Io sono Dot Io sono Dot

Io sono Dot

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Niente è stato facile per Dorothy «Dot» Sherman. Ma se mai c'è stata una ragazzina capace di prendere la vita e rivoltarla, be', è lei. A diciassette anni, quando hai un padre uscito a comprare le sigarette e mai tornato, una madre buona a nulla, un fratellino re delle caccole e una sorella regolarmente gonfiata di botte dal marito, non sono molte le persone su cui puoi contare. Così Dot fa la cameriera sui pattini e si difende come può, anche menando le mani. Finché, un giorno, un tizio di nome Elbert, che dichiara di essere uno zio, si installa nella roulotte di famiglia. Per quel che ne sa Dot, Elbert potrebbe essere un serial killer – del resto qualche piccolo trascorso criminale ce l'ha – ma alla fine l'uomo si rivelerà il più sensato della famiglia. E, dopo anni di frustrazioni e delusioni, forse anche per Dot la ruota potrebbe girare. «Potreste pensare che questa non sia una storia vera, perché una parte di essa contiene cose a cui è difficile credere, ma vi assicuro che non c'è niente di inventato, dall'inizio alla fine. Vi dirò la pura verità, dal principio alla fine. Vi dirò che i miei amici mi chiamano Dot, e che preferisco che i miei nemici non mi chiamino affatto. Si tratta di una grande avventura? Be', nessuno andrà sulla luna o scalerà una montagna altissima. Ma per me è un'avventura. È la mia vita quotidiana».

Recensione della Redazione QLibri

 
Io sono Dot 2017-04-24 11:30:25 Valerio91
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    24 Aprile, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uccello in gabbia, vola via

Lansdale mi piace, e un bel po'. Il suo modo di scrivere ha un non so che di unico. Il suo stile è semplice eppure efficace, ironico, e le pagine scorrono via come il vento. Certo, 220 pagine non sono tantissime, ma questo libro l'ho letteralmente divorato.
In fin dei conti, quella di "Io sono Dot" non è certo una storia sorprendente né troppo intricata, eppure, raccontando la vita quotidiana di una semplice ragazza di diciassette anni, Lansdale è riuscito a tenermi incollato alle pagine. E' anche in questo che si valuta un buono scrittore.

Dot, come dicevo, è una semplice ragazza di diciassette anni, che vive una vita abbastanza stentata in una roulotte insieme a sua madre, sua nonna e suo fratello minore Frank. Suo padre è uscito di casa per comprare le sigarette cinque anni prima, e non ha fatto più ritorno. Dot lavora come cameriera al "Dairy Bob", dove serve la cena ai clienti seduti in macchina, sfrecciando su un paio di pattini. E' così che guadagna da vivere per sé e per la sua famiglia. Non è certo uno status invidiabile, eppure Dot ha dalla sua un carattere forte, talvolta fin troppo scontroso e diffidente, temprato dalle difficoltà affrontate fin da quando era piccola.
Eppure, è determinata a non fare gli stessi errori di sua madre e sua sorella, che hanno annullato sé stesse in nome di un "amore" rivolto a un fuggiasco e a un violento ubriacone. Dot vede per sé un futuro diverso, e l'arrivo di suo zio Elbert le darà quella spinta e quel sostegno di cui aveva sempre avuto bisogno ma che non aveva mai ricevuto. Conoscerà l'amore, quello vero, l'amicizia, e metterà alla prova sé stessa come non aveva mai fatto prima di allora.
Dot non si rassegna alla mediocrità, non accetta di accontentarsi di quello che il mondo le ha messo davanti dalla nascita. Lei proverà ad avere qualcosa in più e sa che per averlo dovrà lottare, sgomitare, sanguinare.
Ma in fondo, non è quello che proviamo a fare tutti?

"Penso che siamo tutti responsabili di ciò che facciamo. Non è colpa degli altri. Non è sempre colpa della genetica, e di come ci hanno fatto crescere, perché ci sono tante persone nate in contesti orribili, che hanno subito ogni sorta di torti e non per questo sono diventate spregevoli. Scegliamo di essere quel che siamo. Diventiamo quel che vogliamo essere."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Io sono Dot 2017-05-01 19:07:57 Matteo
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Matteo    01 Mag, 2017
Ultimo aggiornamento: 01 Mag, 2017

Deluso

Seguo Joe Lansdal da sempre, ho divorato i suoi libri, sentendomi sempre in "astinenza" ogni volta che ne aspetto uno. Ironico, pungente, con uno stile narrativo come pochi, intelligente. Ho adorato la saga del drive-in, quella di Leo-Hao, e tutte le storie "on the road" che sfornato. Tutti libri meravigliosi, accattivanti, anche per i bibliofili di gusti difficili. Lansdale è quell'America dei bassifondi, degli sfigati, dei derelitti che non hanno nulla da perdere. Ma ripeto, uno stile, una capacità di scrittura mai banale ma scorrevolissima. "Io sono Dot" però, a mio avviso, è un libro che non ha "sapore". Lo stile è il suo, si capisce. La seconda parte purtroppo è tirata via e sprofonda anche in qualche luogo comune. Non c'è la intelligente cattiveria di Joe. Non incide, non lascia nulla. Piacevole, ok, ma nulla di più. Soprattutto per uno come me che idolatra Lansdale e si aspetta sempre scorci divertenti e innovativi. Insomma un libro "normale" per uno scrittore che può dare molto, molto di più.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Io sono Dot 2017-04-27 06:49:01 68
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    27 Aprile, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Solitudini affrante e possibili rinascite

...." Mio padre è uscito per comprare le sigarette e non è più tornato "....
Texas, Dot è una diciassettenne come tante, con una famiglia disgregata, povera, che si nutre di miseria e poco altro, vive in una roulotte, è arrabbiata con il mondo, con se stessa, con la vita.
Una vita che un adolescente non gradirebbe, costretta ad abbandonare gli studi, a lavorare in un pub, prevalentemente sui pattini, principale sostegno di famiglia, con una madre che soffre ancora il trauma dell' abbandono del tetto coniugale da parte del marito ma sarebbe disposta a riaccoglierlo, una nonna che vive di ricordi, un fratello più piccolo, un padre scomparso nel nulla.
Poi, un giorno, emerge dall' ombra zio Elbert, almeno così si presenta, un individuo strano, misterioso, che racconta una storia fatta di solitudine, di galera, di abbandono ed errori pregressi.
Elbert ceca di entrare nel mondo di Dot, osserva, domanda, giudica, con una sorprendente saggezza che contrasta con il proprio passato, con un presente fatto di nulla ed un' idea nella testa, evitare alla ragazza un destino apparentemente segnato, allontanarla da quella rabbia che potrebbe distruggerla.
Dot è una ragazzina intelligente, scaltra, forgiata dall' asprezza della vita, costretta a " crescere " in fretta, che ha vissuto il dolore di una perdita immotivata ( il padre ), che non si sente all' altezza e teme le relazioni, da sempre circondata da violenza e noncuranza. Ma è comunque un adolescente, con impeti pulsionali, il desiderio di amare ed essere amata, di costruirsi una vita, di crescere ed esperire. In lei convivono costruzione e distruzione, in prevalenza un desiderio autodistruttivo, frutto di quello che è stato, in fondo solo paura di vivere .
Per potere cambiare dovrebbe scrollarsi di dosso quella rabbia, non dimenticarla, semplicemente lasciarla andare, ma è difficile per chi è cresciuto tra violenza ed abbandono, miseria e trasandatezza.
Elbert e Dot, nelle proprie solitudini affrante, imparano a conoscersi, a fidarsi l' uno dell' altra, costruiscono il proprio sogno, una relazione che potrebbe essere quella tra un padre ed una figlia, una semplice amicizia a cui affidare ricordi, sentimenti e speranze, anche se la verità si nasconde nell' ombra e tende improvvisi ed inaspettati tranelli, la vita non si mostra sempre per quello che è ed un attimo può rigettare certezze ed infrangere sogni.
Ma, in fondo, se una morale esiste, ... " siamo tutti responsabili di ciò che facciamo, non è sempre colpa degli altri, o della genetica, o di come ci hanno fatto crescere, scegliamo di essere quello che siamo, diventiamo quello che vogliamo essere..."
L' ultimo Lansdale ha il respiro e la traccia del proprio autore, quella rappresentazione reale, aspra, cruda di vite e relazioni complesse, disgregate, problematiche, irrisolte, inserite in una quotidianità problematica. Questa è una storia famigliare, semplice, scarna, attorno alla quale costruire il mondo di Dot e di una adolescenza tanto problematica quanto affascinante.
La prima parte del romanzo accarezza profondità personali, descrittive e relazionali che hanno l' aspro volto di personaggi complessi e camaleontici, con una penna che sappiamo capace di coglierne e descriverne l' intima essenza.
La seconda parte, a mio avviso, è meno riuscita, un po' trascinata, in quel desiderio di lieto fine che prevede un cambiamento di rotta con l' inserimento di temi e figure piuttosto stereotipate. Penso a quel giuoco-guerra sui pattini ( il tema del conflitto perenne, del vinto e del vincitore, la lotta dell' individuo con il mondo per realizzare i proprio sogni ) o alla figura del buono ( Herb, giovane innamorato di Dot, principe azzurro disinteressato al proprio denaro ed alla noiosa perfezione della propria famiglia, romantico, amorevole, pieno di buon senso ) o ad una possibile ed un po' mielosa redenzione, perdono delle colpe altrui con conseguente possibile ritorno ad una quiete domestica.
Sicuramente un buon romanzo, per temi e contenuti, ma, considerando lo sconfinato campo di azione e di generi del proprio autore, non tra le sue opere migliori.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dimenticare
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La testimonianza
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il manifesto del libero lettore
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La neve sotto la neve
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Cacciatori nel buio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo che inseguiva la sua ombra. Millennium 5
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il maestro
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
The Store
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La narratrice sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Bello, elegante e con la fede al dito
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il sentiero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni nostra caduta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri