Narrativa italiana Romanzi Ragione e sentimento
 

Ragione e sentimento Ragione e sentimento

Ragione e sentimento

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


La morte improvvisa di Gianandrea Cerrato, valente avvocato penalista, oltre a privare una moglie del marito e tre figlie del padre, ha delle conseguenze del tutto inaspettate. Da un giorno all'altro le quattro donne si trovano a dover riorganizzare la loro vita. Ed è Eleonora, la figlia maggiore, a cercare il modo di mandare avanti quella famiglia di femmine «variamente deragliate ». Mentre la piccola Margherita vive in una dimensione parallela, Eleonora e Marianna sono divise da una visione opposta dell'esistenza e dell'amore: Marianna legge Shakespeare e crede nell'amore assoluto, Eleonora invece, impegnata com'è a sbarcare il lunario e ad arginare la follia collettiva, non è affatto sicura di sapere cosa sia, veramente, l'amore. Intorno a loro si muove il mondo, con le sorprese, l'allegria, l'inganno. La ragione e il sentimento. Perché quella è una delle grandi battaglie che ci tocca combattere nella vita. Non proprio a tutti, perché esistono esseri fortunati senza ragione, o senza sentimento. Ma la maggior parte di noi ne ha un po' dell'una e un po' dell'altro, e non sempre riesce a farli coesistere pacificamente. Quindi si lotta: si lotta da sempre e si lotterà per sempre, e per questo motivo tra tutti i romanzi di Jane Austen Ragione e sentimento è quello più adatto a essere periodicamente riscritto, scagliandolo dentro il tempo e i secoli che passano. Stefania Bertola l'ha fatto in modo irresistibile, con l'umorismo e la maestria che le conosciamo da sempre.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Ragione e sentimento 2017-03-31 17:28:18 lapis
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
lapis Opinione inserita da lapis    31 Marzo, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Astenersi dai paragoni

Se è vero che i romanzi d’intrattenimento, destinati allo scaffale più in vista delle librerie, si assomigliano spesso tra loro, sono proprio le storie d’amore, a mio avviso, che soffrono maggiormente di carenza d’inventiva. Si assume, di fatto, che le lettrici vogliano sempre le stesse cose: sesso più o meno esplicito, malattie più o meno guaribili, una gioventù più o meno muscolosa, superficiale, problematica. Invece il rosa può essere anche altro.

Lo dimostra intelligentemente Stefania Bertola che con “Ragione & sentimento” si cimenta nella riscrittura del famoso classico di Jane Austen in chiave moderna e sabauda e lo fa con grande leggerezza, ironia e freschezza.

Il tema è l’intramontabile scontro tra razionalità e passione, attuale duecento anni fa così come oggi. Perché, in fondo, l’amore è sempre lo stesso. Ci sono le ragazze come Eleonora, concrete e riservate, che affrontano la vita con senso pratico, senza abbandonarsi a sogni irraggiungibili. A costo di inghiottire silenziosamente le proprie speranze. E ci sono quelle tipo Marianna, ingenue e passionali, che inseguono sempre romantiche illusioni e si lanciano nel futuro con ardore, guidate dall’istinto. E quando comprendono la realtà dell’esistenza, si sono già ferite. E poi c’è la vita, naturalmente, con i suoi inganni e le sue sroprese, da affrontare e da scoprire.

Stefania Bertola ripropone questa storia universale con la propria cifra stilistica. La scrittura diventa contemporanea, scorrevole, parlata. Le ambientazioni attingono ai salotti della “Torino bene”, presentandoci una pletora di pettegole madame piemontesi, uomini infedeli e un po’ sbadati e vizi sottaciuti. Infine, la caratterizzazione dei personaggi si infarcisce di molti elementi umoristici e divertenti. A tratti, persino troppi.

E’ un romanzo nel complesso piacevole e scanzonato, destinato principalmente alle amanti del rosa, con qualche cautela. Sconsigliato alle anime romantiche, alla ricerca di emozioni travolgenti, perché in queste pagine non troveranno passione ma una rappresentazione davvero ironica e spensierata dell’amore e della società. Sconsigliato inoltre anche alle anime tradizionaliste, alla ricerca della grazia e delle atmosfere austeniane, perché ogni paragone è ovviamente impensabile, e, tutto sommato, anche ingiusto. A tutte le altre, buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Ragione e sentimento 2017-03-15 20:04:46 ornella donna
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    15 Marzo, 2017
Ultimo aggiornamento: 16 Marzo, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La "nuova" Jane Austen torinese

Stefania Bertola si cimenta con un’impresa direi quasi titanica, quella di riscrivere in chiave moderna il famoso romanzo di Jane Austen, Ragione e sentimento. E in questo caso la Bertola si appropria anche dello stesso titolo per pubblicare la sua ultima fatica letteraria. Anche se le differenze costruttive e narrative sono molte.
Il romanzo è ambientato a Torino, e proprio come “Nel Surrey sul finire del Settecento, anche in Piemonte nel 2014, un gentiluomo morì, lasciando una vedova e tre figlie”. Il gentiluomo è il ricchissimo professor Gianandrea Cerrato, e sua moglie di secondo letto è Maria Cristina, vacua, svampita, incapace di rendersi conto di ciò che accade, e le tre figlie sono Eleonora, Marianna e Margherita. Ovvero, “una famiglia di femmine variamente deragliate”. Peccato che il gentiluomo di cui sopra le lascia completamente coperte dai debiti, perdono persino la villa di famiglia, ora di proprietà del figlio di primo letto, Edoardo. Che le abbandona totalmente a se stesse. Eleonora, l’unica a lavorare come insegnante elementare, “e lei, soltanto lei, a svolgere attività misconosciute quali stirare, comprare il pane”, e innamorata di un rampollo della società bene torinese, Giulio Balbis, che le darà un mare di grattacapi e di delusioni. Marianna, svampita, bellissima, crede nel grande amore a cui consegnerà la sua verginità, “il dono supremo, secondo quelli di Turris Eburnea. Marianna crede nell’amore eterno, punto. Nell’amore unico ed infinito, che unisce per sempre due creature umane, di qualunque sesso, purchè coordinate”. E Margherita, quattordicenne, “che si è trasferita negli anni Sessanta.” Innamorata follemente di George Harrison e Paul Mc Cartney. E nulla più. Tra misteri, drammi, tragedie in puro stile inglese, ognuna di loro riuscirà a trovare la propria dimensione di vita.
Il tema centrale del testo è proprio il contrasto tra ragione e sentimento, rappresentato dalle due vite narrate di Marianna e di Eleonora. Intorno a loro ruota una pletora di argomenti: il sesso, l’invidia, le maldicenze, la ricchezza, la povertà, le droghe, il perbenismo di certa classe borghese, come la madre di Giulio Balbis, che di fronte alla futura nuora nigeriana, pensa bene, quale estremo atto di disprezzo, di diseredare il proprio figlio e lasciare tutto il patrimonio alla pur odiata badante Olena. E poi Torino, la Torino dei salotti bene, dell’alta borghesia, dalla mentalità ristretta e retrograda, l’ovvietà di certi comportamenti. Una Torino un po’ sullo sfondo, ma sempre presente, perché lì, in fondo, si conoscono un po’ tutti, come nei grandi paesi di provincia.
Un romanzo leggero, rilassante, gradevole, molto ironico e sarcastico. Inoltre questa rivisitazione compiuta da Stefania Bertola ha il raro pregio di esaltare in modo netto e preciso la sempre attuale Jane Austen e le sue storie. Fantastico!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto Emilia Marasco, Volevamo essere Jo, Mondadori.
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La ragazza sbagliata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Esti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Intima apparenza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri