Narrativa straniera Romanzi La scuola degli ingredienti segreti
 

La scuola degli ingredienti segreti La scuola degli ingredienti segreti

La scuola degli ingredienti segreti

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


E' lunedì, nel ristorante di Lillian si tengono le lezioni del corso di cucina. Circondata dagli allievi, Lillian sta per aggiungere l'ultimo tocco, l'ingrediente segreto, e poi la torta sarà pronta. Nessuno meglio di Lillian conosce la magia degli ingredienti. Era solo una bambina quando, grazie a una misteriosa ricetta donatale da Abuelita, la donna della bottega delle spezie, ha salvato sua madre. Sono passati anni da allora, anni in cui ha combattuto, ha sofferto, si è ribellata, a volte ha perso ogni certezza, tranne una: la fiducia nella magica alchimia del cibo. E per questo che il suo ristorante è un luogo speciale, dove si ritrovano ricordi perduti, si stringono promesse d'amore o nasce un'amicizia. Lo sanno bene gli allievi del corso di cucina, tutti alla ricerca dell'ingrediente segreto che ancora manca alla loro vita.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
2.9
Stile 
 
3.0  (4)
Contenuto 
 
3.0  (4)
Piacevolezza 
 
2.8  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La scuola degli ingredienti segreti 2015-06-10 15:46:55 Alessandra
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Alessandra    10 Giugno, 2015

Altro che ricette di cucina, questa è una ricetta

Ho "mandato giù" questo libro come si fa per una medicina che ci ha prescritto il dottore: l'avevamo scelto quale oggetto di discussione nel circolo di lettura di cui faccio parte e dunque mi sono sentita in dovere di leggerlo fino in fondo, ma l'ho fatto davvero con poco trasporto. La storia non è per niente originale e tutto viene banalizzato perché per ogni personaggio c'è un lieto fine troppo facile quanto improponibile. L'autrice ha il gusto di dilungarsi sulle sensazioni fisiche e spirituali provocate dal cibo e per farlo usa a profusione metafore e un linguaggio che vuol essere evocativo e suggestivo. Forse per gli americani che, diciamo la verità, non sono propriamente dei buongustai, sentire parlare del cibo in questi termini, è una novità. Non certo per noi italiani, che al contrario dedichiamo all'argomento ben altre energie. Perdonatemi il luogo comune, ma è proprio così. Difficilmente scrivo una recensione su un libro che ho letto, a maggior ragione se non mi ha entusiasmato, ma questa volta l'autrice mi ha fatto proprio arrabbiare e non ho potuto esimermi. Piuttosto che spendere soldi per acquistare il libro, vi consiglio di andare in un buon ristorante :)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
La scuola degli ingredienti segreti 2012-07-27 17:24:03 ombraluce
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ombraluce Opinione inserita da ombraluce    27 Luglio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un inno alla buona cucina e alla condivisione

"Il cibo può essere il veicolo, ma il carburante sono le persone!" Questa è la frase che si può trovare nell'intervista finale all'autrice del libro, Erica Bauermeister. Un'idea interessante riportare questa conversazione, poichè ci permette di capire lo spirito con cui il libro è nato e lo smisurato amore per ricette e ingredienti che da esso traspare. In effetti, per essere una che offriva spesso come cena maccheroni al formaggio in scatola (abitudine nel mondo frenetico di Seattle), la permanenza di due anni in Italia è stata veramente un'occasione per scoprire un modo totalmente diverso di cucinare, un modo in cui "gli ingredienti fanno parte di una conversazione" e il cibo può trasmettere quella sensazione di familiarità altrove sconosciuta. Da qui la necessità effettiva, per Erica, di iscriversi a un corso di cucina una volta tornata a Seattle e di trasmettere in un libro una storia ambientata in un corso simile, ricreando il tepore di certe serate trascorse a cucinare insieme, scoprendo nuovi gusti e nuove magie. E il libro riesce perfettamente nell'intento! Lilian, la proprietaria di un delizioso ristorante circondato da antichi ciliegi e cumuli di erbe aromatiche, ha affrontato e vinto, da ragazzina, la sfida di risvegliare la madre dall'esaurimento in cui era caduta dopo l'abbandono del marito. L'ha fatto attraverso il cibo: con un buon purè di patate, uno dei cibi più confortanti, l'ha aiutata a sentirsi al sicuro, poi, con una cioccolata calda al caffè e anice, le ha ricordato la passione e,ancora, con una fragrante mela semplice e fresca le ha ricordato la vita presente, richiamandola a sè. Per Lillian, quindi, il cibo non è semplice nutrimento per il corpo, ma diventa uno strumento per mandare alle persone messaggi di amore, perdono, comprensione, solidarietà e amicizia. E la sua scuola di cucina è davvero speciale... Sapori, ingredienti e consistenze vengono amalgamati in modo da riportare la felicità nella vita dei suoi iscritti: Claire, giovane sposa con due bimbi piccoli e tutte le problematiche del caso, si sentirà nuovamente "persona" assaggiando una squisita polpa di granchio; Carl ed Helen, anziani coniugi, riscopriranno le radici del loro amore assaggiando una deliziosa torta bianca, come quella che al loro matrimonio non avevano potuto avere... La giovane Chloe capirà il suo valore e riuscirà a lasciare l'egoista fidanzato dopo aver cucinato delle appaganti tortillas, e così via ... ogni protagonista riuscirà ad individuare quel particolare ingrediente che gli permette di trovare che cosa manca nella sua vita. Alla fine, giustamente, anche Lillian scoprirà questo ingrediente... ma per conoscerlo dovete leggere il libro!

P.S. Non ultimo, mi ha fatto anche piacere veder descrivere in modo soave alcuni prodotti italiani che fanno veramente la differenza: pomodori fiorentini, dadi italiani, prosciutto e melone...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
111
Segnala questa recensione ad un moderatore
La scuola degli ingredienti segreti 2010-02-05 11:46:47 CHIARA
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da CHIARA    05 Febbraio, 2010

Magica 'La scuola degli ingredienti segreti'

Il libro è molto piacevole, spesso poetico, le descrizioni, anche di elementi apparentemente banali, scritte con cura, sentimento, amore. Una brezza di aria fresca nei sentimenti, una metafora continua tra cucina e vita, tra preparazione dei cibi e relazioni umane, tra profumi di pietanze, spezie ed ingredienti, con sentimenti che continuamente ci accompagnano nelle diverse fasi della nostra avventura chiamata vita.
Da leggere perchè lascia un buon sapore!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il mistero del lago. Apparentemente non hanno niente in comune, se non che le protaggoniste sono due cuoche che AMANO cucinare per gli altri. Anzi per loro cucinare non è un lavoro ma è parte di loro.
Trovi utile questa opinione? 
31
Segnala questa recensione ad un moderatore
La scuola degli ingredienti segreti 2009-07-18 11:31:51 claudia
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da claudia    18 Luglio, 2009

sopportato a stento fino a pag 17

comprato a scatola chiusa su consiglio di un libraio a cui avevo appena ordinato, per un'amica, Ruth Reichl: due adorabili suoi libri.

Pessima la traduzione e la punteggiatura in italiano è resa molto malamente.

I periodi sono faticosi e mancano di quella leggerezza che tanto mi affascinava nei libri della scrittrice sopra citata. La pesantezza e la banalità del contenuto, anche confrontato con altri romanzi dello stesso genere, rende impossibile la continuazione.

Buttati via 17 euro e sessanta centesimi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
12
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ministero della suprema felicità
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un adulterio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il caso Fitzgerald
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
La rete di protezione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il ragazzo nuovo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Divorziare con stile
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Babilonia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Cortile Nostalgia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Del dirsi addio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il collezionista di conchiglie
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Britt Marie è stata qui
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri