Dettagli Recensione

 
L'Abbraccio
 
L'Abbraccio 2013-11-21 15:36:46 GLICINE
Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
GLICINE Opinione inserita da GLICINE    21 Novembre, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

RISORGERE A NUOVA VITA

Un’altra toccante testimonianza segna il mio “cammino” di fede e di letture di fede….
L’abbraccio di Madre Elvira, oltre che il titolo è la sensazione stessa che rimane dopo aver letto il libro.
Una copertina semplice, con l’immagine della suora in primo piano che sorride stringendo le braccia nell’atto proprio di abbracciare anche il lettore, come ha fatto gran parte della sua vita e continua tutt’oggi a fare.
Ma chi ha stretto nelle sue braccia questa donna semplice?
Rita Agnese Petrozzi , emigra con la famiglia al Nord durante la Seconda Guerra Mondiale, entra in Convento all’età di 19 anni prendendo il nome di Madre Elvira, arrivando nel 1983 a fondare la Comunità Cenacolo, dove vengono accolti giovani disperati, distrutti da alcool e droga.
Non voglio usare le mie parole per commentare questo libro che nel mio cuore ha lasciato un segno profondo e forte, voglio citarvi solo alcune frasi che dice Madre Elvira raccontando la sua esperienza, raccontando come dal nulla ha fondato la prima Comunità, alla quale ne sono seguite molte altre in Italia ed all’estero…
Che donna è Madre Elvira?
“Mi sono resa conto che la pace e il benessere veri sono una dimensione del cuore, si vivono quando si è buoni, generosi…”
“Non ho mai avuto nella vita tanto tempo per pensare a me, come stavo, se ero felice o triste, buona o cattiva. Ho sempre dovuto guardare e servire gli altri…. Servire è davvero sperimentare il privilegio di regnare!”
“Dio fa le grandi cose con le persone che sono coscienti di essere piccole.”
Chi sono i ragazzi che accoglie?
“…Li vedevo vagare per le strade, nelle piazze e mi sembrava che gridassero così forte il loro bisogno di vita e di verità, da urlarlo drogandosi, addormentandosi, disperandosi, lasciandosi morire giorno dopo giorno.
“Li vedevo “senza pastore”, senza punti di riferimento,allo sbaraglio…..”
Cosa cercano?
“Volevano sapere se l’amore esiste, se la speranza c’è, se è possibile vivere la pace dentro, se la loro storia potesse essere ricostruita, rifatta nuova.”
Come vengono accolti?
“Finalmente sei arrivato!” La vita deve sentirsi attesa per sentirsi amata.
“Ti accogliamo nella gratuità quando più nessuno ti vuole, non ti chiediamo nulla,solo la fiducia.”
“ Vivo la certezza che se incontri la bontà del Signore, se qualcuno ti ha amato nel nome del Signore, e ti ha mostrato il vero volto di Dio, questo lascia un segno indelebile. Nella vita poi, presto o tardi, ritorni da Lui, perché da nessuna parte trovi quella pace e quella gioia che il tuo cuore ha sperimentato nel vivere alla Sua presenza.”

Il cammino si costruisce nella scelta libera di ogni giorno, da parte di ciascun ragazzo, di restare, di lavorare, di pregare, di rinascere alla luce dello sguardo Misericordioso e di Amore del Signore.
Non ci sono trucchi cari amici, ritornare a vivere, sperare, amare è possibile, grazie a persone eccezionali come Madre Elvira, che dedicano la propria vita al prossimo, che portano non solo la loro “croce”, ma aiutano tante altre persone nel portare la propria e così, si compie il miracolo della resurrezione a nuova vita, alla vita vissuta con Cristo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Sono atea,non tanto per scelta quanto proprio per mancanza di fede,ma devo ammettere che quando ti leggo su certi temi mi trasmetti sempre una forma di serenità e c'è anche un pizzico buono di invidia per il dono che hai di credere :)
In risposta ad un precedente commento
GLICINE
23 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie! Le tue parole mi colpiscono in modo particolare, nel senso che è facile forse, ricevere apprezzamenti da chi la pensa come te, non è altrettanto scontato il contrario. Hai ragione sai, la fede è proprio un "dono" e come tale si può sempre ricevere, personalmente non sono molti anni che l'ho a mia volta ricevuto, e, a costo di essere ripetitiva e forse noiosa, non si può non "gridare ai quattro venti", quanto bello è trovare Gesù. Sono contenta di sentirti dire che "trasmetto una certa serenità", tutto deriva da parole che nascono da un incontro vero, reale, autentico che accade ogni giorno attraverso ciò che la quotidianità mi riserva.... Sii curiosa Ally, ascolta le domande del tuo cuore, percepiscine i bisogni e vedrai che tutto può accadere.... Fermo restando che non devo convincerti di nulla, solo testimoniare a mia volta. E, come ho ripetuto tante volte, non metto "etichette", indipendentemente dal tuo credo, dalle tue convinzioni più svariate, sei una persona che apprezzo e stimo molto. Un abbraccio.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ladra di frutta
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La danza del Gorilla
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
4.1 (3)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri