Aristotele detective Aristotele detective

Aristotele detective

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Senza Aristotele niente Sherlock Holmes. È questa, verosimilmente, l'idea alla base di questo giallo investigativo. Il metodo del tipo di detective alla Sherlock Holmes - di enumerare indizi, trarne ipotesi, dedurne nuovi particolari, sino alla spiegazione del delitto e la scoperta conseguente del colpevole - non sarebbe stato possibile se non applicando il metodo dimostrativo della logica aristotelica al crimine. Stefanos, un simpatico giovanetto dell'Atene del IV secolo, dunque, guidato dallo Stagirita che non si muove di casa come Nero Wolfe, indaga sull'assassinio di un ricco oligarca, di cui è accusato ingiustamente il cugino, esule per un precedente errore. Al primo omicidio, ne segue un secondo, e tra colpi di scena, travestimenti, testimonianze reperite avventurosamente, Aristotele alla fine scioglie l'enigma e consente al giovane di smascherare il vero assassino.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Aristotele detective 2016-05-20 15:12:20 Nicola
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Nicola    20 Mag, 2016

Il colore dei cocci

Questo libro mi è stato regalato da un caro amico, lettore competente e appassionato di letteratura classica e di filosofia. Nel vederlo ho pensato che dovesse una noiosa dissertazione sulla figura di Aristotele e, seppure a malincuore, ho iniziato a leggerlo: per principio leggo sempre quello che mi regalano per non fermarmi alla prima impressione. Quale grande sorpresa, andando avanti nella lettura, nel notare l'attualità della storia e dei personaggi a proposito dei quali mi sembrava di seguire i dialoghi tra Sherlock Holmes (Aristotele) e l'inseparabile Watson (Stefanos, primo protagonista). L'autrice, docente di Letteratura comparata alla Notre-Dame University, racconta di un omicidio ai danni di una persona molto in vista nell'Atene del IV secolo a.C. a cui ne faranno seguito altri. Viene incolpato il cugino di Stefanos, in esilio, e questi ne prenderà le difese fino all'ultimo per dimostrare la sua completa estraneità ai fatti. Iutile dire altro perchè il testo si lascia leggere scorrevolmente e, a partire dalla metà del libro, stimola il lettore a continuare senza fermarsi per scoprire il vero assassino e il movente di cui si parla poco all'inizio. Un romanzo da leggere, anche per chi non è molto appassionato dei gialli classici alla Agatha Christie o alla Simenon.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Maigret o Poirot
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Aristotele detective 2013-06-22 16:26:37 P.P.
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
P.P. Opinione inserita da P.P.    22 Giugno, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Giallo nell'antica Atene

Stupefacente, appassionante, degno della penna dei maestri del genere.
Un giallo particolare, che prende vita tra le vie dell' antica Atene, sotto il potente impero di Alessandro Magno. La vita di Stefanos viene stravolta quando, dopo la morte del ricco Buotades, rispettabile e importante cittadino di Atene, viene accusato dell'orribile delitto suo cugino Filemone. Stefanos ancora giovane e inesperto, viene costretto, in qualità di figli maggiore del suo defunto padre Nichiarco, a difendere il cugino. E chi meglio può aiutarlo del suo "ex-maestro" Aristotele?
Ha così inizio un intrigante indagine, nella quale l'astuzia e l'ingegno di Aristotele verranno messe a dura prova...
La storia è molto coinvolgente, l'ambientazione originale e intrigante; non avevo grandi aspettative quando ho cominciato a sfogliarlo, ma arrivato all'ultima pagina ho cambiato completamente idea.
E' impressionante la precisione delle descrizioni, l'accuratezza nel descrivere un epoca così lontana, fin anche le varie fasi del processo, gli usi e i costumi, rendendo il tutto estremamente realistico.
E poi è affascinante la figura di Aristotele, che con la sua esperienza, la retorica, la logica riesce a guidare il giovane Stefanos, conducendolo verso la verità, con l'atteggiamento di un maestro che guida il suo allievo, insegnandogli non solo cosa pensare, ma soprattutto come pensare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri