielo è anche la voce narrante, ma l' autrice si sofferma soprattutto sugli stati d' animo dei familiari e amici della vittima, su come la tragedia incida irrimediabilmente sulle loro vite... Il libro è trascinante, si vuole scoprire se il colpevole verrà preso,è commovente in più punti, fa riflettere su quante cose si diano erroneamente per scontate ... insomma,consiglio assolutamente a tutti di leggerlo!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
82
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2008-03-01 21:50:45 cambiamilavita
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
cambiamilavita Opinione inserita da cambiamilavita    01 Marzo, 2008
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

amabili resti

Commovente e doloroso. Mi sembra originale l'idea di far "parlare" la piccola Susie dal cielo, dopo la sua morte. Attraverso i suoi occhi che guardano giù, sul mondo degli uomini, riviviamo la sua storia, la sua tragedia e la vita di coloro che in vita l'hanno amata. Un libro che sicuramente apre grandi spunti di riflessione toccando, come fa, temi scottanti e delicati quali la pedofilia, la vita dopo la morte, il dolore causato da un lutto così terribile. E il concetto di famiglia che in questo caso non regge all'onda distruttiva di una perdita così grave. A testimoniare che non sempre il dolore che accomuna le persone, avvicina. A volte, disgrega. E' facile amare questo libro, come è facile amare la piccola protagonista.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
51
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amabili resti 2007-07-08 22:34:36 paolo
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da paolo    09 Luglio, 2007

Sconvolgente

un romanzo sensazionale, basato sul racconto di una ragazza stuprata ed assassinata. sembrerà un artificio un po' assurdo, ma nel romanzo è molto efficace. da brividi

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
12
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Applausi a scena vuota
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La regola dell'equilibrio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una lacrima color turchese
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Se chiudo gli occhi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Morte in mare aperto
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Smith&Wesson
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Terre rare
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ciò che inferno non è
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'orchessa
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giuda
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolore, le ombre, la magia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'amore che ti meriti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)