Avversario segreto Avversario segreto

Avversario segreto

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

«Due giovani avventurieri offronsi qualsiasi lavoro ovunque, dietro buon compenso». Questo singolare annuncio viene pubblicato dall'ex ufficiale Tommy e dall'infermiera Tuppence, smobilitati, senza un soldo e bisognosi di un impiego. Entrambi amano l'avventura ed il rischio, e non dovranno attendere molto per mettersi alla prova.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Avversario segreto 2022-04-20 09:47:13 La Lettrice Raffinata
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
La Lettrice Raffinata Opinione inserita da La Lettrice Raffinata    20 Aprile, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Clima da Guerra Fredda... negli anni 20!

L’idea di iniziare un nuovo libro di Christie mi mette sempre di buon umore, principalmente perché so cosa aspettarmi in quanto a struttura narrativa ed il suo stile mi è ormai familiare; con "Avversario segreto" la cara Agatha è però riuscita a stupirmi, perché si tratta di un genere di storia molto lontano dai suoi classici romanzi investigativi con Poirot o Miss Marple come protagonisti. Il romanzo ha un tono più affine alla spy story e per molti aspetti mi ha fatto pensare ai racconti con protagonista Sherlock Holmes.
La trama è fortemente ancorata al periodo storico in cui la storia viene scritta ed ambientata: la Grande Guerra è appena finita e Prudence "Tuppence" Cowley e Thomas "Tommy" Beresford, diventati amici proprio durante il conflitto, si incontrano a Londra per una chiacchierata; entrambi hanno problemi finanziari, non potendo più svolgere gli impieghi che li sostentavano in tempo di guerra, quindi decidono di diventare degli avventurieri ed offrire il loro ingegno al miglior offerente. I due giovani si trovano ben presto invischiati in un caso di spionaggio da cui potrebbero dipendere le sorti della nazione.
Per quanto ben studiata a livello di svolte narrative e supportata da un ottimo ritmo, la narrazione poggia troppo su degli eventi completamente fortuiti, che vengono fatti notare più volte dagli stessi personaggi come grosse coincidenze; pur apprezzando questo tipo di autoironia, non trovo corretto affidarsi in modo così palese alle fatalità. Un altro elemento di poca verosimiglianza è l'indagine portata avanti da Tuppence e Tommy, non perché quello che fanno pecchi di credibilità, ma soprattutto per il tono adottato: non ho avuto l'impressione di seguire degli adulti impegnati in un lavoro serio, quanto due ragazzini che cercano di risolvere il mistero della sparizione delle bottiglie di latte nel quartiere.
Anche lo stile risulta molto young e un po' acerbo, ed è comprensibile visto che si tratta solo del secondo romanzo pubblicato da Christie, però questo non da alla storia il clima di tensione e sospetto che ci si potrebbe aspettare. Per contro i dialoghi sono molo validi, in particolare nei momenti in cui Tuppence e Tommy si scambiano qualche frecciatina.
In generale, i due protagonisti mi sono piaciuti e ho trovato ottima la dinamica tra loro nonostante spesso lavorino singolarmente in questo romanzo. Tra i due preferisco Tuppence a mani bassissime, sia per il piglio deciso che per le sue idee anticonvenzionali, come rifiutare la mentalità vittoriana del padre o voler svolgere un lavoro, anche se considerato maschile: per i primi anni Venti è un personaggio decisamente all'avanguardia!
La mia edizione antiquata presenta qualche refuso e un paio di termini desueti, nonché una cover sempre imbarazzante che ovviamente non poteva essere cambiata per magia da quando ho letto “Poirot a Styles Court” ad adesso. Nonostante un finale abbastanza prevedibile e farcito dei soliti momenti di romanticismo forzato tipici di Christie, nel complesso è stata una lettura carina che mi ha intrattenuto, però non credo recupererò altri libri con questa coppia come protagonista.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Gli eredi di Stonehenge
In tre contro il delitto
Un sacrificio accettabile
Il castello di Barbablù
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Girl in snow
Avversario segreto
L'ermellino di porpora
Otto perfetti omicidi
Città in fiamme
Lupa nera
Prede
Il cercatore di tenebre
La solitudine del ghiaccio
Il dottor Bergelon
Il mistero della signora scomparsa