Dettagli Recensione

 
Il libro che la tua chiesa non ti farebbe mai leggere
 
Il libro che la tua chiesa non ti farebbe mai leggere 2010-02-11 08:05:03 Ginseng666
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Ginseng666 Opinione inserita da Ginseng666    11 Febbraio, 2010
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Costruttivo e piacevole

Premesso che personalmente ho una profonda avversione per tutto ciò che sa di religione, poichè sono convinta che "la religione è l'oppio dei popoli" (la citazione non è mia), non disdegno la conoscenza e questo libro è portatore di conoscenza.
Vi è la descrizione di ogni tipo di religione e a parte l'indottrinamento, il risvolto negativo che la religiosità o la presunta religione reca come un veleno che si propina alla popolazione sin dalla più tenera età.
Se si pensa allo scandalo della chiesa nel Medioevo con il potere temporale dei Papi, il loro contatto fisico con le donne, se si pensa al fanatismo dell'islam ed a altre repulsive pratiche religiose, si può dire che questo libro ha raggiunto il suo scopo: togliere il velo di sdolcinata falsità alla religione.
Complimenti agli autori...
Ginseng666

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Lo consiglio sopratutto a chi è o crede di essere credente...
Trovi utile questa opinione? 
173
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

9 risultati - visualizzati 1 - 9
Ordina 
Tutto ciò che nella storia l'uomo ha compiuto in nome di Cristo o di Allah o altri è ben risaputo, basta leggere libri di storia o documentarsi...... Io credo in Gesù che si è fatto uomo e dopo tre giorni è risorto, credo nella sua testimonianza, credo nella sua presenza "qui e oggi", credo nella Sua Parola che afferma oltre a tanto altro,che chi farà il "male" nel Suo nome ne dovrà poi rispondere,e la frase: "le mie vie non sono le nostre vie..."Rispetto il tuo essere atea (se ho ben capito)... E ti dirò di più, ho visto molti non credenti vivere seguendo le orme di Cristo più di molti credenti.... Tutto il resto conta poco....
In risposta ad un precedente commento
Ginseng666
18 Febbraio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Su questo sono d'accordo, cara Francesca...e a questo proposito mi viene in mente mio padre, noto anticlericale e "mangiapreti" che non metteva mai piedi in chiesa...ma rivestiva i bambini (gli zingarelli) con i nostri vestiti smessi, ma puliti e caldi e dava loro da mangiare...regalava le bombole del gas ai poveri e faceva ogni genere di opera misericordiosa...
Forse era più cristiano lui di ogni genere di falso credente che frequenta la chiesa, ma poi tratta male il prossimo.
Cordiali saluti.
Ginesia
Brava G., "togliere il velo di sdolcinata falsità alla religione", d'accordo!
In risposta ad un precedente commento
Ginseng666
18 Febbraio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie, Robert!!
SARY
18 Febbraio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Cosa significa a chi crede di essere credente?
Io Marx l'ho apprezzo per altro.
Indiscutibile che la Chiesa abbia sbagliato e faccia quasi orrore (vedi le crociate in nome di Dio o il silenzio del Vaticano davanti ai campi di concentramento o la diffusa pedofilia dei preti ai giorni nostri) ma il singolo credente prega un Dio che non ha nulla a che vedere con questi orrori, non condannare chi ha fede in Dio, al massimo disgustati per chi si traveste da angelo ed è invece un demone, ma comunque non sta a noi puntare il dito. Non generalizzare. Ogni gesto d'amore ha un grande valore.
SARY
18 Febbraio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Errato: volevo scrivere "Marx l'ho apprezzato"!scusate l'errore.
In risposta ad un precedente commento
GLICINE
18 Febbraio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Sono d'accordo pienamente con te!!
In risposta ad un precedente commento
GLICINE
18 Febbraio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Hai ragione Sary, non ritengo corretto una sorta di "razzismo" al contrario, lasciamo perdere i luoghi comuni.... "Chi non crede non è una brava persona", "Chi crede è un sepolcro imbiancato e quindi falso nel suo credere", scelte e convinzioni non possono essere generalizzate, bisogna sempre partire dalla PERSONA!
E l'amore ha una lingua capita da tutti....

16 Febbraio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
la religione è l'oppio dei popoli? suona un po' marxista... citando uno con una certa rilevanza storica: "il regno di dio è dentro di te e tutto intorno a te, non edificate templi di legno e pietra in mio onore, alza una pietra ed io ci sarò, spezza un ramo e lì mi troverai". che qualcuno creda o meno in dio è un problema suo, che la chiesa si sia un tempio di legno e pietra in onore di un dio, il quale ha detto di non costruirla è una cosa ridicola...
9 risultati - visualizzati 1 - 9

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Ore d'ozio
Il piccolo libro dell'ikigai
Il grande romanzo dei Vangeli
La notte del Getsemani
Sodoma
Ipotesi su Gesù
Viaggio negli Islam del mondo
Noi e l'Islam
L'ultima beatitudine
Peccato originale
Il discernimento spirituale
Vedere l'amore
Avarizia
Lo zen e la cerimonia del tè
Le ultime diciotto ore di Gesù
Il cielo comincia in te