Balene bianche Balene bianche

Balene bianche

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Billy Graves, John Pavlicek, Jimmy Sheridan, Yasmeen Assaf-Doyle e Redman Brown sono i superstiti dei Wild Geese. Erano sette un tempo, ma due si sono persi per strada, il primo definitivamente dopo aver fumato per una vita tre pacchetti di sigarette al giorno, il secondo sperduto in qualche angolo dell'Arizona a godersi la meritata pensione. Intorno alla metà degli anni Novanta erano la squadra di detective più affiatata dell'East Bronx. Si facevano valere in uno dei quartieri peggiori di New York perché si consideravano una famiglia, capace di includere tra le sue fila proprietari di cantine, bar, saloni da barbiere, qualche vecchio spacciatore di marjuana, qualche ristoratore con sala da gioco clandestina dove giocare a dadi e bere gratis. Poi non accettavano danaro, ed erano implacabili coi malviventi d'ogni risma. Una squadra magnifica, insomma, ma con un cruccio indelebile: non aver incastrato le loro personali "Balene bianche", i criminali che avevano commesso delitti efferati sotto i loro occhi e l'avevano fatta franca. Dei cinque superstiti Billy Graves è il cucciolo del gruppo, quello ancora in servizio nella Squadra notturna del Dipartimento di polizia di New York, un manipolo di detective incaricato di sorvegliare di notte le aree più pericolose di Manhattan, da Washington Heights a Wall Street. Un incarico non proprio esaltante, ma passabile dopo anni trascorsi all'Unità per le identificazioni...

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Balene bianche 2018-08-16 20:34:48 Giovannino
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Giovannino Opinione inserita da Giovannino    16 Agosto, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Giustizia privata.

Un gran bel thriller scritto da Richard Price, molto famoso come sceneggiatore (Il colore dei soldi, Ransom-Il riscatto, The Wire) ma un po’ meno come scrittore. Su imbeccata di un amico ho così deciso di dargli una possibilità e mi ha convinto in pieno.
Il romanzo parla di un gruppo di 5, soprannominati i Wild Geese, che si occupano di gestire l’ordine a New York City, più precisamente nell’area dell’East Bronx, una delle più pericolose e degradate della Grande Mela. Ognuno di loro, con il passare del tempo, si era trovato una “balena bianca”, termine in codice per indicare in criminale che, per motivi fortuiti e non dipendenti da loro, non erano riusciti ad arrestare. Tra questi c’erano assassini, ladri e stupratori e i nostri protagonisti si portano dietro nel tempo l’astio verso se stessi e verso questi criminali che hanno beffato loro e la legge.
A distanza di anni però uno di queste balene bianche viene trovato morto in circostanze sospette e proprio mentre si sta indagando su chi potesse averlo ucciso ecco che un’altra balena bianca viene ritrovata morta. A questo punto per Billy (il vero protagonista) la storia comincia ad essere un po’ più chiara: qualcuno dei suoi ex colleghi ha pensato bene di farsi giustizia da solo.
Un romanzo ben scritto e avvincente, capitoli quasi sempre brevi e veloci, unico neo forse i tanti personaggi, spesso infatti si fa fatica a capire, soprattutto nei primi capitoli, chi sta parlando e che ruolo ha nella storia. A maggior ragione quando vengono poi tirati in ballo anche i parenti dei poliziotti.
A parte ciò però il romanzo è molto piacevole e le quasi 400 pagine si leggono volentieri e tutte d’un fiato. Lo consiglio a tutti, soprattutto se cercate un thriller divertente da leggere sotto l’ombrellone.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lena e la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Canta, spirito, canta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
Un caso speciale per la ghostwriter
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Le maledizioni
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni riferimento è puramente casuale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alba nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chiedi alla notte
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Cose più grandi di noi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cronaca nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mars room
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
La macchina del vento
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gabbia dorata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri