Narrativa straniera Gialli, Thriller, Horror Caos. Un nuovo caso per Kay Scarpetta
 

Caos. Un nuovo caso per Kay Scarpetta Caos. Un nuovo caso per Kay Scarpetta

Caos. Un nuovo caso per Kay Scarpetta

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Nella quiete del crepuscolo di una serata di inizio settembre, Elisa Vandersteel, una ragazza di ventitré anni, muore mentre sta andando in bicicletta lungo il fiume Charles. Sembrerebbe essere stata colpita da un fulmine, ma poiché è una bellissima giornata, è evidente che la causa debba essere un'altra. Da giorni Kay Scarpetta riceve sul suo computer ogni pomeriggio alla stessa ora un messaggio vocale con una bizzarra e inquietante filastrocca, sempre diversa, inviata da un anonimo che si firma Tailend Charlie. E proprio quando la famosa anatomopatologa giunge sulla scena della morte della povera Elisa per dare inizio alla sua indagine le arriva la settima filastrocca. Kay ha già messo al corrente di questi messaggi il suo collega Pete Marino, il marito Benton Wesley e la nipote Lucy. Quest'ultima, nonostante la sua straordinaria abilità informatica, non è stata in grado di rintracciare lo sfuggente Tailend Charlie, né riesce a capire come lui possa avere accesso a informazioni private. È evidente a tutti che l'anonimo molestatore sia coinvolto nella morte della ragazza. A complicare le cose, altre due morti sospette per folgorazione sembrano convincere Kay Scarpetta dell'esistenza di un'arma letale che uccide a distanza e che potrebbe scatenare il panico tra la popolazione se la sua esistenza diventasse di dominio pubblico. Con Caos, Patricia Cornwell firma il ventiquattresimo thriller con protagonista l'iconica Kay Scarpetta.

Recensione della Redazione QLibri

 
Caos. Un nuovo caso per Kay Scarpetta 2017-01-02 13:54:07 lapis
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
lapis Opinione inserita da lapis    02 Gennaio, 2017
Ultimo aggiornamento: 02 Gennaio, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Più che caos, calma assoluta

In tutta onestà mi trovo un po’ in imbarazzo nello scrivere questo commento sull’ultimo romanzo di Patricia Cornwell, da qualche settimana disponibile in libreria. Infatti, sebbene sia il primo thriller che leggo di questa autrice, ovviamente mi era nota la sua fama e l'enorme successo di critica e pubblico che da vent’anni riscuotono i romanzi con protagonista Kay Scarpetta. Mi sono quindi avvicinata a questa lettura con una certa aspettativa, mista alla curiosità di fare la conoscenza con questa famosissima anatomopatologa che tanti anni fa ha dato il via a un nuovo tipo di letteratura giallistica, fatto di camici e analisi di laboratorio, da allora imitatissimo.

Perché imbarazzo quindi? Perché purtroppo devo dare testimonianza di un’esperienza di lettura assai faticosa e poco coinvolgente, a tratti francamente noiosa.

La storia fatica ad ingranare, anzi probabilmente sarebbe meglio dire che non ingrana mai. Dopo duecento pagine di innumerevoli dettagli sulle modalità con cui allestire la strumentazione per l’analisi della scena del crimine, la nostra conoscenza sugli omicidi è di fatto la stessa fornita dalla lettura della quarta di copertina. Senza contare poi i minuziosi particolari relativi alla famiglia della protagonista che risultano vagamente inutili, se non irritanti. A che pro, ad esempio, elencare tutte le automobili disponibili nel garage del marito? Possibile inoltre che le uniche caratteristiche di tutti i famigliari di Kay Scarpetta siano l’essere intellettivamente prodigiosi, straordinariamente belli o incommensurabilmente ricchi? Davvero non c’era nient’altro da dire che ci permettesse di conoscerli meglio ed entrare in sintonia con loro?

E’ evidente che tra me e la famiglia Wesley-Scarpetta non sia nata una particolare simpatia ma credo che ciò dipenda essenzialmente dalla totale mancanza di umanità che i personaggi hanno mostrato nel corso delle pagine. “Buoni” e “cattivi” hanno fatto la loro parte seguendo un copione piuttosto prevedibile, ma a rendere così difficile la lettura non è stata la trama non particolarmente avvincente ma il fatto che la storia non abbia mai lasciato trapelare i sentimenti, il carattere, le motivazioni, la vita di nessun personaggio. E allora rimangono solo bustine di plastica contenenti prove da cui ricavare la verità, ma senza la componente umana ad animare la storia di chi persegue il male e di chi lo combatte, poco resta alla lettura.

Pur essendo di fondo un romanzo ben scritto, che denota un certo mestiere, non mi sento davvero di consigliarlo se non ai seguaci della famosa dottoressa, curiosi di conoscere l’ultima sua avventura. Per tutti gli altri, credo sinceramente che vi siano thriller migliori, probabilmente anche attingendo alla precedente produzione di quest’autrice.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
2.5  (2)
Piacevolezza 
 
2.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Caos. Un nuovo caso per Kay Scarpetta 2017-04-06 08:53:17 cosimociraci
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
cosimociraci Opinione inserita da cosimociraci    06 Aprile, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Meet Complainant

Ho letto molti romanzi di Cornwell/Scarpetta, dal lontano '98 con Causa di morte.
Mi stupisce ancora come l'autrice non trascuri mai i suoi personaggi dando la possibilità a chiunque di avvicinarsi ai suoi libri per la prima volta. Naturalmente un personaggio ricco di sfaccettature come Key Scarpetta, è impensabile riassumerlo in un unico libro.
La Cornwell non dimentica mai di spiegare le vari fasi dell'indagine, i termini medici ed il gergo poliziesco. Il lettore non si sentirà mai perso. E purtroppo qui finiscono le note positive.

Per chi non la conoscesse ancora Key Scarpetta è spezzante, perfezionista e pignola, con gli altri e soprattutto con se stessa. Difficile poter risultare simpatica, lei super coroner e detective (ex direttrice dell'istituto di medicina legale della Virginia, direttrice del National Forensic Academy di Hollywood), il marito super profiler dell'FBI, la nipote super genio informatico del MIT e dell'FBI. Un po' improbabile direi.
Molto gira intorno al perfezionismo a cui tendono i suoi protagonisti e di come soffrano l'incapacità di chi collabora con loro. Irritabili se qualcuno esce fuori dagli schemi anche se loro sono i primi a farlo.
Key e Benton (il marito) quando sostituiscono il cappello dei coniugi con quello rispettivamente di coroner e profiler spesso si ostacolano a vicenda e non si sopportano, come se la sgarbatezza fosse sinonimo di professionalità.
L'autrice prova ad approfondire Key mostrando altri aspetti che la umanizzano compresa una velata fragilità e la sua lotta interiore per non mostrarla.

Nonostante lo stile dell'autrice in genere non mi delude mai, trovo una certa costante nei contenuti che cominciano a stancare e ad appesantire la lettura.
In quest'ultimo romanzo la Cornwell sfrutta anche un vecchio antagonista come se non riuscisse ad inventare nulla di nuovo o non riuscisse a far evolvere i propri personaggi.

Mentre, come dicevo prima, un lettore che si avvicina per la prima volta a Key Scarpetta, scoprirà un personaggio straordinario, l'incapacità o la mancata volontà di una evoluzione non consente anche ai suoi lettori affezionati, di continuare a scoprirla. Purtroppo tutto si arena e questo comincio a considerarlo un grave difetto che perpetua nelle sue storie.

Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Caos. Un nuovo caso per Kay Scarpetta 2017-01-29 17:28:06 cesare giardini
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    29 Gennaio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Kay Scarpetta indaga su un'arma letale

Singolare thriller della Cornwell, sia per la brevità temporale della trama narrativa (copre solo 4 giorni o poco più) sia per la descrizione minuziosa di ogni evento, tecnico e ambientale, descrizione non di rado avulsa dalla storia narrata e messa nero su bianco per puro spirito narcisistico. La brezza che muove le foglie delle piante di un parco, la calura opprimente che leva il respiro, una cena con il marito Benton in un famoso ristorante, l’assemblaggio di un tendone in una radura, l’attesa spasmodica di un pericolo incombente, un cambio di vestiti, ogni evento di importanza secondaria (specie per un lettore di gialli) diventa motivo per sfoggiare sprazzi di conoscenze tecniche specifiche non disgiunte da una mal celata soddisfazione per status symbols esclusivi che fanno della protagonista anatomopatologa Kay Scarpetta una privilegiata dalla sorte, sia professionalmente che nel ménage della vita quotidiana. Detto ciò, sfrondata dalle descrizioni ambientali a volte condite da lungaggini esasperanti, la storia è abbastanza semplice: alcune morti improvvise causate probabilmente da folgorazione, due ragazze ed un famoso generale, fanno scattare per vari motivi ed a vari livelli (polizia locale, Interpol e FBI) un allarme a prima vista ingiustificato, ma che si rivelerà poi di importanza vitale per la sicurezza di tutti. Kay Scarpetta è ovviamente in primo piano, sempre all’erta, pronta a cogliere ogni minimo segnale di sciagure imminenti. Non si può negare che la tensione sia al massimo, si intuisce che sta per accadere qualcosa di inatteso e catastrofico. Che si materializza solo alla fine del romanzo, con un colpo di scena ben orchestrato, che, come d’incanto, riesuma da un non lontano passato una famosa e pericolosa serial killer…. A parte le annotazioni superflue (ad esempio la lunga e particolareggiata descrizione del ristorante stellato dove la coppia di investigatori va a pranzare), l’attesa di qualcosa di terribile e sconosciuto che avverrà serpeggia nell’aria afosa di un parco e mette a dura prova le intuizioni della protagonista, della nipote Lucy e dell’investigatore dell’FBI Benton. Una nuova, terribile arma letale sta per entrare in scena e sconvolgere le consuete indagini consolidate dall’esperienza. Incombe il caos, come recita il titolo del romanzo, ma la brava Kay sa come esorcizzarlo. Da leggere comunque.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I thriller di Patricia Cornwell
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La ragazza sbagliata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Esti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Intima apparenza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri