Saggistica Politica e attualità Magistrati. L'ultracasta
 

Magistrati. L'ultracasta Magistrati. L'ultracasta

Magistrati. L'ultracasta

Saggistica

Editore

Casa editrice

La presentazione e le recensioni di "Magistrati. L'ultracasta", saggio di Stefano Livadiotti edito da Bompiani. Vostro Onore lavora 1.560 ore l’anno, che fanno 4,2 ore al giorno. Ma, quando arriva al vertice della carriera, guadagna quasi il quintuplo degli italiani normali. Gli esami per le promozioni sono una farsa: li supera il 99,6 per cento dei candidati. Il Consiglio ha assolto persino il giudice sorpreso con un minorenne nei bagni di un cinema. Secondo la sentenza, costata allo Stato 70 miliardi di lire, era innocente perché tre anni prima aveva sbattuto la testa. Quella dei giudici e dei pubblici ministeri è la madre di tutte le caste. Uno stato nello stato, governato da fazioni che si spartiscono le poltrone in base a una ferrea logica lottizzatoria e riescono a dettare l’agenda alla politica. Un formidabile apparato di potere che, sventolando spesso a sproposito il sacrosanto vessillo dell’indipendenza, e facendo leva sull’immagine dei tanti magistrati-eroi, è riuscito a blindare la cittadella della giustizia, bandendo ogni forma di meritocrazia e conquistando per i propri associati un carnevale di privilegi. Per la prima volta, cifra per cifra, tutta la scomoda verità sui 9.116 uomini che controllano l’Italia: gli scandalosi meccanismi di carriera, gli stipendi fino all’ultimo centesimo, i ricchi incarichi extragiudiziari, le pensioni d’oro, la scala mobile su misura, gli orari di lavoro, l’incredibile monte-ferie, i benefit dei consiglieri del Csm. E, parola per parola, le segretissime sentenze-burla della Sezione disciplinare, capace di assolvere perfino una toga pedofila.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.3  (6)
Contenuti 
 
4.3  (6)
Approfondimento 
 
4.2  (6)
Piacevolezza 
 
4.3  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Magistrati. L'ultracasta 2013-01-06 15:57:40 Marco
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Marco    06 Gennaio, 2013
Ultimo aggiornamento: 10 Gennaio, 2013

Vomitevole il contenuto che suscita solo rabbia

Prima di tutto mi stupisce che l'autore sia ancora in libertà e in vita... lo vedevo (mentre leggevo il libro) su un carro verso la ghigliottina. In effetti quanto scritto nel libro ha valore altamente educativo per capire che non esiste democrazia in Italia. Purtroppo ho pagato sulla mia pelle parte delle verità che l'autore racconta, in quanto ebbi a che fare con questa ultracasta e toccai di persona la procedura dei magistrati.
La lettura è fondamentale, anche se provoca nausea nello scorrere le sue pagine. ma è un malessere necessario per comprendere che la Giustizia non esiste, ma una setta giacobina l'amministra.
Il libro lo conservo perchè ritengo, nel leggerlo, che sia un antidoto alla creduloneria sulla intelligenza e correttezza di molti magistrati. Non tutti certamente, ma se una moltitudine furono bocciati agli esami di ammissione per l'incapacità ad esprimersi correttamente in italiano, tutto è detto. Da acquistare e consultare quando ci si appresta a far causa a qualcuno...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Magistrati. L'ultracasta 2011-05-28 07:30:12 Gabriella
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Gabriella    28 Mag, 2011

Il libro che tutti gli italiani dovrebbero leggere

Chi non ha mai fatto cause, difficilmente riesce ad immaginare cosa succede nei tribunali italiani e questo libro ci offre un’immagine completa di questa realtà.
Può essere utile anche per chi deve fare una vera riforma della giustizia per la gente. Questo settore è un fallimento. I dipendenti pubblici percepiscono stipendi da dirigenti, ma non hanno nessuna responsabilità e lo Stato oltre agli stipendi deve pagare anche gli errori e i danni. In Italia, quasi tutte le cause sono “fuori termine” rispetto alle regole europee del giusto processo, dove una causa deve avere durata di cinque anni con tre gradi di giudizio! In tutte le cause, poi ci sono errori giudiziari.
In Italia, se ti capita di fare una causa, ne devi subire un’altra per gli errori e i danni che subisci nella causa. A me, un primo grado di giudizio civile è durato cinque anni. Speravo che fosse finita lì, ma un giudice ha sbagliato ad interpretare una perizia del tecnico di fiducia e mi ha liquidato solo la metà di quello che mi spettava. Per chiedere l’altra metà, si deve fare il processo d’appello e si devono aspettare altri cinque anni, poi, se ancora non si accorgono dell’errore, ci sarà la Cassazione. Poi si deve cominciare da capo e fare un’altra causa per i danni subiti dal processo. Non so se sia malafede o buonafede o perché è un Tribunale di provincia, oppure, perché i giudici non hanno una buona preparazione commerciale. Con la mediazione civile e commerciale, gran parte del settore civile non è più a carico del tribunale e a mio parere, si dovrebbero dimezzare anche gli stipendi dei giudici, che non devono più occuparsi di buona parte del diritto civile e commerciale, più complesso e impegnativo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La casta; L'altra casta
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Magistrati. L'ultracasta 2009-06-21 11:47:15 prupitto
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
3.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
prupitto Opinione inserita da prupitto    21 Giugno, 2009
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

l'ultracasta

Non c'e' dubbio che il saggio del girnalista Livadiotti costituisca una vera e propria requisitoria contro gli errori e I privilegi della magistratura italiana e non c'e' neppure dubbio alcuno sulla credibilita' delle informazioni contenute nel saggio poiche' sono desunte da fonti attendibili e credibili quali la Banca d'Italia,la Corte dei conti,il Minstero dell'Economia e soprattutto dalle riflessioni di Di Federico e Zanotti.Il primo dato che merge con nettezza e' il prevalere di un modus operandi autoreferenziale sia nei meccanismi di progressione di carriera-meccanisimi gerontocratici e clienterali-sia nei procedimenti disciplinari nei confronti dei colleghi inadempienti,procedimenti che vengono in realta' erogati spesso per far tacere qualche voce scomoda(Forleo e De Magistris per esempio)e che si risolvono in assoluzioni nonostante la gravita' dei reati.Quanto alla influenza che la casta della magistratura esercita sia sufficiente tenere presente quanto segue:in primo luogo la politica giudiziaria attuata dal Ministero di Giustizia e' di fatto il risultato dell'operato di magistrati e non puo' quindi essere superpartes e in seconda battuta non esiste commissione nella quale non sia presente un rappresentante della magistratura.Il seconda dato che si palesa e' relativo sia alla lentezza e farraginasita' dei processi-limiti duramnete stigmatizzati gai giudici di Strasburgo-sia alla incapacita' di spendere il denaro erogato dallo stato in modo effiace evitando sprechi e disavanzi di bilancio.In terzo dato riguarda la lottizzazione correntenzia presente sia nel Csm sia l'influenza determiante per gli inacrichi direttivi dell'Anm.Il peso insomma del clientelismo e' tale da inficiare la credibilita' della magistratura,assenza di credibilita' che si manifesta-ed e' il terzo dato che emerge- sia nell'accesso alla professione-accesso “che costiutuisce una pagliacciata poiche' la maggior parte dei promossi deve la sua performace al caso”(p.192)-sia nella possibilita' da parte dei magistrati di”mollare il lavoro di tutti I giorni per dedicarsi ad altro pur continuando a ricevere lo stipendio mantendo il posto al caldo”(p.232) .Superfluo osservare che qualsiasi tentativo di eliminare sprechi e privilegi sia visto come un attentato alla autonomia della magistratura.

Gagliano Giuseppe

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Magistrati. L'ultracasta 2009-06-18 19:03:12 Sopralecose
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Sopralecose    18 Giugno, 2009

La gente non ama i magistrati, specie nel civile.

All'autore del libro un plauso per aver scritto la verità su una casta di prepotenti. Nella mia città si portano i fascicoli a casa e per legge non potrebbero! Pensa che privacy... Eh già si stancano a stare al lavoro come tutti gli altri... E gli avvocati? A 90° tutti li ad inchinarsi perchè oramai i giudici non giudicano più in base alla legge ma alle simpatie e antipatie nei confronti delle persone e degli avvocati. Provate a fare causa ad un giudice se ci riuscite. La legge è uguale per tutti, ma non per loro. Per cambiare le cose bisogna mettere on line le parcelle degli avvocati e, quando un giudice sbaglia, scriverlo, farlo girare. Hanno solo paura dello sputtanamento. e allora mettiamo tutto on line. I tempi stanno cambiando caro CSM, forse non te ne sei accorto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Magistrati. L'ultracasta 2009-06-05 19:22:15 mario petracca
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da mario petracca    05 Giugno, 2009

magistrati l'ultracasta

Trovo interessante che molti giornalisti facciano il loro mestiere mettendo sotto i riflettori categorie che mai si sono fatte fare le pulci. Suggerirei all'autore di toccare anche la casta degli avvocati e del Consiglio dell'Ordine degli avvocati che la protegge. Il caso che ho vissuto personalmente è emblematico di cosa riesce a fare tale Consiglio, pur di non consentire che un cittadino/cliente possa andare in giro a raccontare di aver avuto ragione di un avvocato. Mi piacerebbe raccontarlo all'autore del libro con documenti alla mano per sentire cosa ne pensa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Magistrati. L'ultracasta 2009-06-04 10:46:15 carlo piludu
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da carlo piludu    04 Giugno, 2009

leggerò oltre la recensione de "il Giornale"

Il Giornale scrive: "... Giudice giudica te stesso In base al quadrupedale principio "cane non morde cane", secondo il quale a giudicare giudiziosamente un giudice è un onorevole collega ..." Leggerò il libro per verificare se l'Aurore ha citato anche esempi di giudici che hanno giudicato sè stessi, e i giudici a valle, penali e civili, chiamati a indagare e giudicare, hanno giudicato "conseguentemente". Se non lo avesse fatto, potre fargliene qualche esempio documentale per il prossimo libro. Carlo Piludu.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La ragazza sbagliata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Esti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Intima apparenza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri