Binario sette Binario sette

Binario sette

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Stazione di Petersborough, binario Sette, quattro del mattino: Lisa Evans è determinata a capire perché si ritrova in quel luogo deserto. Perché è lì? Lisa non se lo ricorda. Però una cosa la sa: lei è morta, ed è morta lì, investita da un treno al binario Sette. ma come siano davvero andate le cose, Lisa non riesce a capirlo. Nella solitudine della notte, assiste a un altro «incidente»: un uomo solo, anch’egli travolto da un treno di passaggio. Lo choc fa riaffiorare, un tassello dopo l’altro, le vicende e le persone del suo passato. Su tutte, Matthew, il fidanzato. Medico affascinante e premuroso, Matthew è andato a vivere con lei dopo poche settimane di appuntamenti romantici e passionali. I suoi genitori lo adorano, è quello giusto. Potrebbe essere la relazione perfetta solo che, come spesso accade, non lo è. Matthew arriva sempre in ritardo, ma detesta quando lo fa Lisa. Le dice che lei è solo sua, ed è ossessionato dai suoi fidanzati passati, per scherzo. Le controlla il cellulare e conosce le sue password. Tanto per provare, quando sono a letto insieme, le chiede di fingere di essere morta. Giorno dopo giorno, un senso di soffocamento e allo stesso tempo di colpa si insinua nella vita di Lisa. C’è qualcosa che non funziona, ed è sicuramente lei il problema. A meno che non sia Matthew. Mentre il ricordo della relazione si fa sempre più vivido, una domanda tormenta Lisa: si è suicidata su quel binario, o qualcuno l’ha spinta sotto al treno? Perché il suo spirito continua a vagare per la stazione, come se avesse qualcosa di irrisolto da portare alla luce prima di potersi abbandonare in pace all’eternità?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Binario sette 2020-09-22 21:00:24 ALI77
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    22 Settembre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Non ho più una vita: ho solo tempo"

L'idea di partenza può sembrare, anzi è sicuramente diversa da solito, la voce narrante è quella di Lisa Evans, un fantasma che continua a vagare nella stazione in cui lei è morta, precisamente al binario sette.
Cosa la trattiene?
Sono passati ben diciotto mesi da quando il suo corpo è finito sotto un treno, è stato un suicidio o qualcuno l'ha spinta?
Ora è successo di nuovo, un uomo sulla sessantina è stato travolto da un treno.
Le prime pagine ci presentano la protagonista, Lisa, un fantasma che osserva quello che accadde alla stazione, non sappiamo bene cosa le sia successo, questa premessa l'ho trovata davvero interessante.
"Non ho più una vita: ho solo tempo"
Poi però la narrazione si sofferma su alcuni personaggi secondari, forse anche troppi, ma credo non necessari e nemmeno funzionali alla storia di Lisa e di quello che le è successo. Quello che a me interessava fin dall'inizio era scoprire cosa fosse accaduto a Lisa, perché il suo spirito era ancora in quella stazione, come mai lei sia morta lì.
L'autrice pensa bene di accontentarmi dopo ben 130 pagine, infatti mi stavo chiedendo quando si sarebbe decisa a raccontarmi la storia di Lisa.
Lisa è un'insegnate di 35 anni quando conosce Matthew, 31 anni medico, un uomo apparentemente perfetto, tanto che dopo poche settimane che si conoscono, decidono di convivere.
Matt, come lo chiama Lisa, a me è sembrato strano fin dall'inizio, troppo premuroso, troppo gentile, troppo passionale, c'era sicuramente qualcosa di non chiaro in lui.
Matthew fa passare Lisa per una fidanzata gelosa e ossessiva, quando invece è lui ad avere dei problemi relazionali, si offende del comportamento di lei, del fatto che abbia degli ex fidanzati, delle amiche che le vogliono bene.
Si lamenta del ritardo di lei, di quanto lei non capisca che il lavoro di medico sia molto importante ma anche stressante, di come i suoi turni lo stanchino molto. E quante volte lo ripete!
Quello che sostiene il ragazzo e che fare l'insegnante sia un lavoro semplice, non ci si scontra con la realtà della vita, lavorare su storie inventate non è assolutamente paragonabile al lavoro di medico. Matthew si stupisce del fatto che Lisa si mostri così poco sensibile verso il suo lavoro, di quanto lei sia gelosa di tutte le donne che in ospedale gli girano attorno, invece di concentrarsi su quello che può far stare bene lui.

"Io non dissi niente. Come capita a quasi tutte le donne, nessuno mi aveva insegnato a reagire a un complimento con qualcosa che non fosse un'autocritica."

Lisa, lo ripete spesso, lui non l'ha mai picchiata, ma ha fatto una cosa ben peggiore ha usato le parole per aggredirla e per ferirla.
La violenza psicologica è più terribile di quella fisica, Lisa è completamente plagiata da Matthew e non riesce a troncare la loro relazione.

Matt umilia Lisa, viola la sua privacy, conosce la password del suo cellulare, la isola dai suoi affetti, nella sfera privata e intima, ha dei comportamenti un po' strani che avrebbero potuto mettere in allarme la donna fin dall'inizio.
Il tema che viene trattato della violenza psicologica è sicuramente interessante e ben descritto ma avrei preferito che l'autrice si soffermasse solo sulla storia di Lisa e Matthew e non divagasse raccontando le vite di altri personaggi che non centrano nulla, o poco con i protagonisti.
Sembrava di leggere due libri in uno ma non collegati tra di loro.
Questa lettura è stata per me, veramente noiosa, la narrazione scorreva lenta e mi aspettavo qualche colpo di scena che non è arrivato.
Credo che il grande difetto di questo libro sia proprio la costruzione dei personaggi e in particolare Lisa, è sua la voce narrante che ci accompagna per tutto il libro, sono i suoi occhi e i suoi ricordi che ci fanno proseguire nella lettura, ma l'anello debole è proprio lei. Non riesce a coinvolgere il lettore, lo annoia e anche verso la fine si spera di raggiungere un obbiettivo, che la sua storia arrivi ad una conclusione soddisfacente, per dare giustizia alle violenze che ha subito.
Il lettore aspetta e spera in qualcosa di meglio, ma nel frattempo si addormenta.(ahahah).
I capitoli li ho trovati anche troppo lunghi e il romanzo è diviso in sette parti, alcuni divisioni non le ho proprio capite, mi sembravano più una fine capitolo che la conclusione di un "argomento".
Questo romanzo non lo definirei un thriller, né un noir, né un paranormale perché a parte il fatto che la protagonista Lisa sia un fantasma, non c'è niente altro di questo genere.
Non lo saprei classificare, forse un libro che affronta una tematica molto attuale come la violenza psicologica e che sfocia in un evento drammatico.
Il buono di questo romanzo è proprio il tema della violenza domestica e quella in generale contro le donne, ma la narrazione e il personaggio principale non trasmettano nulla al lettore, che alla fine è dispiaciuto perché poteva leggere qualcos'altro di meglio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri