Al buio Al buio

Al buio

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Michael Harrison ha sempre avuto una passione per gli scherzi, e ai suoi quattro amici più cari ne ha organizzati di tremendi. Ora però è arrivato il suo turno: al risveglio dalla sbornia per il suo addio al celibato, i suoi compagni si vendicano e Michael si ritrova sotto terra, chiuso in una cassa da morto con una cannuccia per respirare, una bottiglia di whisky, una rivista porno e una radiolina ricetrasmittente. Uno scherzo tremendo, orchestrato per durare qualche minuto. Ma quando i quattro buontemponi muoiono tutti in un incidente, per Michael il gioco diventa incubo. Il suo unico legame con il mondo dei viventi è Davey, il ragazzo ritardato che ha preso la ricetrasmittente dai rottami dello schianto. Eppure qualcuno sa dov'è sepolto Michael, se lui si sente sfilare dalla bara la cannuccia da cui respira...



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Al buio 2013-11-10 21:08:54 Markk
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Markk Opinione inserita da Markk    10 Novembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UN AUTORE INGLESE DA NON PERDERE D'OCCHIO

Peter James... Devo dire la verità, sono rimasto alquanto sorpreso nell'apprendere che questo autore era ancora assente dal database del nostro forum: trattasi di un giallista inglese che ha venduto una caterva di copie e le cui opere assommano ormai a un buon numero. Il che non significa niente visto che di libri mediocri che hanno venduto un sacco è piena la storia della letteratura come anche, ne sono convinto, esistono capolavori che, privi di visibilità, sono rimasti sconosciuti. Però il fatto è che se si legge un libro di questo noto scrittore ci si rende conto che è davvero bravo: è vero, il fatto di scrivere in inglese agevola la carriera ( vogliamo mettere il bacino di utenza di un anglofono rispetto ad un italiano? ) ma Peter James ci sa fare.
Questo "Al buio"è la prima storia che vede come protagonista Roy Grace, sovrintendente investigativo di Brighton nonché personaggio divenuto poi di grande successo: la prima sensazione che ho provato cimentandomi con questo libro è stata una tremenda sensazione di claustrofobia, come si può facilmente capire leggendo la trama preparata dalla redazione di Qlibri.
Infatti, Michael Harrison viene sepolto vivo per scherzo ( wow, che simpatici i suoi amici e che buon gusto! ) ma lo scherzo si tramuta presto in ben altro visto che gli amici muoiono in un incidente stradale prima di poter porre fine alla macabra messinscena. Piccolo problema: nessun altro è al corrente dello scherzo... Ebbene sì, leggendo le descrizioni delle ore trascorse da Michael sotto terra a me mancava letteralmente il fiato, tant'è che ogni tanto dovevo chiudere il libro e rilassarmi per allontanare il fastidio che mi veniva dall'immedesimazione in Michael. Terribile!
La storia si sviluppa poi in modo appassionante grazie all'ingegno di Peter James, che si concretizza in una trama avvincente, priva di invenzioni esagerate e dotata di colpi di scena davvero pregevoli. I personaggi sono centrati, non solo Roy Grace ma anche il suo compare Glenn Branson, la responsabile dell'obitorio Cleo Moray e così via.
E poi c'è la location, inconsueta, di Brighton: abituati come siamo a Londra è una piacevole sorpresa scoprire ambientazioni un po' più originali del solito e, tuttavia, perfettamente credibili.
Cosa aggiungere se non che il miglior consiglio che posso dare è quello di dare fiducia a questo libro? Vedrete che chi leggerà questo poi vorrà procurarsi subito anche il successivo, ovvero "In rete".
Un'ultima riflessione, che è poi sempre la prima: ma qualcuno mi sa spiegare perché il mondo dell'editoria è pieno di autori favolosi misconosciuti e di scrittori sopravvalutati che vendono libri a tonnellate? E' davvero così efficace l'opera di persuasione del marketing? Purtroppo sì!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
polizieschi scritti bene!
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri