Dettagli Recensione

 
Noi e l'Islam
 
Noi e l'Islam 2018-04-16 08:16:47 Laura V.
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Laura V. Opinione inserita da Laura V.    16 Aprile, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Conoscenza e incontro possibili

“O gente, in verità noi v’abbiamo creato da un maschio e da una femmina e abbiamo fatto di voi popoli vari e tribù a che vi conosceste a vicenda […].” (Corano, 49:13)

Una bella domanda, quella posta fin dal sottotitolo in questo libro che parla d’Islam e dei suoi rapporti, nel corso dei secoli, con la Cristianità e l’Occidente in generale: un incontro possibile?
Rapporti che in passato non si sono limitati soltanto a crociate, guerre a vario titolo e incursioni corsare, ma hanno anche visto, complice quel “continente fluido” chiamato Mediterraneo, scambi diplomatici e commerciali e vivace curiosità culturale da ambo le parti.
Nonostante la sua pubblicazione risalga ormai a più di vent’anni fa, “Noi e l’Islam” di Franco Cardini si rivela, considerando l’argomento trattato, un testo di forte e spinosa attualità. Attraverso un lungo excursus storico a partire da Ismaele figlio di Agar, la schiava egiziana di Sara e Abramo (gli arabi, infatti, affondano le proprie radici nel medesimo biblico patriarca degli ebrei), l’autore ci conduce alla scoperta appunto della storia di questa cultura monoteistica perché, come ben si sottolinea, dalla conoscenza non possono prescindere un serio confronto e un dialogo costruttivo oggi più che mai auspicabili.
E così, con una certa meraviglia, si scopre che già al Medioevo risale la prima traduzione latina del Corano, seppur lacunosa e non troppo affidabile; che per iniziativa domenicana e francescana ebbero inizio gli “Studia Arabica” e che, all’epoca, diversi viaggiatori musulmani si spostavano in Europa. Per non parlare degli ammiccamenti da parte delle potenze europee – e qui ci si stupisce un po’ meno – in direzione di Istanbul ai danni di Stati nemici, sia pure europei e cristiani, allorché la supremazia turca soppiantò definitivamente quella araba in ambito islamico. In definitiva, un incontro (e non solo scontro) tra noi e loro c’è già stato e il luogo dove esso si è realizzato al meglio fu al-Andalus, la Spagna degli emirati arabo-berberi dove musulmani, ebrei e cristiani avevano imparato a convivere senza particolari problemi raggiungendo un livello di civiltà avanzatissimo sotto innumerevoli aspetti (a differenza di quanto avvenne dopo con l’intolleranza della Reconquista cattolica). Ma, se ci pensiamo bene, persino all’interno dei confini dell’impero ottomano, società cosmopolita e multiconfessionale di allora, le cose non andavano diversamente, almeno prima delle aberrazioni che vi si verificarono ormai al suo tramonto, poiché le minoranze religiose avevano diritto alla protezione statale e a vivere secondo i dettami della propria fede.
Anche se non ricorre nella trattazione di Cardini, mi piace citare il versetto coranico che ho riportato sopra: la migliore confutazione, a mio avviso, dei deliri degli odierni estremisti cosiddetti islamici che, spesso, del loro libro sacro hanno letto soltanto sintesi e interpretazioni discutibili pubblicate su internet.
Riporto, infine, la significativa risposta dello stesso Cardini alla sua domanda posta all’inizio in merito alla possibilità di incontro tra il nostro mondo e quello islamico:

“Lontana dalla logica dello scontro frontale e da quella della concordia basata sul reciproco ignorarsi […], quella dell’incontro e del confronto pare suscettibile di dar i risultati migliori; a patto di ricordarsi (e questo sfugge alla maggior parte dei musulmani) che cristianesimo e modernità non coincidono […]. Ai cristiani, ai musulmani e ai laici di buona volontà la storia fornisce il modello di tempi nei quali la convivenza era non solo possibile, ma franca e cordiale: dall’impero mongolo alla Spagna due-quattrocentesca al sultanato moghul di al-Akbar in India. Ma i modelli storici restano lettera morta, se non si afferma la volontà di seguirne i suggerimenti, di far vivere il seme che essi hanno piantato affinché fruttificasse nel futuro. Per il mondo musulmano, resta valido quel che ha scritto qualche anno fa l’egiziano Fouad Zakaria: « L’Islam sarà ciò che ne faranno i musulmani». Ma anche il mondo cristiano, l’Europa, il futuro saranno ciò che noi sapremo farne.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... altri libri sull'Islam, sia saggi che romanzi. Così come a chi ha letto altri libri di Franco Cardini.
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Che dire, Laura? Ottima recensione e ottima proposta nonché, sempre utile, excursus storico. Mi viene da pensare che la conoscenza della storia e della cultura di ogni popolo debba essere approfondita come, d'altro canto, la conoscenza del presente, ma si sa, questo è ben più difficile.
In risposta ad un precedente commento
Laura V.
17 Aprile, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie, cara Laura! So bene che questi non sono argomenti a cui tanta gente si possa interessare, comunque visto l'attuale momento storico conoscere qualcosa anche in questo campo non guasterebbe. Anzi, è solo attraverso la conoscenza che si possono superare pregiudizi e paure.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La stanza della tessitrice
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Mio fratello
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Leone
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le rughe del sorriso
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fate il vostro gioco
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Matrigna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bontà
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il giro dell'oca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Game
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rumore del mondo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Suite 405
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Addio fantasmi
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri