Narrativa straniera Romanzi Il cuore degli uomini
 

Il cuore degli uomini Il cuore degli uomini

Il cuore degli uomini

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Nelson dorme da solo, nella tenda che lo ospita per la quinta estate consecutiva al campo Chippewa. Le sue medaglie da giovane scout, la bravura nell'accendere il fuoco, la straordinaria abilità con cui all'alba suona la sveglia con la tromba non sono il massimo per farsi degli amici, a tredici anni. Solo Jonathan, il ragazzo più popolare della scuola, sembra concedergli stima e attenzione; è l'unico a ricordarsi del suo compleanno, l'unico ad aiutarlo quando i bulli del campo vorrebbero vederlo annegare nella latrina. Nelson e Jonathan non possono ancora saperlo, sul finire di quell'estate del 1962, ma la loro amicizia sopravvivrà al tempo. Ai problemi in famiglia, alla durezza dell'Accademia militare, agli orrori del Vietnam. E più di trent'anni dopo, i due ragazzini del Wisconsin diventati ormai adulti si ritroveranno a discutere di lealtà e ipocrisia, di generosità ed egoismo, delle crepe del matrimonio e dell'abisso della guerra, davanti al figlio di Jonathan, Trevor, e a un numero di bicchieri di whisky di cui non è facile tenere il conto. Di padre in figlio, tre generazioni di uomini dovranno confrontarsi con gli equivoci del proprio coraggio e della propria vigliaccheria. E dinanzi alle sfide della vita, con le sue ambigue domande sul bene e sul male e i suoi falsi eroismi, nell'abbraccio di una natura primitiva e magnifica, sarà una lezione d'amore a illuminare il cammino, come quella lanterna che era l'ultima a spegnersi nella notte del campo Chippewa.

Recensione della Redazione QLibri

 
Il cuore degli uomini 2017-03-10 12:07:50 Antonella76
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    10 Marzo, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'America ed i suoi sogni infranti...



Tre generazioni, tre piani temporali...e un comune denominatore: Nelson "il Trombettiere" e lo scoutismo.
Wisconsin.
    Siamo nel 1962 e iniziamo a conoscere un Nelson tredicenne, durante una delle settimane più difficili della sua vita al campo scout, dove viene continuamente fatto oggetto di scherno e di violenza da parte dei suoi coetanei: essere uno bravo, sempre ligio al dovere, fedele ai principi di giustizia e lealtà, non ti rende popolare né benvisto dai pari...almeno fino al giorno in cui non dovrai calarti e nuotare in una latrina da campeggio per recuperare una monetina.
Nelson lo fa. Nelson non si sottrae mai al suo dovere, fosse anche uno stupisissimo pegno di gioco.
Lui, il trombettiere dalla tromba ammaccata (e pisciata dai compagni), non ha amici...tranne Jonathan, un quindicenne che riesce a concedergli qualcosa che si avvicina all'amicizia.
     Nel 1996 ritroviamo Nelson e Jonathan adulti (la vita li ha separati, ma non persi) alle prese con Trevor, il figlio sedicenne di Jonathan...e il tentativo di suo padre di distruggere la sua purezza, il suo sguardo incantato, il suo amore pulito per Rachel...alla vigilia della settimana al campo scout.
Tette al silicone e una cicatrice di cesareo saranno il metodo scelto per l'iniziazione al disincanto.
     Ed infine ci ritroviamo nel 2019, ancora al campo, ma stavolta ci sono Rachel e Thomas, figlio di Trevor...ed un Nelson ormai settantenne che si ritroverà ancora a combattere per il giusto, contro un'America che fa acqua da tutte le parti.
Sullo sfondo c'è la guerra in Vietnam, l'11Settembre, l'Afghanistan...
Ogni passaggio temporale rappresenta uno snodo importante per la vita dei protagonisti (qualcosa cambia per sempre) e per una terra che vede sempre piu i suoi sogni infrangersi...

Un romanzo tutto al maschile, sull'amicizia, sul coraggio, sulla crescita, sui rapporti matrimoniali e genitoriali.
Ne viene fuori l'immagine di un' America ferita, senza più sogni, guerrafondaia, che non ha più spazio per gli eroi, né per i boyscout e la loro solidità.

Un bel romanzo...Butler riesce a legarti ai suoi personaggi e ai suoi luoghi in un modo difficile da spiegare: è come se ti avvolgesse in una coperta calda, come se ti facesse entrare dentro una canzone che hai voglia di ascoltare fino alla fine.
Tuttavia, secondo me, non è riuscito a ricreare l'atmosfera intima di "Shotgun Lovesongs"...quella ballata struggente che avrei voluto non finisse mai.
Ma lui è uno bravo davvero.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il cuore degli uomini 2017-06-05 15:38:47 ornella donna
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    05 Giugno, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La formazione maschile degli scout e la crudeltà d

Il cuore degli uomini è il titolo efficace del romanzo di un narratore americano Nicholas Butler, pubblicato da Marsilio.
Nelson è il primo a scuola, il più volenteroso, lo scout più premiato, ma negli sport è una frana e questo fa sì che non abbia amici. Al suo tredicesimo compleanno, nel 1962, ha invitato tutti i ragazzi del gruppo scout, ma nel pomeriggio non si presenta nessuno. Le lacrime gli calano dietro le lenti da secchione. Il padre invece di consolarlo, lo sgrida duramente. Lo picchia con la cintura per la sua debolezza, come del resto sta facendo sempre più spesso in questi ultimi tempi. All’improvviso spunta, in ritardo, Jonathan Quick, il semidio della scuola. Quindici anni, e già un metro e ottanta, nuotatore di punta del team scolastico, attaccante della seconda squadra di football, interbase di riserva della formazione B di baseball, componente del coro e costruttore di modellini ferroviari. E’ in piedi nel vialetto, con una scatola incartata con le pagine delle vignette e un fiocco rosso. Lui è l’unico a difenderlo dagli scherzi e prepotenze. Lo chiamano Il Trombettiere, e lo emarginano, perché lo considerano un imbranato. Al campo, poi, giunge il momento della sfida a ruba bandiera. I ragazzi si dividono in due gruppi, la truppa che vince potrà ricevere 25 dollari. Alla squadra perdente tocca pure una punizione disgustosa: recuperare un nichelino gettato appositamente in una latrina. Inutile dire che la squadra di Jonathan perde e ad essere calato nella latrina sarà Nelson. Si muove coperto di escrementi , e vomita di continuo. Ma riesce nella impresa e recupera il nichelino. Gli altri ragazzi per la prima volta gli mostrano solidarietà, ma qualcosa lo ha scosso e comprende di avere più di un motivo di risentimento contro Jonathan e glielo dice.
Trent’anni dopo, nel 1992, un quarantanovenne Jonathan Quick, presidente ed amministratore delegato della Quick Trasporti, guarda il figlio Trevor che sta per partire per il campo scout, e ricorda. Il ragazzo pensa di essere innamorata di Rachel, una sedicenne fantastica, piena di talento, appassionata di esoterismo. Dice che gli sta facendo cambiare idea su tutto. Ma…. Spesso gli avvenimenti non sono quelli che appaiono. E’ attraverso questa sedicenne che si apprende come Nelson sia diventato un mito. Eroe in Vietnam tra i Berretti Verdi e leggendario capo scout, ha la spina dorsale tenuta insieme da frammenti di granata. Jonathan pensa al Trombettista. Lui, Nelson, dopo il Vietnam non si è più sposato e dirige la Riserva Scout Whiteside.
I due amici si incontrano e il cuore del romanzo è in quello che si dicono e non si dicono, soprattutto in quello che provano l’un l’altro. Amici d’infanzia. Ma è stato davvero così? I loro legami erano deboli, eppure Jonathan scoprirà di voler un gran bene a quell’uomo. Di essergli legato.
Un romanzo di formazione diviso in tre fasi, e due ragazzi cresciuti mantenendosi in fragile contatto che si ritrovano adulti, con tutto quello che questo implica. A mio parere, una lettura strettamente maschile, anche se intensa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto Nicholas Butler, Shotgun Lovesongs.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ministero della suprema felicità
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un adulterio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il caso Fitzgerald
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La rete di protezione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il ragazzo nuovo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Divorziare con stile
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Babilonia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Cortile Nostalgia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Del dirsi addio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il collezionista di conchiglie
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Britt Marie è stata qui
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri