Betibù Betibù

Betibù

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


La vita del lussuoso Country Club “La Maravillosa”, quartiere chiuso e controllato da severe misure di sicurezza, è sconvolta da un delitto: Pedro Chazarreta è stato trovato con la gola tagliata e un coltello in mano. Suicidio? Un giornale si ostina a voler approfondire, incaricando delle indagini Nurit, detta Betibú, scrittrice, considerata la “dama nera” delle lettere argentine, e un giovane cronista inesperto. I due sono affiancati da Jaime Brena, un giornalista più navigato; insieme formano un’improbabile ma riuscitissima squadra d’investigazione. Pian piano il mistero si infittisce, i tre scoprono che la morte di Chazarreta è legata ad altre morti, apparentemente accidentali, di alcuni suoi vecchi compagni di scuola. Chi si nasconde dietro questa intricata faccenda?

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Betibù 2014-05-01 00:21:34 g_andrini
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
g_andrini Opinione inserita da g_andrini    01 Mag, 2014
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Buon giallo noir

Betibù è un testo veramente appassionante, con una scrittura (e traduzione) di livello notevole. Il quartiere chiuso, nella parte iniziale del libro, è descritto meravigliosamente, in modo molto dettagliato. Claudia Pineiro riesce a trasmettere un patos di ottima fattura, senza cadere mai nel banale.
La vicenda, in sé, è piuttosto semplice, con le droghe che segnano l'evoluzione delle indagini. Le 5 morti del libro rendono appassionante la lettura, con un tocco di sessualità violata sul finale.
Ho letto i primi due terzi del libro in più di un mese, mentre l'ultimo terzo in 5 giorni, vista la necessità di soddisfare la curiosità nata lungo la lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore

Betibù 2013-03-15 11:34:51 topodibiblioteca
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
topodibiblioteca Opinione inserita da topodibiblioteca    15 Marzo, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non solo giallo

Si tratta del secondo libro che leggo della scrittrice argentina Claudia Pineiro ed anche questa volta le sensazioni sono complessivamente positive. E' un giallo ambientato a Buenos Aires, o per meglio dire, nella periferia della capitale, in un “country club”, un quartiere esclusivo ed autosufficiente abitato da gente agiata della ricca borghesia, che decide di “ghettizzarsi” isolandosi dal resto del mondo. All’interno di una casa localizzata in questo paradiso dotato di piscine e campi da golf, viene commesso un delitto. In parallelo alle indagini della polizia, un’ex scrittrice di romanzi gialli soprannominata Betibù (per la sua grande somiglianza al celebre personaggio dei cartoni animati !) assieme a due giornalisti di un quotidiano di Buenos Aires, cercheranno di fare chiarezza sulla vicenda, scoprendo pian piano che la morte avvenuta è collegata da un filo logico ad altri decessi che se apparentemente sembrano ricondursi a tragici incidenti, in realtà nascondono trame ben più insidiose, da ricercare nell’oscuro passato di questi personaggi.

Punto di forza del romanzo sono sicuramente le caratterizzazioni dei 3 protagonisti:
- Betibù che si tuffa nel lavoro di “indagatrice” per distrarsi dai suoi problemi personali e professionali, con l’intento di riscattare una carriera di scrittrice ultimamente un po’ in ombra. L’indagine sarà peraltro l'occasione di un ritorno al passato, ad un vecchio amore ormai finito e che porterà poi alla nascita di uno nuovo.
- I due giornalisti che le fanno compagnia e che rappresentano due figure tra loro complementari: l’uno è il classico giornalista maturo, navigato ed esperto ma professionalmente insoddisfatto (nonché il creatore del soprannome Betibù), l’altro invece è il giovane apprendista che ben conosce Internet e le nuove tecnologie, ma che risulta essere completamente inesperto al lavoro sul campo!

Al di là del giallo emergono altri temi su cui l’autrice sembra volersi soffermare e fare riflettere il lettore: il rapporto tra i media ed il potere ad es., oppure le nuove frontiere del giornalismo, oggi alla ricerca di un compromesso tra la necessità di conservare certi comportamenti tipici della professione e l’ineluttabilità di doversi destreggiare con la rete ed i social networks. Forse proprio questi temi si sarebbero potuti approfondire meglio, mentre invece rimangono un po’ sospesi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chi piacciono i gialli ma non solo
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri