Post office Post office

Post office

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


«Non potevo fare a meno di pensare, Dio mio, questi postini, non fanno altro che infilare le loro lettere nelle cassette e scopare. Questo è il lavoro che fa per me, oh, sì sì sì.» Ma il paradiso sognato da Henry Chinaski, il leggendario alter ego di Bukowski, viene brutalmente smentito dalla realtà quando, assunto dall'amministrazione postale americana, si ritrova con la sacca di cuoio sulle spalle a girare in lungo e in largo attraverso la squallida periferia di Los Angeles. Profondamente deluso dalla monotona routine quotidiana e insofferente ai rigidi regolamenti della macchina burocratica, Chinaski si consola affondando le sue frustrazioni nell'alcol e trovando rifugio tra le morbide braccia di donne più sole di lui.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 8

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
3.9  (8)
Contenuto 
 
3.0  (8)
Piacevolezza 
 
4.3  (8)
 
Post office 2016-09-17 08:22:10 Kvothe
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Kvothe Opinione inserita da Kvothe    17 Settembre, 2016
Ultimo aggiornamento: 17 Settembre, 2016
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

IL GIRONE DELL' INFERNO DEI POSTINI? L.A

I libri più belli che ho letto non li ho cercati ma li ho letti per caso. E’ così che io e post office ci siamo incontrati in maniera casuale . E’ buffo che in tutte le recensioni che ho fatto fino adesso su questo sito, per la maggior parte siano su libri che mi sono capitati casualmente tra le mani. Dopo Post Office e sulla strada giuro che smetterò di essere così naif nel recensire i miei libri (ehehe). Scovato tra la collana del ‘900 della mia famiglia che mi ha sempre dato gioie inaspettate, facendomi scoprire grandi autori che mi erano stati negati fino ad allora, dalla mia razionale scuola.


Non conoscendo l’autore mi appropinquai alla lettura di questo sconosciuto autore . La trama è basata sul periodo di Bukowski alle poste che procederà tra continui tira e molla, attraverso rapporti travagliati con le donne e sbronze bibliche nell‘ amata e odiata L.A. Il libro è composto da sei capitoli, racchiusi da vari sottocapitoli, intervallati dalle sue esperienze con le donne; il capitolo 5 con l’inserimento delle ammonizioni sul lavoro è una soluzione geniale, che rappresenta l’ imminente countdown alla completa estraniazione di Hank dalla noiosa società e all’ inizio della formazione del pensiero di Buk che si appresta a cambiare lettera per lettera la scritta Hollywood, sostituendola con un grosso e grasso FUCK OFF.


Ho subito trovato questo autore divertente da morire per il suo stile: acuto, cinico, diretto e volgare. Quest’ uomo ha messo così tanta autoironia in questo romanzo da farsela sotto dalle risate, certi episodi mi hanno fatto veramente ridere di gusto. E’ stato intelligente nel saper tirare fuori da una storia di solito noiosa e ripetitiva, un romanzo arguto e brillante che con le sue massime rende il libro veloce da leggere e accattivante. In questo libro ha saputo imprimere la sua impronta originale rendendolo autentico ed esclusivo, brevettando il suo modo di scrivere rendendolo riconoscibile a colpo d’ occhio.

La prima cosa che si apprezza di Buk è l’onestà, non pretende e non vuole troppo, ma si “accontenta” di vivere, basando la sua vita soddisfacendo i suoi bisogni. Il gioco, l’ alcool e le donne fanno parte di lui, senza crearsi false aspettative sul mondo e senza fare più del necessario, si gode le piccole cose che realmente rendono per lui, la vita degna di essere vissuta : delle belle gambe, una vincita alle corse, una bottiglia di vodka scadente e un sigaraccio.

Bukowski laido ubriacone, sfaticato, cinico, misantropo e misogino ecc tutto quello che vi pare ….. può non piacere ma per tirare fuori tutto il marcio che si ha dentro, ci vuole una certa dose di sensibilità artistica ed umana, non bisogna prendere Bukowski alla lettera come un profeta, perché non lo è. Si può condividere certi suoi pensieri o no, ma perlopiù, sono provocatorie analisi del mondo di come lo vive e lo vede lui; al giorno d’oggi è anche abbastanza stracitato e frainteso fino allo sfinimento non capendo appieno questo autore che ha uno stile sarcastico fino al midollo.

La sua vita di scrittore non è stata tutta rose è fiori pensando anche di smettere. Ha raggiunto il successo dopo post office e solo in tarda età se l’è spassata alla grande, riprendendosi tutto con gli interessi. C’è da dire che per conoscere il vero Bukowski non bisogna leggere i suoi romanzi ma le sue poesie perché si definiva un poeta, quindi perché non approfondirne la conoscenza anche in ambito poetico? Le consiglio sono veramente belle e sconclusionate (quella sullo stile è meravigliosa). Concludo dicendo che è diventato uno dei miei scrittori preferiti e lo straconsgilio, se si vuole iniziare con un romanzo di Bukowski questo è il romanzo perfetto: veloce, scorrevole e divertente.


P:S Se vi piace l’autore guardatevi il documentario Bukoswki: Born into this veramente fatto bene, è divertente e conoscerete qualcosa in più di lui e del suo modo di essere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi piace Bukoskwki e a chi ha senso dell' umorismo.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Post office 2016-01-31 23:39:31 Vita93
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Vita93 Opinione inserita da Vita93    01 Febbraio, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

A modo suo

Charles Bukowski inizia fin da giovane a seguire le passioni che lo accompagneranno per tutto il resto della vita : la scrittura e l’ alcool. Le donne no, quelle arriveranno dopo. Ma la scrittura, almeno fino alla fine degli anni ’60, non gli consente di guadagnare e così fino al 1969 Bukowski si adatta a sopravvivere con una serie infinita di lavori.
L’ incarico più duraturo è quello decennale che lo vede nei panni di un impiegato postale.
Questa esperienza lavorativa viene raccontata in “ Post Office “, primo romanzo di Bukowski datato 1971, filtrata attraverso lo pseudonimo di Henry Chinaski.

Chinaski è un ubriacone, è appassionato di corse di cavalli, accumula donne con la stessa velocità con cui cambia lavori e residenze. In fondo è una persona genuina, che sa chi è e cosa vuole fare e cosa no. Ben presto si rende conto che anche il nuovo impiego alle poste non si adatta al suo stile di vita. Troppe regole stupide, eccessive dosi di perbenismo e moralismo, orari e gerarchie da rispettare, in una struttura lavorativa che è metafora di una società dove tutti cercano stabilità e sicurezze e chiunque si trovi ad un gradino superiore si sente spesso autorizzato a trattare male il prossimo.
Ma così “ Post Office “ potrebbe passare per quello che non è, ovvero una denuncia sociale, cosa che io ho non ho ravvisato dal momento che il protagonista è un individualista solitario scollegato per quanto riguarda questioni politiche o socio-culturali, senza alcun intento divulgativo né tanto meno educativo. Chinaski non vuole trasformare la società, semplicemente la racconta per come la vede. Non è un anticonformista e più di una volta critica i simboli del movimento di controcultura tipico di quegli anni. E’ solo un uomo che vuole godersi i piaceri della vita. Nel suo caso, essi coincidono con l’ alcool e con le donne. E con la scrittura, ma questa lo salverà solo successivamente, al momento non è remunerativa ed ecco che Chinaski vede l’ incarico di impiegato postale, il lavoro, come nemico della vita intesa come esistenza felice ed appagante.

E’ una figura onesta con se stessa e con gli altri, sincera nel parlare con dura schiettezza solo di quello di cui è a conoscenza, e questa è probabilmente la caratteristica per cui è un soggetto amato da moltissimi lettori.
Estremamente realista, è un perdente e sa di esserlo. Assiste al susseguirsi delle giornate con la stessa indifferenza con cui scommette sulle corse dei cavalli. Puntando sul perdente, come se stesso, in un gioco dove fortuna e sfortuna si alternano, nella speranza di poter affrontare il domani con qualche certezza in più, trattando il fallimento con un’ ironia che mal si addice all’ ideale del “ sogno americano “ permeato di determinazione ferrea e quotidiano duro lavoro.
Chinaski non desidera niente, fa tutto quello che gli capita davanti. Lavora il meno possibile, accumulando una serie di provvedimenti e ammonizioni che a lungo termine avranno una sola possibile punizione. O salvezza, dipende dai punti di vista.
Ma nonostante questo “ vivi e lascia vivere “ Chinaski/Bukowski è a modo suo un lottatore, un incassatore di tutto rispetto, uno che ne ha passate tante ed è sopravvissuto, si è adattato con quel poco che aveva a disposizione e ha tirato avanti.

“ Post Office “ ha il grande pregio di trasmettere al lettore la sensazione di poter percepire come realtà possibile quella vissuta con gli occhi di un impenitente e cinico alcolista. Perché sorprendentemente è una visione burbera ma anche romantica di un autore/personaggio controverso e fin troppo estremizzato che scrivendo getta su carta tutto lo schifo che lo circonda con tanto duro realismo quanta malinconica ironia, amante di una vita tesa al consumo immediato delle risorse disponibili piuttosto che al moderno concetto dell’ accumulo, e perché tutti noi almeno una volta nella vita ci siamo sentiti un po’ come Henry Chinaski.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Post office 2014-11-18 04:20:07 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    18 Novembre, 2014
Ultimo aggiornamento: 18 Novembre, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un romanzo ad alta gradazione

Il Charles Bukowski fotografato in “Post office” reca il nome di Henry Chinaski e sfugge alla vita del clochard facendosi assumere come supplente in un apparato del sistema produttivo capitalisticamente ispirato a regole rigide ed efficienza.
Naturalmente, lo spirito ribelle dello scrittore insorge e confligge con i responsabili che di volta in volta cercano inutilmente di piegare il Buk al rispetto delle regole.
Il mestiere viene svolto in un’epoca molto diversa dall’attuale: le mail non esistevano, ma alcuni passaggi del romanzo riflettono situazioni che ancora oggi viviamo, quando svuotiamo la casella delle lettere invasa da scampoli di Amazzonia sacrificata (“Non era colpa mia se usavano il telefono e il gas e la luce e comperavano tutto a credito”).
Dopo un primo licenziamento maturato nell’insofferenza al sistema, Chinaski decide di tornare all’impiego postale nonostante la sua fedina opaca (“Mr. Chinaski. La sua situazione giudiziaria è terribile. Vorrei che mi spiegasse il perché di tutti questi fermi, e se possibile giustificasse la sua attuale posizione presso di noi”) per evitare le critiche di parassitismo provenienti dalla famiglia della moglie Joyce, miliardaria e ninfomane che costringe il Buk e veri e propri tour de force del sesso.
Poi il matrimonio naufraga, Chinaski passa da un rapporto all’altro con una concezione della donna (“Le donne erano destinate a soffrire, non c’era da meravigliarsi che volessero sempre grandi dichiarazioni d’amore”) decisamente criticabile e di fatto criticata dalle femministe europee (“Non è una novità che le donne ti si appiccicano addosso e non ti mollano più”), sino a cadere nelle braccia di Fay, che gli regala una figlia. Ma anche la paternità viene affrontata con svagata disinvoltura (“Dopo un po’ ricevetti una lettera di Fay. Lei e la bambina vivevano in una comunità hippie del New Mexico”).
Tra un’ammonizione e l’altra, tra corse di cavalli e un funerale (“Ero andato alle corse anche dopo gli altri due funerali e avevo sempre vinto… un funerale al giorno e sarei diventato ricco"), Chinaski matura la decisione: dopo un periodo d’aspettativa (“Le poste mi hanno trattato bene. Ma ho assolutamente bisogno di tempo per curare certi miei interessi”) nel quale dà libero sfogo alla sua natura senza il fastidio del lavoro (“Era una bella vita e cominciai a vincere davvero”), e dopo undici anni di (dis)onorato servizio, il postino si licenzia in via definitiva. Il Buk ha cinquant’anni suonati e lascia il certo per l’incerto…

“Post office“ rimane un’opera fondamentale per ritrarre l’icona dello “sconvolto” (“Ricominciai coi giramenti di testa. Li sentivo arrivare. Vedevo il casellario girare vorticosamente”) che tanta presa avrà su molte generazioni coeve e successive.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... consigliato a chi piace la musica di Vasco Rossi
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore
Post office 2014-10-03 12:26:58 Donnie*Darko
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Donnie*Darko Opinione inserita da Donnie*Darko    03 Ottobre, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

un postino poco affidabile

Henry Chinaski ha un'idea: farsi assumere alle poste. Lavoro facile e poco faticoso, tutto sommato ben retribuito, possibilità di tempo libero da passarsi alle corse dei cavalli e, per un sessuomane come lui, non è da escludersi qualche incontro hot occasionale con casalinghe annoiate/disperate.
Che il lavoro sia uguale a tanti altri, ovvero monotono, faticoso e parco di soddisfazioni non ci vuole molto per scoprirlo; se non altro è un modo come un altro per sbarcare il lunario senza troppi sbattimenti
Chinaski è l'alter ego di Charles Bukowski, realmente impiegato come portalettere per circa un decennio a Los Angeles. Questo romanzo è una sorta di autobiografia ovviamente romanzata in cui il nostro conferma tutta la sua idiosincrasia ad essere un irreprensibile e diligente cittadino. L'autore urla la sua allergia al far parte della nutrita schiera dei tanti meccanismi perfettamente produttivi nell'ambito della società americana.
Chinaski è infatti un menefreghista incallito, uno a cui non interessa accumulare ma godersi la vita senza troppo pensare al domani; il lavoro per lui è tutt'altro che nobilitante, solo un mezzo per sopravvivere evitando di arrovellarsi su progetti a lungo termine.
E' una variante incontrollabile di una società di cui l'ufficio postale con le sue regole castranti è aderente allegoria.
E' come un virus innocuo incapace di adeguarsi all'anatomia di una civiltà dominata dalla sacra triade: lavorare, possedere e consumare.
Lo stile è quello tipico dello scrittore randagio: secco e scurrile, non vi è traccia di raffinatezza linguistica o orpelli grammaticali. Il protagonista è cartina tornasole di un mondo sotterraneo, grezzo, maleducato, invadente in cui il bello è contrassegnato dall'eccesso e dall'anarchia.
Da prendersi con le molle Il Chinaski: odioso ed amabile allo stesso tempo, dotato di un'ideologia romantica da marciapiede che lo elegge superstite di un' umanità deceduta nel tentativo di catturare l'utopico benessere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
Post office 2013-07-29 14:01:40 Todaoda
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
5.0
Todaoda Opinione inserita da Todaoda    29 Luglio, 2013
Ultimo aggiornamento: 29 Luglio, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Stile, stile e ancora stile!

Brevemente, poiché il librò in sé non necessita un' analisi particolarmente approfondita, (almeno non quanto quella necessaria a descrivere, comprendere e definire l'autore e la sua filosofia di vita) Post Office o lo si odia o lo si ama... o entrambi. Premesso che apprezzare non è sinonimo di condividere e comprendere non lo è di approvare, questa è un'opera comprensibilmente apprezzabile: il soggetto è semplice, il tema biografico comune, ciò che conta tuttavia non è l'originalità dei contenuti, ma l'originalità di come vengono presentati, narrati. Bukowski riesce a fare del disagio sociale e dell'autoemarginazione un punto di forza, anzi "IL" punto di forza e anche quello di partenza di tutta la sua opera e di tutta la sua filosofia di vita.
Quello che Chinaski, trasposizione letteraria dell'autore, ha nei confronti della vita è un comportamento apoptotico: lui sa di vivere così, sa a quello che va incontro con i suoi comportamenti, sa cosa rischia e gli va bene, o meglio non gliene frega niente. Quella è la sua vita, ma non è che se l'è scelta così, è come se fosse già tutta programmata da qualcun altro: lui vi si adatta come può. Contento lui... di fatti poco contano le sue scelte, o meglio quelle che impone ai suoi personaggi, ciò che conta è l'abilità con cui le rappresenta, come le giustifica senza una vera giustificazione, come riesce, in soldoni, a rivoltarti la frittata e farti credere che abbia ragione perché il mondo secondo lui va proprio così!
Ci sono molti modi per leggere un libro e per giudicare un autore, uno è quello di prestare attenzione solo ai contenuti e ritenere quanto più valido uno scrittore, quanto più originali e divertenti sono essi siano; un altro modo è quello di concentrarsi sull'impatto delle parole, su quanto viene detto, quanto sottointeso, sull’eccessivamente esplicito del singolo che racchiude un profondo implicito sociale.
Per concludere e riassumere mi sembra quanto mai appropriato riportare qui un aneddoto:
quando dissi a suo tempo a un amico, anche lui appassionato di letteratura, che mi accingevo a leggere il mio primo libro di Bukowski, lui commentò soltanto, "Ah bellissimo! ...In fondo però dice un mucchio di cavolate."
Come dargli torto? E' vero, in fondo dice un mucchio di cavolate, ma con che stile!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chiunque piaccia la buona letteratura specie se leggera o camuffata da leggera...
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Post office 2012-03-13 19:38:07 spanish77
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
spanish77 Opinione inserita da spanish77    13 Marzo, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

SESSO, ALCOOL E CAVALLI.

Romanzo breve e brillante che si legge nel giro di poche ore. Linguaggio diretto , senza tante cerimonie e spesso volutamente scurrile. La vicenda gira intorno alle vicissitudini di Henry Chinaski che in una impalpabile Los Angeles degli anni ’70 è alle prese con il suo lavoro alle poste che gli garantisce una sicurezza economica a cui egli tuttavia non aspira; anzi il sistema capitalista americano, rappresentato in questo romanzo dai serrati ritmi di lavoro a cui si sottopone (o si dovrebbe sottoporre), sembra quasi tarpargli le ali e frenarne i desideri. Ho detto desideri??? Beh forse nel caso del protagonista si può piuttosto parlare di stimoli primordiali, in effetti le cose per cui Henry sembra vivere sono , l’alcool, le donne e le corse dei cavalli. Henry è sicuramente un personaggio interessante, che stimola sensazioni differenti spesso opposte, mi spiego meglio; a volte , a dire la verità quasi per tutto il racconto, lo si detesta e lo si prenderebbe a calci nel di dietro per quel suo atteggiamento così lascivo e menefreghista nei confronti dei sentimenti e degli obblighi a cui la vita lo mette di fronte ma poi in altre occasioni, viene a galla un profilo più sensibile che lo fa quasi apprezzare, anche per quel suo apparente distacco nei confronti dei beni materiali ; virtù questa non proprio comune negli Stati Uniti degli anni ’70. Insomma un personaggio controcorrente che si ama e si odia allo stesso tempo, simbolo ed interprete di una generazione che ha avuto il coraggio di dire la sua in un periodo di grandi rivoluzioni sociali.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il grande Gatsby; Colazione da Tiffany ; Diario di un killer sentimentale; Sulla strada
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Post office 2011-03-21 11:33:34 Alex81
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Alex81 Opinione inserita da Alex81    21 Marzo, 2011
Ultimo aggiornamento: 20 Settembre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Alcolico e Rancoroso

“Piccola non essere ingenua. Qualunque stronzo è capace di trovarsi uno straccio di lavoro; invece ci vuole cervello per cavarsela senza lavorare. Qui la chiamiamo l’arte di arrangiarsi. E io voglio diventare maestro in quest’arte".

Bukowski non ha vie di mezzo. Alla prime righe del romanzo capiamo subito se il suo stile incazzoso fa per noi oppure no. Lo si ama o lo si odia. Quel che é certo é che non lascia indifferenti.
In post office "subiamo" un Bukowski oltraggioso, squallido, ripugnante, affascinante, menefreghista che fa a pugni con il mondo e con il mondo sembra andare a braccetto alle corse dei cavalli.
Romanzo autobiografico in cui l'autore ci scarica addosso tutto il suo malessere per la societa' moderna verso la quale combatte una battaglia personale a colpi di ubriacate colossali, scopate occasionali e scommesse all'ippodrome che lo vedono spesso perdente.
La sua inquietudine esistenziale traspare attraverso tutto il romanzo, lasciando l'autore (ed in parte il lettore) esausto e sfinito in preda a crisi mistiche dalle quali non riesce ne vuole uscire.
Eterno perdente che imbronciato si limita a galleggiare sulle onde della vita facendosi trasportare da una riva all'altra senza il minimo interesse. Nonostante cio'Bukowski riesce sempre a ritardare l'affogamento definitivo; perche questo demone dalla scarpe bucate la barba incolta e l'alito che puzza costantemente di vino sa bene che questo é il solo modo per evitare di annegare e di tornare all'inferno.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Henry Miller
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Post office 2011-02-10 11:48:02 andrea70
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
andrea70 Opinione inserita da andrea70    10 Febbraio, 2011
Ultimo aggiornamento: 10 Febbraio, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Divertente e basta

Non sono pudico, non mi piace Sparks, aggiungo che adoro Lansdale e Doyle che non sono proprio delle educande...nonostante questo il libro di Buchowski non mi ha particolarmente impressionato anche se l'ho trovato divertente.
Critica sociale forse poco convincente, tutte queste pretese poi di trasporre nell'ufficio postale i limiti e le incongruenze della società mi sono sembrate forzate.
Ha detto bene Paolo, come lettura durante un viaggio aereo o perchè no in spiaggia e via dicendo è sicuramente indicato, lo stile di Buchowski però non mi ha "preso" , non rimane.
Tanto per restare in tema, il personaggio di Chinaski è un pò come per gli sproloqui degli avvinazzati al bar, al momento ti fanno ridere, poi li trovi patetici.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
41
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Eccomi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La ragazza di Brooklyn
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rumore del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La natura esposta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il turista
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La tigre e l'acrobata
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Lo stupore di una notte di luce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non aspettare la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'artista del coltello
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il passeggero del Polarlys
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tra le infinite cose
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La via del sole
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)